Jump to content
  • Sign Up

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2022 e Tour de France 2022 sono finalmente disponibili
Leggi di più

MONDIALI MADRID 2005 - Gara in linea


sateo

Chi vincerà il Campionato Mondiale?  

17 members have voted

  1. 1.

    • Alessandro Petacchi (Italia)
      1
    • Robbie Mc Ewen (Australia)
      1
    • Erik Zabel (Germania)
      0
    • Tom Boonen (Belgio)
      7
    • Thor Hushovd (Norvegia)
      0
    • Paolo Bettini (Italia)
      4
    • Miguel Angel Martin Perdiguero (Spagna)
      2
    • Murilho Fisher (Brasile)
      0
    • Altro
      2


Recommended Posts

Circuito di 21 km da ripetere 13 volte

05mond0.jpg

STARTLIST UFFICIALE:

1 Igor Astarloa Askasibar (Spain)

2 David Blanco Rodriguez (Spain)

3 Juan Antonio Flecha Giannoni (Spain)

4 Francisco Mancebo Perez (Spain)

5 Miguel Angel Martin Perdiguero (Spain)

6 Oscar Pereiro Sio (Spain)

7 Marcos Antonio Serrano Rodriguez (Spain)

8 Alejandro Valverde Belmonte (Spain)

9 Constantino Zaballa Gutierrez (Spain)

10 Rolf Aldag (Germany)

11 Markus Fothen (Germany)

12 Jörg Jaksche (Germany)

13 Matthias Kessler (Germany)

14 Andreas Klier (Germany)

15 Sebastian Lang (Germany)

16 Jens Voigt (Germany)

17 Fabian Wegmann (Germany)

18 Erik Zabel (Germany)

19 Daniele Bennati (Italy)

20 Lorenzo Bernucci (Italy)

21 Paolo Bettini (Italy)

22 Giovanni Lombardi (Italy)

23 Luca Paolini (Italy)

24 Alessandro Petacchi (Italy)

25 Filippo Pozzato (Italy)

26 Matteo Tosatto (Italy)

27 Marco Velo (Italy)

28 Baden Cooke (Australia)

29 Allan Davis (Australia)

30 Cadel Evans (Australia)

31 Simon Gerrans (Australia)

32 Mathew Hayman (Australia)

33 Brett Lancaster (Australia)

34 Robbie Mcewen (Australia)

35 Michael Rogers (Australia)

36 Henk Vogels (Australia)

37 Michael Boogerd (Netherlands)

38 Thomas Dekker (Netherlands)

39 Karsten Kroon (Netherlands)

40 Koos Moerenhout (Netherlands)

41 Joost Posthuma (Netherlands)

42 Bram Tankink (Netherlands)

43 Leon Van Bon (Netherlands)

44 Max Van Heeswijk (Netherlands)

45 Pieter Weening (Netherlands)

46 John Lieswyn (United States Of America)

47 Jonathan Patrick Mccarty (United States Of America)

48 Jason Mccartney (United States Of America)

49 Saul Raisin (United States Of America)

50 Freddie Rodriguez (United States Of America)

51 Guido Trenti (United States Of America)

52 Christian Vandevelde (United States Of America)

53 Philip Zajicek (United States Of America)

54 Kim Kirchen (Luxembourg)

55 Lars Ytting Bak (Denmark)

56 Lars Michaelsen (Denmark)

57 Jakob Piil (Denmark)

58 Assan Bazayev (Kazakhstan)

59 Maxim Gourov (Kazakhstan)

60 Maxim Iglinskiy (Kazakhstan)

61 Andrey Kashechkin (Kazakhstan)

62 Andrey Mizourov (Kazakhstan)

63 Dmitriy Muravyev (Kazakhstan)

64 Alexandr Vinokourov (Kazakhstan)

65 Sergey Yakovlev (Kazakhstan)

66 Leonardo Fabio Duque (Colombia)

67 Luis Felipe Laverde (Colombia)

68 Juan Carlos Lopez Martin (Colombia)

69 Vladimir Efimkin (Russian Federation)

70 Vladimir Gusev (Russian Federation)

71 Serguei Ivanov (Russian Federation)

72 Alexandr Kolobnev (Russian Federation)

73 Denis Menchov (Russian Federation)

74 Evgeni Petrov (Russian Federation)

75 Michael Albasini (Switzerland)

76 Roger Beuchat (Switzerland)

77 Patrick Calcagni (Switzerland)

78 Fabian Cancellara (Switzerland)

79 Aurélien Clerc (Switzerland)

80 Martin Elmiger (Switzerland)

81 Grégory Rast (Switzerland)

82 Steffen Wesemann (Switzerland)

83 Markus Zberg (Switzerland)

84 Jaan Kirsipuu (Estonia)

85 Andriy Grivko (Ukraine)

86 Mykhailo Khalilov (Ukraine)

87 Denys Kostyuk (Ukraine)

88 Mario Aerts (Belgium)

89 Tom Boonen (Belgium)

90 Wilfried Cretskens (Belgium)

91 Devolder Stijn (Belgium)

92 Philippe Gilbert (Belgium)

93 Björn Leukemans (Belgium)

