Jump to content
  • Sign Up

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2021 e Tour de France 2021sono finalmente disponibili
Leggi di più

Hai già scoperto i nostri tutorial?

Come sottoscrivo una mod su Steam? Come modifico un database? Come posso creare una maglia personalizzata? Per queste ed altre domande visita la nostra sezione tutorial!
Tutorial

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

La nostra RECENSIONE di Pro Cycling Manager 2020

Leggi e guarda la nostra recensione di Pro Cycling Manager 2020, a cura di BubbaDJ
Leggi di più

Julio Gordel, il nuovo Contador (o no?)


Recommended Posts

Naturalmente lo conoscevo. Come non conoscerlo. Quando nel 2007 aveva vinto il Tour, io ero a Parigi. Avevo 12 anni. Nella ressa delle persone che parlavano con lui, fotografi,giornalisti, tifosi, mi ero inserito cercando alla disperata un autografo. A un certo punto ero riuscito a far breccia nella folla e a vederlo. Gli avevo porto il mio foglietto con la sua foto, è una per penna. Lui mi aveva guardato, mi aveva sorriso, e poi lo aveva firmato...

Ma ora basta pensare al passato. Pensiamo al presente. Dopo anni di giri in bicicletta con mio padre, e una buona carriera da juniores, ho ormai 20 anni. Ma quest'anno la mia vita è cambiata.

Era un piovoso giorno di gennaio. Correvamo a Madrid, vicino a casa mia. Arrivo in salita. Una vittoria non difficile, dato che in salita sono sempre stato bravo...proprio come lui, proprio come Alberto...

Ma dopo la vittoria, c'era un volto che mi fissava. L'ho guardato: era lui! Contador! Ma che ci faceva lì?

Ma certo, Madrid era vicino a casa sua, era lì a vedere la gara perché ha sempre amato il ciclismo. Nel vedere il suo sorriso nel guardarmi, mi è tornato in mente quel giorno a Parigi. E allora ho capito che sarei dovuto essere un ciclista professionista.

Alberto è venuto a cercarmi. Mi ha detto che era rimasto impressionato da me e mi ha chiesto il numero di telefono. Gliel ho dato, incredulo.

Poi una settimana dopo, una telefonata. Era lui.Alberto. " Ehi ciao, ti va di diventare dilettante? Ho un amico che se ne intende e potrà aiutarti a trovare una squadra." Incredulo gli ho risposto di sì, ma non ho potuto fare a meno di chiedergli perché aveva tanto a cuore la mia carriera.

" Tra tutti i corridori che ho mai visto" mi ha spiegato "sei quello che mi assomiglia di più".

Sono rimasto basito. Quante domande senza risposta!

Cosa aveva tanto impressionato Alberto? In quale Squadra avrei corso? Chi era l'amico di Alberto che si sarebbe occupato di me? E soprattutto io,Julio Gordel, 20 anni, ero o non ero il nuovo Contador?

Link to comment
Share on other sites

Delle tante domande che mi frullavano in mente, la prima a cui ricevetti risposta fu quella sull'amico di Alberto. Erano le 16.00 e il cellulare squillò "Pronto, sono Ivan Basso". Ivan Basso! Non riuscivo a trattenere l'emozione. Dunque era lui che mi avrebbe aiutato? Non proprio. mi disse che sarebbe stato il direttore del "progetto Gordel" (questo nome mi fece sobbalzare) ma che, dato che correva ancora e sarebbe stato impegnato, ad aiutarmi a diventare intanto un dilettante di livello sarebbe stato un suo amico spagnolo, che lo aveva aiutato a vincere il Giro 2006: Carlos Sastre!

Edited by Michele Gaiffi
Link to comment
Share on other sites

Carlos mi telefonò due giorni dopo e ci vedemmo a casa mia: aveva in mano un contratto! Non potevo crederci, eppure dovevo "CredercI sempre", così mi aveva detto Carlos :dubbio: . Comunque mi disse di aver scelto la squadra giusta per me: la Burgos BH! Team Continental, spagnolo, che aveva la sede non lontano da casa mia.

JWcjJW.png

Poi cominciammo a dare un'occhiata al calendario...

