Jump to content
  • Sign Up

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2022 e Tour de France 2022 sono finalmente disponibili
Leggi di più

Scontri Catania, Campionati sospesi


Valverde

Recommended Posts

Ragazzi avete sentito di quanto è successo ieri pomeriggio a Catania?....un morto,uno grave e piu di cento feriti...

Ancora una volta l'uomo ha dimostrato tutti i suoi istinti animali, dimostrando la mancata capacità di autocontrollo necessario alla convivenza...E lo dico da Catanese

Vi è bisogno di un segnale forte, che non può essere solo quello di sospendere il campo a tempo indeterminato, ma c'è bisogno di decisioni e non di chiacchiere....

Se agli istinti animali aggiungiamo una pessima organizzazione del derby alla vigilia di Sant'Agata, è andata bene a scapparci solo un morto....

Sono schifato e qui chiudo.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 109
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • Admininistrators

Sbagliatissimo sospendere il campionato. Equivale a dare vittoria ai teppisti.

Gli unici provvedimenti che possono essere presi seriamente sono quelli di slegare la responsabilità dei tifosi dalla società e di adottare misure più severe, non che li si ferma una notte in galera e via... In inghilterra basta accendere un fumogeno per farsi sei mesi di carcere...

Concludo dicendo che la partita era stata anticipata al venerdì proprio per motivi di ordine pubblico...

Link to comment
Share on other sites

Io riccordo che lo stadio del catania era già stato sospeso per 3 turni dopo il derby con il messina, sempre a causa di frange di ultras che hanno causato il ferimento di alcui poliziotti, diciamo che c'èrano i precedenti per prevedere qualche scontro.

Mi spiace per i catanesi ma non ci sono i presupposti per godersi uno spettacolo come il calcio.

Link to comment
Share on other sites

  • Admininistrators
Io riccordo che lo stadio del catania era già stato sospeso per 3 turni dopo il derby con il messina, sempre a causa di frange di ultras che hanno causato il ferimento di alcui poliziotti, diciamo che c'èrano i precedenti per prevedere qualche scontro.

Mi spiace per i catanesi ma non ci sono i presupposti per godersi uno spettacolo come il calcio.

Ti correggo: 2 Turni... non 3 comunque la sostanza non cambia... giocheranno a porte chiuse almeno fino a fine anno...

Anche in passato in B c'erano sempre stati casini sempre a Catania... è perchè non sono tifosi... sono teppisti e basta...

I tifosi così sarebbero da bandire a vita.

Gli unici che ci perderanno saranno i tifosi seri con l'abbonamento della squadra che su 19 partite finora ne hanno potute vedere solo 9 (11 meno le 2 a porte chiuse) e chissà quante di squalifica...

Link to comment
Share on other sites

Ti correggo: 2 Turni... non 3 comunque la sostanza non cambia... giocheranno a porte chiuse almeno fino a fine anno...

Anche in passato in B c'erano sempre stati casini sempre a Catania... è perchè non sono tifosi... sono teppisti e basta...

I tifosi così sarebbero da bandire a vita.

Gli unici che ci perderanno saranno i tifosi seri con l'abbonamento della squadra che su 19 partite finora ne hanno potute vedere solo 9 (11 meno le 2 a porte chiuse) e chissà quante di squalifica...

ora ti correggo io..... a porte chiuse e in campo neutro, peccato per tutti i veri tifosi e anche per un società che era riuscita a portare grandi risultati, ma quello che dispiace di più è la morte di un essere umano :mellow:

Link to comment
Share on other sites

La soluzione è questa:

IL MODELLO INGLESE:

Dopo i drammatici fatti dell’Heysel (1985) – che portarono al bando europeo delle squadre inglesi per cinque anni – e dell’Hilsborough di Sheffield (1989), dove morirono 96 tifosi del Liverpool, il governo inglese riuscì a trovare le contromisure adeguate per combattere la piaga degli hooligans, riportando sugli spalti il pubblico, specie i ceti medio-alti della popolazione che avevano abbandonato il calcio per sport più nobili e sicuri come il cricket.

Questo, unito alle sterline del magnate di origine australiana Murdoch - proprietario del colosso televisivo a pagamento BSkyB - creò le basi per il fenomeno Premier League (1) che, ancor oggi, a distanza di quasi dieci anni, rimane un modello di sviluppo interessante da studiare.

Parte di queste notevoli risorse televisive, unitamente ad appositi fondi stanziati dal Governo, sono stati poi utilizzati dai club (2) - in ottemperanza alle direttive del "Taylor Report" (1990) - per rammodernare i propri stadi.