94 Nick Nuyens (Belgium)

95 Peter Van Petegem (Belgium)

96 Marc Wauters (Belgium)

97 Laurent Brochard (France)

98 Jimmy Casper (France)

99 Sylvain Chavanel (France)

100 Carlos Da Cruz (France)

101 Anthony Geslin (France)

102 Christophe Kern (France)

103 Christophe Le Mevel (France)

104 Jean-Patrick Nazon (France)

105 Cédric Vasseur (France)

106 Bartosz Huzarski (Poland)

107 Peter Mazur (Poland)

108 Robert Radosz (Poland)

109 Marek Rutkiewicz (Poland)

110 Piotr Wadecki (Poland)

111 Jaroslaw Zarebski (Poland)

112 Janez Brajkovic (Slovenia)

113 Andrej Hauptman (Slovenia)

114 Mitja Mahoric (Slovenia)

115 Matej Mugerli (Slovenia)

116 Uros Murn (Slovenia)

117 Gorazd Stangelj (Slovenia)

118 Guillermo Ruben Bongiorno (Argentina)

119 Alejandro Alberto Borrajo (Argentina)

120 Anibal Andres Borrajo (Argentina)

121 Gerardo Fernandez (Argentina)

122 Martin Garrido (Argentina)

123 Matias Medici (Argentina)

124 Stephen Cummings (Great Britain)

125 Roger Hammond (Great Britain)

126 Robin Sharman (Great Britain)

127 Tom Southam (Great Britain)

128 Charly Wegelius (Great Britain)

129 Bradley Wiggins (Great Britain)

130 René Andrle (Czech Republic)

131 Petr Bencik (Czech Republic)

132 Jan Hruska (Czech Republic)

133 Ondrej Sosenka (Czech Republic)

134 Jan Svorada (Czech Republic)

135 Mac Donald Fernandes (Brazil)

136 Murilo Fischer (Brazil)

137 Marcio May (Brazil)

138 Antonio Xavier Nascimento (Brazil)

139 Pedro Nicacio (Brazil)

140 Luciano André Pagliarini (Brazil)

141 Helder Miranda (Portugal)

142 Buno Neves (Portugal)

143 Bruno Pires (Portugal)

144 Hugo Sabido (Portugal)

145 Pedro Soeiro (Portugal)

146 Ryan Cox (South Africa)

147 George David (South Africa)

148 Rodney Green (South Africa)

149 Ian Mcleod (South Africa)

150 James Lewis Perry (South Africa)

151 Saeiditanha Abbas (Islamic Republic of Iran)

152 Hossein Askari (Islamic Republic of Iran)

153 Ahad Kazemisarai (Islamic Republic of Iran)

154 Ghader Mizbani Iranagh (Islamic Republic of Iran)

155 Mahdi Sohrabi (Islamic Republic of Iran)

156 Amir Zargary (Islamic Republic of Iran)

157 Michael Barry (Canada)

158 Ryder Hesjedal (Canada)

159 Francois Parisien (Canada)

160 Linas Balciunas (Lithuania)

161 Mindaugas Goncaras (Lithuania)

162 Tomas Vaitkus (Lithuania)

163 Aliaksandr Kychinski (Belarus)

164 Kanstantsin Siutsou (Belarus)

165 Alexandre Usov (Belarus)

166 Koji Fukushima (Japan)

167 Shinichi Fukushima (Japan)

168 Makoto Iijima (Japan)

169 Magnus Bäckstedt (Sweden)

170 Marcus Ljungqvist (Sweden)

171 Thomas Lövkvist (Sweden)

172 David McCann (Ireland)

173 David O'Loughlin (Ireland)

174 Mark Scanlon (Ireland)

175 Martin Prazdnovsky (Slovakia)

176 Martin Riska (Slovakia)

177 Jan Valach (Slovakia)

178 Sergey Lagutin (Uzbekistan)

179 Rafael Nuritdinov (Uzbekistan)

180 Denis Shkarpeta (Uzbekistan)

181 Raivis Belohvosciks (Latvia)

182 Aleksejs Saramotins (Latvia)

183 Evgeni Gerganov (Bulgaria)

184 Krasimir Vasilev (Bulgaria)

185 Bernhard Eisel (Austria)

186 Rene Haselbacher (Austria)

187 Peter Wrolich (Austria)

188 Julian Dean (New Zealand)

189 Greg Henderson (New Zealand)

190 Fraser Macmaster (New Zealand)

191 Thor Hushovd (Norway)

192 Matija Kvasina (Croatia)

193 Honorio Machado Perez (Venezuela)[/b]

Link to comment
Share on other sites

Io nn riderei molto... 25 corridori in fuga... e un italiano che tra l'altro aveva speso molto ed era 50 km lì davanti.. Tutti vicini a petachi, anke quando questi ha 20 secondi di ritardo.. E tra l'altro stava male durante sti gg e nn lo sapeva nessuno.. Paolini, pozzato.. Dove erano?? Il treno di petacchi, per cosa, per un 30 posto, perkè petacchi si stacca da 20 corridori in salita.. Eppoi doveva essere un percorso per velocisti.. :lol:

