Jump to content
  • Sign Up

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2022 e Tour de France 2022 sono finalmente disponibili
Leggi di più

Splendido Enrico


Karpets

Recommended Posts

Terzo posto per Enrico Franzoi nel mondiale di ciclocross, vinto dal belga Erik Vervecken

franzoi.jpg

Terzo titolo di campione del mondo in carriera per il belga Eric Vervecken, 'signore del fango' per il secondo anno consecutivo, mentre il primo alloro iridato risaleva al 2000. Di fronte a 66 mila persone (folla inimmaginabile ad un 'cross' italiano e non solo) sul tracciato belga di Hoglede Gits, Vervecken ha vinto di forza, staccando di una manciata di secondi, dopo attacco portato all'ultimo giro, lo statunitense Jonathan Page, che acciuffa la medaglia d'argento assolutamente contro pronostico. Così come contro pronostico va inquadrata la prova, deludente, del 'Cannibale' Nys, soltanto 11mo e staccato di oltre 2' dal vincitore, anche attardato da un paio di cadute.E' invece da valutare come grande risultato il terzo posto conquistato dal nostro 'capitano', Enrico Franzoi, sempre coi migliori. Per il trevigiano che corre anche su strada, con la Lampre Fondital, è la prima medaglia mondiale coi 'grandi', lui che era stato in passato iridato, ma da under 23. Franzoi potrà ora davvero concentrarsi sull'attività da stradista, sogna di vincere la Parigi-Roubaix e per quella si sta preparando. 13mo posto per Marco Fontana.

In campo femminile, la nuova campionessa mondiale del fango è la francese Myriam Salvetat (vittoria sorprendente) . Solo 7ma la campionessa uscente , l'olandese Marianne Vos.

Eurosport - FP - 28/01/2007 16:50

Link to comment
Share on other sites

Guest master1995
Terzo posto per Enrico Franzoi nel mondiale di ciclocross, vinto dal belga Erik Vervecken

franzoi.jpg

Terzo titolo di campione del mondo in carriera per il belga Eric Vervecken, 'signore del fango' per il secondo anno consecutivo, mentre il primo alloro iridato risaleva al 2000. Di fronte a 66 mila persone (folla inimmaginabile ad un 'cross' italiano e non solo) sul tracciato belga di Hoglede Gits, Vervecken ha vinto di forza, staccando di una manciata di secondi, dopo attacco portato all'ultimo giro, lo statunitense Jonathan Page, che acciuffa la medaglia d'argento assolutamente contro pronostico. Così come contro pronostico va inquadrata la prova, deludente, del 'Cannibale' Nys, soltanto 11mo e staccato di oltre 2' dal vincitore, anche attardato da un paio di cadute.E' invece da valutare come grande risultato il terzo posto conquistato dal nostro 'capitano', Enrico Franzoi, sempre coi migliori. Per il trevigiano che corre anche su strada, con la Lampre Fondital, è la prima medaglia mondiale coi 'grandi', lui che era stato in passato iridato, ma da under 23. Franzoi potrà ora davvero concentrarsi sull'attività da stradista, sogna di vincere la Parigi-Roubaix e per quella si sta preparando. 13mo posto per Marco Fontana.

In campo femminile, la nuova campionessa mondiale del fango è la francese Myriam Salvetat (vittoria sorprendente) . Solo 7ma la campionessa uscente , l'olandese Marianne Vos.

Eurosport - FP - 28/01/2007 16:50

FINALMENTE DOPO 10 anni abbiamo trovato un corridore che ha il potenziale per fare bene al nel ciclocross e nella strada

Link to comment
Share on other sites

L'ho vista in diretta la gara e devo dire che è stato un grande! Forse ha attaccato troppo presto.... con un po' di esperienza in più avrebbe vinto.... Cmq è stato un grande, niente da dire!!!!!

Link to comment
Share on other sites

L'ho vista in diretta la gara e devo dire che è stato un grande! Forse ha attaccato troppo presto.... con un po' di esperienza in più avrebbe vinto.... Cmq è stato un grande, niente da dire!!!!!

Dove l'hai visto??

Sarà l'uomo ombra di Ballan quest'anno! :tongue:

Link to comment
Share on other sites

Franzoi promette:appuntamento a Roubaix e poi a Treviso 2008

Non dormirà sugli allori Enrico Franzoi, la medaglia di bronzo dei mondiali di ciclocross, disputati domenica scorsa in Belgio. Già domani, raggiungerà i compagni di squadra del team Lampre Fondital, in ritiro a San Vincenzo (LI).

Un risultato, il 3° posto al mondiale, che lo rende felice, ma che in fondo, non lo sorprende più di tanto.

«Mi aspettavo un buon risultato - confessa il corridore veneto -. Mi ero preparato bene ed alla fine la medaglia di bronzo vale per me quasi come una vittoria anche se, in certi momenti della corsa, ho pensato pure di vincere».

Un risultato in grado di trasmettergli maggiore fiducia nei propri mezzi e di farlo guardare con ottimismo verso il mondiale di Treviso del prossimo anno.

Enrico conosceva già il circuito iridato di Hooglede-Gits, avendoci disputato lo scorso anno, una prova di Coppa del Mondo della specialità.

«Si rivelò un percorso difficile, anche a causa della pioggia che aveva reso il tracciato molto fangoso. Sapevo che alla fine il circuito sarebbe risultato selettivo».

Franzoi non teme il maltempo, additandolo addirittura come suo alleato, in grado di rendere i percorsi più duri e per questo, adatti alle sue caratteristiche.

«Se fosse piovuto di più, sarebbe stato forse ancora meglio. Col passare degli anni, sento di apprezzare sempre di più il fatto di procedere in corsa con la bici in spalla».

Un ragazzo che crede fermamente nella specialità e che tiene a ribadire il suo amore per questa disciplina, nonostante lo scorso anno fossero affiorate alcune voci che lo volevano un pochino più propenso a concentrarsi sulla strada e a declinare maggiormente i suoi impegni verso il ciclocross.

«Forse certe mie affermazioni sono state travisate - tiene a puntualizzare -. La scorsa stagione, dovendo disputare una corsa a tappe di tre settimane, ho dovuto tirare il fiato e recuperare le energie. Per preparare Treviso 2008 seguirò un altro percorso. Partirò magari più piano, per ritrovarmi al top nel mese di gennaio».

Treviso, la sua terra. Il sogno iridato che potrebbe diventare realtà.

«Un percorso, quello delle Bandie, bello e durissimo. Penso addirittura che a gennaio possa rivelarsi ancora più difficile rispetto a quello che si è visto il 4 novembre scorso».

L'altro sogno di Enrico invece, si chiama Parigi-Roubaix.

«Un obiettivo che mi sono posto già da quest'anno. Una corsa che ho già disputato nelle ultime due stagioni. Ho visto che posso far bene e voglio prepararla al meglio».

Il debutto su strada, è previsto per metà febbraio con la Ruta del Sol. La stagione proseguirà poi con la Parigi-Nizza e con le classiche del pavè. A quel punto, un meritato riposo per riprendere con il Delfinato a giugno, preludio della partecipazione al Tour de France.

(tuttobiciweb)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...