Jump to content
  • Sign Up

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2021 e Tour de France 2021sono finalmente disponibili
Leggi di più

Hai già scoperto i nostri tutorial?

Come sottoscrivo una mod su Steam? Come modifico un database? Come posso creare una maglia personalizzata? Per queste ed altre domande visita la nostra sezione tutorial!
Tutorial

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

La nostra RECENSIONE di Pro Cycling Manager 2020

Leggi e guarda la nostra recensione di Pro Cycling Manager 2020, a cura di BubbaDJ
Leggi di più

Il Reality Lance


enry31.94

Recommended Posts

Ecco a voi il reality Lance

La vita del texano on line

Armstrong ha scelto un modo speciale per comunicare con il mondo. Su twitter.com invia sms in cui scrive più volte al giorno che cosa fa: ieri ha reso noto l'ottavo controllo antidoping

0KB9GFBR--346x212.jpg

TENERIFE (Spagna), 4 dicembre 2008 - Un indirizzo internet con il suo nome, decine di messaggi sms inviati ogni giorno dal suo telefonino Blackberry e una quantità sorprendente di informazioni sulla sua vita privata diffuse a una comunità che conta già 8200 iscritti e cresce al ritmo di 400 adesioni quotidiane. È il modo, come sempre speciale, con cui Lance Armstrong ha deciso di comunicare col mondo. La sua carriera di "superstar" del ciclismo gli impone un’esistenza blindata, ma il re di sette Tour ha trovato un’alternativa per farsi conoscere un po' meglio dalla gente e possibilmente fugare i misteri intorno alla sua figura.

ISPETTORI UCI - Sul sito twitter.com/lancearmstrong, il campione tra i più popolari degli Stati Uniti racconta quasi ogni momento delle sue giornate. Anche ora che è in ritiro a Tenerife con l’Astana e passa il tempo tra allenamenti e riposo (in camera da solo) nell’hotel "Las Madrigueras", resort di lusso prenotato in esclusiva dalla squadra e inaccessibile a chiunque, senza accredito e documenti. Così, per esempio, ieri Armstrong ha scritto di essere stato controllato a sorpresa (è l’ottava volta) dagli ispettori antidoping dell’Uci. Tutto in rete "Non voglio rivolgermi solo ai tifosi — spiega Armstrong alla Gazzetta — ma alla gente comune che non conosce il ciclismo e magari pensa che io sia un uomo pieno di segreti o un robot. C’è chi dice: 'Armstrong non fa i controlli, non parla alla stampa, non è una persona normale', invece così tutti possono verificare che la realtà è diversa. È una maniera per essere in contatto con le persone e far sapere sempre quello che mi accade. Su Internet metto i video dei miei figli, le foto degli eventi a cui partecipo, gli annunci delle gare di beneficenza per la Fondazione contro il cancro, in modo che partecipino in tanti. La risposta che ottengo è pazzesca".

GRANDE FRATELLO - L’idea è nata per caso, su iniziativa di due membri della Fondazione, fino a tramutarsi in un fenomeno. Una specie di «reality» Armstrong. Con qualche controindicazione, visto che Lance aveva anche scritto dell’incontro col team manager Johan Bruyneel a Parigi, prima del colloquio segreto avuto con i dirigenti del Tour. C’è anche una versione tradizionale, stile Grande Fratello. Al seguito di Armstrong si muove infatti una troupe fissa di due persone per girare un film-documentario sul ritorno alle corse di Lance, che a 37 anni punta a vincere il Giro (e magari l’ottavo Tour) in veste di ambasciatore della lotta al cancro. Le riprese sono cominciate ad agosto, quando il texano tornò in bici a sorpresa nella Leadville 100 di mountain bike, e si concluderanno dopo il Tour. Ne faranno parte scene nella casa di Austin e l’incontro con l’ex presidente Bill Clinton e il cantante Bono Vox a New York.

RICHIESTO IN CINA - La macchina mediatica che si muove attorno ad Armstrong è impressionante. E viene gestita secondo una precisa strategia di comunicazione. Non a caso Armstrong è l’unico a vestire (in bici e nel tempo libero) con la maglia giallo-nera Livestrong, il marchio del braccialetto che rappresenta la lotta contro il cancro, da cui Lance guarì nel 1998. "L’interesse per Armstrong è senza uguali — spiega il belga Philippe Maertens, addetto stampa dell’Astana —. Abbiamo richieste di interviste perfino da Brasile, Cina, Cile, Hong Kong. Senza contare i più famosi talk-show televisivi. Impossibile accontentare tutti". Oggi, alla conferenza stampa del Cowboy, sono attesi oltre 120 giornalisti di 10 Paesi, con 15 tv collegate. Come dire che il seguito planetario del Tour de France è sbarcato a Tenerife.