Link to comment
Share on other sites

CAMPIONATO DEL MONDO SU STRADA - 273.0 km

1 Tom Boonen Belgio Quick Step - Innergetic 6h26'10"

2 Alejandro Valverde Belmonte Spagna Illes Balears - Caisse d'Epargne st

3 Anthony Geslin Francia Bouygues Telecom st

4 Marcus Ljungqvist Svezia Liquigas - Bianchi st

5 Murilo Fischer Brasile Naturino - Sapore di Mare st

6 Jakob Piil Storm Danimarca Team Csc st

7 Alexandr Kolobnev Russia Rabobank st

8 Andreas Klier Germania T-Mobile Team st

9 Julian Dean Nuova Zelanda Crédit Agricole st

10 Martin Elmiger Svizzera Phonak Hearing Systems st

11 Janez Brajkovic Slovenia Discovery Channel Pro Cycling Team st

12 Steffen Wesemann Svizzera T-Mobile Team st

13 Paolo Bettini Italia Quick Step - Innergetic st

14 Grégory Rast Svizzera Phonak Hearing Systems st

15 Thomas Dekker Olanda Rabobank st

16 Constantino Zaballa Gutiérrez Spagna Saunier Duval - Prodir st

17 Koos Moerenhout Olanda Davitamon - Lotto st

18 Michael Boogerd Olanda Rabobank st

19 Laurent Brochard Francia Bouygues Telecom st

20 Gorazd Stangelj Slovenia Lampre - Caffita st

21 Alexandre Vinokourov Kazakistan T-Mobile Team st

22 Marcos Antonio Serrano Rodríguez Spagna Liberty Seguros - Würth Team st

23 Guido Trenti Usa Quick Step - Innergetic st

24 Denis Menchov Russia Rabobank a 10"

25 Mario Aerts Belgio Davitamon - Lotto a 11"

26 Nick Nuyens Belgio Quick Step - Innergetic a 21"

27 Björn Leukemans Belgio Davitamon - Lotto a 23"

28 Alexandre Usov Bielorussia AG2R Prevoyance a 25"

29 Erik Zabel Germania T-Mobile Team a 25"

30 Robbie McEwen Australia Davitamon - Lotto a 25"

31 Uros Murn Slovenia Phonak Hearing Systems a 25"

32 René Haselbacher Austria Gerolsteiner a 25"

33 Aurélien Clerc Svizzera Phonak Hearing Systems a 25"

34 Peter Van Petegem Belgio Davitamon - Lotto a 25"

35 Alessandro Petacchi Italia Fassa Bortolo a 25"

36 Alejandro Alberto Borrajo Argentina Ceramica Panaria - Navigare a 25"

37 Matija Kvasina Croazia Perutnina Ptuj a 25"

38 Sergey Lagutin Uzbekistan Landbouwkrediet - Colnago a 25"

39 Lars Ytting Bak Danimarca Team Csc a 25"

40 Jan Hruska Repubblica Ceca Liberty Seguros - Würth Team a 25"

41 Roger Hammond Gran Bretagna Discovery Channel Pro Cycling Team a 25"

42 Mikhaylo Khalilov Ucraina Team L.P.R. a 25"

43 Jan Valach Slovacchia eD'System - ZVVZ a 25"

44 Piotr Wadecki Polonia Intel - Action a 25"

45 Marek Rutkiewicz Polonia Intel - Action a 25"

46 Vladimir Gusev Russia Team Csc a 25"

47 Christophe Le Mevel Francia Crédit Agricole a 25"

48 Miguel Angel Martín Perdiguero Spagna Phonak Hearing Systems a 25"

49 Bram Tankink Olanda Quick Step - Innergetic a 25"

50 Oscar Pereiro Sio Spagna Phonak Hearing Systems a 25"

51 Jean-Patrick Nazon Francia AG2R Prevoyance a 25"

52 Karsten Kroon Olanda Rabobank a 25"

53 Denys Kostyuk Ucraina Jartazi Granville Team a 25"

54 Filippo Pozzato Italia Quick Step - Innergetic a 25"

55 David George Sudafrica Team Barloworld - Valsir a 25"

56 Juan Antonio Flecha Giannoni Spagna Fassa Bortolo a 25"

57 Stijn Devolder Belgio Discovery Channel Pro Cycling Team a 25"

58 Andrey Kashechkin Kazakistan Crédit Agricole a 25"

59 Fred Rodriguez Usa Davitamon - Lotto a 25"

60 Joost Posthuma Olanda Rabobank a 25"

61 Serguei Ivanov Russia T-Mobile Team a 25"

62 Igor Astarloa Askasibar Spagna Team Barloworld - Valsir a 25"

63 Marco Velo Italia Fassa Bortolo a 25"

64 Rolf Aldag Germania T-Mobile Team a 25"

65 Pieter Weening Olanda Rabobank a 25"

66 Matteo Tosatto Italia Fassa Bortolo a 25"

67 Sylvain Chavanel Francia Cofidis, le Credit par Télephone a 25"

68 Francisco Mancebo Pérez Spagna Illes Balears - Caisse d'Epargne a 36"

69 David Blanco Rodríguez Spagna Comunidad Valenciana a 36"

70 Peter Wrolich Austria Gerolsteiner a 43"

71 Leon Van Bon Olanda Davitamon - Lotto a 47"

72 Allan Davis Australia Liberty Seguros - Würth Team a 1'12"

73 Luca Paolini Italia Quick Step - Innergetic a 1'16"

74 Vladimir Efimkin Russia Team Barloworld - Valsir a 1'46"

75 Mark Scanlon Irlanda AG2R Prevoyance a 2'37"

76 Thomas Lövkvist Svezia Française des Jeux a 2'45"

77 Philippe Gilbert Belgio Française des Jeux a 2'45"

78 Ryder Hesjedal Canada Discovery Channel Pro Cycling Team a 4'18"

79 Pedro Miguel Miranda Soeiro Portogallo Carvalhelhos - Boavista a 4'50"

80 James Lewis Perry Sudafrica Team Konica Minolta a 4'57"

81 Marc Wauters Belgio Rabobank a 4'57"

82 Patrick Calcagni Svizzera Liquigas - Bianchi a 5'04"

83 Michael Rogers Australia Quick Step - Innergetic a 5'06"

84 Giovanni Lombardi Italia Team Csc a 5'06"

85 Martin Prázdnóvsky Slovacchia CK ZP Sport A.S. Podbrezova a 5'19"

86 John Lieswyn Usa Health Net presented by Maxxis a 5'19"

87 Simon Gerrans Australia AG2R Prevoyance a 5'25"

88 Baden Cooke Australia Française des Jeux a 5'25"

89 Maxim Gourov Kazakistan Elite 2a fascia a 5'25"

90 Rafael Nuritdinov Uzbekistan Domina Vacanze a 5'25"

91 Jörg Jaksche Germania Liberty Seguros - Würth Team a 5'25"

92 Cédric Vasseur Francia Cofidis, le Credit par Télephone a 5'25"

93 Leonardo Fabio Duque Colombia Jartazi Granville Team a 6'01"

94 Henk Vogels Australia Davitamon - Lotto a 6'01"

95 Jaroslaw Zarebski Polonia Intel - Action a 6'01"

96 Bartosz Huzarski Polonia Intel - Action a 6'01"

97 Fabian Wegmann Germania Gerolsteiner a 6'01"

98 Marcus Zberg Svizzera Gerolsteiner a 6'01"

