Jump to content
  • Sign Up

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2021 e Tour de France 2021sono finalmente disponibili
Leggi di più

Hai già scoperto i nostri tutorial?

Come sottoscrivo una mod su Steam? Come modifico un database? Come posso creare una maglia personalizzata? Per queste ed altre domande visita la nostra sezione tutorial!
Tutorial

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

La nostra RECENSIONE di Pro Cycling Manager 2020

Leggi e guarda la nostra recensione di Pro Cycling Manager 2020, a cura di BubbaDJ
Leggi di più

Sanremo: Rasmussen a braccia alzate


Recommended Posts

Sanremo, 19 Marzo 2011 ore 17.30:

Gentili telespettatori che avete seguito quest'oggi la centunesima Milano-Sanremo, la classica di primavera, questa corsa è una delle più antiche, una delle più significative e combattute corse ciclistiche al mondo, il traguardo che almeno ogni vero velocista deve aver superato per prima: la consacrazione per un campione, un sogno per molti, un obiettivo impossibile per altri, ma oggi gentili telespettatori è successo di tutto, dalle cadute ai ritiri, agli insulti e ahimè anche peggio, a giochi di squadra a sorprese inattese, a incidenti meccanici e verso la fine è sopraggiunta anche la pioggia, manna dal cielo per alcuni, incubo per altri. Ma bando alle ciance, per chi non lo sapesse mandiamo una cartolina della corsa, l'arrivo del vincitore della corsa:

doc4dec3fc98e8ef4722525291.jpg

Alex Rasmussen! La squadra lavora tutta per lui oggi, ha tenuto chiusa la corsa e alla fine ha vinto! Secondo da applausi Peter Sagan, molto battaglero oggi, ripreso proprio sul traguardo dal ciclista danese, "solo" terzo di oggi il gran favorito Mark Cavendish, con la maglia azzurra che la lampre ha usato per l'occasione. Che dire, ora Rasmussen sarà favorito per il mondiale che si terrà nella sua danimarca.

Ma sarà vero??? Seguiteci e lo scoprirete :D

Link to comment
Share on other sites

Mr X:Ha visto con attenzione gli ultimi filmati?

Joker Il Magnifico: Sì, certo Rasmussen che vince tutto nel giro di due anni, sgomina contador in salita, in pianura stacca di ruota cancellara, i suoi scatti fanno impallidire Gilbert e in volata non lascia scampo a nessuno

Mr X: E non le pare un po' strano tutto questo?

J: Ovvio, Rasmussen è una mezza pippa

Mr X: Forse qui da noi

J: Cosa intende dire?

Mr X: Vede io non sono stato onesto con lei, questi sono affari segreti del governo

J: Intanto mi basta sapere perchè mi avete chiamato

Mr X: Ok, ora le spiegherò la storia. Lei conosce la teoria degli universi paralleli?

J: Sì, e allora?

Mr X: Quello che ha visto è appunto un universo parallelo, molto simile al nostro, fin troppo, il problema è Rasmussen

J: Perchè?

Mr X: Perchè se non si ricorda male sempre qualcuno lo ha battutto nella graduatoria Uci-Pro-Tour

J: Vinokurov nel 2007,Gilbert 2008, Schleck 2009

Mr X: Esatto, è arrivato sempre secondo, fregato nella stessa gara: il Lombardia

J: Sì, e con questo?

Mr X: Quest'anno il Lombardia non si correrà per colpa del nuovo segretario della Lega Nord

J: E quindi Rasmussen è favorito per il pro-tour?

Mr X: Quei video rappresentano il futuro, a meno che noi inverveniamo

J: Cosa intende dire?

Mr X: Dovremmo mandare qualcuno a sistemare quell'universo parallelo

J: Per quale motivo?

Mr X: Se Rasmussen vincerà il Pro-Tour si creerà il cosidetto paradosso della nullità, in poche parole, se in due diversi universi paralleli, la stessa persona passasse da pippa mostruosa a campione eccellente, si aprirebbe un varco dimensionale fra i due universi, e questo causerà un implosione a tutti gli universi. Sarebbe come un apocalisse

J: Perchè ha chiamato proprio me?

