Jump to content
  • Sign Up

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2021 e Tour de France 2021sono finalmente disponibili
Leggi di più

Hai già scoperto i nostri tutorial?

Come sottoscrivo una mod su Steam? Come modifico un database? Come posso creare una maglia personalizzata? Per queste ed altre domande visita la nostra sezione tutorial!
Tutorial

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

La nostra RECENSIONE di Pro Cycling Manager 2020

Leggi e guarda la nostra recensione di Pro Cycling Manager 2020, a cura di BubbaDJ
Leggi di più

emmea90

Recommended Posts

  • Admininistrators

Il Piccolo Zome 2016 - I giudici

Papaloukass

doge.png.cdc8c70b2235f06c297c546cc165a1a 

Riuscito a vincere il Piccolo Zome alla quarta partecipazione, il neo-giudice, che esordì con un (in)dimenticabile Tour de France da 37 punti, è la prova che come Antonino Cannavacciuolo con la giusta dedizione si può raggiungere ogni risultato
Amante sia nella teoria che nella pratica delle due ruote, i suoi dogmi sono principalmente tre: proporre percorsi altimetricamente accattivanti ma con un occhio di riguardo anche alla componente storico-geografica, la ricerca di novità, valorizzando posti magari poco battuti ma con un grande potenziale, e il dare una maggiore importanza alla qualità piuttosto che alla quantità - attenzione al dislivello, ogni salita deve avere il suo perché!

Cita

Le tracce sono un ottimo modo per scoprire luoghi nuovi, paesaggi nuovi e storie nuove

 

Nasdon33
photo-12625.jpg
Noto per aver tracciato corse in tutte le aree del pianeta - dalla Patagonia alla Norvegia e dalle Hawaii alla Nuova Zelanda - grazie alla sua minuziosa ricerca di territori favorevoli alle due ruote e alla sua voglia di innovazione. Come Bruno Barbieri odia i mappazzoni e dà grande importanza alla presentazione della corsa che deve avere una sua linearità e un senso logico. Ha scoperto salite oltre i 3000 metri in giro per il mondo.

Cita

La tradizione è per chi non ha coraggio, l'innovazione e le nuove scoperte sono riservate a chi sa osare

 
Gigilasegaperenne
av-3344.jpg
Silenzioso ma mai banale il buon gigi è stato il primo innovatore in questo campo nella ricerca di percorsi adatti per le grandi corse a tappe e non solo. Noto per aver riportato il Tour sul Puy de Dome dopo 20 anni lasega è in grado di dosare gli ingredienti nei suoi percorsi per ottenere un risultato mai banale - ogni tappa è fine a se stessa e presenta sempre qualche insidia non sempre di natura altimetrica con le frazioni per velocisti spesso relegate al ruolo di trasferimento. Come per Carlo Cracco in cucina per lui sono i dettagli a fare la differenza nel prodotto - ogni chilometro, ogni scelta, ogni salita ha un significato sopra cui regna il perfetto bilanciamento del percorso. Ha classificato il Tour de France 2012 di Prudhomme nella propria galleria degli orrori.

Cita

Mettiamo ancora un po' di cronometro, così non romperanno le palle quando vedranno il numero di salite

 

Emmea90
1975037_544632538990421_1385609191_n.jpg
Tracciare è un arte - e se uno dei tuoi percorsi ha fatto più di mille download probabilmente è anche apprezzata. Noto per aver riportato il Tour de France su nuove e impensabili vette, per aver spinto per l'abolizione della passerella di Parigi i suoi percorsi sono gli unici che Angelo Zomegnan - con cui condivide la caratteristica di indossare occhiali da sole in qualunque occasione - sarebbe in grado di definire "mossi". Giudice unico ed inflessibile del concorso fino alla terza edizione non osa porsi limiti nello stroncare i novellini come nemmeno il peggiore dei Joe Bastianich. Noto per aver classificato come gialla una tappa con oltre 6000 metri di dislivello è forse il più duro ed esigente del trio - ha portato di recente il Tour de France in cima al Col du Jandri al termine di una tappa massacrante.

Cita

Non esistono tradizioni, non esistono arrivi facili, non esistono limiti da non superare. La tappa più dura è quella che deve ancora venire.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


×
×
  • Create New...