Jump to content

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

Disponibile Pro Cycling Manager 2024

Pro Cycling Manager 2024 e Tour de France 2024 sono finalmente disponibili
Leggi di più

Un sogno chiamato Africa


Recommended Posts

Avevo 6 anni quando andai in vacanza con i miei genitori in Kenya, lo ricordo come se fosse ieri anche a distanza di anni e anni, ricordo che giocavo con dei bambini del posto e anche se la lingua non era la stessa, il colore della pelle non era lo stesso c'era un forte legame, ricordo che ridevamo, giocavamo anche senza non conoscerci, era la nostra innocenza che ci univa, quando sei bambino non pensi, non hai problemi pensi solo a divertirti giocando, ridendo ecc ...

Purtroppo ricordo anche la povertà della gente che viveva in tenda, baracche, per strada, in un primo momento non è che me ne importasse molto perché ero solo un bambino ma a distanza di anni ho capito che quella era una brutta situazione, dove la gente non aveva cibo, posti di lavoro, interessi, insomma non avevano nulla, poi in Italia ci lamentiamo che c'è la crisi ma andiamo in quei posti e vediamo cosa significa farsi il mazzo tanto. Poi noi in Italia abbiamo tanti interessi, abbiamo computer, televisioni, il calcio insomma abbiamo tutto rispetto a loro, invece loro cosa hanno se la televisione, internet e robe varie non se lo possono permettere, non hanno nemmeno uno sport sulla quale contare e per questo che ho deciso di voler mettere insieme le cose e formare una squadra di ciclismo per provare a far sognare, con poco, questa popolazione.

Continua ...

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 110
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Ero molto fiducioso e quest'idea mi dava tanto entusiasmo e cosi decisi di passare dalle parole ai fatti e cosi chiamai Phuthuma Nhleko, presidente e amministratore delegato della nota compagnia telefonica sudafricana MTN phuthuma.jpg e riuscii ad avere un incontro con lui nella sede del suo ufficio a Johannesburg.

Già in passato tanti avevano avuto contatti con Phuthuma Nhleko ma senza alcun successo, io ero determinato ed entrai, nel suo ufficio di Johannesburg, a testa alta nella speranza di avere il suo appoggio economico.

Continua ...

Link to comment
Share on other sites

Erano mesi che pensavo a questa story. Non è possibile. L'avevo già programmata tutta nella mia testa. Cosa dire, cosa far succedere, quali ciclisti ingaggiare, che sponsor e come chiamare la story. Ma sono stato fregato sul tempo. :roll::cry2: :cry2:

Link to comment
Share on other sites

Entrai nell'ufficio e vidi Phuthuma Nhleko insieme a 2 suoi collaboratori e cominciammo a parlare di questo progetto...

I collaboratori di Phuthuma Nhleko mi chiesero come volevo fare questa squadra con dei corridori forti, con dei corridori che hanno un alto ingaggio, io dissi che non avevo bisogno di tanti soldi perché il mio intendo è di costruire una squadra con pochi soldi, equilibrata, competitiva su tutti i terreni in pianura, salita, collina ecc... ma sopratutto una squadra dove c'è lo spirito dove si fa gruppo dove ci si aiuta a vicenda...

Phuthuma Nhleko cominciava a crederci e cosi mi disse che mi avrebbe fatto sapere, speriamo bene :rolleyes:

Continua ...

Link to comment
Share on other sites

L'ansia era alle stelle, aspettavo una chiamata passarono minuti, giorni, settimane e finalmente dopo tanta sofferenza arrivò la chiamata tanto attesa di Phuthuma Nhleko e mi disse che voleva vedermi sempre nel suo ufficio a Johannesburg nella sede della MTN, chissà forse ero riuscito a convincerlo, non lo so, so solo che ero molto emozionato e qualunque decisione avesse preso sarebbe stata da rispettare perché non sono un direttore sportivo di grande esperienza e poi sicuramente al giorno d'oggi i finanziatori vogliono garanzie per il futuro e sicuramente non avrei potuto dargliene perché ero un giovane direttore sportivo di buona famiglia con tanti sogni nel cassetto, ma qualunque decisione avesse preso l'avrei accettata senza contestazioni, l'importante è averci provato :smilie_daumenpos:

Continua ...

Link to comment
Share on other sites

Entrai nell'ufficio e seduti al tavolo c'erano al centro Phuthuma Nhleko e accanto a lui ben 4 collaboratori 2 alla sua sinistra e 2 alla sua destra. Io senza alcun timore entrai nell'ufficio ma notai subito che c'era un'atmosfera molto tesa e già mi sentivo che sarebbe accaduto qualcosa, qualcosa di negativo.

Cominciammo a parlare ma subito Phuthuma Nhleko disse che non era interessato a questo progetto, voleva investire i suoi soldi in altri sport come il calcio, il basket, il baseball ma al ciclismo non era interessato, ma poi Phuthuma Nhleko disse con un tono molto alto che non mi avrebbe mai dato i soldi perché vuole un direttore sportivo vincente che fa tutto per vincere non uno che non ha esperienza e che vuole fare gruppo. Dopo questa frase mi alzai dalla sedia e uscii a testa bassa dall'ufficio senza dire una parola, la cosa più umiliante era sentire ridere i collaboratori di Phuthuma Nhleko non appena ero uscito dall'ufficio insomma una cosa umiliante, mi diressi verso l'aeroporto di Johannesburg, avevo un po di malinconia ma avevo promesso a me stesso che un giorno sarei tornato e che avrei avuto la mia rivincita.

Continua ...

Link to comment
Share on other sites

Tornai in Italia dopo un viaggio lungo e noioso, ma non ero affatto pentito di quel che avevo fatto anzi ero soddisfatto perché ci avevo provato ma era andata male, però un conto è dire no e un altro e umiliarmi e questo non potevo proprio accettarlo era stata un umiliazione molto grande da digerire ci sarebbe voluto del tempo e per questo decisi di stare nella mia casa in provincia di Roma per riflettere su cosa avrei voluto fare.

Continua ...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.



×
×
  • Create New...