Il Taylor Report è stato lo strumento fondamentale nella lotta alla violenza in Inghilterra. Si tratta, in sostanza, di un’indagine/ricerca condotta - in seguito alla tragedia dell’Hilsborough e per conto del Governo - da Lord Justice Taylor. L’indagine contiene tutta una serie di suggerimenti e di "raccomandazioni" ritenute necessarie per contrastare i ripetuti fenomeni di violenza dei tifosi inglesi. Si basa su quattro linee guida:

Reinventare la comunità: lo stadio come spazio pubblico

Riscoprire lo spettacolo: tutto può essere spettacolo, non solo l’evento partita

Parlare ai tifosi come clienti: attenzione alla loro customer satisfaction

Schedare i tifosi: introduzione della carta d’identità per i frequentatori degli stadi (misura mai applicato)

Pare superfluo ricordare come, nella realtà anglosassone, gli impianti sono di proprietà diretta dei club che provvedono alle spese di manutenzione ma, al contempo, possono sfruttarli per ogni genere di iniziative economiche, non ultime le speculazioni edilizie (vedi successivo articolo sul marketing nel calcio inglese). Impianti facilmente raggiungibili, essendo situati in centro città, e dall’ottima visuale, essendo sprovvisti della pista di atletica.

In proposito, ecco la ricetta adottata dagli inglesi (in parte diretta conseguenza dell’applicazione delle direttive del Taylor Report) per arginare gli episodi di violenza riportando la gente negli stadi:

completa ristrutturazione degli impianti: eliminazione delle barriere tra il campo di gioco e la tribuna, seggiolini in tutti i settori, capienza di almeno 20.000 posti e possibilmente dotati di box privati, uso di telecamere a circuito chiuso (metodo "Mandrake", particolare sistema di controllo con telecamera antiteppisti che permette di individuare, da un’immagine generale, una persona fra migliaia);

presa di coscienza dei tifosi dopo il bando europeo;

responsabilizzazione delle società a cui è stata affidata la sorveglianza all’interno degli impianti (3). Presenza di stewards privati (pagati dai club) in collegamento via radio con la polizia presente solo all’esterno degli impianti;

divieto per le società di intrattenere rapporti con i propri tifosi, fatta eccezione per la collaborazione finalizzata a prevenire possibili incidenti;

creazione di una squadra speciale di sorveglianza nazionale anti-hooligans: la National Football Intelligence Unit costituita da Scotland Yard nel 1989. Un agente è affidato a ognuna delle 92 società professionistiche e si occupa – viaggiando sempre al seguito della tifoseria - della schedatura dei tifosi violenti e di azioni di infiltrazione. Con questo sistema è stato possibile schedare, in un’apposita banca dati, circa 7.000 tifosi;

sistema "Crimistoppers" (in dieci anni ha permesso la cattura di oltre 15.000 ultras) ideato da un gruppo di privati: esiste un numero verde a cui si può telefonare (media di circa 200 al giorno) per segnalare episodi, persone sospette e/o situazioni pericolose. Le denuncie sono rigorosamente anonime così come la ricompensa ai cittadini che permettono la cattura degli eventuali teppisti.

Oltre al Taylor Report, e alla legge che impedisce la vendita di biglietti attraverso agenti non autorizzati, vanno segnalate altre fondamentali leggi:

lo Sporting Event Act (1985) che vieta l’introduzione degli alcolici negli stadi;

il Pubblic Order Act (1986) grazie al quale si considera reato comportarsi alle partite in modo "allarmante", anche se non violento, e si concede ai magistrati il potere di impedire l’accesso negli stadi a singoli tifosi "violenti" che devono presentarsi ai rispettivi comandi di polizia in occasione delle partite;

il Football Offences Act (1991) che permette alla polizia di arrestare e far processare per direttissima i tifosi anche solo per violenza verbale (linguaggio osceno e cori razzisti).

Questa opera di sensibilizzazione e prevenzione ha provocato un sensibile aumento delle presenze allo stadio nonostante il fortissimo incremento nel costo dei biglietti.

(figc)

Link to comment
Share on other sites

Il modello inglese funziona se lo Stato investe un sacco di soldi.... e non so quanto il governo italiano sia disposto a spendere.... Ritornando ai fatti di Catania cmq, lo ripeto anche qui: come diceva Einstein: "2 sole cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, e non sono sicuro della prima" .

