Jump to content
  • Sign Up

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2021 e Tour de France 2021sono finalmente disponibili
Leggi di più

Hai già scoperto i nostri tutorial?

Come sottoscrivo una mod su Steam? Come modifico un database? Come posso creare una maglia personalizzata? Per queste ed altre domande visita la nostra sezione tutorial!
Tutorial

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

La nostra RECENSIONE di Pro Cycling Manager 2020

Leggi e guarda la nostra recensione di Pro Cycling Manager 2020, a cura di BubbaDJ
Leggi di più

[Story PCM 2011] Un paesino capitale del ciclismo mondiale!


Recommended Posts

10/11/2010

Era Novembre, iniziava quel periodo del “non so che fare”, niente ciclismo in TV e nessuna possibilità di uscire in bici causa maltempo. Avevo sentito che nel mio piccolo paese qualcuno era stato baciato dalla fortuna e aveva vinto una grossa somma in denaro, ma ignoravo chi fosse, fino a quel giorno…

Il telefono squillò più di una volta, non avevo voglia nemmeno di alzarmi per andare a rispondere, mi feci forza e arrivai alla cornetta:

“Pronto”…

Mister X: “ Parlo con Roberto?”

“Si sono io, chi è?”

Mister X: “ Non ha importanza chi sono io, ho una proposta da farle”

“Che significa? È uno scherzo?”

Mister X: “Nessuno scherzo, voglio solo proporle un lavoro, so che non se la passa bene in questo periodo..”

“Ma che storia è questa? Chi le ha detto questo?”

Mister X: “Diciamo che ho i miei informatori….Comunque passiamo alle cose serie…..sono un appassionato di ciclismo e ho qualche soldo (ride) da investire..”

“E con ciò?”

Mister X: “Voglio creare un nuovo team professionistico e voglio iscriverlo già da adesso per Gennaio”

“Non riesco a capire cosa c’entro io in tutta questa storia”

Mister X: “Semplice, ho saputo che lei ha fatto il DS per alcune squadre dilettantistiche e io voglio darle la possibilità di entrare nel mondo del ciclismo professionistico, tra l’altro lei è del mio stesso paese ed è proprio da qui che voglio cominciare”

“Cosa? Tutto così all’improvviso?”

Mister X: “Diciamo che i fondi li ho da poco. Do per scontato che lei accetti l’incarico, domani manderò a trovarla uno dei miei collaboratori così discuterete dei dettagli”

“Viene a trovarmi? Ma come sa dove….ah…vero, i suoi informatori. Posso sapere il suo nome ora?”

Mister X: “ Non ha importanza, a presto sig. Roberto”

“A presto”.

Incredibile, possibile che il mio più grande sogno stava per realizzarsi? Avrei veramente potuto gestire una squadra professionistica di ciclismo? Passai una notte insonne, non vedevo l’ora che il collaboratore di quel misterioso uomo mi mostrasse i dettagli del progetto.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 408
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Questa è la mia prima esperienza con una "story" riguardante PCM, voglio farla ed imparare anche perché questa è la sezione del forum che più mi piace e che seguo di più.

Non sono un grande utilizzatore del pc e sono sprovvisto di programmi per immagini e roba varia quindi probabilmente qui non troverete tutte le cose belle che potete trovare nelle altre story :P.

Difficoltà di gioco estremo - manageriale difficile - packdaily v 1.0

Link to comment
Share on other sites

11/11/2010

Il collaboratore non si fece di certo attendere, si presentò come tale Mario Gonzàlez, un ragazzone spagnolo alto più o meno 185cm, il pantalone attillato lasciava intravedere una possente muscolatura alle gambe, una muscolatura da ciclista. Mi spiegò brevemente quelle che erano le disponibilità della “Mignano Ciclistica”, si, così si sarebbe chiamata la squadra, Mignano che era poi anche il mio paese.

Mario Gonzàlez: “Ah, quasi dimenticavo, c’è una condizione”

Roberto: “Sentiamola”

Mario Gonzàlez: “Il patron vuole che nella squadra corra un suo amico”

Roberto: “Un suo amico? E chi è? Devo prima vederlo correre, non posso mettere in squadra pesi morti, qui si corre tra i professionisti!!!”

