Jump to content
  • Sign Up

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2022 e Tour de France 2022 sono finalmente disponibili
Leggi di più

[Pro Tour] GIRO DI LOMBARDIA 2006


sateo

Chi vincerà il Giro di Lombardia?  

13 members have voted

  1. 1.

    • Paolo Bettini
      5
    • Michael Boogerd
      0
    • Danilo Di Luca
      2
    • Davide Rebellin
      5
    • Samuel Sanchez
      0
    • Franck Schleck
      0
    • Alejandro Valverde
      1
    • Luca Mazzanti
      0


Recommended Posts

anche secondo me REBELLIN su f.Schleck...peccato x bettini...gli servirebbe una vittoria x quello che ha passato...ma l'ho visto troppo FUORI di testa e di gambe dopo il mondiale

precisamente riporto da sportitalia.com:"Alejandro Valverde è stato ritirato dal Giro di Lombardia dalla sua squadra, la Caisse d’Epargne-Illes Balears, per protestare contro la decisione degli organizzatori di non far indossare al corridore la maglia di vincitore della classifica Pro Tour prima della fine della competizione"

:wink::wink::wink:

riporto anche da Gazzetta.it:"Alejandro Valverde, vincitore del ProTour, a meno di sorprese nelle notte non prenderà il via domani nella 100ª edizione del Giro di Lombardia. La decisione è della sua squadra, la Caisse d’Epargne, in segno di protesta contro gli organizzatori che, in disaccordo con l’Uci, hanno deciso di vietare la premiazione con la maglia bianca del primato del ProTour sul palco subito dopo la gara.

I 20 gruppi sportivi appartenenti all’elite del ciclismo mondiale, in segno di soliedarietà con lo spagnolo, hanno quindi deciso che non andranno sul palco per la premiazione in caso di vittoria. Ma siccome al via le squadre sono 25, perché ci sono anche cinque Professional invitate, quelle in caso di vittoria sul palco ci saliranno eccome. "

Si rischia anche che se vince un italiano non festeggera' sul palco?

Link to comment
Share on other sites

Sarebbe bello un trionfo di Bettini come dedica per suo fratello!!!

Quindi oggi tifo il Grillo!!!

ED E' SUCCESSO...NON CI CREDEVO MA E' SUCCESSO!!!E' UN SOGNO.... SONO CONTENTISSIMO X PAOLO!!!! GIURO CHE MI VENIVA DA PIANGERE QUANDO HA TAGLIATO IL TRAGUARDO

BRAVO!!!!!!

Link to comment
Share on other sites

Io l'ho registrato perchè ero via a giocare... fa venire la pelle d'oca...

Mah, a me non proprio, è sembrato tutto piuttosto facile!!!! il mondiale è stata tutta un altra cosa!!!! sofferenza allo stato puro!!!! l'arrivo però è stato davvero toccante!!!!! non c'è niente da fare, è il NUMERO 1!!!!

Link to comment
Share on other sites

Io l'ho registrato perchè ero via a giocare... fa venire la pelle d'oca...

Mah, a me non proprio, è sembrato tutto piuttosto facile!!!! il mondiale è stata tutta un altra cosa!!!! sofferenza allo stato puro!!!! l'arrivo però è stato davvero toccante!!!!! non c'è niente da fare, è il NUMERO 1!!!!

Io intendevo dire l'arrivo sul traguardo...

Link to comment
Share on other sites

Le pagelle del Lombardia

Ecco i nostri promossi e bocciati

Bettini - 10+

La gamba gli scappava, ha saputo trasformare la propria disperazione di uomo in una grande, immensa, rabbia agonistica di sportivo. Non voleva vincere, voleva arrivare da solo, ed avere tutto il tempo per potersi concedere il lusso di dedicare la vittoria a chi voleva lui, a chi sappiamo tutti, e voleva farlo in un modo che ha emozionato, commosso, non solo lui, non solo l'ambiente Quick Step (bellissime le lacrime di Bramati all'arrivo), ma tutti i tifosi, tutti gli addetti ai lavori; sia quelli presenti sul lungolago di Como, sia quelli a casa. Grazie Paolo!

Wegmann - 10

Grandi ed epiche vittorie nascono anche, se non soprattutto, da eroici avversari, da corridori duri da battere, difficili da togliersi da ruota. Se oggi Bettini ha commosso, tutti si sono stretti col cuore accanto al giovane tedesco lì sul San Fermo della Battaglia, all'ennesimo allungo di Bettini, che apriva la bocca per cercare più aria possibile, chiudeva gli occhi per cercare di togliersi il buio della vista, addirittura gli tremava il mento, sull'orlo delle lacrime. E al km 98 era anche caduto. Le sue espressioni sono state un bellissimo amarcord del ciclismo che fu.

Samuel Sánchez - 9

Dategli una discesa, e vi spaccherà il mondo. Sono incredibili i numeri che riesce a fare l'asturiano dell'Euskaltel in discesa, in qualsiasi discesa, e il modo di piegare e disegnare le curve. Negli ultimi 3 km avrà recuperato qualcosa come 15" a Bettini, un'enormità. Una forza della natura, uno spettacolo per gli occhi vederlo pedalare.

Andrea Pagoto - 9

Partire al km 34 vuol dire affrontare 211 km di fuga. Arrivare decimo dopo una corsa presa di petto in tal modo vuol dire avere dei numeri non comuni. Il fatto che sia un classe '85 significa che il futuro è tutto dalla sua parte. Oggi è stato fenomenale, s'è saputo gestire alla grande ed ha estratto dal cilindro una prestazione superlativa.

