Jump to content

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

Disponibile Pro Cycling Manager 2024

Pro Cycling Manager 2024 e Tour de France 2024 sono finalmente disponibili
Leggi di più

Percorsi storici


Andrepg

Recommended Posts

Quando la pianura faceva selzione, quando mettere quattro salite a 200 chilometri dal traguardo bastava per essere chiamati meurtriers, quando i distacchi si misuravano in ore, quando niente e nessuno poteva ostacolare te e la tua bici, ma anche i tempi recenti che ci hanno fatto emozionare in prima persona. Non siete curiosi di capire come si è evoluto il ciclismo dagli anni 20 ad oggi passando da tutte le pietre miliari di questo sport? In questo topic vi darò tutto questo potando periodicamente - credo settimalmente - percorsi storici di Giro, Tour e Vuelta che hanno fatto la storia del cilcismo, ma comunque molto rari da trovare, alcuni al limite dell'impossibile, avete mai trovate le altimetrie del primo Giro d'Italia? Non vi dico direttamente dove trovarli perché così non ci sarebbe più il gusto di assaporarli lentamente, per cui se qualcuno lo sa, lo pregherei di non rivelarlo pubblicamente. Non seguirò alcun ordine cronologico, ecco perché il primo percorso che posterò sarà quello del Giro 1998 e successivamente quello del 1909. A questo topic potrebbe seguire la realizzazione da parte mia di alcune tappe storiche con elementi tali come strade strette e sterrate. Sono graditi commenti per incentivarmi :tongue:

PS Per postare in questa sezione ho ricevuto il benestare di Bubba che ringrazio.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 75
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Il mio primo commento vuole essere un punto di partenza per sviluppare una discussione di spessore sul senso del ciclismo nella cultura contemporanea, in quanto metafora dell'esistenza umana, nonché come disciplina che più di ogni altra si presta al racconto quando non all'epico cantare.

Perciò, dico:

Giro 1998 10f0rb5.gif

Link to comment
Share on other sites

i521377_21atappa00.gif

Come avrete potuto capire questo non è il giro 1998, ma 2000, errore mio, domani per rimediare metterò quello del 1998, poi andrò di settimana in settimana.

Su questo giro mi piace particolarmente la cronometro del sestriere, ma devo appuntare anche la mancanza di veri arrivi in salita, tranne prato nevoso

Link to comment
Share on other sites

i521377_21atappa00.gif

Come avrete potuto capire questo non è il giro 1998, ma 2000, errore mio, domani per rimediare metterò quello del 1998, poi andrò di settimana in settimana.

Su questo giro mi piace particolarmente la cronometro del sestriere, ma devo appuntare anche la mancanza di veri arrivi in salita, tranne prato nevoso

forse è per questo che lo vinse Garzelli :dubbio:

Link to comment
Share on other sites

forse è per questo che lo vinse Garzelli :dubbio:

El Diablo, purtroppo non posso vantare le tue decadi, cosa intendi?

Andre, perchè non inserisci un tuo commento più approfondito con annesse classifiche varie? Sarebbe un ottimo lavoro :smilie_daumenpos:

Certamente, questi primi percorsi sono anche una prova per trovare un metodo fisso, quindi sono accettati consigli.

Beh c'è anche l'arrivo dell'Abetone in salita.