CONTINUA

Edited by Michele Gaiffi
Link to comment
Share on other sites

Con Carlos definimmo il calendario:avrei corso molto per mettere in mostra il mio talento, e per attirare gli sguardi di altre squadre magari...

purtroppo dopo agosto non c'erano più gare...un motivo in più per dare il meglio subito!

RHWNNy.png

IcH2Zd.png

cEZlzH.png

UTlJfz.png

 

 

 

Era ormai il momento della mia prima corsa!

Edited by Michele Gaiffi
Link to comment
Share on other sites

Era il momento: Cyanide cup 1

la mia prima gara.

Prima della partenza,Carlos mi dice "Conta sull'effettosorpresa. Sorprendili e sorprendimi".

Così, cominciamo.

All'inizio mi tengo prudente nelle prime posizioni

MxZF9X.png

 

Poi, ai meno 60, sperimento la mia prima caduta da professionista!

6zYHor.png

 

Ma rientro in tempo per la penultima salita, obbedisco a Carlos e...attacco!

4kIAX0.png

 

Raggiungo i due in fuga e procediamo insieme

caZwuw.png

 

Ma il gruppo rientra. Tuttavia, nell'ultima salita ne ho ancora e...riparto!

EXdFVy.png

 

INCREDIBILE! Dietro il gruppo non mi insegue! il vantaggio aumenta aumenta e... LA MIA PRIMA VITTORIA DA PROFFESSIONISTA!

Alla prima gara! Da non credere!

9xgCx3.png

H1FiiT.png

 

Dopo l'arrivo, le congratulazioni di tutti, le lacrime di mio padre, Carlos che mi abbraccia...ma anche il primo controllo antidoping.

In serata mi telefonano anche Ivan Basso e Alberto, per farmi le congratulazioni. Io ancora non ci credo! Che inizio!!

Link to comment
Share on other sites

Il percorso della Cyanide Cup 2 non si addice assolutamente alle mia caratteristiche e finisco oltre la centesima posizione.

La Cyanide Cup 3, invece, è un mio grande obiettivo. Arrivo in salita adattissimo a me. Carlos mi consiglia di risparmiare il più possibile per il finale.

nVo8qY.png

Piove, come nel caso della mia prima vittoria. Un buon segno?

 

Seguendo il consiglio di Carlos mi tengo calmo nelle prime posizioni e, in un tratto di salita ai meno 23, attacco!

JtU2Y6.png

 

Ma stavolta il gruppo mi insegue: vantaggio massimo di 1 minuto e 30, ma in discesa aspetto un gruppetto dietro per recuperare un po' di energie: il vantaggio sta diminuendo rapidamente. 

Attacca Cunego e si forma un gruppetto di 7 con lui, io, Weggmann, Pardilla, Torres, Busato e Bongiorno.

Hv9SpW.png

 

Attacca Pardilla sulla salita finale: stanco dopo l'attacco, non mi resta che rimanere dietro e sperare che qualcun altro vada a prenderlo.

Niente da fare: Pardilla vince, Torres attacca nel finale e chiude secondo.

Io, stanco, colgo comunque un ottimo quarto posto finendo secondo nello sprint del gruppetto dietro a Bongiorno.

LYgOkD.png

 

BABOPb.png

 

E' comunque un gran piazzamento e sono molto contento, anche se forse se non avessi attaccato avrei potuto fare di meglio...

Comunque Carlos è contento e mi dice di pensare subito alla prossima corsa: a Maiorca correrò la mia prima corsa a tappe! Non vedo l'ora!

Edited by Michele Gaiffi
Link to comment
Share on other sites

E' il momento della Vuelta Mallorca: la mia prima corsa a tappe!

Le prime due tappe. però, sono piatte e quindi non adatte a me.

Ma la terza sì: ci sono cinque salite. Carlos mi consiglia di puntare alla maglia a pois e di infilarmi quindi nella fuga di giornata. Detto fatto: entro in una grossa fuga, passo per primo ai primi tre gpm e rimaniamo in tre: io, Sanchez e un tedesco della Bora.

Il gruppo ci riprende ma in cima alla quarta salita di giornata riparto insieme ad Agnoli per prendere i punti del gpm.

