Jump to content
  • Sign Up

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2021 e Tour de France 2021sono finalmente disponibili
Leggi di più

Hai già scoperto i nostri tutorial?

Come sottoscrivo una mod su Steam? Come modifico un database? Come posso creare una maglia personalizzata? Per queste ed altre domande visita la nostra sezione tutorial!
Tutorial

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

La nostra RECENSIONE di Pro Cycling Manager 2020

Leggi e guarda la nostra recensione di Pro Cycling Manager 2020, a cura di BubbaDJ
Leggi di più

I contest: Tour de France - Recensioni


emmea90

Recommended Posts

  • Admininistrators

Ecco i percorsi presentati

Andrepg: PDF - Presentazione nel Topic
Francescopalma: PDF - Presentazione nel Topic
Nasdon33: PDF - Presentazione nel Topic
Nibali-San Baronto: PDF - Presentazione nel Topic
Papaloukass: PDF - Presentazione nel Topic
Sauber96: PDF - Presentazione nel Topic

 

In questo topic potete postare

A) Promozione del vostro percorso: un breve post, eventualmente con immagini promozionali, in cui presentate il vostro percorso per promuovervi (una cosa del genere, insomma)

B) Recensione di uno o più percorsi proprio o altrui

C) Segnalazione di uno o più errori nel proprio percorso (se siete cretini o masochisti) o in percorsi altrui

 

Non è necessario essere iscritti al contest per recensire un percorso. Le recensioni non hanno valore di voto ma possono ovviamente influenzarlo.

 

Per scaricare i PDF dovete fare clic su scarica

21kgk89.png

Link to comment
Share on other sites

Un Tour anomalo, come giusto che fosse il numero 101, più duro del solito, con tante salite inedite e tanti arrivi nuovi alla Grand Boucle, senza però togliere il fascino che per 100 edizioni ha caratterizzato questa bellissima corsa, dopo tanto tempo si torna a vedere due trittici, con arrivi inediti come Goulier Neige, con quella zona dei Pirenei resa finalmente importante dopo anni di Col de Port e compagnia confinati a 80 km dal traguardo, senza però dimenticare le salite storiche, con il trittico Bales-Peyresourde-Azet, per poi scendere in picchiata verso Argeles con la difficile discesa dello Spandelles, con prima altre grandi salite come il Tourmalet e il Soulor.

Tanta cronometro, ma non troppa e comunque compensabile con le tante salite presenti, anche i Vosgi finalmente valorizzati, con due tappe che sapranno regalare spettacolo, senza dimenticare comunque il Massiccio Centrale, che potrà anche essere teatro di battaglia tra i big.

Il gran finale sulle Alpi, anche qui con la tradizione mista al rinnovo, dopo "l'antipasto" (semi-cit.Zomegnan) di Chamrousse, arrivo inedito a Lac de Saint-Quentin, con tante salite storiche prima, che rappresentano il giusto mix di tradizione e innovazione, senza penalizzare, anzi, arrichendo lo spettacolo con pendenze impegnative e paesaggi mozzafiato, fino alla tappa finale, anche qui con la storia che si fonde al progresso, con i classici Madeleine e Croix de Fer che precedono una salita inedita, che sostituisce quello schifo che per anni è stato La Troussire : Les Karellis! E' qui che gli scalatori pure si giocheranno le loro ultime carte, prima di affrontare l'ultima grande fatica del Tour, 30 km di cronometro prima della passerella di Parigi.

 

Degno di nota anche il percorso di Andrepg, tanto da metterlo davanti al mio nelle votazioni, meno duro dei soliti percorsi della Pigna, ma equilibrato e spettacolare, chapeau!

 

(Se c'è qualche errore perdonatemi, ma ho scritto un po' di fretta perchè ho una festa fra poco, se poi non ci sono.. meglio  :biggrin: )

Link to comment
Share on other sites

Vediamo, che dire del mio percorso...

Trovo che abbia rispettato l'idea di originalità che richiedeva il contest. La tappa di Huy penso sia davvero impegnativa e seppur con solo il finale simile ricalchi quello della Flecha con 3 muri davvero difficili. Ho "scoperto" lo sterrato del nord-est della Francia, e non il solito della Bretagna. Inoltre nelle tappe di media e alta montagna l'arrivo è posto su traguardi mai usati o comunque raramente visti nei Tour veri(il Port de Larrau è stato affrontato solo 2 volte prima e mai come arrivo, Lac de Cap de Long è un arrivo inedito, Champs-Cayolle non sono colli molto frequenti al Tour, la Madeleine è già stata affrontata 25 volte, ma mai ha avuto l'arrivo sulla sua sommità ed infine Val Pelouse è inedita). Ho usato elementi che ultimamente sembrano entrati nella norma dei GT(ultima tappa di montagna corta e 3 crono(TTT-una piatta-e una vallonata/di montagna))

Per finire vorrei sottolineare che in questo contest era imposto che l'arrivo dovesse essere inequivocabilmente praticabile, però ora non venitemi a dire che Azet, Sabot e (forse) La Chaulmie(Non ho capito se è arrivato nell'abitato, allora lo è, o sopra) lo sono.

