Jump to content
  • Sign Up

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2021 e Tour de France 2021sono finalmente disponibili
Leggi di più

Hai già scoperto i nostri tutorial?

Come sottoscrivo una mod su Steam? Come modifico un database? Come posso creare una maglia personalizzata? Per queste ed altre domande visita la nostra sezione tutorial!
Tutorial

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

La nostra RECENSIONE di Pro Cycling Manager 2020

Leggi e guarda la nostra recensione di Pro Cycling Manager 2020, a cura di BubbaDJ
Leggi di più

E se Lance non c'è...


Recommended Posts

Milano, 22 Marzo 2010

Annunciate le 20 squadre che prenderanno via il Giro.

Escluse le francesi. Assicurata la presenza di moltissimi big.

Angelo Zomegnan l'aveva detto chiaramente in questi mesi: chi non è meritevole del Giro non prenderà il via. In molti avevano pensato a dichiarazioni minacciose verso alcuni team rei di snobbare la corsa rosa. Altri invece ritenevano sicure le esclusioni di squadre con casi doping interni o di ciclisti sospetti. Oggi i veli sono stati scoperti e le 20 squadre sono state annunciate. Impensabile alla vigilia l'esclusione delle francesi, tutte bocciate per scarsità di roster proposto. E' innegabile che il solo Moncoutiè, od il solo Gadret non può giustificare la presenza di nove corridori chiosa subito Zomegnan. Tra un leader francese ed un leader italiano scelgo quello italiano. Questo leader è Riccardo Riccò. Il Cobra (così soprannominato da anni, ndr) è appena tornato da una squalifica di 18 mesi dopo la positività al Tour de France 2008. Zomegnan ha capito inoltre che può essere un personaggio importante in questo Giro. Zomegnan commenta: Oltre a Riccò è anche in premio alla carriera per Noè, che chiuderà così la carriera. Inoltre non scordiamoci di Caruso ed Enrico Rossi. Presenza confermata anche per la Radioshack. Nonostante Lance Armstrong non parteciperà (e molto probabilmente il fido Leipheimer) ci sarà sicuramente uno tra Kloden o Brajkovic mentre è certa la presenza di Popovich, 3° al Giro 2003.

imageflyaspx.jpg

Il patron del Giro Angelo Zomegnan, 55 anni.

Numero uno sarà l'iridato Cadel Evans, nonostante sia data quasi per certa la presenza nelle file della Rabobank di Denis Menchov, campione in carica della corsa rosa. E' una scelta per sottolineare che finalmente un campione del mondo punterà alla vittoria del Giro dopo Bugno sottolinea ancora il patron.

Non trova invece spazio la ISD (per la tristezza di Gigi Sbarbozza, che quest'anno deve trovare un nuovo bersdaglio) del vulcanico Luca Scinto che commenta: Abbiamo acquistato quest'anno un gran corridore come Rujano. Abbiamo un corridore come Visconti che potrebbe vincere corse molto più importanti se ne avesse l'occasione e come roster siamo superiori a molte squadre presenti. Noi l'anno scorso abbiamo onorato il Giro dal primo all'ultimo giorno. Quest'anno è il Giro che non ci onora.

Elenco ufficiale dei team:

BMC Racing Team

Liquigas

Team Saxo Bank

Cervélo Test Team

Caisse d'Epargne

Rabobank

Astana

Sky Professional Cycling Team

Team RadioShack

Lampre - Farnese Vini

Androni Giocattoli - Serramenti PVC Diquigiovanni

OmegaPharma - Lotto

Acqua & Sapone - D'Angelo & Antenucci

Team HTC - Columbia

Quick Step

Ceramica Flaminia - Bossini Docce

Vacansoleil Pro Cycling Team

Garmin - Transitions

Team Katusha

Colnago - CSF Inox

Link to comment
Share on other sites

Milano, 07 Aprile 2010

Ufficiale: Caruso lascia la Flaminia. Destinazione Katusha.

Il siciliano sceglie di correre in proprio per poter dimostrare il suo valore.

La notizia è di quelle che non ti aspetti. In uno sport come il ciclismo è estremamente raro vedere cambiamenti di casacca durante la stagione. Oggi abbiamo avuto il classico caso dell'eccezione. Giampaolo Caruso, 30 anni ad Agosto e reduce della famosa Operación Puerto, decide di tornare a correre come leader al Giro d'Italia (miglior piazzamento 12° al Giro 2006, ndr) nella sua prima occasione di tornare a correre la corsa rosa dopo la squalifica dovuta al coinvolgimento dell'inchiesta spagnola sopra citata. La Katusha si è ritrovata di fronte al rifiuto di Karpets di prendere il via da Amsterdam e così è riuscita ad ingaggiare il siciliano. Soddisfatto il corridore: Quest'occasione la aspetto da quattro anni, posso dire la mia e sono contento di correre insieme al mio amico e conterraneo Napolitano. C'è chi pensa che Caruso ha avuto problemi a stare in squadra con un ego importante come quello di Riccò. Riccardo è una persona straordinaria ed ha capito l'occasione che mi è capitata. Anzi, forse è uno di quelli che mi capisce meglio, visti i nostri trascorsi simili.

