Jump to content
  • Sign Up

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2022 e Tour de France 2022 sono finalmente disponibili
Leggi di più

Volta ao Algarve 2007


sateo

Recommended Posts

Algarve: Petacchi primo ma declassato. Vince Steegmans

Ritorno alle corse davvero amaro, quello di Alessandro Petacchi: il velocista della Milram ha vinto nettamente la prima tappa della Volta ao Algarve, in Portogallo., ma è stato declassato perchè, a giudizio della giuria, avrebbe ostacolato il belga Steegmans, giunto secondo davanti all'austriaco Haselbacher.

“Avevo vinto nettamente, ma il giudice ha deciso che la mia volata è stata scorretta. Si, è vero, ho cambiato traettoria durante lo sprint, ma non avevo nessuno di fianco a me ed ormai era improbabile che qualcuno potesse passarmi. Non volevo danneggiare nessuno. Ho vinto più di 120 volate e non ho mai fatto scorrettezze. Non inizierò ora. Se Steegmans si è sentito danneggiato è giusto mi abbiano squalificato, ma lui non aveva fatto neanche ricorso quindi…”

Per il ventiseienne corridore belga si tratta della prima vittoria in maglia Quick Step-Innergetic, l’ottava del team nel 2007.

“E’ uno strano modo di vincere una gara, ma sono felicissimo – ha spiegato Steegmans -. Nell’ultima curva a causa di una caduta ho perso qualche posizione. Sono però riuscito a rimontare e tornare sotto a Petacchi. A quel punto lui si è spostato e io ho dovuto smettere di pedalare. Dopo l’arrivo eravamo già sul pullman e l’organizzazione mi ha chiamato per effettuare la premiazione in qualità di vincitore. Ci tengo a specificare che è stata una decisione della giuria e che io non ho fatto nessun tipo di reclamo. Dopo la vittoria di oggi di Boonen, direi che questo è un gran giorno per la nostra squadra.”

(tuttobiciweb)

Link to comment
Share on other sites

Algarve: vittoria di Eisel, terzo Guidi. Petacchi si rialza

L'austriaco Bernhard Eisel ha vinto la seconda tappa della Volta ao Algarve, regalando così la prima vittoria stagionale alla rinnovatissima T Mobile. Alle spalle di Eisel si sono piazzati nell'ordine Jimmy Casper (Unibet.com), Fabrizio Guidi (Barloworld) e David Kopp (Gerolsteiner).

Alessandro Petacchi si è rialzato quando mancavano 400 metri al traguardo e spiega: «Non ho fatto lo sprint perché nella rotatoria posta a 400 metri dall’arrivo sono stato ostacolato ed ho preferito rialzarmi per non rischiare troppo. Mi sento bene, però non penso sia il caso di rischiare di andare per terra con una stagione ed obiettivi importanti davanti».

Ordine d'arrivo

1. EISEL, Bernhard - T-MOBILE TEAM in 4:23:03

2. CASPER, Jimmy - UNIBET.COM

3. GUIDI, Fabrizio - BARLOWORLD

4. KOPP, David - GEROLSTEINER

5. BONOMI, Giosuè - BARLOWORLD

6. PETACCHI, Alessandro - TEAM MILRAM

7. VAN DIJK, Stefan - TEAM WIESENHOF FELT

8. CHAVANEL, Sébastien - FRANÇAISE DES JEUX

9. GARRIDO, Martin - DUJA-TAVIRA

10. CAETHOVEN, Steven - CHOCOLADE JACQUES

Classifica generale

1. STEEGMANS, Gert - QUICKSTEP-INNERGETIC in 9:07:09

2. EISEL, Bernhard - T-MOBILE TEAM a 3"

3. HASELBACHER, René - ASTANA a 4"

4. SENTJENS, Roy - PREDICTOR-LOTTO

5. VAITKUS, Tomas - DISCOVERY CHANEL a 6"

6. CASPER, Jimmy - UNIBET.COM a 7"

7. MACHADO, Tiago - RIBERALVES-BOAVISTA

8. FARRAR, Tyler - COFIDIS a 8"

9. GUIDI, Fabrizio - BARLOWORLD a 9"

10. PETACCHI, Alessandro - TEAM MILRAM a 10"

Link to comment
Share on other sites

Ciclismo: frattura al polso per Garate

Brutto infortunio per Juan Manuel Garate al Giro dell'Algarve, in Portogallo. Lo spagnolo della Quick Step e' caduto in discesa durante la seconda tappa, ieri, e gli esami radiografici hanno evidenziato la frattura della testa del radio, all'altezza del polso destro. Ulteriori accertamenti strumentali saranno effettuati nei prossimi giorni per stabilire, con certezza, i tempi di recupero. Garate, 30 anni, ha vinto la maglia verde del Gran Premio della Montagna al Giro d'Italia 2006.