Fonte: Gazzetta

Link to comment
Share on other sites

  • Admininistrators

Sì, è già il vero Armstrong

Contador staccato in salita

Stampa articolo | Invia articolo | Commenti:20

A Tenerife show del texano, che distanzia il campione spagnolo, al terzo giorno in bici. E il compagno di squadra Leipheimer conferma: "Lance sembra quello del 2003"

Lance Armstrong, 37 anni, tira il gruppo Astana. Afp

TENERIFE (Spagna), 6 dicembre 2008 - Sulla discesa dal Puerto de Erjos il contachilometri della nostra moto sfiora i 90 all’ora, ma la sagoma gialla di Armstrong e quella celeste di Contador sfuggono in fretta allo sguardo. Riappaiono quando gli scenari di roccia lavica delle montagne di Tenerife hanno lasciato il posto lungo la costa alla sequenza di palme, cactus e alberi di banane. Poi la strada torna a salire verso l’alto di Masca. E questa volta il paesaggio diventa infernale: 12 km che si perdono fra le nuvole scure, fino a 1380 metri d’altitudine. Tratti che raggiungono il 13% di pendenza, dove arrancano anche motori e frizioni. È allora che Lance Armstrong comincia il suo show. Quando i tornanti diventano verticali, il Cowboy apre il gas e lascia l’alter ego Contador, il giovane compagno-rivale del Tour, solo al suo destino.

CONTADOR STACCATO - Sul picco da cui si dominano il mare in burrasca e i canyon naturali dell’isola delle Canarie, Armstrong arriva a braccetto con l’amico Levi Leipheimer, che alla Vuelta di quest’anno si arrese proprio a Contador. Davanti a loro, solo il gregario Jesus Hernandez, il più avanti di condizione dell’Astana. Mentre Contador sale col suo passo, a tratti scuote la testa, e in cima giunge molto staccato e non certo con il sorriso dei giorni di gloria. È troppo presto per giudicare. E lo spagnolo, che oggi in raduno compirà 26 anni, era appena al terzo giorno di allenamento, dopo lo stop di tre settimane per la caduta nel criterium di Madrid e un’operazione già programmata al setto nasale. Ma nella guerra psicologica che si gioca in seno allo squadrone di Johan Bruyneel, il primo punto l’ha messo a segno Armstrong. Rispondendo alla domanda che tutti si fanno: sì, è ancora Armstrong, nonostante i 37 anni.

LANCE SODDISFATTO - Manca un mese e mezzo al debutto del 18 gennaio nel Tour Down Under, però l’americano (che a maggio punterà per la prima volta al Giro d’Italia) è già pronto. Quello di ieri — più di 4 ore e mezzo e quasi 3000 metri di dislivello — era un test molto importante. Oltre al primo, vero confronto con Contador. E Armstrong, che in Texas si era allenato soprattutto sulla resistenza, l’ha superato brillantemente. La soddisfazione gli si leggeva in faccia, mentre scherzava con Bruyneel sulla vetta della Masca, inviando sms col suo Blackberry. Tra l’altro utilizzava un rapporto (39x25) più duro dei compagni.

VIETATO DIVIDERSI - Era soddisfatto anche Bruyneel: «Ho detto a Hernandez di attaccare. Serviva per misurare la loro condizione. Lance è andato forte». Leipheimer non ha dubbi: «Mi sembra lo stesso Armstrong del 2003». Più vago invece Contador, che ha rimarcato: «Tremila metri di dislivello sono tanti, per chi si è allenato poco come me. Non mi preoccupo, il mio obiettivo è a luglio. Armstrong? Non so dire se è andato forte. Nessuno è super in questo momento dell’anno».

dal nostro inviatoLuigi Perna

Link to comment
Share on other sites

  • 2 months later...

Da quello che sto sentendo va abbastanza forte.e' vero che ne il tour down under ne il giro di california sono impegnativi, però' sta facendo bene.

Mi incuriosisce la cronometro di venerdì, in particolare se riuscira' o meno a staccare basso e di quanto.

Al prologo di sabato mi ha sorpreso

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...