Link to comment
Share on other sites

  • Admininistrators

La 14° tappa di Pigna è palesemente rossa, quindi ha solo 4 gialle invece di 5 richieste e solo 2 gialle con arrivo in salita invece che 3 richieste

 

Respinta, per quanto mi riguarda può essere gialla. Ho classificato gialle tappe sui vosgi ben più dure

Link to comment
Share on other sites

Respinta, per quanto mi riguarda può essere gialla. Ho classificato gialle tappe sui vosgi ben più dure

 

 

non possono esistere percorsi più duri di quello sui Vosgi

 

inoltre lo scorso anno è stato penalizzato per lo stesso identico motivo per Issarbe+Arette, qui le due salite finali prese assieme hanno distanza e pendenza media sostanzialmente uguali e sono oltretutto precedute da altri due GPM duri

Edited by Sauber96
Link to comment
Share on other sites

non possono esistere percorsi più duri di quello sui Vosgi

 

inoltre lo scorso anno è stato penalizzato per lo stesso identico motivo per Issarbe+Arette, qui le due salite finali prese assieme hanno distanza e pendenza media sostanzialmente uguali e sono oltretutto precedute da altri due GPM duri

 

Il tuo comportamento è al limite del vergognoso, anzi lo è pienamente. Stai cercando di farmi penalizzare perché hai capito che solo così hai una possibilità di passare, visti i primi voti. L'anno scorso fui penalizzato perché avevo spezzato un GPM, che era a tutti gli effetti uno solo. In quanto moderatore ti faccio notare che la tua segnalazione è stata valutata e rifiutata dal responsabile del contest, insistere porterà solo a provvedimenti, anche perché è evidente che tutto quello che dici ha l'unico obiettivo di far perdere punti al sottoscritto. 

Link to comment
Share on other sites

  • Admininistrators

Se posso esprimere la mia do ragione a sauber quella è rossa solo per zomegnan è gialla

 

 

In questo topic potete postare

A) Promozione del vostro percorso: un breve post, eventualmente con immagini promozionali, in cui presentate il vostro percorso per promuovervi (una cosa del genere, insomma)

B) Recensione di uno o più percorsi proprio o altrui

C) Segnalazione di uno o più errori nel proprio percorso (se siete cretini o masochisti) o in percorsi altrui

 

No, non puoi.

 

Quella per me è gialla. Per essere rossa deve avere un arrivo 1a Cat ed un altro 1a cat in mezzo in posizione rilevante. Due prima cat non arrivo ci sta la gialla. Stop.

Link to comment
Share on other sites

Le mie personali considerazioni.

il percorso di pigna parte molto bene con una prima settimana molto ben fatta,ma poi si perde nella velleità di fare un tour bello perchè con molte tappe di montagna,ben 7,perchè la 14° per me è rossa tutta la vita,più la 9° che per me è già una forzatura metterla gialla. le tappe con l'arrivo in discesa (yenne e aix le therme) non mi dicono niente. belle invece le tappe di Le chalmieu ,di Luz Ardidien e la contestata tappa 14°

L'arrivo a sul Larrau è un pò forzato,vero è che ormai si arriva quasi ovunque,però li c'è solo un piccolo spiazzale e sopratutto in mezzo al confine!. ha sicuramente il pregio di avere pochi trasferimenti.

 

 

Il tour di palma invece unisce buoni spunti con completi disastri. le prime 3 tappe sono ben fatte., la prima settimana sui pirenei forse è un pò troppo dura,ma in compenso la seconda è una delle più scialbe che abbia mai visto.le tappe alpine mi piacciono molto,tranne la chamrousse.Il tour alla fine è ben equilibrato,sia nel durezza che nei km a crono,anche qui pochi km di trasferimento.

Con la seconda settimana al posto della prima e qualche maggiore varietà nelle tappe,per esempio mancano tappe con arrivo su uno strappetto,sarebbe un tour molto ben fatto,mentre così lascia l'amaro in bocca.

 

 

Anche il tour di nasdon mi ha dato buone impressioni ma anche cose che mi hanno lasciato perplesso.

