Jump to content

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2022 e Tour de France 2022 sono finalmente disponibili
Leggi di più

E queste cose mi fanno incazzare


davide__

Recommended Posts

Kloden ammette: nel 2000 assunsi un cocktail di vitamine

Andreas Klöden (Astana) ha ammesso di avere assunto nel 2000 un cocktail di sostanze prescrittogli dai medici dell'Università di Friburgo.

"Ma Kloden ha assicurato al nostro manager Johan Bruyneel che si trattava solo di vitamine e non di sostanze dopanti" ha detto Philippe Maertens, portavoce della Astana.

Klöden intanto ha preso il via oggi nella Vuelta Castilla y Leon e incontrerà Bruyneel domani, anche se al momento non sono previste sanzioni da parte della società.

Da parte sua Hans Joachim Schäfer, presidente della Commissione d'inchiesta della Clinica Universitaria di Friburgo, ha parlato di medicinali per 1000 marchi tedeschi di allora inviati dalla Clinica alla compagna di Kloden.

Tuttobiciweb.it

Link to comment
Share on other sites

ma porca troia....è quasi un anno, dal tour dello scorso anno, che si proclama al di fuori di tutto e fa la vittima, dicendo che non è giusto che paghi per altri!!!!

ora basta!! bisogna chiudere con sta gente, rifondiamo tutto, bisogna eliminare un'intera generazione

Link to comment
Share on other sites

Davide, non ti scaldare, perdi solo fiato... non cambierà mai nulla, i furbi sono sempre esistiti, esistono ed esisteranno sempre... l'unica cosa che può cambiare è il trattamento da riservare a questi pseudo-atleti... che poi è semplice, vieni beccato? radiato!!!! basta!!! fine del ciclista!!! almeno prima di doparti ci pensi due volte....

Se penso per quanto tempo hanno corso i vari Armstrong, Musseuw, Ullrich... fra un po' torna pure Basso...

Ormai seguo il ciclismo più come spettacolo che come sport.... :lol::wink::mellow:

Link to comment
Share on other sites

Davide, non ti scaldare, perdi solo fiato... non cambierà mai nulla, i furbi sono sempre esistiti, esistono ed esisteranno sempre... l'unica cosa che può cambiare è il trattamento da riservare a questi pseudo-atleti... che poi è semplice, vieni beccato? radiato!!!! basta!!! fine del ciclista!!! almeno prima di doparti ci pensi due volte....

Se penso per quanto tempo hanno corso i vari Armstrong, Musseuw, Ullrich... fra un po' torna pure Basso...

Ormai seguo il ciclismo più come spettacolo che come sport.... :lol::wink::mellow:

intanto scusate lo sfogo, ma non se ne può proprio veramente più!!!! cmq per me il discorso bisogna allargarlo anche a dirigenti, ds, manager e SOPRATTUTTO medici, perchè per me alla fine i corridori hanno la loro colpa, ma sono anche (purtroppo) delle vittime!!

e cmq quello che mi da più fastidio sono sti proclami di innocenza e il continuo fare le vittime, e poi ammettere di esserci stati di mezzo!! no, questo non lo sopporto, nè nella mia concezione di ciclismo e più in generale di sport, nè nella mia concezione di vita!!!!!

Link to comment
Share on other sites

intanto scusate lo sfogo, ma non se ne può proprio veramente più!!!! cmq per me il discorso bisogna allargarlo anche a dirigenti, ds, manager e SOPRATTUTTO medici, perchè per me alla fine i corridori hanno la loro colpa, ma sono anche (purtroppo) delle vittime!!

e cmq quello che mi da più fastidio sono sti proclami di innocenza e il continuo fare le vittime, e poi ammettere di esserci stati di mezzo!! no, questo non lo sopporto, nè nella mia concezione di ciclismo e più in generale di sport, nè nella mia concezione di vita!!!!!

Io forse sono uno dei pochi che da la colpa al 100% ai ciclisti, perchè nessuno ti punta la pistola alla tempia, esiste il libero arbitrio, e nel momento che si dice "si" si fa una scelta consapevolmente conoscendo perfettamente a cosa si va incontro... ora diciamola tutta senza prenderci in giro, non credo proprio che Fuentes sia andato a divulgare il suo verbo "porta a porta"....

Link to comment
Share on other sites

Io forse sono uno dei pochi che da la colpa al 100% ai ciclisti, perchè nessuno ti punta la pistola alla tempia, esiste il libero arbitrio, e nel momento che si dice "si" si fa una scelta consapevolmente conoscendo perfettamente a cosa si va incontro... ora diciamola tutta senza prenderci in giro, non credo proprio che Fuentes sia andato a divulgare il suo verbo "porta a porta"....

si però i ciclisti sono anche la parte "debole", loro ci vivono di quel mestiere e ci sono anni in qui hanno dovuto accettare certi compromessi!!! ora è sicuro diverso, ma non molto tempo fa non credo

Link to comment
Share on other sites

e quindi? perchè ci vivi sei giustificato? uè, amico!!! se non ce la fai, CAMBIA MESTIERE invece di prendere per il culo a me... :lol::wink:

certo ma io non li giustifico, però dico, prova a metterti dalla parte loro una volta, e pensase hai una famiglia e dopo anni e anni e anni di sacrifici non gli porti a casa niente con il rischio di non trovare un altro mestiere, per lo meno in tempi brevi....capisci che alla fine sono loro la parte più debole di un sistema che non funziona??? loro hanno senza ombra di dubbio tantissima colpa, ma allo stesso tempo sono anche delle vittime

per ricostruire tutto poi bisogna partire come per le case dalle fondamenta, non dal tetto, che sono i ciclisti

Link to comment
Share on other sites

Doping, Kloden respinge tutte le accuse

Andreas Klöden si è difeso ancora una volta dalle accuse di doping e ha respinto le voci provenienti dalla Commissione d’inchiesta della clinica universitaria di Friburgo che sostengono che il corridore abbia assunto prodotti illeciti nel 2000.

«Tutti i corridori della T-Mobile come molti altri sportivi di alto livello e di qualsiasi sport sguiti da medici specializzati, possono affermare di aver ricevuto prescrizioni di medicinali, vitamine o prodotti dietetici» scrive Kloden sul suo sito.

«Ricevere un pacchetto dalla clinica di Friburgo non era né insolito né illegale. Ma da qui a dire che ho assunto doping ce ne corre...».

Il tedesco conferma poi la circostanza emersa dall’inchiesta, vale a dire che un pacco fu indirizzato alla sua compagna n el 2000: «È vero, la clinica spedì un pacco a mia moglie perché io dal 4 al 123 marzo ero alal Parigi-Nizza, che peraltro vinsi. È un peccato che noi corridori professionisti siamo oggetto di voci e presunto rivelazioni, credo che i limiti del sospetto giustificabile siano stati abbondantemente superati», ha chiuso il tedesco che si è ritirato dalla Vuelta Castilla y Leon a causa di una infezione alle vie respiratorie.

Tuttobiciweb.it

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...