Jump to content
  • Sign Up

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2021 e Tour de France 2021sono finalmente disponibili
Leggi di più

Hai già scoperto i nostri tutorial?

Come sottoscrivo una mod su Steam? Come modifico un database? Come posso creare una maglia personalizzata? Per queste ed altre domande visita la nostra sezione tutorial!
Tutorial

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

La nostra RECENSIONE di Pro Cycling Manager 2020

Leggi e guarda la nostra recensione di Pro Cycling Manager 2020, a cura di BubbaDJ
Leggi di più

[UCI Race] - News Fuoristrada


aitor

Recommended Posts

veldriteerdezdenekstyba.jpg
Zdenek Stybar, campione del mondo

Ragazzi, ecco che apro un topic per parlare un po' di fuoristrada (MTB e ciclocross), 2 sport veramente belli da vedere (logico che in Italia riuscire a vederli è veramente un terno al lotto). In questo periodo si sta svolgendo la coppa del mondo di ciclocross con Stybar netto dominatore.
Ecco un video che mostra cosa sono le gare di ciclocross fuori dai nostri confini calcistici:

Mi è capitato di vederne una in tv e devo dire che è uno sport veramente bello (da vedere naturalmente visto che molto spesso corrono con il fango e con temperatura veramente frescoline essendo uno sport invernale).

I campionati mondiali si svolgeranno in Germania il 30 Gennaio. Vediamo se ci sono amanti del fuoristrada.
Link to comment
Share on other sites

  • Replies 63
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Stupendo il ciclocross.. Quest'anno avevo idea di cominciare a correre anche il cx, ma ormai è troppo tardi.. Stybar sembra inarrestabile per ora, speriamo non faccia come Albert che dopo un inizio strepitoso l'anno scorso è calato..

Link to comment
Share on other sites

In Italia il ciclocross non lo fa vedere nessuno. La mtb solo piccole corse ma principalmente granfondo che non farebbero parte della disciplina olimpica della MTB, che è l'XC, dove sono tutt'altro genere di gare. La strada resiste ancora ma solo grazie al giro d'italia perchè se fosse per le altre corse una persona non vedrebbe molto ciclismo in tv.

Il ciclocross è uno sport molto particolare dove bisogna cominciare a praticarlo da giovani altrimenti si rimane tagliati fuori, e poi ha molti il correre col freddo e con il fango non piace, cosa che ai belgi riesce molto bene (anche se Stybar è cieco)

1a tappa di coppa del mondo dominata da Stybar, in fuga solitaria da metà gara:

2a tappa svoltasi oggi vinta sempre da Stybar grazie anche alla foratura all'ultimo giro di Pauwels. 10° il nostro Enrico Franzoi che corre per la squadra belga BKCP-Powerplus:

Link to comment
Share on other sites

  • Admininistrators

complimenti per il topic

Il ciclocross è uno sport molto particolare dove bisogna cominciare a praticarlo da giovani altrimenti si rimane tagliati fuori, e poi ha molti il correre col freddo e con il fango non piace, cosa che ai belgi riesce molto bene (anche se Stybar è cieco)

benvenuto nel topic delle H :lol:

Link to comment
Share on other sites

manteniamo serietà in questo topic per favore BubbaDJ..

In Australia si sta correndo il Crocodile Trophy che è una gara a tappe massacrante di mtb... tappa di oggi annullata per rispetto di un atleta master 3 (59anni) che è morto nella notte per arresto cardiaco..

Link to comment
Share on other sites

in quanti fanno questa domanda :biggrin: tra il ciclocross e la mtb cè una bella differenza.

La differenza sostanziale è che il ciclocross si corre con delle bici sostanzialmente da strada ma con le coperture naturalmente più larghe (vedi foto primo post), mentre in MTB si corre con una MTB :)

Poi il genere di gare in se, il ciclocross ha una durata di un'ora e quindi è difficile vedere ciclocrossisti buttarsi sulla strada, mentre le gare di MTB (naturalmente parlo di gare XC, cioè la disciplina olimpica dove da li arrivano tutti i vari rasmussen, evans etc e che nulla ha a che vedere con le gare marathon come il crocodile trophy che ha portato ad esempio quaranta) sono sempre a circuito come il ciclocross ma durano sulle 2ore10 con percorsi molto ma molto tecnici, se in mtb non sai andare in bici ti uccidi nelle gare di coppa del mondo, quindi è molto improbabile vedere stradisti che passano alla mtb, mentre il contrario è molto più frequente. Nel ciclocross comunque bisogna avere sempre una grande tecnica perchè saltare scalini e correre su sterrati con ruote appena più larghe di una bici da strada non è semplice.