giampaolocaruso.jpg

Giampaolo Caruso, nato ad Avola il 15 Agosto 1980

Intervistato sulla vicenda, Riccò conferma ciò che ha detto Caruso. Lo capisco perchè sono due anni che aspetto la stessa cosa. Auguro a Giampaolo il meglio possibile ma al Giro lo staccherò.

Link to comment
Share on other sites

Amsterdam, 06/05/2010

La Gazzetta dello Sport, organizzatrice del Giro d'Italia, comunica la lista dei partenti della corsa rosa 2010.

BMC Racing Team

1. C.Evans

2. M.Fraink

3. A.Kristoff

4. A.Moos

5. J.Murphy

6. S.Nydam

7. M.Santambrogio

8. F.Stalder

9. D.Wyss

Liquigas

11. I.Basso

12. D.Bennati

13. F.Chicchi

14. T.Dall'Antonia

15. J.Guarnieri

16. F.Sabatini

17. A.Vanotti

18. E.Viviani

19. F.Willems

Team Saxo Bank

21. A.Schleck

22. J.J.Haedo

23. L.S.Haedo

24. F.Hoj

25. D.Klemme

26. G.Larsson

27. F.Schleck

28. C.A.Sørensen

29. N.Sørensen

Cervélo Test Team

31. C.Sastre

32. D.Appollonio

33. T.Bos

34. V.Gustov

35. J.Hunt

36. T.Hushovd

37. A.Klier

38. I.Konovalovas

39. D.Rollin

Caisse d'Epargne

41. A.Valverde

42. M.Bruseghin

43. R.A.Costa

44. A.Coyot

45. M.Drujon

46. J.I.Gutierrez

47. V.Kiryienka

48. J.M.Soler

49. R.Uran

Rabobank

51. D.Menchov

52. M.Ardila

53. S.Clement

54. O.Freire

55. T.Leezer

56. K.Moerenhout

57. B.Mollema

58. J.Posthuma

59. L.Ten Dam

Astana

61. A.Vinokourov

62. A.Bazayev

63. A.Davis

64. E.Gasparotto

65. A.Grivko

66. M.Iglinskiy

67. V.Iglinskiy

68. J.Jufre.P

69. P.Tiralongo

Sky Professional Cycling Team

71. B.Wiggins

72. D.Cioni

73. R.Downing

74. M.Hayman

75. G.Henderson

76. S.Pauwels

77. M.Possoni

78. B.Swift

79. D.Vigano

Team RadioShack

81. J.Brajkovic

82. M.Irizar.A

83. T.J.P.Machado

84. J.McCartney

85. D.Muravyev

86. S.Paulinho

87. Y.Popovych

88. G.Rast

89. T.Vaitkus

Lampre - Farnese Vini

91. D.Cunego

92. A.Furlan

93. F.Gavazzi

94. D.Hondo

95. M.Lorenzetto

96. M.Marzano

97. A.Petacchi

98. D.Pietropolli

99. M.Sapa

Androni Giocattoli - Serramenti PVC Diquigiovanni

101. M.Scarponi

102. L.Bertagnolli

103. R.Bertogliati

104. A.Bertolini

105. F.Ginanni

106. A.Loddo

107. C.J.Ochoa

108. J.Serpa

109. F.Taborre

OmegaPharma - Lotto

111. J.Van den Broeck

112. F.De Greef

113. K.Dehaes

114. M.Delage

115. M.Lloyd

116. G.Löwik

117. J.Roelandts

118. G.Van Avermaet

119. J.Vanendert

Acqua & Sapone - D'Angelo & Antenucci

121. S.Garzelli

122. M.Cadol

123. F.Failli

124. R.Marzoli

125. A.Masciarelli

126. F.Masciarelli

127. W.Miholjevic

128. G.Palumbo

129. L.Paolini

Team HTC - Columbia

131. M.Pinotti

132. L.Y.Bak

133. B.Grabsch

134. M.Renshaw

135. V.Reynès

136. H.Roulston

137. M.Sieberg

138. K.Siutsou

139. P.Velits

Quick Step

141. D.Cataldo

142. D.Devenyns

143. I.Keisse

144. D.Malacarne

145. F.Reda

146. B.Samoilau

147. K.Seeldraeyers

148. J.Van De Walle

149. M.Wynants

Ceramica Flaminia - Bossini Docce

151. R.Riccò

152. S.Anza

153. P.Bailetti

154. R.Belohvosciks

155. D.Cannone

156. D.Colli

157. L.Giordani

158. A.Noe

159. E.Rossi

Vacansoleil Pro Cycling Team

161. M.Carrara

162. B.Bozic

163. R.Feillu

164. S.Lagutin

165. M.Marcato

166. W.Mol

167. M.Mortensen

168. A.Ongarato

169. A.Van Groen

Garmin - Transitions

171. F.Kessiakoff

172. T.Danielson

173. M.Fischer

174. M.Kreder

175. T.Lowe

176. D.Martin

177. D.Pate

178. S.Tuft

179. M.Wilson

Team Katusha

181. G.Caruso

182. M.Bandiera

183. A.Botcharov

