Jump to content
  • Sign Up

smec-easyjet

Historical User
  • Content Count

    11,108
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    125

smec-easyjet last won the day on November 1 2020

smec-easyjet had the most liked content!

Community Reputation

431 Excellent

2 Followers

About smec-easyjet

  • Rank
    Cycling Legend
  • Birthday 05/30/1985

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Genova

Contact Methods

  • ICQ
    0
  • Website URL
    http://www.cycling-manager.it/forum/index.php?showtopic=12089&st=0&p=485766&#entry485766

Recent Profile Visitors

8,890 profile views
  1. grazie Caschetto, bentornato! eh vecchio sì! infatti ne vengo da una settimana di influenza e anche per questo mi sono fermato, ma nei prossimi giorni si riprende: il Giro è alle porte!
  2. Zakarin è il Re dello Zoncolan! giusto a pcm! (alza il livello!)
  3. cmq Majka in maglia rosa, giusto a PCM... (nella mia storia coi Tugas vinse l'ultimo Giro che ho raccontato, fra l'altro anche lì c'era il Terminillo ma era la salita decisiva alla fine della terza settimana).
  4. maledetta Rai che ci taglia così quasi una settimana di Giro... e noi che paghiamo il canone! cmq non pensare di cavartela così: cos'è questa storia dell'inghippo tra De Marchi e Bevin, eh??!?!? p.s.: belle slide! p.s. 2: dicci almeno chi ha vinto le tappe fantasma!
  5. Oggi un doppio aggiornamento: la Freccia del Brabante, in cui scalda il motore parte del nostro gruppo per le Ardenne, comunque orfano di Valverde ancora alle prese con la frattura alla clavicola; ed il Giro di Turchia, di cui vi do conto anche se non eravamo presenti. Iniziamo dunque dalla Freccia del Brabante, dove va in scena un autentico show di Ben Hermans (Israel Start-up Nation) mentre la Movistar si ferma ai piedi della top ten, con il 12° posto di Eduard Prades. Il Giro di Turchia si risolve invece in una lotta sul filo dei secondi tra Sepp Kuss (Jumbo-Visma) e Louis Me
  6. onorati di avere assistito allo spettacolo da una posizione privilegiata scherzi a parte, ero già soddisfatto del podio alla Ronde, dai
  7. Proseguiamo con la seconda parte della diretta della Parigi-Roubaix 2020: ci eravamo lasciati con otto uomini al comando, rimasti in sei quando mancano 19 km al traguardo e ci troviamo in uno dei settori più ostici, quello di Camphin-en-Pèvèl. Davanti abbiamo, nell'ordine, Wout Van Aert (Jumbo-Visma), Alexander Kristoff (UAE Emirates), Peter Sagan (Bora-Hansgrohe, coperto dalla moto ripresa), Oliver Naesen (Ag2r La Mondiale) e, fuori inquadratura, la coppia CCC composta da Greg Van Avermaet e Matteo Trentin, rimasti in superiorità numerica dopo che il compagno di squadra di Van Aert, Teunissen
  8. Eccoci al live della Parigi-Roubaix, terza classica monumento dell'anno, dopo la Milano-Sanremo vinta da Caleb Ewan e la clamorosa beffa servita da Sep Vanmarcke a Van der Poel al Giro delle Fiandre di domenica scorsa. Entriamo in cronaca a 60 km dal traguardo, durante l'attraversamento del settore di Beuvry-la-Forêt, quando al comando troviamo questo quintetto composto da Dylan Van Baarle (Ineos), Edvald Boasson Hagen (NTT), Frederik Backaert (B&B Hotels), Matteo Trentin (CCC) e Mike Teunissen (Jumbo-Visma). Il loro vantaggio è di 1'25" nei confronti di un gruppo di non più di 25 corridor
  9. Oggi è il giorno della Parigi-Roubaix, che seguiremo in diretta. Ma è anche quello della Klasika Primavera, che vediamo subito come è andata a finire: La Movistar, unica squadra World Tour al via, fa la corsa portando via un gruppo di undici uomini nel quale è presente con tre corridori, ma rimane con un pugno di mosche, perché il migliore dei suoi, Carlos Verona, non va oltre la quinta posizione. La vittoria è invece del quasi 27enne Jonathan Lastra (Caja Rural-RGA Seguros), al secondo successo da professionista dopo la Clássica da Arrábida vinta lo scorso anno. E ora non andat
  10. vabbeh, già tappa e maglia al secondo giorno, un trionfo! puoi anche chiuderla qui per risparmiare a Zakarin le brutte figure in montagna p.s.: ad agosto liberi Masnada alla Quick Step, vero?
  11. La "Settimana Santa del Ciclismo", quella che va dal Fiandre alla Roubaix, per una squadra come la Movistar è, in realtà, soprattutto la settimana del Giro dei Paesi Baschi al quale, in assenza di Valverde e con Soler reduce dal Catalogna, andiamo con Enric Mas capitano unico. Prima di vedere come sono andate le cose all'Itzulia, però, concentriamoci su un altro paio di gare, a cominciare dallo Scheldeprijs, a cui non eravamo presenti, ma che resta uno degli appuntamenti di cartello nella primavera dei velocisti: Dylan Groenewegen (Jumbo-Visma), dunque, non perdona, e a Schoten
  12. grazie Bubba, in effetti la faccio soprattutto per provare a tenere in vita il forum
×
×
  • Create New...