Si parte benissimo con le 2 tappe bellissime di huy e quella con il pavè,ma nel complesso la prima settimana   troppo facile,non c'è nessuna chance per gli uomini di classifica di fare selezione.nella seconda settimana:la tappa del larrau è molto bella,ma vale lo stesso discorso fatto con pigna sulla possibilità di arrivo.Lac de camp long invece è troppo facile la salita finale,e molto distante dalle altre.Anche la tappa di Tarascon non mi convince. Molto bella la crono col faron. Delle tappe alpine boccio Barcelonette.La tappa con il Madaleine non mi entusiasma per come sono state disposte le salite,ma rimane molto dura.molto dura anche la di val pelouse.

In generale un tour forse  troppo facile,nella prima settimana ci voleva una tappa per scalatori,anche non molto dura,magari al posto della 9°-

nella tappa di Lac de cap de long avrei scelto un altro arrivo.tarascon va gestita meglio,come la tappa della madaleine.

Barcelonette non capisco il senso.

Le crono e le tappe intermedie sono molto belle,le migliori fin'ora che ho visto.

 

 

Dei tre percorsi preferisco quello di palma,ma penso che almeno uno dei gl'altri 3 che andrò a vedere domani sia migliore.

Link to comment
Share on other sites

Non sono un profondo conoscitore della Francia dunque non posso dare giudizi di alta competenza come può essere per una corsa tra i confini amici, ma visto che si chiede di votare, voto, dando una considerazione generale rispetto alle conoscenze che ho, alla tradizione della gran boucle e di come deve essere un GT, senza dare alcuna considerazione al modo in cui sono classificate le tappe (gialli verdi rossi blu) che alla fine sono sempre un po' soggettive.

 

Papaloukass bella la partenza da Praga, 6 tappe da velocisti al Tour mi paiono eccessivamente poche, un insulto alla tradizione, (ce ne sono 1 altro paio piatte, ma con le salite che ci sono..diciamo che son volate più da Freire che da McEwen) bello il tappone pirenaico e buona idea la tappa stile-vuelta

 

FrancescoPalma Anche se non è originale, è verosimile dunque bellissima la partenza da Firenze ma l'arrivo della prima tappa mi lascia perplesso, avrei visto meglio un classico prologo o una cronosquadre. Le due tappe successive, Nizza e Genova mi paiono due tappe fotocopia, anche per la tipologia del paesaggio, almeno una delle due cronometro l'avrei fatta più lunga, per dare un vantaggio a cronoman, com'è noto per un cronoman è meglio una cronometro lunga che due cronometro brevi, visto che pure la cronosquadre con quella lunghezza non può fare chissà quali danni. Il primo arrivo in salita, per essere il primo, è secondo me troppo duro, un tappone. E peraltro è tutto al sud  :sad2:

 

Andreapg Buona partenza da Colonia, l'arrivo di Nancy mi piace come la tappa di Le Chalmieu e le tappe verdi mi piacciono, così pure come la cronometro finale, abbastanza lunga. C'è tanta carne al fuoco, prese singolarmente mi sembrano tutte curate le tappe, poi però faccio la conta e le vedo tutte insieme. E quanta vacca di tapponi ci sono? Quella collinare ha più di 3000 metri di dislivello in 140 km  :huh:

 

Sauber Subito salta all'occhio la sbatta per la grafica che non può che avere un feedback positivo, altra partenza da Praga, stavolta in linea, si parte subito in salita, è un azzardo ai livelli del dadaismo, ma finisce in un posto mai sentito, ed è un po' troppo per la prima tappa del tour, sarebbe stato meglio alla seconda, stavolta l'azzardo non paga. La cronosquadre alla 5° dopo la tappa dura e lunga di strasburgo non so se è il massimo, c'è forte probabilità di molte squadre monche, peraltro tra due tappe vallonate e con quella lunghezza si perde un po' nell'inutilità, i ciclisti non la preparerebbero con la giusta importanza. Poi mi piacciono alcune tappe in salita, ma, la tappe di Oloron e Belley... sono uscite dagli anni 60  :ohmy:  La tappa di Valberg è eccessiva

 

Nasdon 33 Tra tutte le città proposte..Dussendorf... :sad2:  Bellissima la tappa in sterrato..la cronosquadre di 25 km  :wacko: Il circuito di Brive non mi dice molto..cioè, va bene per una parigi nizza, ma il tour..un circuito me lo aspetterei in una località più conosciuta di Brive che perdonatemi l'ignoranza, non la conosco, la prima tappa di montagna si fa attendere ma da li in poi i velocisti possono praticamente fare le valigie, certe tappe di montagna non mi convincono.