Piccola annotazione, speriamo che Stybar e Albert restino nel ciclocross :happy: Stybar ogni tanto corre su strada ed ha già vinto qualche gara professionistica come il prologo al giro della slovacchia (logico che sono gare minori visto che non può partecipare ai grandi eventi)

Link to comment
Share on other sites

Stybar vorrebbe correre il Fiandre su strada.. con la giusta preparazione può far bene..

Si troverebbe però nello stesso stato di Franzoi, che non voleva abbandonare la Strada e dedicarsi al 100% al CicloCross. Non c'è attualmente un team che possa garantire questo, ad esclusione della Rabobank.

Link to comment
Share on other sites

Beh in teoria c'è la Landbouwkrediet che ha entrambe le attività (ciclocross e strada) e che permetterebbe di correre il Fiandre.

Si è vero ma bisogna vedere la questione inviti che il prossimo anno si preannuncia un casino, la Rabo darebbe senza dubbio più opportunità

Link to comment
Share on other sites

Si troverebbe però nello stesso stato di Franzoi, che non voleva abbandonare la Strada e dedicarsi al 100% al CicloCross. Non c'è attualmente un team che possa garantire questo, ad esclusione della Rabobank.

giusto bisogna sempre fare una scelta, o strada o ciclocross, non si può essere competitivi sia su 30km (come una gara di ciclocross) sia su 250km (come un giro delle fiandre). Poi non è detto che stybar vadi forte anche su strada perchè sono 2 sforzi completamente diversi, nei prologhi ok ma nelle corse in linea è un discorso di resistenza non di esplosività

Link to comment
Share on other sites

Ma guradate che molte squadre permettono di fare anche cx (vedi Bbox, Fdj, Liquigas con Franzoi) se Stybar vuole non avrebbe problemi a fare il Fiandre

Si ma si ritroverebbe senza squadra dopo, non sarà importante come sulla strada, ma avere un compagno non fa mai male

Link to comment
Share on other sites

CicloCross, la SunWeb non chiuderà

Attraverso un comunicato stampa, la SunWeb ha reso noto di aver esteso la sua partnership con il team di ciclocross SunWeb Revor fino alla fine del 2014, dato che il precedente contratto sarebbe scaduto alla fine del 2011. Confermando l'intenzione di rafforzare il proprio team per i prossimi anni si è assicurata, inoltre, oltre alla conferma della presenza di Klaas Vantornout attuale leader del team, la firma di uno dei grandi talenti del CicloCross mondiale, Kevin Pauwels, attualmente alla Telenet-Fidea.

Jurgen Mettepenningen, capo della struttura, accoglie felice questo rinnovo da parte dello sponsor: "E' una notizia importante per noi, avevamo ancora un contratto con la SunWeb fino al prossimo anno, ma ora hanno deciso di prorogare fino alla fine del 2014. Ora siamo una delle poche squadre di CicloCross con un futuro sicuro, inoltre, il bilancio della squadra è in aumento."

Secondo dati che la stessa SunWeb ha distribuito circa il 27% dei loro clienti hanno scoperto la SunWeb Vakanties attraverso il ciclocross.

Usiamolo sto topic, no?

Link to comment
Share on other sites

CicloCross, Albert rinnova fino al 2014

L'ex Campione del Mondo di ciclocross, Niels Albert ha da poco prolungato, fino al 2014, il suo contratto con la BKCP- Powerplus. Il precedente contratto che scadeva nel 2011 poteva segnare la fine dell'avventura di Albert nella squadra Belga, dopo qualche diatriba con il suo direttore sportivo Christoph Roodhoof. Ma i due, dopo tante discussioni, hanno messo da parte gli interessi personali e hanno trovato un accordo per il bene della squadra. Il ciclista di 24 anni non lo nasconde: "E 'stata un'occasione da non lasciar scappare", ha detto Sporza, "Soprattutto dal punto di vista economico era molto interessante"

Nei giorni scorsi era avanza l'ipotesi che per il belga potresse essere questo l'ultimo anno nel CicloCross, disciplina affascinante, ma che tutti i campioni vogliono lasciare (vd. Stybar), ma Albert nega categoricamente: "Fra quattro anni, avrò 28 anni ma tutto è ancora possibile, Ludo Dierckxsens ottenne grandi risultati, nelle gare a cui aspiro io nonostante il fatto che divenne professionista su strada a trenta anni".