Questo è certamente un Giro atipico, se poi confrontato con quello del 1998 che posterò. Gli arrivi in salita sono l'Abetone e Prato Nevoso, uno 12,1 km al 5,1% e l'altro 13,2 km al 7,2%. Manca un vero arrivo in salita, l'Abetone è our sempre dopo il San Pellegrino, ma rimane una salita per niente difficile e Prato Nevoso non è di questa difficoltà enorme, sarebbe un 1° categoria al tour senza considerare che viene affrontata secca. Se si considera che nel '98 furono proposti Piancavallo, Pampeago, Plan di Montacampione e Lago Laceno ognuno sicuramente più duro dell'Abetone e di Prato Nevoso (forse Lago Laceno è più facile, ma bisogna considerare che prima veniva affrontato il Terminillo). Di altre tape che possono fare male ci sono le dolomiti, ma il Duran-Staulanza-Fedaia-Sella del '98 battono 3-0 il Falzarego-Fedaia-Gardena del 2000. Da notare la tappa di Bormio in stile Foix (chiaramente non così estrema), si arriva a Bormio dove si compie un circuito aggiungendo sì uno strappetto che non mi sembra poi di questa difficoltà, ma avrei preferito un Gavia più vicino. La tappa di Briacon non è bruttissima, ma non cambia la mia idea di un percorso sottotono con la cronometro del Sestriere, unica tappa che veramente mi piace, più che fondamentale per la vittoria finale.

Link to comment
Share on other sites

Ed infatti Garzelli prese la maglia proprio sul Sestriere

Questa la classifica generale:

1 Stefano Garzelli MER 98.30'14"

2 Francesco Casagrande VIN a 1'27"

3 Gilberto Simoni LAM a 1'33"

4 Andrea Noè MAP a 4'58"

5 Pavel Tonkov MAP a 5'28"

6 Hernán Buenahora NEC a 5'48"

7 Wladimir Belli FAS a 7'38"

8 José Luis Rubiera KEL a 8'08"

9 Serhij Hončar LIQ a 8'14"

10 Leonardo Piepoli BAN a 8'32"

Classifiche minori:

Punti Dmitrij Konyšev

Montagna Francesco Casagrande

Squadre Mapei-Quick Step

Intergiro Fabrizio Guidi

Super Team Fassa Bortolo

E wikipedia salvaci tu, il riepilogo delle tappa, poi vedò di attrezzarmi meglio, sono ancora in fase di sperimentazione.

13z8sd1.png

Link to comment
Share on other sites

El Diablo, purtroppo non posso vantare le tue decadi, cosa intendi?

Certamente, questi primi percorsi sono anche una prova per trovare un metodo fisso, quindi sono accettati consigli.

Questo è certamente un Giro atipico, se poi confrontato con quello del 1998 che posterò. Gli arrivi in salita sono l'Abetone e Prato Nevoso, uno 12,1 km al 5,1% e l'altro 13,2 km al 7,2%. Manca un vero arrivo in salita, l'Abetone è our sempre dopo il San Pellegrino, ma rimane una salita per niente difficile e Prato Nevoso non è di questa difficoltà enorme, sarebbe un 1° categoria al tour senza considerare che viene affrontata secca. Se si considera che nel '98 furono proposti Piancavallo, Pampeago, Plan di Montacampione e Lago Laceno ognuno sicuramente più duro dell'Abetone e di Prato Nevoso (forse Lago Laceno è più facile, ma bisogna considerare che prima veniva affrontato il Terminillo). Di altre tape che possono fare male ci sono le dolomiti, ma il Duran-Staulanza-Fedaia-Sella del '98 battono 3-0 il Falzarego-Fedaia-Gardena del 2000. Da notare la tappa di Bormio in stile Foix (chiaramente non così estrema), si arriva a Bormio dove si compie un circuito aggiungendo sì uno strappetto che non mi sembra poi di questa difficoltà, ma avrei preferito un Gavia più vicino. La tappa di Briacon non è bruttissima, ma non cambia la mia idea di un percorso sottotono con la cronometro del Sestriere, unica tappa che veramente mi piace, più che fondamentale per la vittoria finale.

L'ultima salita della tappa di Selva del 2000 era il Sella, il finale - dai piedi del Fedaia - era uguale al 1998.