184. D.Galimzyanov

185. M.Ignatiev

186. M.Khalilov

187. D.Napolitano

188. N.Trussov

189. E.Vorganov

Colnago - CSF Inox

191. D.Pozzovivo

192. M.Belletti

193. A.Bisolti

194. M.Frapporti

195. S.Modolo

196. M.Pavarin

197. F.Savini

198. S.Stortoni

199. E.Zen

Link to comment
Share on other sites

Analisi dei Favoriti (Parte 1)

1° Ivan Basso

ivanbassobacialacoppade.jpg

Miglior piazzamento: 1° (2006)

Ultima volta: 4° (2009)

Ivan "il Terribile" è pronto per tornare ai fasti del 2006 dopo il ritorno alle corse dell'anno scorso, intenzionato come non mai a riprendersi ciò che è stato suo. Il problema grosso è che non è più il corridore di 4 anni fa, ma ci si avvicina come prestazioni generali.

2° Cadel Evans

evans1.jpg

Miglior piazzamento: 14° (2002)

Ultima volta: 14° (2002)

La maglia iridata sembra aver giovato, e molto, ad un corridore a cui è spesso mancato il quid decisivo per poter vincere (Freccia Vallone). Torna dopo il 2002: maglia rosa tenuta per un giorno dopo una bruttissima crisi per salire a Folgaria/Passo Coe.

3° Andy Schleck

39147418.jpg

Miglior piazzamento: 2° (2007)

Ultima volta: 2° (2007)

Il Giro 2007 l'ha lanciato tra i big, il Tour 2009 lo ha confermato: battuto soltanto da Contador. Contador però non c'è al Giro. Temiamo però che sia venuto per prepararsi al Tour ma come abilità potrebbe tranquillamente vincerlo.

4° Denis Menchov

denismenchovmagliarosa.jpg

Miglior piazzamento: 1° (2009)

Ultima volta: 1° (2009)

Torna da campione in carica e per questo dovrebbe essere il favorito. Non si arrabbi: la concorrenza è superiore quest'anno. Riuscirà a sbaragliarla il russo di Pamplona, capace di vincere anche due Vuelte?

5° Alexandre Vinokourov

alexandrevinokourovasta.jpg

Miglior piazzamento: n.d.

Ultima volta: n.d.

Per lui vale lo stesso discorso di Basso riguardo ai benefici dell'anno in più: quest'anno ha già vinto la seconda Liegi della sua carriera. Sembra essere il solito guerriero. Sarà la mina vagante dello schieramento.

Link to comment
Share on other sites

Analisi dei Favoriti (Parte 2)

Dopo l'analisi dei probabili top five, continuiamo l'analisi di quei corridori che puntano ad un piazzamento nei 10. Iniziamo da due spagnoli. Entrambi hanno vinto un GT nella loro carriera e sono desiderosi di aggiungere una tacca in più. Uno è Carlos Sastre, vincitore nel 2008 del Tour de France. Il percorso gli si addice e molto ma è da quell'Alpe d'Huez che lo consacrò maglia gialla che non vediamo una sua magia in salita. Però sembra desideroso di farsi valere ancora una volta. L'altro è Alejandro Valverde. L'Embatido ha già battuto molti dei protagonisti alla Vuelta 2009 e punta a ripetersi. Ma il percorso non sembra molto adatto al murciano.

Il terzo outsider di cui parleremo è Frank Schleck. Il fratellone del Lussemburgo potrebbe dire la sua, ma la presenza del fratello è sempre un'incognita. Chi dei due si sacrificherà per l'altro? Sperando non si aspettino come al Tour 2009.

I prossimi da citare sono due italiani che corrono in squadre professional. Stefano Garzelli ha già vinto un Giro, ma ormai sono passati 10 anni. La maglia verde dell'anno scorso e la vittoria alla Tirreno l'hanno rilanciato nel ciclismo che conta e per questo 2010 ritorna il sogno rosa. Michele Scarponi è invece lo sconfitto della Tirreno, ma lui è più uomo da salite dure rispetto a Garzelli. Anche per lui il sogno rosa è molto forte.