 

Ma il nord-ovest della francia non se lo caga nessuno?  :sad2:

 

Vi attendo al varco nei giri d'italia, tirrene adriatiche e anche il nuovo contest mi sarà più congeniale. Allora diverrò veramente pignolo e cattivello  :laugh:  Questi miei commenti del Tour prendeteli con le pinze  :unsure:

 

Per una migliore valutazione, consiglierei di mettere il valore del dislivello obbligatorio, alcuni l'hanno messo, altri no ed era più difficile valutare!

Edited by Stylus
Link to comment
Share on other sites

  • Moderators

Alcune considerazioni sul mio percorso:

  • Cronometro: ho scelto di iniziare con un prologo dal percorso impegnativo memore di quella che è stata la prima tappa del Tour 2009, a Monaco. Personalmente una delle più spettacolari crono che abbia mai visto.

Poi ci sono 90 km, apparentemente tanti, divisi quasi equamente tra cronosquadre e cronometro individuale: perché fare una cronosquadre di 43 km, visto che negli ultimi anni il chilometraggio non supera i 30-35? Perché solo così sono utili nel formare distacchi importanti per il prosieguo della corsa. La individuale, invece, è messa dopo i pirenei per favorire un maggiore spettacolo sulle alpi, eliminando il solito attendismo pre-cronometro.

 

  • Montagne: ho cercato di non fare tappe fac-simile, e più o meno credo di esserci riuscito. C'è il giusto mix tra nuovo e vecchio, evidente soprattutto nei due tapponi, quello alpino e quello pirenaico, con la presenza di salite che hanno fatto la storia del Tour (Tourmalet, Aspin, Madeleine, Glandon) e che la potrebbero fare in futuro (Lac d'Aumar, Sabot). C'è anche la mezza-pauata, immancabile quando si tratta di Tour de France (mi riferisco ad Arette).

 

  • Pianura: 6 tappe piuttosto scontate, da alte velocità, 2 dove ci sono possibilità di allungo nel finale. Per me è il giusto bilanciamento, forse avrei preferito mettere una settima "tranquilla" ma l'obbligo delle 5 di collina lo ha impedito.

 

  • Collina: la novità è l'arrivo in stile-vuelta, su una salita non solo difficile ma anche abbastanza lunga come il Mont Bouquet.
Link to comment
Share on other sites

Qualche considerazione...

 

Andrepg: Stesso discorso fatto da Stylus. La maggior parte delle tappe, prese singolarmente, sono fantastiche (specialmente quelle sui Vosgi), ma nel complesso mi sembra un po' troppo duro per essere un Tour de France. Avrei fatto 3 alpine invece di 4, inserendo un altro piattone di trasferimento prima della cronometro. E ho dubbi sulla 14° come gialla (io personalmente l'avrei messa rossa), ma mi fido di chi ha più esperienza.

 

Francesco Palma: Molto intrigante, soprattutto anche qui le tappe dei Vosgi e le Alpi "innovative", con il fantastico arrivo a Les Karellis. Non mi piacciono molto la tappa di Argéles - Gazost (tappe del genere possono essere fantastiche o delle mezze pauate, ma questo dipende dai corridori) e mi sembra un po' innaturale il fatto che il primo piattone arrivi alla 5° tappa. Comunque è un ottimo percorso date le richieste.

 

Nasdon33: Non mi convince molto. Bellissima la tappa di Huy e fantastico lo sterrato, ma si poteva osare di più sul Massif Central, anche considerando che i Pirenei non sono proprio qualcosa di irresistibile (con una mezza pauata in mezzo)... Le ultime due tappe alpine salvano un po', ma in precedenza mi sarei aspettato qualcosa di più.

 

Papaloukass: Un tappone alpino, un tappone pirenaico, e vanno benissimo, come anche la splendida crono iniziale. Ma la prima pirenaica mi sembra un po' difficile da classificare "rossa", e considerando che non c'è poi tantissima montagna anche tu passando dal Massiccio potevi osare un pochino di più. Sarebbe un percorso perfetto per una Vuelta, con molte tappe mosse e qualche arrivo secco, ma non lo vedo molto adatto a un Tour, anche per il un po' troppo esiguo numero di occasioni per velocisti puri.

 

Sauber96: La tappa di Saint-Lary-Soulan salva la baracca di Pirenei sprecati tra una pauata assurda e la tappa con Spandelles e Tourmalet in cui nulla potrebbe mai succedere. Anche tra Vosgi e Jura salite decisamente troppo lontane dal traguardo. Le tappe alpine sono belle, buona la scelta della partenza da Praga e sei comunque quello che ha più valorizzato il Mont Dore, ma resta un percorso a mio parere rivedibile.

Link to comment
Share on other sites