99 Jan Svorada Repubblica Ceca eD'System - ZVVZ a 6'01"

100 Petr Bencik Repubblica Ceca eD'System - ZVVZ a 6'01"

101 Mathew Hayman Australia Rabobank a 6'01"

102 Andrey Mizourov Kazakistan Cycling Team Capec a 6'01"

103 Ryan Cox Sudafrica Team Barloworld - Valsir a 6'01"

104 Ian McLeod Sudafrica Française des Jeux a 6'01"

105 Daniele Bennati Italia Lampre - Caffita a 6'01"

106 Roger Beuchat Svizzera Team Barloworld - Valsir a 6'01"

107 Matej Mugerli Slovenia Liquigas - Bianchi a 6'01"

108 Ruben Guillermo Bongiorno Argentina Ceramica Panaria - Navigare a 6'01"

109 Lorenzo Bernucci Italia Fassa Bortolo a 6'01"

110 Bernhard Eisel Austria Française des Jeux a 6'01"

111 Magnus Backstedt Svezia Liquigas - Bianchi a 6'01"

112 Bradley Wiggins Gran Bretagna Crédit Agricole a 6'01"

113 Carlos DaCruz Francia Française des Jeux a 6'01"

114 Jimmy Casper Francia Cofidis, le Credit par Télephone a 6'01"

115 Thor Hushovd Norvegia Crédit Agricole a 6'01"

116 Marcus Fothen Germania Gerolsteiner a 7'03"

117 Matthias Kessler Germania T-Mobile Team a 7'03"

118 Serguei Yakovlev Kazakistan T-Mobile Team a 7'03"

119 Christophe Kern Francia Bouygues Telecom a 7'05"

120 Raivis Belohvosciks Lettonia Team Universal Caffè - Styloffice a 9'50"

121 Luis Felipe Laverde Jiménez Colombia Ceramica Panaria - Navigare a 9'51"

122 Kim Kirchen Lussemburgo Fassa Bortolo a 10'43"

123 Fabian Cancellara Svizzera Fassa Bortolo a 10'45"

124 Robert Radosz Polonia Grupa PSB a 12'51"

125 Shinichi Fukushima Giappone Team Bridgestone Anchor a 12'56"

126 Martin Riska Slovacchia PSK Whirlpool a 14'45"

127 Hugo Sabido Portogallo Paredes Rota dos Moveis - Beira Tamega a 14'47"

128 Bruno Neves Portogallo Madeinox - A.R. Canelas a 14'47"

129 Martin Garrido Mayorga Argentina Duja / Tavira a 14'51"

130 Piotr Mazur Polonia Elite 2a fascia a 14'55"

131 Mitja Mahoric Slovenia Perutnina Ptuj a 17'27"

132 Márcio May Brasile Elite 2a fascia a 19'19"

133 Aleksejs Saramotins Lettonia Rietumu Bank a 25'40"

134 Rodney Green Sudafrica Team Barloworld - Valsir a 27'10"

135 Makoto Iijima Giappone Sumita Ravanello Pearl Izumi a 27'12"

136 Mahdi Sohrabi Iran Paykan a 27'13"

Un finale al cardiopalma regala a Tom Boonen la possibilità di vincere il Campionato del Mondo, sprintando su Valverde, Geslin e altri 20 corridori. Bettini, grande protagonista degli ultimi giri, ripreso a 500 metri dal traguardo insieme ad altri 5 attaccanti, si deve accontentare di un amarissimo 13esimo posto.

Al km 1 il primo partire è il bulgaro Vasilev. Poco dopo evade anche il colombiano López Martín. Al secondo dei 13 giri scattano Muravyev e Raisin (un kazako e uno statunitense, che però sono compagni di squadra nella Crédit Agricole), che si portano su López al giro successivo e poi, con lui, su Vasilev al km 76, nel corso del quarto giro, sulla salita del Cardenal Herrera. Il vantaggio massimo sul gruppo tirato da Bielorussia, Gran Bretagna e Argentina tocca gli 11'40". Nel settimo giro, sulla salita di Dehesa de la Villa (km 133) si stacca López, nell'ottavo, sullo stesso punto, tocca a Vasilev (km 153). Il gruppo è a quel punto a 6'.

Al nono giro, dopo tanto attendismo, la Spagna si muove in testa al gruppo, ben marcata dall'Italia. Un buco fa perdere qualche metro a Petacchi a metà plotone, ma Velo riporta sotto il suo capitano e tutti quelli che seguono. Scatta Posthuma al km 179, su un falsopiano, e chiudono Mancebo, Pozzato, Fischer, Vladimir Efimkin, ma il gruppo non lascia spazio.

Al decimo giro si vede in testa l'Italia, con Bernucci, mentre in coda Vinokourov lancia segnali di resa (ma scopriremo che bleffa). Zaballa è il più attivo, attacca sull'Avenida del Cardenal Herrera, ma viene ripreso dal gruppo tirato da Bettini. Zaballa ci riprova senza fortuna, poi va in contropiede Shkarpeta, che riprende i due fuggitivi (che hanno rallentato molto). Raisin a quel punto si rialza, Muravyev e Shkarpeta passano sotto lo striscione con 12" sul plotone che li riprende subito dopo, al km 213.

All'undicesimo giro la corsa si infiamma. Dopo un breve allungo di Kern a inizio tornata, sulla Dehesa de la Villa c'è l'attacco a due di Piil e Pereiro (km 217). Il gruppo è sempre tirato da Bernucci, poi sull'Avenida del Cardenal (km 223) si muove Weening, e dà la stura ad un'azione importante: in contropiede infatti va via Martín Perdiguero, marcato stretto da Bettini. Ai due si accodano subito Allan Davis, Gilbert, Lagutin, Calcagni e Fischer (ma gli ultimi due si staccano in fretta).

Sulla rampa successiva (Avenida de Asturias) da dietro arrivano anche Wegmann, Devolder e Valverde, e tutti insieme si portano su Pereiro e Piil. Grivko Kolobnev e Calcagni restano per un po' tra i primi 10 e il gruppo. Al passaggio che immette nel dodicesimo giro (km 231), il vantaggio degli attaccanti è di 1'12" sul plotone, in cui è la Francia a mettersi a tirare.

Il gruppo in effetti recupera, e in cima alla Dehesa de la Villa (km 239) il margine è ridotto a 28". Pozzato, Mancebo, Fischer, Rutkiewicz e Moerenhout tentano una sortita, ma vengono riassorbiti prima del Cardenal Herrera. Su questa salita Bettini (km 244) va in forcing, e solo Wegmann riesce a resistergli accanto. Più avanti rientrano Devolder, Gilbert, Piil, Valverde e Martín Perdiguero, mentre Pereiro, Lagutin e Davis vengono ripresi dal gruppo, da cui provano a evadere Kashechkin e Menchov.