Mario Gonzàlez: “Sono io il suo amico. Avrà modo di vedermi correre, deciderà lei se portarmi o meno in squadra, non voglio costringere nessuno. In ogni caso ho solo 18 anni e devo crescere, la mia specialità sono le crono, anche se so benissimo che non ho molte chance di sfondare eheh”

Roberto: “Quindi tu sei amico del patron? Cosa mi dici di lui?”

Mario Gonzàlez: “Già, si chiama Francesco Simone, è un suo compaesano, ha lasciato il paese da giovane per venire a lavorare in Spagna, siamo tornati in Italia da poco e diciamo che la fortuna ci ha aiutati. Ora in un solo colpo possiamo esaudire i nostri desideri, lui avrà una squadra di ciclismo ed io correrò tra i professionisti…..mi sento di aggiungere alla lista anche lei che finalmente lavorerà nel ciclismo che conta”

Roberto: “Puoi dirlo forte ragazzo”

Mario Gonzàlez: “Le disponibilità gliel’ho dette, ha una ventina di giorni per completare il roster, Francesco ha intenzione di presentare la squadra entro e non oltre il 10 Dicembre. La contatterà in serata per metterla a conoscenza di alcune sue amicizie, se sono corridori che le piacciono correranno per noi. Come ci siamo già detti vogliamo investire molto su giovani italiani”

Roberto: “Perfetto, mi metto subito all’opera. Ci vediamo presto Mario”

Mario Gonzàlez: “Arrivederci sig. Roberto”

Link to comment
Share on other sites

Mi misi subito all’opera, la mia esperienza nei dilettanti mi aveva fatto conoscere diversi giovani corridori che si stavamo affermando nei professionisti, tra l’altro il sig. Simone voleva investire nei giovani e così avremmo fatto. Il mio obiettivo era quello di arrivare a 25 ciclisti, in modo da poter coprire tranquillamente la stagione facendo svariate corse e senza dovermi preoccupare troppo per eventuali infortuni.

Le disponibilità c’erano ma non mi sembrava il caso di prendere corridori che chiedessero troppo, volevo una squadra equilibrata, avrei preferito avere dieci corridori dello stesso livello che non uno di gran lunga superiore agli altri, perché bruciarmi l’intero budget per un ottimo corridore quando con gli stessi soldi avrei potuto ingaggiarne cinque buoni? Poi si trattava di giovani, avrebbero avuto modo di crescere, tra l’altro l’obiettivo non era quello di vincere nell’immediato ma di crescere gradualmente.

Penso di aver speso più soldi di telefono in quei giorni che in tutta la mia vita. Alcuni corridori contattati avevamo appena rinnovato il contratto con le rispettive squadre, dovetti così incassare diversi “no”, altri invece rimasero entusiasmati dall’offerta propostagli e accettarono con piacere. Il roster pian piano prendeva forma.

La presentazione era prevista per il 10 dicembre, il sig. Simone rimase stupefatto quando già il 1 dicembre gli comunicai il roster definitivo.

rosterh.jpg

Link to comment
Share on other sites

10/12/2010 – PRESENTAZIONE

Presentatore: “Buona sera signori e signore, benvenuti al palazzetto dello sport di Mignano, fra qualche istante avrà inizio la presentazione della Mignano Ciclistica, la nuova squadra professionistica di ciclismo fortemente voluta dal sig. Francesco Simone! Buona sera Presidente!”

Francesco Simone: “Buona sera a lei e buona sera a tutti voi! Vi sono immensamente grato per la vostra presenza qui stasera.”

Presentatore: “Allora presidente, come è nata l’idea della Mignano Ciclistica?”

Francesco Simone: “Beh sono un appassionato di ciclismo di vecchia data, il mio sogno da bambino era quello di correre tra i professionisti ma, purtroppo, non ho potuto realizzarlo. Come sapete ho avuto la fortuna di vincere una grossa somma in denaro ultimamente, ho voluto, quindi, investire parte di quella vincita in una squadra di ciclismo, una squadra che portasse il nome del mio paese natale, da qui la Mignano Ciclistica.”

