Jump to content
  • Sign Up

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2021 e Tour de France 2021sono finalmente disponibili
Leggi di più

Hai già scoperto i nostri tutorial?

Come sottoscrivo una mod su Steam? Come modifico un database? Come posso creare una maglia personalizzata? Per queste ed altre domande visita la nostra sezione tutorial!
Tutorial

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

La nostra RECENSIONE di Pro Cycling Manager 2020

Leggi e guarda la nostra recensione di Pro Cycling Manager 2020, a cura di BubbaDJ
Leggi di più

Sondaggio Tour 2006


LEVI

Che voto date a questo tour?  

29 members have voted

  1. 1.

    • 1
      4
    • 2
      1
    • 3
      0
    • 4
      3
    • 5
      5
    • 6
      1
    • 7
      7
    • 8
      5
    • 9
      2
    • 10
      1


Recommended Posts

bellissimo.. a metà tour ho detto: "vabè è scontato, vince landis", subito dopo, "no landis è tanto se arriva nei 10", poi "dai ormai chi glielo toglie a sastre?", adesso sono tornato sui miei passi originali... però davvero bello.. e mai avrei detto che kloden sarebbe potuto arrivare sul podio... se proprio ci doveva salire mi aspettavo al posto di pereiro, e invece...

se poi potessimo avere la certezza che erano tutti puliti (landis e rasmussen compresi), direi il più bello da almeno 10 anni

Link to comment
Share on other sites

c'è da dire un tour molto appassionante anche se mancando tutti i grandi protagonisti il livello assoluto non è stato eccezionale!certo l'era Armstrong è stata ripetitiva ma devo dire che con i protagonisti al completo il Tour del 2003 è stato molto molto appassionante...

Link to comment
Share on other sites

Gli ho dato 5 perchè con l' esclusione dei campioni è stato il tour dei "meno deboli" e perchè il percorso(a parte un paio di tappe) faceva schifo.....cmq è stato incerto fino alla fine, anke se continuo a credere che è stato tutto una mezza pagliacciata, dopo che Landis ha lasciato 30 minuti a Pereiro che mai sarebbe arrivato sul podio senza quella fuga.

E non capisco come le altre squadre abbiano lasciato andare via Landis così facilmente tanto da fargli riguadagnare tutto quello ke aveva perso il giorno prima.....boh!

Link to comment
Share on other sites

allora se uno vede landis che prende 8 minuti perchè va in crisi e il giorno dopo torna a 30 secondi da pereiro pensa:"wow che impresona di landis!" poi se pensi che 2 squadre così importanti come csc e tmobile non hanno pensato minimamente di andarlo a riprendere si ricrede. Tour squallido al livello stradale, al livello di tappe...orrido.

Non ho visto il tour per 14 giorni ma mi è bastato vedere l'altimetria delle tappe per capire che sarebbero state di una noia mortale. Non riesco ancora a credere che questa sia la corsa più importante del mondo. Il GIRO sì che è una corsa...le strade sistemate come le nostre se le sognano i francesi, la gente che quest'anno c'erano sulle montagne della corsa italiana il tour 2006 se le sogna...e si sognano anche la coppa del mondo...tour voto 2

Link to comment
Share on other sites

Il Tour 2006 ha fatto flop

Ascolti tv in calo e pochi spettatori

Il Tour de France 2006, vinto da Floyd Landis, è stato un flop. Nonostante il grandioso spettacolo sui Campi Elisi, sono mancati i grandi protagonisti, sono calati gli spettatori lungo le strade e gli ascolti televisivi in quasi tutti i paesi europei. La corsa transalpina è stata 'ghigliottinata' prima del via con le esclusioni di Basso e Ullrich e il solito percorso noioso della prima settimana ha fatto il resto.

Il primo Tour del dopo Armstrong è nato sotto i peggiori auspici: prima l'intervento della giuria che di fatto escludeva tre grandi protagonisti come Ullrich, Basso e Vinokourov. Poi la prima settimana di percorso terribilmente noioso, quindi il vistoso calo del pubblico presente sulle salite dei Pirenei e delle Alpi. Gli ascolti televisivi hanno risentito della mancanza dei campioni: in Francia hanno calcolato un calo complessivo del 23% dei telespettatori, in Germania del 43%, negli Usa addirittura del 52% nonostante Landis e la sua vittoria. Sui Campi Elisi il solito spettacolo grandioso con premiazioni, inni, bandiere e striscioni preparati per la grande festa. Una celebrazione che mitiga solo in parte una corsa che si è ritrovata senza un padrone. Forse bella, non brutta nell'ultima settimana, ma terribilmente incerta: l'unico punto a favore della Grande Boucle 2006 è stata l'incertezza. Tre-quattro corridori a giocarsi il successo finale sino alla penultima tappa non si vedevano dai tempi di Lemond e Fignon.