Comunque fu un Giro complessivamente piuttosto modesto anche da un punto di vista spettacolare, oltre che di partecipanti. Il terreno per offrire qualcosa di più però c'era. In realtà, tappe come quella di Selva e di Bormio furono anche abbastanza battagliate, idem quella di Briançon, ma c'era un appiattimento tale che non ci fu grossissima selezione. La tappa di Briançon ad esempio si infiammò già sull'Agnello, dove se ben ricordo attaccò Simoni all'inizio del tratto duro. Solo che l'unico veramente in grado di fare la differenza era Casagrande, che però calò nella seconda metà di Giro dopo una prova mostruosa all'Abetone (nettamente la tappa più bella, con i big già testa a testa sul San Pellegrino in Alpe).

Link to comment
Share on other sites

i521341_11atappa98.jpg

i521340_12atappa98.jpg

i521339_13atappa98.jpg

i521338_14atappa98.jpg

Cronaca della tappa:

Quattro anni dopo Merano ed il volo sul Mortirolo Marco Pantani torna a vincere al Giro d'Italia. Attacca dopo appena tre chilometri della salita a Piancavallo e va da solo. Alle sue spalle resistono Tonkov e Zuelle. Lo svizzero si riprende la maglia rosa, il russo si candida a terzo incomodo. Forse primo visto che Pavel e' l'avversario che Zuelle teme di piu' per la cronometro di domani (40 chilometri di andata e ritorno fra Trieste e Sistiana). Esce invece di scena Ivan Gotti, staccato di oltre 5 minuti, rimanda qualsiasi appuntamento al Tour de France). Anche Bartoli cede, come previsto. "Il mio giro l'ho fatto - commenta il pisano - sono stato il piu' combattivo, adesso tocca a Pantani. Sapevo che dopo dieci giornate sarebbe finito il mio giro. Ho resistito anche di piu'".

La quattordicesima tappa Schio-Piancavallo di km 165, parte come dovesse essere una volata: 47,9 km/h la media della prima ora. Il gruppo e' nervoso, ne fa le spese Cipollini che cade al km 46 e rimedia una forte contusione con ferita lacero-contusa al gomito sinistro. Ad una cinquantina di chilometri dal traguardo (a Cimetta), allungano in sette: Canzonieri, Piccoli, Raimondi, Arazzi, Martin, Zanette e Aggiano. Poco prima dell'intergiro, Piccoli sprinta per la maglia azzurra. Dopo il traguardo intermedio forza Zanette, con lui restano Canzonieri e Raimondi mentre e' la Asics a fare l'andatura.

Poi arrivano le truppe Mapei (per Tonkov), Festina (naturalmente per Zuelle) e persino Saeco. Ma Gotti ancora non sa di essere vicino al crollo. Non si vede, invece, il treno giallo della Mercatone. Spunta proprio all'inizio della salita, a 15 km dall'arrivo. La Festina prova a fare alta l'andatura con Kivilev, poi gli subentrano Missaglia (Mapei) e Bettini (Asics), ma ecco la guardia pretoria di Pantani: Velo, Garzelli, Forconi. Marco li usa come catapulta. Scatta dopo 3,5 chilometri di ascesa, nel tratto piu' duro, quello con rampe anche al 15 per cento. Tonkov prova a stargli a ruota, Gotti va subito in crisi. Pantani e Tonkov fanno il vuoto, ma anche Tonkov dopo un chilometro deve mollare. Alle spalle del russo restano Zuelle, Guerini e Leblanc, con Noe' aggrappato alla sua maglia rosa. A meno 9,5 km si stacca Leblanc. Il Pirata, pelata all'aria, va via in agilita': a 9 chilometri dall'arrivo ha 20" su Tonkov in difficolta' passeggera, 26" su un fresco Zuelle con Guerini a ruota, 36" su Noe', gia' staccato ed affranto, 1'20" sul gruppo degli gia' sconfitti: Gotti, Tiepoli, Savoldelli, Bartoli. A 8 chilometri dalla fine la pendenza si addolcisce, Tonkov si riprende, cosi' come allungano Zuelle e Guerini. Piu' che un arrivo in salita diventa un inseguimento: a 7 chilometri dalla fine Tonkov e' a soli 10", la coppia Zuelle-Guerini a 24".