Poi sullàultima salita, quasi a corto di energie, vado col mio passo e alla fine giungo tredicesimo di tappa, non male considerato che ero nella fuga di giornata, e soprattutto prendo la maglia a pois!

 

Il giorno dopo, nell' ultima tappa, con salite dure ma lontane dal traguardo, provo a tenere la maglia entrando di nuovo nella fuga.

 

SC13Bs.png

 

Ma non reggo il ritmo dei migliori: mentre davanti restano in sei, io vengo ripreso da un gruppetto di venti con tutti i migliori,e riesco a rimanere con loro per tutto il resto dell'ultima salita. Poi, dato che ho ancora energie da vendere, attacco in pianura per guadagnare secondi in classifica. Arrivo settimo di tappa e guadagno più di un minuto sul gruppo.

7iBqzt.png

 

Purtroppo mi sfugge la maglia a pois ma chiudo alla fine 15° nella generale e terzo  a meno di un minuto dal primo nella classifica di miglior giovane.

Carlos è contento: dice che me la sono cavata bene contro campioni come Froome e in generale il team Sky, che in pianura faceva un ritmo terribile.

Prossima corsa, la Ruta del Sol! Nuovo tentativo per la maglia a pois?

Link to comment
Share on other sites

Alla Ruta del Sol non riesco quasi mai a mettermi in mostra, e come miglior risultato ottengo il 9° posto nel prologo con tanto di prima maglia bianca.

87t7Z2.png

 

Nelle tappe successive sento molto la vicinanza di Basso (numero 82) e dei compagni di squadra (incluso Belda con cui provo la fuga), ma non riesco a ottenere risultati degni di nota.

sQXv8S.png

 

i4Di87.png

 

4PXsZy.png

 

Partecipoallora alla Clasica de Loule in Portogallo. Carlos mi dice di provare, come la prima volta, a sorprendere gli altri. Ci riesco solo a metà, ma alla fine sono contento perché vince Martin, mio compagno di squadra. Io, partito con Ruijgh, finisco terzo e comunque sul podio in una gara non molto adatta a me.

 

cFQWOf.png

 

HEJcpv.png

 

Al GP Miguel Indurain, invece, colgo un gran bel 7° posto nella gara vinta da Visconti su Benoot. Arrivo anche davanti a Frank Schleck, il quale dopo la gara si complimenta con me e mi augura un buon futuro...

 

PuFZwX.png

 

muo8Oe.png

Link to comment
Share on other sites

Bei risultati

Subito qualche buon risultato, stiamo a vedere come procede 

Speriamo bene!!

 

 

 

 

 

Continuiamo e velocizziamo un po':

alla Klasika Primavera de Amorebieta attacco ai -30

sFjDIi.png

 

Ma il gruppo mi insegue e mi riprende. Io, molto stanco, finisco comunque 10° :) .

 

Al Tour du Loir et Cher E Provost trovo cinque tappe con arrivo in volata e non arrivo mai nei primi 100 :( .

 

E giungiamo così alla Liegi Under 23! Gara molto attesa, con Sam Oomen che parte con i favori del pronostico.

Ma ai -10 attacco e nè Oomen nè nessun altro mi viene a riprendere! E' vittoria!!

 

RI3V1b.png

 

tgtwmF.png

 

w8nJvy.png

 

Non potete immaginare quanto sia felice! Per me è la seconda vittoria dopo quella all'esordio, la prima in una gara U23!

 

Vado poi all'Hadeland Gp, in Norvegia. L'arrivo è in salita, ma quella che mi interessa di più è la salita ai -40: è lì che decido di partire, per andare a prendere la fuga!

C2kXox.png

 

Procedo con loro e mi riposo, poi quando il gruppo è a meno di un minuto (ai -15) riparto!

E, come alla Liegi U23, nessuno mi va a prendere!

2g83gu.png

 

E' una vittoria molto bella, che dimostra il mio stato di forma eccezionale!

Dopo questo uno-due mi aspetta la Ronde de l'Isard, corsa a tappe U23 con due arrivi in salita molto duri che non vedo l'ora di correre!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...