Di Luca - 6,5

Meglio provare a fare il vuoto sul Civiglio e poi staccarsi o provare a rimanere agganciati coi denti al treno dei migliori, come fatto fino ad allora, seppure la gamba non sembrasse irresistibile? A noi i tentativi piacciono, non era neanche troppo sconsiderato, ed ha dimostrato comunque un degno orgoglio da parte dell'abruzzese.

Moreni - 8

Ha una grinta da applausi, e una gamba che ha iniziato a girare a meraviglia sin dal Giro di Polonia. L'esclusione dagli azzurri di Salisburgo l'avrà ulteriormente caricato, ed è sempre stato davanti in tutte le corse che ha disputato dopo di allora.

Carrara - 7

Saltano Ballan e Ruggero Marzoli, e la Lampre piazza tra i primi il bergamasco Carrara, una sorpresa se non assoluta quantomeno spiazzante. Dopo l'arrivo impreca contro tutti e tutto per via dello sprint per il quarto posto, o più verosimilmente perché sapeva che in volata non era affatto fermo e avrebbe potuto agguantare il podio.

Riccò - 6,5

Ricordiamoci che è un neopro', seppur molto forte, e stare coi migliori fino al Civiglio, a meno di 20 km da Como, è sintomo di ottime cose. Ha la "sfortuna" di essere messo - oggi - in contrapposizione a Pagoto, ma un neopro' deve fare i conti col fondo, con le salite in successione, con una gestione di corsa a cui si deve abituare. Difatti l'ha messo fuori gioco una crisi di fame.

Caccia - 6

Con Totschnig è il primo a smuovere la corsa al km 28, e poi una volta ripreso, sulla Madonna del Ghisallo, mette il rapportino e bada soltanto ad arrivare all'arrivo. L'altra faccia del Lombardia: il primo ad attaccare, l'ultimo ad arrivare, a 16'44" da Bettini. Il ciclismo è popolare anche, se non soprattutto, grazie a questi "pazzi" coraggiosi.

Nardello, Celestino - 5,5

Dai "grandi vecchi" ci si aspetta sempre qualcosina, se non in brillantezza, almeno in resistenza. E invece sia il varesino sia il ligure trapiantato a Bergamo si nascondono per tutta la corsa, non mettono mai il naso fuori dal gruppo e si lasciano trasportare dagli eventi.

Sella, Devolder - 5

Ci riesce francamente difficile capire come due corridori che navigano nel terzo gruppetto intorno a tre quarti di corsa possano saltare in maniera così repentina ed irrimediabile. Al km 217 Sella è con Noè e Gustov, poi scompare; nell'inquadratura successiva con Noè e Gustov c'è il belga Devolder. All'arrivo risultano entrambi ritirati. Mah.

Valverde - 4

La Caisse d'Epargne ha provato in tutti i modi possibili a non farlo partire, adducendo addirittura una pseudo-protesta sindacale contro la decisione di RCS Sport di non premiare con la maglia bianca Pro Tour il vincitore del ranking istituito dall'Uci all'inizio del 2005. Ha firmato, sì, ma praticamente non ha corso lo stesso. Ritirato, e non premiato. Wow.

RCS Sport - 3

Bettini ha denunciato la mancanza di luci in galleria, che hanno causato anche una caduta, ed alcune carenze organizzative al seguito corsa, con delle auto che si sono infilate nella "lunga teoria delle ammiraglie" (cit: Roata) in maniera piuttosto indebita. E poi c'è anche il concorso di colpa con l'Uci (che ha colpe ben più gravi, per carità) per il mancato podio. Capiamo le prese di posizione, siamo d'accordo con il pugno duro nei confronti dei padri-padroni, ma le decisioni non devono svantaggiare il pubblico. Mai.

I gruppi sportivi del Pro Tour - 0

Ci sarebbe da scrivere un "no comment", o un "senza parole", ed invece ci ostiniamo a commentare la vergogna che s'è consumata sul lungomare di Como: vince il campione del mondo Bettini in solitaria, secondo un ottimo Sánchez, terzo un coriaceo Wegmann. Si aspetta la cerimonia delle premiazioni, il pubblico vuole applaudire i propri beniamini. I soliti gruppi sportivi del Pro Tour, gli stessi che han deciso il Codice Etico dello stesso Pro Tour, invece han pensato bene di fare la guerra a RCS Sport, che a sua volta aveva deciso di fare la guerra al Pro Tour decidendo già da due giorni di non premiare a fine manifestazione il leader Pro Tour.

Gli sponsor su chi vogliono far leva? Sulla gente, giusto? I team manager allenano dei corridori per vincere e per farli gioire, giusto? E allora cosa c'è di sensato in quello che è successo? Altro capitolo nefasto nella faida interna del ciclismo. Complimenti.

La gente, i tifosi - 10

Siamo tifosi anche noi, siamo tifosi dei ciclisti, spesso di più di un ciclista soltanto, spesso ci basta emozionarci con le lacrime di un Bettini, di un Wegmann, con uno scatto di Di Luca, con una sorpresa come quella di Pagoto. Ed è per questo che andiamo sulle strade, che accendiamo la tv. Per i ciclisti, non per il Pro Tour, per le classifiche a punti, per i team manager arroganti, per gli organizzatori che badano più al lucro che al proprio pubblico. Da qui, da Cicloweb.it, si alzerà sempre la voce della gente, dei tifosi. Come quelli che sul San Fedele d'Intelvi, tanto per fare un esempio, hanno gridato contro Riis. Senza violenza, ovviamente, ma per farci sentire. Non ne possiamo più di essere presi in giro.

(cicloweb)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...