Link to comment
Share on other sites

chiudere gli stadi è stato giustissimo................come misura anti-scontri proporrei che in caso di scontri la squadra di casa e quella ospite abbiano 10 punti di penalizzazione in campionato e magari un anno a porte chiuse per entrambe

Link to comment
Share on other sites

Quel che mi preoccupa è che siano coinvolti in gran parte minorenni...manca l'educazione a partire dalle famiglie, questi sono criminali e vanno trattati come tali; da maggiorenni e non da "protetti".

Il calcio deve fermarsi per un mese, applicare le leggi che ci sono e poi se mai crearne altre...urge un intervento forte.

Dovremmo vergognarci tutti, siamo un paese senza cultura sportiva...che schifo!

Link to comment
Share on other sites

Appunto, lo Stato c'entra poco..... va bene applicare punizioni più drastiche, ma il problema sta alla radice... la maggior parte delle persone non ha la minima idea di cosa sia la lealtà sportiva....

Link to comment
Share on other sites

Appunto, lo Stato c'entra poco..... va bene applicare punizioni più drastiche, ma il problema sta alla radice... la maggior parte delle persone non ha la minima idea di cosa sia la lealtà sportiva....

Beh c'entra lo Stato eccome...il Governo precedente e quello di oggi, poi è vero che alla base c'è una mentalità che non si cambia in 1 anno... :mellow:

Link to comment
Share on other sites

Signori, mi dispiace dirlo ma è soprattutto un problema del sud e di città come Milano, Roma e Napoli, ci vogliono i controlli!!!! come si fa a entrare allo stadio con tutti quei manganelli, petardi, bombe, fuochi o roba varia, a Treviso e ci tengo a dirlo, a Treviso, ci sono 4 poliziotti che ti perquisiscono e uno che segna dati e oggetti sequestrati!!!! a me hanno sequestrato l'accendino e l'astuccio di scuola, ripeto, l'astuccio di scuola...e a Treviso in 100 anni di calcio ci sono stati si e no al massimo 7 o 8 episodi, il morto innocente di è scappato pure qui ma da quel giorno non è più successo nulla...

Link to comment
Share on other sites

Non penso che c'entri la geografia in questo caso.... il prob è che in un modo o nell'altro i capi riescono a fare entrare nello stadio armi contundenti ma soprattutto droghe, specialmente ecstasy e pasticche varie, le danno ai 16enni che poi non capisono più nulla e fanno quel che fanno......

Link to comment
Share on other sites

scusate, ma è morto un dirigente di una squadretta qualche settimana fa in una rissa... e mi pare fosse in campania... questo, in teoria, darebbe ragione a rodry...

cmq vi post il mex che ho scritto su un altro forum...

<<nn so come sia divagato il discorso, dico il mio parere sull'acaduto...

se questi sono miei connazzionali io me ne vergogno!!!!!!!!

nn è possibile che x uno sport del cazzo si faccia fuori della gente, che per altro è lì per fare il suo lavoro e il suo dovere di cittadino....

se pensiamo che per una partita di calcio sia giusto fare fuori una persona... siamo messi bene... bella gente...

oggi, nella partita della nazionale rugbystica (partita un po' più importante di quella di ieri sera) i tifosi italiani applaudivano le mete della francia... io dico che gli ultras dovrebbero imparare da i tifosi che oggi erano al flaminio.... ma la strada x loro è ancora lunga!!!!!!

VERGOGNA!!!!!!!!!>>

Link to comment
Share on other sites

  • Admininistrators
Signori, mi dispiace dirlo ma è soprattutto un problema del sud e di città come Milano, Roma e Napoli, ci vogliono i controlli!!!! come si fa a entrare allo stadio con tutti quei manganelli, petardi, bombe, fuochi o roba varia, a Treviso e ci tengo a dirlo, a Treviso, ci sono 4 poliziotti che ti perquisiscono e uno che segna dati e oggetti sequestrati!!!! a me hanno sequestrato l'accendino e l'astuccio di scuola, ripeto, l'astuccio di scuola...e a Treviso in 100 anni di calcio ci sono stati si e no al massimo 7 o 8 episodi, il morto innocente di è scappato pure qui ma da quel giorno non è più successo nulla...

E qui ti contraddico: a Milano (almeno sponda Milan) non è mai successo nulla. Al massimo succede quando vanno in trasferta dove non sono i tifosi di Milano ma quelli del luogo.

Link to comment
Share on other sites

Non penso che c'entri la geografia in questo caso.... il prob è che in un modo o nell'altro i capi riescono a fare entrare nello stadio armi contundenti ma soprattutto droghe, specialmente ecstasy e pasticche varie, le danno ai 16enni che poi non capisono più nulla e fanno quel che fanno......

Se ci sono i controlli le droghe non entrano allo stadio, stanne certo...