Al passaggio, quando manca solo un giro (km 252) il vantaggio dei 7 è di 15", e il gruppo è tirato dall'Australia. Bettini dà un'ultima frustata in risposta ad un tentativo di Martín Perdiguero, poi in contropiede se ne vanno sul piano Piil e Gilbert (raggiunti poco dopo da Wegmann), ma il plotone è lì e riprende tutti a 15 km dalla fine. Sulla Dehesa de la Villa Lombardi fa l'andatura per l'Italia.

Sull'Avenida del Cardenal Herrera, a 8 km dalla fine, Bettini è in marcatura su Vinokourov, che allunga. Ci sono anche Dean e Valverde tra gli altri, si forma un gruppetto in testa, arriva Van Petegem, ma il gruppo è ancora vicino. Bettini prova a forzare, gli si affianca Boogerd e poi si rifanno sotto Nuyens, Moerenhout, Serrano Rodríguez, Stangelj, Dean, Elmiger e Vinokourov, che riparte ancora una volta. Il gruppo è a 15", Petacchi non sembra al meglio.

A 6 km dalla fine scatta Moerenhout, raggiunto da Stangelj e da Vinokourov (e poi dagli altri). Il kazako assesta un altro contropiede a 4,5 km dalla fine, sull'Avenida de Asturias, e sembra prendere il largo. Ma Boogerd riporta sotto Bettini a 3,3 km dalla conclusione. Il terzetto è assortito, ma ai 2 km rientrano Serrano, Stangelj e Moerenhout (olandese come Boogerd).

Il gruppo, o quel che ne rimane (meno di 20 uomini, e tra questi nessun italiano), tirato dai francesi e da Trenti, che corre con casacca statunitense ed evidentemente dà una mano a Boonen (suo compagno in Quick Step), riprende il sestetto ai 500 metri. Nessuno tra Petacchi, McEwen e Zabel ha salvato le gambe sulle ultime rampe, così Boonen deve fronteggiare solo Valverde in una volata che vede il trionfo del belga, autore quest'anno di una tripletta incredibile con Fiandre e Roubaix prima dell'iride. Bettini, che non ne ha più, praticamente non fa la volata e chiude al tredicesimo posto.

Link to comment
Share on other sites

Davvero una delusione.....l' unico italiano che ha corso è stato Bettini(il migliore in gara quest' oggi) e Bernucci all' inizio, gli altri non si sono mai visti.

Petacchi che alla vigilia fa dei grandi proclami e poi nn riesce a stare dietro a Boonen, il meno favorito tra i velocisti......

Sprecare Bettini in questo modo non ha avuto senso, era il + forte e avrebbe battuto tutti con una tattica migliore.......

Sempre i soliti errori, l' Italia sbaglia l' impostazione della gara e poi è li a mangiarsi le mani, non cè UNA cosa che oggi sia stata fatta bene, tutto sbagliato........

Link to comment
Share on other sites

secondo me petacchi stava benissimo altro che sinusite, altrimenti non sarebbe arrivato a 25 secondi, è che prprio non hanno saputo che tattica adottare.... cazzo almeno il plotone potevano tenerlo compatto invece di farne scappare all'ultimo giro 25 (e dico 25 non 3-4...)

Link to comment
Share on other sites

Il fatto ragazzi è che come spesso è accaduto negli ultimi anni, Ballerini ha sbagliato completamente ad interpretare il percorso. Andava si portato Petacchi ma senza un treno, che era inutile, serviva una nazionale con degli attaccanti come Cunego e Rebellin, oppure andavano bene anche i Pozzato e Paolini ma col compito di attaccare, poi se in finale rimaneva davanti (come è successo) un gruppo numeroso, gli italiani davanti potevano pilotare il Peta

Link to comment
Share on other sites

beh norby, non erano in grande forma anche perchè sapevano bene che non sarebbero stati convocati per madrid.... Riguardo al mondiale dico che mi dispiace molto per Bettini perché ieri ha dimostrato di avere una marcia in più rispetto agli altri, scattando in pianura, in salita, in discesa, dovunque!!

Ballerini dovrebbe capire che il ciclismo non è uno sport di squadra, non è possibile sperare nella sincerità dei singoli leader in corsa. 7 uomini solo per Patacchi erano decisamente troppi.

Mah… sono molto deluso…. cmq alla fine comprendo molto di più un Petacchi (a parte la scusa della sinusite che m’ha fatto proprio incazzare…) che spera fino all’ultimo di tenere che Ballerini, ci dovevano essere due leader che partivano alla pari, il grillo avrebbe dovuto avere un paio di uomini a disposizione sua e soltanto sua dall’inizio!! Ho visto in TV la sua intervista nel dopo gara e devo dire che ha tutte le ragioni del mondo per essere stato polemico sulla strategia della corsa adottata dai suoi compagni.

Inoltre mi dispiace per Valverde, corridore di classe cristallina che mi gasa tantissimo, l’unica consolazione di questo mondiale è che ha vinto un altro fenomeno omologato.

Link to comment
Share on other sites

un pò stile inca ma si capisce :lol:

cmq il problema è che rebellin e di luca nn sono in grande forma al momento....ma cunego lo avrei portato......