Mr X: Lei in questo universo è un normale impiegato, ma nell'altro è il ds Htc, quello che dirige rasmussen. Il suo lavoro sarà semplicissimo, basta ,mettere 50 picogrammi nella sua borraccia di questo elemento, denominato Gresol che rasmussen perderà 5 kg di massa muscolare e probabilmente ingrasserà di minimo 10 kg, così da lardone flaccido gli sarà impossibile dettare la fine del mondo

J: Sbaglio o è impossibile viaggiare tra universi paralleli?

Mr X: Non per noi, e ora devi studiare gli usi dell'altro univverso

J: Cosa le fa pensare che io accetterò?

Mr X: Oh, la vede quella macchina? Nel bagagliaio c'è una sacca piena di lingotti d'oro. Finita la missione prenderà entrambe le cose e se ne andrà dove vuole lei, l'importante è che non racconti in giro ciò che le ho mostrato e ciò che le sto per mostrare

...

Link to comment
Share on other sites

Mr X: Ok; ora hai capito il piano?

J: Ho un idea migliore

Mr X: Cioè?

J: Portiamo con noi nell'universo parallelo il nostro Rasmussen, mettiamo fuori gioco quello vero e poi facciamo correre quello pippa

Mr X: E' un piano rischioso, non si può fare

J: Ma ragiona un po', la gente non si insospettirà se rasmussen cambierà improvvisamente aspetto? E poi loro non avranno un antidoto? Non è fattibile questo piano

Mr X: In effetti hai ragione, la tua idea si può fare

J: Ovvio, cmq parlatemi di me nell'universo parallelo così non sarò sorpreso di me medesimo

Mr X: E' un ds davvero promettente, scoperto dalla footon, ha scoperto a sua volta numerosi talenti

J: Un ultima domanda: lei chi è?

Agente Cia: Signore, siamo pronti, il varco è aperto

J: Passiamo a prendere Rasmussen e poi possiamo andare

Mr X: Ok, io vi seguirò da qui. Buona fortuna

Link to comment
Share on other sites

Sono teso, mi trovo seduto su una macchina abbastanza particolare, non nel suo aspetto (che pare in tutto e per tutto un Audi r8: regia)

Audi%20R8.....jpg

ma per la sua utilità, trattasi infatti di una macchina in grado di superare senza creare danni permanenti varchi dimensionali situati in particolari posti della terra: se presi alla giusta velocità, i posti si potevano contare sulle dita di una mano: erano infatti 4 i posti da cui si poteva accedere al cosiddetto Corridoio che era appunto il luogo da cui si diramavano i vari universi paralleli, il problema era che la macchina avrebbe dovuto viaggiare un po' prima di riuscire ad arrivare all'universo desiderato. Come stavo dicendo, i quattro punti sono dislocati in varie posizioni, due sono irraggiungibili nemmeno con questo gioiello, una si trova nel mantello, circa 1000 km sotto la superfice dell'oceano pacifico, uno in cima al kilimangiaro, impossibile perchè non si puà raggiugere la velocità gradita, gli altri due erano già più fattibili: uno si trovava nel gran canyon, l'altro manco a dirlo si trova nella famosa galleria di piazza d'uomo a Milano, ovviamente optammo per la prima opzione, sarebbe stato all'oscuro da tutto il mondo e la velocità si sarebbe potuta raggiungere, per tornare indietro usciremo nella seconda opzione, visto che dopo aver passato il varco, esso si sposterà automaticamente in un altro posto e quindi per non rischiare... il nostro viaggio sarà abbastanza lungo, l'obiettivo è tenere rasmussen lontano dalle corse per 3-4 anni di modo che invecchiando perda la possibilità di vincere il pro-tour. Ma non saremo soli: saremo seguiti tramite dei telefoni particolari con la centrale operativa dell'operazione. Mente a partire saremo in 2, io e Rasmussen, l'obietivo? Uno solo: Salvare il mondo

...

Link to comment
Share on other sites

Il dovere di guidare spettava a me, gli scienziati avevano preparato il piano, si sarebbe svolto tutto di prima mattina, l'obiettivo era raggiungere il punto indicato per le 7.00 del mattino, in maniera da non essere visti da ignari turisti: per problemi di discesa, dovrò affrontare un viaggio all'interno del grand canyon di una ventina di chilometri, mi reco nel punto di partenza puntuale alle 6.20, dove trovo già tutti pronti:

J: Sono l'ultimo?