Giaggiu puoi avere al massimo 1 userbar!!!!

Link to comment
Share on other sites

E qui ti contraddico: a Milano (almeno sponda Milan) non è mai successo nulla. Al massimo succede quando vanno in trasferta dove non sono i tifosi di Milano ma quelli del luogo.

1979: un'ora prima di Roma-Lazio, dalla curva sud partono due razzi. Uno colpisce ad un occhio Vincenzo Paparelli. Morirà nell'autoambulanza.

1982: nei pressi di Civita Castellana, un petardo causa l'incendio di un vagone carico di tifosi romanisti di ritorno dalla partita Bologna-Roma. Andrea Vittore, 14 anni, muore soffocato.

1984: al termine di Milan-Cremonese viene accoltellato a morte Marco Fonghessi, tifoso milanista.

1986: tifosi della Roma, di ritorno da Pisa, appiccano il fuoco ad uno scompartimento del treno su cui viaggiano. Muore Paolo Saroli, 17 anni.

1986: ad Ascoli, durante Ascoli-Sambenedettese, muore accoltellato Giuseppe Tomasetti.

1989: a Milano, un gruppo di ultras milanisti uccide a calci e pugni Antonio De Falchi, tifoso della Roma.

1989: ad Ascoli, Nazareno Filippini, dopo la partita Ascoli-Inter, viene percosso con sassi a bastoni. Morirà dopo 8 giorni. 1989: alle porte di Firenze, una molotov viene lanciata contro il treno dei tifosi del Bologna. Ivan Dall'Olio, 14 anni, rimane gravemente ustionato.

1994: a Ercolano (Napoli), durante i festeggiamenti per la vittoria dell'Italia sulla Nigeria, Salvatore Oliva, 10 anni, viene ucciso da colpi d'arma da fuoco sparati da un tifoso.

1994: Salvatore Morchella, 22 anni, muore cadendo dal treno vicino ad Acireale. Aveva difeso una donna molestata da cinque tifosi del Messina che lo stavano inseguendo.

1995: Vincenzo Spagnolo, tifoso genoano, viene accoltellato fuori dallo stadio Marassi prima di Genoa-Milan. La partita viene sospesa e in seguito anche il campionato subirà uno stop.

1997: a Salerno, Roberto Bani, 28 anni, batte la testa durante una lite scoppiata durante Salernitana-Brescia. Morirà dopo poche ore.

1998: a Treviso, negli incidenti del dopo partita con il Cagliari, muore d'infarto Fabio Di Maio, 32 anni.

1999: durante il ritorno dalla trasferta Piacenza-Salernitana, viene appiccato il fuoco sul treno. Quattro le vittime: Simone Vitale, 22 anni (dopo aver salvato due ragazzi), Giuseppe Diodato, 15 anni, Vincenzo Ioio, 16 anni, Ciro Alfieri, 15 anni. 2001: durante Messina-Catania, Antonino Currò viene colpito alla testa da un petardo lanciato dalla tifoseria catanese. Muore dopo un coma irreversibile.

2003: Sergio Ercolano, diciannovenne tifoso del Napoli, cade da un'altezza di nove metri durante gli scontri che precedono il derby Napoli-Avellino, allo stadio di Avellino. Muore due giorni dopo per un arresto cardiocircolatorio.

"007:Omicidio preterintenzionale e rissa aggravata: sono le ipotesi di reato contestate a due giocatori della Cancellese per la morte del dirigente della Sammartinese, Ermanno Licursi, avvenuta dopo una rissa scoppiata sabato 27 gennaio 2007 al termine dell'incontro di terza categoria tra Cancellese e Sammartinese a Luzzi (Cosenza). I due, entrambi diciannovenni, avrebbero avuto un ruolo diretto nelle percosse ricevute da Licursi. Altre venti persone sono indagate per rissa.

Link to comment
Share on other sites

Perfavore smettiamola di dire str^^^^^e.... cosa cavolo c'entra NORD e SUd qui??? Ma è possibile che stiamo ancora qui a pensare che la gente del nord sia migliore di quella del sud????? Ma vergogniamoci di dire certe cose......

Link to comment
Share on other sites

Perfavore smettiamola di dire str^^^^^e.... cosa cavolo c'entra NORD e SUd qui??? Ma è possibile che stiamo ancora qui a pensare che la gente del nord sia migliore di quella del sud????? Ma vergogniamoci di dire certe cose......

Personalmente non mi pare di averlo detto, ho detto che si sono più casini al sud in media, solo perchè secondo me non si controlla a dovere quello che si deve controllare...