Ma il fatto è che Ballerini andò a vedere il percorso l'inverno scorso e disse chiaramente che era un circuito x Petacchi e allora è chiaro che gente come Cunego e Di Luca abbia fatto altri programmi ma se a Di Luca fosse stato detto che avrebbe avuto un ruolo importante al mondiale son sicuro che si sarebbe fatto trovare in forma

Link to comment
Share on other sites

Le pagelle del Mondiale

Ecco i nostri promossi e bocciati

Tom Boonen - 10+

Che Campione, amici del ciclismo! Che corridore! Alla Vuelta sembrava in calo, nessun acuto e soltanto qualche "volatina" provata prima del ritiro. Ma questo ragazzo non è un velocista, è un corridore completo. Nient'altro può essere un ragazzo di 24 anni che vince in un anno il Giro delle Fiandre, la Parigi-Roubaix e i Campionati del Mondo (il primo nella storia a riuscirvi!!!). Tre classiche Monumento, roba mica da ridere. Corre bene con la squadra, dando mandato a Gilbert e Devolder prima ed allo stesso Gilbert ed a Nuyens poi di stare dietro agli indiavolati attaccanti di giornata, in particolar modo Piil e Bettini. Sfrutta anche il gran lavoro di Trenti (americano di casacca, italiano a tutti gli effetti, Quick Step al 100%) che ricompatta i fuggitivi con il gruppetto che si è giocato la volata nelle ultime centinaia di metri. E, con quei corridori alle calcagna, volata senza storia.

Alejandro Valverde Belmonte - 9,5

Quando si era formata la fuga con i tre spagnoli (gli altri due erano Pereiro Sio e Martín Perdiguero), più Bettini, più Gilbert e Devolder, più altri, il già 2° classificato ai Campionati Mondiali di Hamilton, in Canada, nel 2003 (più il 6° posto dello scorso anno a Verona) sembrava quello meno in palla, visto anche che era quello che, con Pereiro Sio, lavorava di più. Anche quando Vinokourov e Bettini sembravano diretti verso la volata a due (e poi a tre, visto il ricongiungimento di Boogerd), lo spagnolo che inseguiva era Serrano. Incredibilmente, a fine corsa, il 2° posto che gli vale un'altra medaglia d'argento. Ma questa ha quasi il sapore dell'oro.

Anthony Geslin - 9

Il "dieci" stonerebbe, ma neanche più di tanto. Già al Tour de France aveva dimostrato di avere picchi di velocità assolutamente discreti ed anche una buona propensione alla fatica (tantissime le fughe provate, ed alcune volte riuscite). Sorprende la sua medaglia di bronzo, ma siamo contenti. Siamo anche contenti di aver visto un volto sorridente e quasi spaesato (anzi, leviamo anche il quasi) su quel podio accanto a due Campioni, seppur giovanissimi, già affermati. Non fosse per la scuola di cui proviene, di cui da un bel po' abbiamo perso le tracce, e non fosse per il 5° posto di un brasiliano, sarebbe senza dubbio la sorpresa più gradita. Applausi.

Antonio Murilo Fischer - 9

La bandiera brasiliana presente nei primi 5 posti dell'ordine d'arrivo dei Campionati del Mondo di ciclismo su strada. Eravamo abituati a vederla sui campi di calcio, anche qualche volta negli autodromi di Formula Uno e casomai qualche comparsata sui terreni del tennis, ma mai nel ciclismo. Onore a questo brasiliano scoperto da Vincenzo Santoni, capace già di vincere classiche del panorama italiano e di arrivare 2° al Giro del Lazio. Non solo la volata, però, perché era presente nel gruppetto di Pozzato che seguiva il gruppo di Bettini ed addirittura aveva provato a raggiungere, con Serrano, i battistrada dopo l'ultimo strappo. Bel corridore, davvero.

Marcus Ljungqvist - 8,5

La sua presenza, lassù, nell'ordine di arrivo, è l'ennesima sorpresa di questo giorno particolare. Questo 31enne che corre con la Liquigas-Bianchi, che vanta quest'anno appena un 13° posto alla Gand-Wevelgem, aveva vissuto il suo anno migliore nel 2002 quando vinse Giro del Lussemburgo (grazie ad una fuga) e Parigi-Camembert (in volata in un gruppetto di tre attaccanti); insomma, non un "pezzo grosso", ma un onesto gregario che si era dimostrato assolutamente in grado di dare una mano a Danilo Di Luca specialmente durante la Freccia Vallone. Complimenti per la tenacia.

Jakob Piil - 8

L'anno scorso aveva beffato Fabio Sacchi ad un arrivo di tappa, in fuga naturalmente, del Tour de France. Tre anni fa si era divertito a far saltare i piani delle ruote veloci nella Parigi-Tours. Evidentemente la Francia gli porta bene. Ma questo passistone danese, in ombra quest'anno, ci ha provato, con tutte le sue forze (a quanto pare, molte), anche in terra spagnola. Dapprima con i tre spagnoli, i due belgi, Lagutin, Bettini, Davis e Wegmann, proponendo proprio lui l'azione che aveva lanciato l'attacco, poi da solo con Gilbert, raggiunto dal coriaceo Bettini. Non bastasse, il 6° posto in volata al traguardo è un premio che, per i coraggiosi come lui, accettiamo ed applaudiamo.

Alexandre Vinokourov e Paolo Bettini - 7,5

Svantaggiati entrambi dalla corsa e dalle tattiche: Vinokourov, nonostante i Campi Elisi, non è veloce, mentre il campione olimpico doveva fare da "spalla" a capitan Petacchi, l'uomo designato per la volata. Il kazako bluffa all'inizio, fingendo di star male e facendo addirittura cenni inequivocabili alla telecamera di fiato spezzato (ha usato il gesto che Benigni in "Johnny Stecchino" usava per far capire il «Kaputt!» ai carabinieri), poi all'ultimo giro, si indiavola come suo solito e tenta di far saltare il banco. Bettini, come preventivato, lo segue come un'ombra, fino all'ultima curva, poco più di 500 metri all'arrivo. I due, favoriti nel lotto degli attaccanti (gli altri erano Boogerd, Moerenhout, Serrano e Stangelj), si sono forse aspettati un po' troppo ed hanno permesso al gruppo di Boonen, Valverde e Geslin di rinvenire. Alla fine Bettini sarà 13° e Vinokourov 21°. E se il kazako ha nulla o quasi da rimproverarsi, Bettini può e deve vantare alcuni crediti verso la selezione italiana e verso quel Commissario Tecnico che spesso, troppo spesso, si accontenta di lasciargli tutto sulle sue scattanti, ma comunque esili rispetto al plotone, spalle.