Marco tiene duro, si alza sui pedali, cerca di rilanciarsi dove la strada richiede potenza piu' che leggerezza di scalatore. Guadagna metri: a 4 chilometri ha 16" su Tonkov, 26" su Zuelle e Guerini. L'arrivo in salita ha addirittura 1.600 metri in discesa a due chilometri dall'arrivo. Qui Zuelle scatta ed assieme a Tonkov stacca Guerini. Marco ormai vede l'arrivo: guadagna 13" di cronometro ed altri 4" di abbuoni su Tonkov e 8" su Zuelle. In classifica generale lo svizzero ha la maglia rosa con 22" sul romagnolo, 40" sul russo, 57' su Guerini. Noe' (arrivato con 1'51" da Pantani) e' quinto in classifica a 1'05".

"E' stata una vittoria sofferta fino alla fine - dice Marco Pantani - oggi, quattro anni dopo la mia prima vittoria, ho confermato di avere coraggio. Sono uno dei pochi che scopre le carte senza paura. Credo che questo piaccia alla gente: sono quello che ha il coraggio di alzare i guantoni e combattere a modo mio". Magari anche andando ko a cronometro, ma ci saranno quattro giornate di montagna per provare ad abbattere Zuelle, il clone di Indurain.

Ordine d'arrivo:

1) MARCO PANTANI (ITA) IN 4H22'11" ALLA MEDIA ORARIA DI KM. 37,760 (ABBUONO 12")

2) PAVEL TONKOV (RUS) A 13" (ABB. 8")

3) ALEX ZUELLE (SVI) S.T. (ABB. 4")

4) GIUSEPPE GUERINI (ITA) A 28"

5) ANDREA NOE' (ITA) A 1'51"

6) J. CARLOS DOMINGUEZ (SPA) A 2'02"

Generale dopo la tappa:

1) ALEX ZUELLE (SVI-FESTINA) IN 67H01'11" ALLA MEDIA ORARIA GENERALE DI KM. 40,045

2) MARCO PANTANI (ITA) A 22"

3) PAVEL TONKOV (RUS) A 40'

http://www.youtube.com/watch?v=cYpEyu5sCis

i521337_15atappa98.jpg

Classifica generale dopo la tappa:

1) ALEX ZUELLE (SVI) IN 67H45'49" M.O. 40,196 Kmh

2) PAVEL TONKOV (RUS) A 2'02"

3) MARCO PANTANI (ITA) A 3'48"

i521336_16atappa98.jpg

Link to comment
Share on other sites

i521335_17atappa98.jpg

Cronaca della tappa:

Grande impresa di Guerini e Pantani nella prima, vera, tappa di montagna da Asiago a Selva di Val Gardena. Ha vinto Guerini, Pantani gli e' finito a ruota e conquista la sua prima maglia rosa distaccando Tonkov di 30" e Zuelle di 1 minuto e 01. Cipollini si e' ritirato dopo 107 km.

Michele Bartoli e altri 33 corridori sono arrivati fuori tempo massimo al traguardo (a +34'43", mentre il limite era fissato a 34'). Tra gli altri, Fabiano Fontanelli, Simone Leporatti, Silvio Martinello e Fabrizio Guidi.

Ordine d'arrivo:

1) GIUSEPPE GUERINI (ITA-POLTI) IN 6H16'58" ALLA MEDIA ORARIA DI KM. 34,221 (ABBUONO 14")

2) MARCO PANTANI (ITA) S.T. (ABB. 12")

3) 'CHEPE' GONZALEZ (COL) A 2'04" (ABB. 10")

4) PAVEL TONKOV (RUS) S.T.

5) OSKAR CAMENZIND (SVI) A 2'18"

9) ALEX ZUELLE (SVI) S.T.