(Agr)

Link to comment
Share on other sites

Algarve: stavolta Petacchi ha vinto davvero

Stavolta Alessandro Petacchi ha vinto davvero. Il campione spezzino gha firmato la vittoria numero 123 della sua carriera (la seconda in stagione) aggiudicandosi la terza tappa della Volta ao Algarve, la Vila do Bispo - Lagos di 210 km, e battendo allo sprint l'austriaco Bernhard Eisel (T Mobile) e lo spagnolo Egoi Martinez (Discovery Channel).

La corsa è stata caratterizzata da una lunga fuga dei belgi Philippe Gilbert (Française des Jeux) e Tom Stubbe (Chocolade Jacques) e dell'olandese Thomas Berkhout (Rabobank Continental), ai quali si sono aggiunti in seconda battuta Davide Rebellin (Gerolsteiner) e Vladimir Gusev (Discovery Channel). I cinque sono stati ripresi a soli cinque chilometri dal traguardo e in volata Petacchi ha imposto la propria legge.

(TUTTOBICIWEB)

Link to comment
Share on other sites

Portogallo, Petacchi si ripete

Nella quarta tappa Ale-jet batte in volata Davide Rebellin e l'austriaco René Haselbacher, conquistando anche la maglia da leader del Giro dell'Algarve

Bis di Petacchi nella quarta tappa della Volta ao Algarve. Alle sue spalle finiscono Davide Rebellin e Renè Haselbacher. E il successo consegna al velocista della Milram anche la maglia gialla di leader della corsa alla vigilia dell’ultima tappa, la Vila do Bispo-Portimao (186 km adatti a un arrivo in volata). La tappa di oggi è stata durissima, simile come caratteristiche del percorso, a una piccola Liegi. Infatti, Rebellin che ha la stagione incentrata sulle Ardenne è stato tra i protogonisti della corsa e sullo strappo finale di Picota ha provato l’azione di forza.

"Troppo corta per potere fare la differenza", ha poi spiegato il veneto della Gerolsteiner. Prima la giornata era vissuta su una lunga fuga dove tra gli altri c’erano Kessler, Sinkewitz, Schumacher, Popovych, Van Huffel e Nuyens. Negli ultimi 10 km il più scatenato è stato Gusev che ha provato tre volte a scattare, ma Sacchi e Velo, compagni di squadra di Petacchi, non hanno lasciato scampo a nessuno. Poi, in volata, è toccato ad AleJet non lasciare campo ai rivali, portando a tre i successi stagionali.

(gazzetta)

Link to comment
Share on other sites

Petacchi signore dell'Algarve

Lo spezzino vince anche la quinta e ultima frazione della corsa a tappe portoghese e si aggiudica la classifica finale. Da martedì sarà alla Valenciana

Alessandro Petacchi ha completato l’opera vincendo anche la quinta e ultima tappa del Giro dell'Algarve e con questa la 33ª edizione della corse portoghese. I 186 km della tappa sono caraterizzati da una fuga di sette comprimari (Vasquez, Da Cruz, Elijzen, Lopes, Coenen, Musiol e Guerra) partiti al km 11 e ripresi a 9 km dal traguardo. La volata che ha dato a Petacchi il 4° e 5° successo stagionale (tappa e classifica finale) non ha avuto storia: Guidi e Pollack, finiti nell’ordine, non sono riusciti neanche a impensierire AleJet. L’unico vero brivido, di paura, un’assurda curva a esse molto stretta ai 400 metri.

Da martedì il velocista della Milram sarà impegnato nella Valenciana dove nel 2005 (insieme con la Sanremo), si vide il Petacchi forse più forte di sempre. Il bello è che lui e i suoi compagni sono convinti che il livello di forma attuale sia uguale a quello d’allora. Lo vedremo. Quello che è certo è che questo Algarve ci consegna un Petacchi ritrovato sia nella condizione atletica, sia in quella psicologica. Gli infortuni e le paure del 2006 sono alle spalle. L’unico rimpianto è che un Petacchi così forte non abbia in programma anche corse come il Fiandre o la Freccia, di sicuro alla sua portata.

(GAZZETTA)

Link to comment
Share on other sites

Speriamo bene per la Classicissima... Rimane a mio giudizio ancora il più forte velocista in attività anche se qualcosa tra età e l'infortunio appena subito, ha perso rispetto all'anno scorso. Quanto a Fiandre e Freccia forse è meglio così... Sono tra quelli che preferisce vederlo competitivo per ancora 2-3 anni sul terreno a lui congeniale puntando sui grandi giri e classiche tipo Parigi-Tours o la Sanremo appunto. Poi dipende tutto dalle sue motivazioni! Cmq forza Ale Jet!!!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...