Micheal Boogerd e Fabian Wegmann - 7

Quando abbiamo visto Boogerd, con a ruota Bettini, riportarsi su Vinokourov, abbiamo subito pensato alla Liegi-Bastogne-Liegi di un anno e mezzo fa, col solo Rebellin che in quel caso era al posto di Bettini. Generoso l'olandese, anche perché nell'ultima curva si era messo a disposizione, tirando, del più veloce compagno Moerenhout. Davvero un corridore sempre in prima linea negli appuntamenti che contano e che, anche quando ha pochissime possibilità di vincere, ci prova sempre. Il tedesco è invece stato l'ombra di Bettini per quasi tutta la fuga, seguendo addirittura il tentativo del toscano ad un giro e mezzo dalla fine di staccare tutto il resto dei compagni di sortita. Manca solo nel finale, in uno dei tanti contropiede di Vinokourov, e il distacco che lo accompagna sotto lo striscione non gli rende assolutamente merito.

Saul Raisin e Dmitiry Muravyev - 6,5

Se qualcuno fosse riuscito a guardare tutta la diretta dei Campionati del Mondo di Madrid sin dalle 10.30 del collegamento di Eurosport, il merito è senza dubbio della coppia targata Crédit Agricole. Lo statunitense e il kazako hanno infatti macinato chilometri su chilometri di fuga, raggiungendo e staccando i primissimi fuggitivi di giornata, il bulgaro Vasilev ed il colombiano López Martín. Si sono aiutati e ci hanno provato, e si sono fatti notare. Eroi di giornata.

Janez Brajkovic e Thomas Dekker - 6

Niente di assolutamente rilevante, sia ben chiaro, ma tra i voti positivi e quelli negativi di questo Mondiale ci stanno benissimo questi due ragazzetti, entrambi dell'84, che l'anno scorso risultarono rispettivamente 1° e 2° nella Cronometro Under 23 di Bardolino ed addirittura l'olandese bissò il 2° posto anche nella prova in linea in quel di Verona, dietro Siutsou. Ebbene, al primo anno di professionismo, entrambi colgono un piazzamento davvero dignitoso: 11° lo sloveno, davanti anche ad un certo Bettini, e 15° l'olandese, davanti corridori come Boogerd e Vinokourov. La loro prestazione tutto sommato negativa nella cronometro di giovedì scorso, alla luce di questi risultati, un po' ci fa anche piacere.

Miguel Angel Martín Perdiguero - 5,5

La sua prestazione sotto tono passa molto in secondo piano grazie al podio di Valverde, perché nella fuga che si era creata a qualche giro dalla fine, il corridore della Illes Balears, più il doppio compagno di squadra Pereiro Sio (nazionale e club, la Phonak), sembravano proprio lavorare per il vincitore della Classica San Sebastian 2004. Ed a ragione, perché in quell'occasione l'ex corridore della Saunier Duval sconfisse rivali di assoluto spessore come Bettini e Rebellin, e perché Valverde veniva da un'inattività di quasi due mesi e mezzo. E' arrivato col gruppetto degli sprinter puri, lui che sprinter puro non è, e crediamo che al posto di Serrano, nel tentativo di accodarsi a Vinokourov, Bettini e Boogerd, dovesse esserci proprio lui. Antequera, comunque, potrà benissimo dire che la Spagna, da metà corsa in poi, aveva capito che Valverde stava bene e di aver lavorato per Alejandro. Occasione persa, ma faccia salvata.

Olanda - 5

Chissà perché non ci hanno creduto, a 700 metri dall'arrivo, ad una medaglia. Forse erano stanchi Boogerd e Moerenhout, magari (anzi, sicuramente) avevano timore di Paolo Bettini; ma vista la situazione che non presentava parecchi uomini veloci lì davanti (lo stesso Bettini era quello sulla carta più scattante), avrebbero potuto (e dovuto) tentare il tutto per tutto, anche sacrificando uno dei due corridori presenti nel gruppo di testa. Invece hanno lasciato il pallino in mano a Vinokourov e Bettini, consentendo alla furia del gruppo di abbattersi sulle loro teste. Forse sarebbe finita nello stesso modo (zero medaglie), ma due presenze dei tulipani nei primi dieci sarebbe stato comunque un risultato di prestigio. E poi, immaginate la delusione per la vittoria dei "cugini" belgi?

Australia - 4,5

Non ce la sentiamo di prendercela con McEwen in particolare, proprio perché il suo status di velocista necessita senza ombra di dubbio di una squadra che tenga cucita la corsa, anche da lontano, e che collabori con le altre squadre dei velocisti presenti. Ottima la scelta a metà corsa di piazzare Allan Davis alle calcagna di Bettini e Martín Perdiguero, visto che il 3° classificato della HEW Cyclassics di Amburgo si butta con piacere e con discreti risultati anche nelle volate di gruppo, quindi con ancora più piacere in quelle ristrette. Poi, con la scrematura decisa da Bettini al penultimo giro, Rogers ed Hayman erano parsi determinati a chiudere il buco formatosi; cosa peraltro riuscita. Ma quando Vinokourov ha deciso che era il momento di fare la differenza, i "canguri sono saltati". E il 30° posto di McEwen come miglior risultato dimostra come la frase non sia soltanto un gioco di parole.

Alessandro Petacchi - 4,5

Non sapremo (forse) mai se sia più mancato di gambe che di personalità, ma visto il 35° posto all'arrivo, comunque accanto a Zabel e McEwen, due dei suoi rivali nella preventivata volata, abbiamo ragione di ritenere che la sua posizione all'interno del team azzurro fosse tutt'altro che quella del leader. Il distacco patito dal primo forcing degli spagnoli non aveva lasciato di certo presagire belle cose, ma le azioni da stopper di Pozzato e, almeno all'inizio, di Bettini, facevano prevedere cose migliori di quelle accadute. In realtà, visti gli uomini che gli sono arrivati davanti, la colpa è più della squadra che del primo capitano, in quanto personaggi come Boonen e Valverde andavano marcati più da Paolini e Pozzato che non da Petacchi stesso, che per battersi necessitava di essere portato in volata. Invece il bronzo di Verona, con Lombardi, si è sfiancato sul penultimo strappo risultando così vuoto nel momento decisivo. Fortuna sua che il percorso di Salisburgo, nel 2006, sembra tutto fuorché proibitivo. Però con Boonen, Valverde, e ci rimettiamo anche Freire, la vittoria sarà tutt'altro che scontata. Madrid insegna.