Classifica generale dopo la tappa:

1) MARCO PANTANI (ITA-MERCATONE UNO) 80H12'02" ALLA MEDIA ORARIA DI 39,584 KM

2) PAVEL TONKOV (RUS) A 30"

3) GIUSEPPE GUERINI (ITA) A 31"

4) ALEX ZUELLE (SVI) A 1'01"

Video di tutto il Giro del 1998 (a partira da 2') tra cui la tappa di Val Gardena di cui non ho trovato un video a parte.

i521334_18atappa98.jpg

Cronaca della tappa:

Scatto vincente di Tonkov e Pantani che arrivano nell'ordine sul traguardo della 18ª tappa (Selva di Val Gardena-Alpe di Pampeago di 115 km). Alex Zuelle perde quasi un minuto e giunge affaticato in vetta.

In classifica generale lo svizzero e' staccato di 2'08" dalla maglia rosa Pantani.

Ordine d'arrivo:

1) PAVEL TONKOV (RUS) IN 3H36'53" MEDIA ORARIA KM. 31,814 (ABBUONO 12")

2) MARCO PANTANI (ITA) A 1" (ABB. 10")

3) NICOLA MICELI (ITA) A 44" (ABB. 4")

4) ALEX ZUELLE (SVI) A 58"

5) GIUSEPPE GUERINI (ITA) A 1'07"

Classifica generale dopo la tappa:

1) MARCO PANTANI (ITA) IN 83H48'46" ALLA MEDIA ORARIA GENERALE DI KM. 39,249

2) PAVEL TONKOV (RUS) + 27"

3) GIUSEPPE GUERINI (ITA) 1'47"

4) ALEX ZUELLE (SVI) 2'08"

5) OSKAR CAMENZIND (SVI) 5'37"

http://www.youtube.com/watch?v=ipPa1Lu191k

Link to comment
Share on other sites

i521333_19atappa98.jpg

Continuo del video di Selva Val Gardena con la fine Montecampione (la prima parte la trovate alla fine della parte precedente)

Ordine d'arrivo:

1. MARCO PANTANI (ITA) 7 H 42:52 (Media: 31,499 KM/H)

2. PAVEL TONKOV (RUS) +57

3. GIUSEPPE GUERINI (ITA) 3:16

4. FRANCESCO SECCHIARI (ITA) 4:04

5. DANIEL CLAVERO (SPA) 4:04

Classifica generale dopo la tappa:

1. MARCO PANTANI (ITA) 83 H 48:46

2. PAVEL TONKOV (RUS) A 1:28

3. GIUSEPPE GUERINI (ITA) 5:11

4. OSCAR CAMENZIND (SVI) 11:32

5. NICOLA MICELI (ITA) 14:23

i521332_20atappa98.jpg

i521331_21a.JPG

Cronaca della tappa:

Grandissima impresa di Marco Pantani che ha praticamente vinto il Giro battendo Tonkov anche nella cronometro. Il "pirata" ha chiuso al terzo posto, 5° il russo a oltre 4 secondi.

Ha vinto l'ucraino Sergei Gontchar davanti a Massimo Podenzana e a Pantani. In mattinata, dei controlli a sorpresa su 28 atleti hanno fatto due "vittime": Nicola Miceli e Riccardo Forconi esclusi per la percentuale di ematocrito nel sangue superiore al 50 per cento, limite imposto dalla federazione ciclistica internazionale.

Pantani/Tonkov:

PANTANI TONKOV

A - 31 KM + 3" -

A - 25 KM + 6" -

A - 22 KM + 10" -

A - 20 KM + 8" -

INTERGIRO + 2" (19'59") (20'01")

A - 14 KM - + 1"

A - 13 KM - + 3"

A - 10 KM 0" -

A - 8 KM + 2" -

A - 6 KM + 6" -

A - 5 KM + 5" -

A - 4 KM + 6" -

A - 3 KM + 4" -

A - 1 KM + 7" -

TRAGUARDO + 5" (40'24") (40'29")

i521330_22atappa98.jpg

Link to comment
Share on other sites