Link to comment
Share on other sites

Personalmente non mi pare di averlo detto, ho detto che si sono più casini al sud in media, solo perchè secondo me non si controlla a dovere quello che si deve controllare...

ma dai...ma se a milano hanno buttato uno scooter dalla tribuna! è stato un miracolo che non c'era sotto nessuno...nn diciamo fandonie

Link to comment
Share on other sites

  • Admininistrators

non è questione di nord o sud, è questione che parte del mondo ultras, e sottolineo PARTE, è in un giro di vite abbastanza oscuro. ad esempio si ricattano le società con la scusa della "responsabilità oggettiva" e per ottenere quanto voluto la danneggiano facendo pagare multe salate e dando compiti di "manovalanza violenta" ai giovani che, si sa, a quell'età fanno di tutto pur di farsi vedere e ben volere dal club di tifosi. poi c'è il discorso dell'odio verso la polizia. non bisogna mai generalizzare. loro (parte degli ultras) sbagliano perchè per qualche cattivo poliziotto finiscono per odiare l'intera categoria, e allo stesso modo sbaglia il mondo dell'opinione a generalizzare su tutto il movimento ultras, perchè l'equazione ultras=violenza non è sempre verificabile. le misure devono essere prese seriamente per arginare tutti questi problemi. l'inghilterra, che ha creato il calcio e ha risolto il problema dei diritti televisivi, anche a livello di tifoseria ha risolto; è giusto quindi seguire anche noi questo modello, perchè stiamo scadendo nel ridicolo. mi chiedo: ma se non avessimo vinto i mondiali, dopo ciò che è accaduto con Calciopoli e l'ultimo disastro di catania, il calcio italiano sarebbe ancora vivo? comunque sia per attuare il modello inglese ci vorrà tempo, e molto anche. secondo me bisogna attuare delle misure straordinare fino al termine della stagione, e poi mettere a disposizione un certo capitale (ricavato magari da parte dei diritti televisivi dati alla lega, anche per la coppa italia, parte messi a dispozione dai club professionistici e parte dallo stato) per sistemare gli stadi e rimodernare il nostro sistema di sicurezza, divenuto ormai asfittico..

Link to comment
Share on other sites

dato che di leggere roba lunghissima nn ne ho voglia...

dico solo questo...

a causa di partite di calcio di bassa importanza sono morti 2 uomini... un dirigente e un poliziotto... a causa di calciatori montatie di ultras che vanno li solo x fare a botte...

ora io nn voglio dire che al sud la gente sia peggio che al nord, però i dati parlano chiari... tutti e due i casi sono avvenuti in regioni nel meridione d'italia, e potrebbe essere un caso, ma è così...

Link to comment
Share on other sites

dato che di leggere roba lunghissima nn ne ho voglia...

dico solo questo...

a causa di partite di calcio di bassa importanza sono morti 2 uomini... un dirigente e un poliziotto... a causa di calciatori montatie di ultras che vanno li solo x fare a botte...

ora io nn voglio dire che al sud la gente sia peggio che al nord, però i dati parlano chiari... tutti e due i casi sono avvenuti in regioni nel meridione d'italia, e potrebbe essere un caso, ma è così...

:cool2:

Link to comment
Share on other sites

La questione nord, sud non esiste ragazzi...

Quante volte sentiamo al TG o leggiamo nei giornali ''Scontri a Milano-Torino-Roma ecc....''

A mio modo di vedere le cose quello che è successo a Catania ha la stessa entità degli scontri sopra-citati però purtroppo vi è andato in mezzo uno straordinario uomo...

Il caso di Catania deve esser preso come pretesto per un cambiamento radicale dell'organizzazione calcistica, cosa che, è stata sempre evitata a causa degli alti costi che esso implica.

Gli stadi italiani non sono a norma e questo non vale solo per Catania ma per tutte le città di Italia. Mi par di aver letto che l'unico stadio in regola in Italia è L'olimpico e questo è tutto dire...

Per quanto riguarda la questione Ultras quella è una paggina dolente...La parte degli Ultras non sono tifosi ma sono dei delinquenti scatenati che stanno in branco solo per il piacere di fare ''DANNO'' contro chiunque...

basti pensare agli Huragans ( o cm si scrive) che negli anni ottanta hanno seminato il terrore negli stadi di mezza europa.

Oggi in onore del funerale di Raciti, ricordiamo sopratutto quest'uomo, un quarantenne con figli e con un grande cuore.....pensate che a tempo libero era volontario nei pompieri e che la moglie era una catechista...Raciti era uno che ci credeva veramente ragazzi....

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.