http://www.spaziociclismo.it/?action=read&idnotizia=6866

Memorial Simunek, Radomir Jr. onora al meglio il padre

Uno dei più belli momenti del ciclismo si è visto ieri a Tabor in Repubblica Ceca, dove si è svolto il Memorial Radomir Simunek, una corsa di CicloCross nata per onorare la memoria di uno dei più grandi campioni della disciplina deceduto lo scorso 10 Agosto. La vittoria è andata a Radomir Jr. Simunek della BKCP Powerplus, che ha onorato al meglio la memoria del padre scomparso alla giovane età di 48 anni apparendo visibilmente toccato all'arrivo. Un giusto premio per chi ha sempre lottato per emergere e che ora è riuscito a togliersi questa piccola soddisfazione. Alle sue spalle si sono piazzati Christoph Pfingsten (Van Vliet-EBH Elshof) e Steve Chainel (BBox Bouygues Telecom), mentre i due ciclisti più attesi Zdenek Stybar e Niels Albert sono giunti rispettivamente al 4° e 5° posto.

http://www.spaziociclismo.it/?action=read&idnotizia=6867

Link to comment
Share on other sites

CicloCross, Stybar conquista anche Zonhoven ( http://www.spaziociclismo.it )

Con un’accelerazione irresistibile nel corso del penultimo dei dieci giri l’iridato Zdenek Stybar (Telenet Fidea) s’è imposto a Zonhoven, in Belgio, nella seconda delle otto prove del Trofeo Superprestige, internazionale di ciclocross. Alle sua spalle, a una manciata di secondi, il compagno di squadra Kevin Pauwels e il campione nazionale Sven Nys, poi a brevi intervalli tra loro altri belgi: Bart Aernout, Niels Albert, Bart Wellens. Questi sei atleti, in particolare i primi tre, si sono alternati al comando per tutta la gara che ha avuto il favore del bel tempo e una cornice di pubblico di circa diecimila spettatori paganti, dislocati sul circuito caratterizzato da ripide dune sabbiose, tanto impegnative a salirle quanto insidiose a discenderle.

Tra gli inseguitori, a debita distanza, i giovani Rob Peeters, Philipp Walsleben e Tom Meeusen sulla scia dei quali concludeva al decimo posto il nostro Enrico Franzoi. A metà classifica Marco Bianco, in ogni caso degno di essere citato ad esempio per il suo costante impegno agonistico.

Con questo ennesimo successo, ottavo su nove gare disputate, Stybar ha consolidato il suo primato nella classifica provvisoria del Superprestige in vista della terza prova che si disputerà il 14 novembre ad Hamme-Zogge, pure in Belgio.

Nella gara riservata agli Under 23 s’è imposto l’olandese Lars Van der Haar mentre tra gli Juniores il promettente Lauren Sweek ha colto il suo quarto successo stagionale su cinque gare disputate.

In campo femminile ha dominato l’olandese Daphny van den Brand staccando tutte le rivali fin dal primo giro. Per lei è la seconda vittoria stagionale. A mezzo minuto ha tagliato il tragaurdo in seconda posizione la britannica Helen Wyman, mentre il terzo posto sul podio è stato occupato da Sanne Van Paassen.

Per tutti occasione di rivincita oggi 1° novembre ad Oudenaarde per il classico “Koppenbergcross”, valevole come seconda prova del Trofeo Gazzetta di Anversa nel programma della quale è prevista anche la gara riservata alla categoria Donne Elite. Nella precedente prova del Trofeo Gazzetta di Anversa, disputata a Citadel Namen, il successo è andato – manco a dirlo – a Stybar, mentre nella gara degli Under 23 si era messo in evidenza il francese Arnaud Jouffroy e in quella Elite Donne aveva trionfato l’olandese Sanne Van Paassen. Le ultime sei edizioni del “Koppenbergcross” sono state vinte da Sven Nys. Sarà duro per il “cannibale”, giunto alla soglia dei 34 anni, contenere l’esuberante vitalità del campione del mondo Stybar, bel spalleggiato da un gregario di lusso come Pauwels.

UOMINI ELITE: 1. Zdenek Stybar (R.Ceca – Telenet Fidea) 1h02’34”; 2. Kevin Pauwels (Bel) 7”; 3. Sven Nys (id) 14”; 4. Bart Aernouts (id); 5.Niels Albert (id) 44”; 6.Bart Wellens (id) 1’26”; 7. Tom Meeusen (id) 1’58”; 8. Philipp Walsleben (Ger) st; 9. Rob Peeters (Bel) 2’30”; 10. Enrico Franzoi (Ita) 2’36”; 22.Marco Bianco (Ita) a 4’56”.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.



×
×
  • Create New...