Italia - 4

Come risultato finale (13° Bettini contro il 30° posto già detto di McEwen), l'Italia è andata meglio dell'Australia, ma abbiamo la presunzione di pensare che la nazionale azzurra, visti i risultati che miete con i suoi corridori, da anni, in tutte le classiche (eccezion fatta, da qualche anno, per la Roubaix), sia più attrezzata e forte della compagine australiana. Non fosse per Bettini, sempre generoso, vispo ed attento, gli altri latitano pericolosamente. Poco, ma poco davvero, meglio degli altri Filippo Pozzato, attento su Mancebo (ma sullo scalatore bastava incollare Bernucci, senza scomodare il biondo vincitore di Amburgo e Lazio), un po' meno nell'aiuto a Bettini, anche se poi si era messo in mezzo al gruppetto di Fischer, Leukemans ed Elmiger che avevano tentato di chiudere sui battistrada. Però l'assoluta "mancanza di presenza" nel gruppetto di Boonen e Valverde è preoccupante: difatti, il solo Bettini nel gruppo dei 27 di testa, lo stesso numero dei neozelandesi (Dean) e degli statunitensi (Trenti), meno di Francia (Geslin e Brochard), Kazakistan (Vinokourov e Kashechkin), ma anche di Svizzera, Russia e, udite udite, Slovenia. Mah, sarà...

Guido Trenti - 3,5

Adesso: nulla di personale contro il simpaticissimo Guido, uno che pur di correre la rassegna iridata ha scovato parentele che gli hanno permesso di vestire la maglia statunitense senza sapere una parola di inglese. Però quel lavoro, massacrante quanto utile, di riportare il gruppetto del compagno di squadra, in Quick Step, Boonen (e non è malafede, ma di statunitensi in quel gruppo non ce n'erano) è un pochino brutta a vedersi in una prova dove conta il colore della maglia, non lo sponsor stampato sui pantaloncini. Magari dichiarerà in futuro di aver provato il ricongiungimento per giocarsi le proprie chance. Oppure di averlo fatto perché avrebbe potuto, visti i risultati, benissimo correre qualche Mondiale con la casacca azzurra dell'Italia. Fatto sta che un italiano, un altro Quick Step, che era davanti, si è trovato un attimino svantaggiato dal lavoro del "nemico-amico". Che Bettini cambi squadra in un prossimo futuro?

Franco Ballerini - 3

Ha vinto un Mondiale, con percorso piatto, con Mario Cipollini, dando dimostrazione di una squadra molto unita. Ha vinto un'Olimpiade, con un'azione individuale di Paolo Bettini, puntando sul blocco Quick Step formato da Paolini, Pozzato e Moreni (anche se gli ultimi due erano in quel momento ancora in squadre diverse) e dal fedelissimo Nardello. Però, visto Lisbona (Bettini 2°), visto Hamilton (Bettini 4°), visto Verona (Paolini 3°) e visto Madrid (Bettini 13°), ci sembra che quelle due vittorie siano venute più per il carisma assoluto del capitano designato (e oggettivamente designabile) che per le scelte del Commissario Tecnico toscano, più a suo agio con i sampietrini della Roubaix che con le scartoffie delle convocazioni federali. Non vogliamo fare la lista dei nomi restati a guardare che potevano essere utili (Di Luca e Cunego su tutti, ma questi sono discorsi che col senno di poi sono troppo semplicistici), ma controbattere con ogni forza alla telegrafia dei propri ordini durante la corsa. È abbottonato e scarsamente coraggioso, e finisce sempre per svantaggiare la squadra per la certezza di un piazzamento col solito Bettini (e non è Bettini che confutiamo, ma il suo intorno, assolutamente inesistente oggi). Il passo indietro di Madrid, rispetto comunque ai più fruttuosi precedenti, dovrebbe farlo riflettere. Ballerini, è davvero sicuro di essere l'uomo giusto per la guida dell'Italia?

Giuria di Madrid - 2

Pensavano davvero che modificando quella curva ad U posta a 600 metri dal traguardo pochi giorni prima del Mondiale potessero veramente fare un favore a qualcuno? Alla luce del risultato di oggi, quella curva modificata, ha vanificato il grande lavoro e l'assoluto coraggio di personaggi come Bettini, Boogerd e Vinokourov (in ordine prettamente alfabetico) che grazie alla curva originariamente pensata, avrebbero potuto vantare qualche credito di secondo in più rispetto a chi inseguiva, che senza curve è inevitabilmente avvantaggiato. Non discutiamo il fatto che fosse o meno pericolosa, discutiamo la tempistica. Che quella curva potesse causare problemi ai ciclisti, la giuria, se n'è davvero resa conto soltanto pochi giorni prima della corsa?

UCI - 1

A parte il concorso di colpa per la modifica del tracciato, perché l'UCI si ostina sempre a partorire distribuzioni di punteggi assolutamente irrisorie ed inverosimili? Davvero pensano che il 4° posto conquistato oggi da Ljunqvist valga meno, in termini di punteggi (0 contro 1), del 20° posto conquistato da Guerini al Tour de France, o da Parra al Giro d'Italia, o di Lastras alla Vuelta a España o un 3° posto di tappa di una frazione dei Grandi Giri? A noi francamente la cosa fa ridere, ovviamente di sdegno. Poi, ci rendiamo conto che al peggio non c'è mai limite, perché dall'anno prossimo i vari ventesimi posti che vi abbiamo elencati, varranno addirittura di più del vincitore del Campionato del Mondo in linea, visto che la corsa è stata eliminata dal calendario Pro Tour e che quindi non darà alcun punteggio. I nostri più vivi complimenti. Pensavamo avessero toccato il fondo, ci hanno fatto ricredere.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...