Certo è che due Tour fa, quando sull'Alpe d'Huez si fece la cronoscalata, le macchine dell'organizzazione dovettero effettuare uno slalom per superare gli ostacoli lungo la salita. Quest'anno, invece, non ci sarebbe stato neanche bisogno di chiudere il tracciato alle bici. Leblanc ha parlato di Tour differente: ma la verità è che la gente vuole vedere i campioni e non si cura molto del fatto che i loro nomi sono nelle liste oppure no.

Link to comment
Share on other sites

allora se uno vede landis che prende 8 minuti perchè va in crisi e il giorno dopo torna a 30 secondi da pereiro pensa:"wow che impresona di landis!" poi se pensi che 2 squadre così importanti come csc e tmobile non hanno pensato minimamente di andarlo a riprendere si ricrede. Tour squallido al  livello stradale, al livello di tappe...orrido.

Non ho visto il tour per 14 giorni ma mi è bastato vedere l'altimetria delle tappe per capire che sarebbero state di una noia mortale. Non riesco ancora a credere che questa sia la corsa più importante del mondo. Il GIRO sì che è una corsa...le strade sistemate come le nostre se le sognano i francesi, la gente che quest'anno c'erano sulle montagne della corsa italiana il tour 2006 se le sogna...e si sognano anche la coppa del mondo...tour voto 2

Sì, ma conta anche la spettacolarità, che in questo Tour di certo non è mancata...

Link to comment
Share on other sites

Il Tour mi è piaciuto, il tracciato un pò meno... Non m'importa se mancavano i "protagonisti indagati", le sorprese ci sono state quasi sempre senza un gruppo che poteva controllare fughe e classifica... Lo squadrone di turno era una t-mobile a ranghi ridotti e anche questo ha giovato alla spettacolarità. Voto 9

Link to comment
Share on other sites

io come voto al tour dò 1...nn per la spettacolarità perkè quest'anno è stato molto appassionante (avrei dato un 8,5)...il mio 1 deriva dal fatto che sono stati fatti fuori i corridori migliori, solo perkè il loro nome era comparso in quel maledettissimo dossier spagnolo (una cosa veramente assurda a mio modo di vedere), e poi il corridore che lo ha "VINTO" è stato trovato positivo all'antidoping...allora lo sapete che vi dico?! :"che ben gli sta agli organizzatori del tour"...ma in quale ambito di una società civile uno è colpevole solo per delle supposizioni? le prove ci vogliono le prove per mandare a casa qualcuno e loro nn le avevano...e allora adesso se la prendono li dietro!!!

P.S. oltretutto Vino nemmeno compariva nel dossier

Link to comment
Share on other sites

Beh oddio Sevilla e Pevenage sono stati filmati che entravano nel laboratorio di Fuentes...e ci sono intercettazioni tra i 2 in cui l'allusione a Ullrich è piuttosto palese...se escludiamo Basso le prove ci stanno eccome..

Link to comment
Share on other sites

si certo allora ci sono anke allusioni a basso...la realtà è che le prove nn ci sono...allusioni nn sono prove...è come se io domani chiamassi un mio amico e cominciassi a dire mezze frasi compromettenti che alludono a terzi, nn credo che questo possa costituire una prova

Link to comment
Share on other sites

Ma quali allusioni?

Sevilla dice a Pevenage che nel prossimo allenamento riferirà ad Ullrich i messaggi di Fuentes su come allenarsi per la massima ossigenazione del sangue che andrà poi prelevato e congelato in vista delle grandi corse a tappe...

Di fronte a tanta reticenza nell'accettare che i ciclisti barano (che non è problema di medici o di direttori sportivi, ma di atleti sporchi e disonesti) a questo punto dico che è interessante la provocazione del Financial Times...liberalizziamolo sto doping così noi nei nostri divani ci vediamo un mondo a vedere sti portenti andare come motociclette..

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...