Presentatore: “Come mai la scelta di Roberto come DS della squadra?”

Francesco Simone: “Non basta dare alla squadra il nome del tuo paese per far vivere e seguire il ciclismo con passione ai tuoi paesani, ma devi partire dal paese anche con i tuoi collaboratori. Forse lui non ricorda ma io conoscevo la famiglia di Roberto quando ancora era piccolo, poi ha avuto diverse esperienze nei dilettanti e ha lavorato molto bene con i giovani. Noi è dai giovani che vogliamo partite e lui è la persona giusta per gestirli al meglio.”

Presentatore: “Grazie mille presidente. Visto che ne abbiamo parlato, chiamiamo sul palco il DS della squadra, il sig. Roberto!!!”

Roberto: “Buona sera a tutti!”

Presentatore: “Abbiamo sentito le prime parole di elogio nei suoi confronti da parte del presidente, che ci dice del vostro rapporto ma soprattutto cosa ci dice di questa nuova avventura?”

Roberto: “ Il presidente è una persona fantastica, gli sarò infinitamente grato per l’opportunità che mi sta concedendo, mi sta facendo lavorare con la massima libertà e tranquillità, sicuramente questo influirà positivamente sul lavoro che faremo. Il nostro obiettivo è quello di puntare sui giovani, soprattutto italiani come potete vedere dal roster. Il primo anno sarà di ambientamento, difficilmente centreremo la promozione ma dall’anno prossimo si comincerà a fare sul serio.”

Presentatore: “Bene, allora vogliamo fare il nome di qualche corridore di riferimento?”

Roberto: “ Certamente. Ovviamente cercheremo di fare bene in tutte le corse che affronteremo e in base alla forma dei corridori decideremo su chi puntare. Cataldo, Poels e Capecchi sono sicuramente i punti di riferimento per le corse a tappe, per le corse di un giorno abbiamo l’imbarazzo della scelta e abbiamo la possibilità di giocarci anche le crono.”

Presentatore: “Quello che si dice un roster completo.”

Roberto: “Proprio così”.

Presentatore: “ Bene, grazie anche a lei Roberto. Ora chiudiamo la serata con qualche domanda a uno dei protagonisti e capitani della squadra, Cataldo!”

Cataldo: “Salve.”

Presentatore: “ Allora Dario, cosa ti ha spinto ad accettare la proposta della Mignano Ciclistica?”

Cataldo: “Beh innanzitutto hanno voluto puntare fortemente su di me e questo non può far altro che lusingarmi, poi il progetto è ambizioso e si sposa perfettamente con quello che è il mio modo di vedere il ciclismo”.

Presentatore: “Quali saranno le corse alle quali punterai?”

Cataldo: “E’ difficile dirlo ora, siamo una nuova squadra e non sappiamo quali corse avremo la possibilità di correre, tutto dipenderà dalle Wild Card che riusciremo ad ottenere.”

Presentatore: “Dobbiamo aspettarci una tua grande stagione?”

Cataldo: “Lo spero, posso solo dire che ce la metterò tutta.”

Presentatore: “Grazie Dario. Bene siamo giunti al termine di questa fantastica serata, non resta che darci appuntamento a gennaio per vedere all’opera i nostri nuovi “idoli”. Buona fortuna alla Mignano Ciclistica e buona notte a tutti voi!”

Link to comment
Share on other sites

A fine anno, come promesso, testo il valore di Mario Gonzàlez. E’ un ragazzo molto sincero, sa benissimo che non potrà di certo sfondare ma vuole in ogni caso avverare il suo sogno, vuole correre ed è determinato. Lo prendo in squadra, magari, in futuro, qualche crono potrà giocarsela.

gonzlez.jpg

Link to comment
Share on other sites

A fine anno, come promesso, testo il valore di Mario Gonzàlez. E’ un ragazzo molto sincero, sa benissimo che non potrà di certo sfondare ma vuole in ogni caso avverare il suo sogno, vuole correre ed è determinato. Lo prendo in squadra, magari, in futuro, qualche crono potrà giocarsela.

gonzlez.jpg

Magari un prologo

Link to comment
Share on other sites