Rasmussen: No, non ti preoccupare.

Infatti ben 12 minuti dopo una macchina si avvicina velocemente dall'orizzonte, mi spiegano che è un magnate dell'automobilismo che ci ha fornito i fondi per realizzare l'esperimento, dopo i convenevoli parla un po' dei suoi obiettivi che realizzerà con questa missione: non lo sento nemmeno, sono troppo agitato...

Ore 6.40, saliamo in macchina: dobbiamo scendere da un tunnel segreto per arrivare al piano del varco:

6654018-andando-attraverso-il-tunnel-sotterraneo-aeroporto-di-zurigo.jpg

dopodichè arriviamo al punto desiderato, accendo il rombante motore della macchina, tutto intorno il silenzio quando i 1200 cavalli della macchina iniziano a rombare, il viaggio è iniziato...

Link to comment
Share on other sites

Il rombo del motore è sempre più assordante, viaggiamo a una velocità di circa 215 km/h, troppo poco per il nostro obiettivo, raggiungere il varco con la velocità di almeno 325.564802 Km/h, per riuscire a varcare la soglia, mancano ancora 7 km al punto designato, 3 per l'azionamento del motore che dovrebbe aumentare la velocità di circa il 15 % che ci consentirà di raggiungere la velocità richiesta, il congegno per lo "speciale" viaggio sarà attivato qualche metro prima del apertura.

Ok, viaggiate a 280 km/h azionate il Motor Sp ci disse una voce dalla radiolina

Lo facemmo subito, e la sua azione si fece subito sentire, la macchina fece un accellerazione improvvisa, pareva di stare sulle montagne russe intanto dalla base sembravano fare un contdown dei km da percorrere, quando ad un certo punto urlarono:

Azionate il congegno!

Eseguimmo subito il comando, e quello che seguì poco dopo l'operazione non so nemmeno io cosa sia successo, so solo di aver sentito la voce di qualcuno che diceva

"E' finita, le coordinate sono errate. Qualcuno ci ha traditi"

Poi il nulla fino a quando sentii una voce che mi chiamava...

"Joker... Joker....Joker.... Dai sù svegliati"

"Chi è?"

...

Link to comment
Share on other sites

"Chi vuoi che sia? Sono io Rasmussen"

"Certo, ma che è successo?"

"Non lo so, mi sono appena svegliato"

Ci trovavamo in un mondo un po' diverso dal nostro, il cielo aveva uno strano colore verde, il territorio intorno alla macchina era arido e duro come un macigno e poco più avanti si intravvedeva una grande metropoli di colore grigio, circondata come da una barriera trasparente, chissà per quale strano motivo, quando decidiamo di contattare la base:

J:" Base, qui parla Universe"

B:"Diteci ragazzi, dove siete?"

J:"Speravo fosse lei a dircelo, a naso questo non è l'universo su cui dovevamo arrivare"

B:"Lo sappiamo, qualcuno qui ha cambiato le coordinate della macchina"

J:"Iniziamo a metterla aposto prima di tutto, come posso fare?"

B:"Vede quella leva rossa e blu vicino al volante? La tiri verso di sè"

J: "Fatto"

B: Dovrebbe essere uscito un computerino giusto?

J: "Esattamente"

B:" Ecco, lei scriva sulla tastiera questa lista di numeri 5678....428, fatto questo spinga la leva verso il volante, dovrebbe aver sistemato"

J:"Perfetto, ora non ci resta che ripartire e arrivare nel mondo desiderato giusto?"

B: "Non esattamente, dovete cercare il varco in quel mondo, e non sarà semplice"

J: "Oh buon Dio, abbiamo qualche modo per farlo?"

B: "Mesi e mesi di ricerca e test"

J: "Non abbiamo tutto quel tempo...Base?...Base?"

R: "Credo sia saltata la linea"

J: "Certo... Ma cosa sono quelli?"

In lontananza apparvero delle losche figure, armate con una lunga lancia, sembravano quasi formiche, però erano un tantino grosse

R"Cosa facciamo?"

Non lo sentii neanche, avevo già messo in moto la macchina

...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...