Tra i due italiani del Continental all'eterna promessa del ciclismo italiano. Strano però parlare di eterna promessa di uno che ha vinto un Giro nel 2004, tre Lombardia ed un'Amstel. Ma Damiano Cunego è così. Si è creato un immaginario di corridore dal quale difficilmente la gente riesce a staccarsi pensando al Principino di Cerro Veronese.

L'ultimo, ma non il meno importante, è un corridore che ha sempre diviso la gente e che tornerà al Giro dopo 18 mesi di squalifica. Nel 2008 arrivò secondo dietro a Contador che quell'anno, oltre al solito Pistolero, si guadagnò l'epiteto di Bagnino. Parliamo di Riccardo Riccò. Un carattere fortissimo, e delle qualità di scalatore eccellenti. Riusciranno queste qualità a sconfiggere l'inevitabile ruggine di uno stop così lungo?

Link to comment
Share on other sites

1a tappa: Amsterdam-Amsterdam ITT 8,4Km

Prende il via il Giro d'Italia da quel di Amsterdam con una cronometro individuale sulle strade della Venezia del Nord. L'arrivo è posto davanti allo stadio dell'Ajax, l'Amsterdam Arena. Dopo la prima serie di corridori poco interessanti il miglior tempo è di Matthew Wilson della Garmin. Tempo da battere 11"50. Non un tempone in effetti, anzi sarà battuto da molti.

Il primo contendente serio di questo prologo è il canadese Svein Tuft, anch'egli della Garmin - Transitions.

tuft.png

Svein Tuft con la sua divisa di campione nazionale.

Si vede già dall'inizio che la sua è una pedalata di ben altro spessore rispetto a chi lo ha preceduto. Il suo tempo sul traguardo è di 11"32, 18 secondi meglio del suo compagno di squadra.

Il trono di leader del canadese dura ben poco, fino al turno di Joost Posthuma. L'olandese ci tiene particolarmente a vincere in casa e sarebbe un successo importante anche per la squadra.

posthuma.png

Joost Posthuma difende i colori di una nazione intera oggi.

E' andato come un treno l'olandese. 11"25 il suo tempo finale. Rifilare 7 secondi ad uno specialista come Tuft dev'essere motivo d'orgoglio.

Il primato di Posthuma si protae da molto tempo: manchano 27 corriori sul traguardo. Ma ci sono ancora tutti i big pronti a lottare con il coltello tra i denti per guadagnare qualche secondo utile.

Attenzione perché Thor Hushovd ci comunicano aver stampato il miglior intertempo. Vuole conquistare la prima rosa e tenerla anche a lungo, lui che è una ruota veloce.

hushovd.png

La determinazione di Thor Hushovd, desideroso come mai di indossare la maglia rosa.

11"21. Thor Hushovd è il nuovo leader della corsa. Finito il sogno di Posthuma, quello di indossare la rosa sulle strade di casa, inizia quello del norvegese.

Scendono i big ma nessuno riesce a miglorare la prestazione. Ci si avvicinano in molti ma non basta avvicinarsi oggi. Thor Hushovd è la prima maglia rosa del Giro d'Italia 2010.

podio.png

La gioia è tutta per lo sprinter norvegese oggi.

Classifica di tappa (primi 20):

1 Thor Hushovd CTT 11"21

2 Gustav Larsson SAX +1

3 Alejandro Valverde GCE s.t.

4 Bert Grabsch THR +3

5 Joost Posthuma RAB +4

6 Janez Brajkovic RSH s.t.

7 Ivan Basso LIQ +5

8 Cadel Evans BMC +7

9 Marco Pinotti THR +8

10 José Iván Gutierrez GCE s.t.

11 Mikhail Ignatiev KAT s.t.

12 Bradley Wiggins SKY +9

13 Marzio Bruseghin GCE +10

14 Alexandre Vinokourov AST s.t.

15 Lars Ytting Bak THR s.t.

16 Svein Tuft GRM +11

17 Stef Clement RAB s.t.

18 Denis Menchov RAB +13

19 Gregory Henderson SKY +14

20 Yaroslav Popovich RSH +15

(Contenders per la maglia rosa finale)

25 tefano Garzelli ASA +17

33 Jurgen Van den Broeck OLO +21

43 Michele Scarponi AND +25

44 Damiano Cunego LAM +26

95 Andy Schleck SAX +41

108 Riccardo Riccò FLM +44

109 Fränk Schleck SAX s.t.

(Gli altri Radioshack)

23 Gregory Rast RSH +17

28 Markel Irizar RSH +18

31 Tomas Vaitkus RSH +20

32 Tiago Machado RSH s.t.

48 Sergio Paulinho RSH +27

97 Jason McCartney RSH +41

180 Dmitriy Muravyev RSH +1"08

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...