Jump to content

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2022 e Tour de France 2022 sono finalmente disponibili
Leggi di più

62° GP di Lugano


davide__

Recommended Posts

Lugano parla solo italiano

Primo Nocentini, secondo Rebellin, terzo Gasparotto. Trionfo tricolore al 62° Gp di Lugano, avviato da un'azione solitaria di Ackermann e Duma e chiuso dallo scatto del toscano dell'Ag2r

0JX42P9P--346x212.jpg

Rinaldo Nocentini, 30 anni, sul podio tra Rebellin e Gasparotto. Ap

LUGANO (Svizzera), 2 marzo 2008 - A 700 metri si è urlato, come si fa in quei momenti, senza parole, senza suoni, senza echi: "O la va o la spacca". E' andata. Rinaldo Nocentini ha conquistato il 62° Gran premio di Lugano con quello che i tecnici giudicano un colpo di mano, e che invece è una serie di colpi di pedale di forza, di resistenza e di disperazione prima di sublimare a una serie di colpi di felicità. Un contropiede, un atto di coraggio, un agguato per anticipare Davide Rebellin e Enrico Gasparotto.

ATTACCO PER DUE - Lago e montagne, questo si sapeva. Ma sole e 27 gradi, quelli no. La prima giornata dell’estate 2008 per 179 corridori, di 23 squadre, su 178,5 km disegnati in due circuiti a forma di 8, volati a quasi 40 all’ora. Prima la fuga dalla realtà dell’ucraino di Albavilla (Como) Vladimir Duma e dello svizzero Silvère Ackermann. Quando, dopo un centinaio di km Ackermann ha finito la benzina, Duma ha continuato a festeggiare da solo il suo trentaseiesimo compleanno sputando sudore e infine versando qualche lacrima quando da inseguito è diventato inseguitore dello spagnolo Canada, del russo Brutt, del tedesco Gerdemann, dell’ucraino di Toscana Grivko, del francese Rolland e di Missaglia. Da qui in poi, guerra.

IL FINALE - Sull’ultima salita è scollinato Rebellin, in discesa gli è tornato sotto Gasparotto, infine si sono accodati Nocentini, Luca Mazzanti (qui vincitore un anno fa) e lo spagnolo Carlos Barredo. Scatto di Barredo, risposta di Gasparotto. Scatto di Nocentini, e gol. Mai stato così in forma, Nocentini, anche se lui stesso si definisce "un corridore primaverile". "Ho fatto le stesse identiche cose di sempre - confida - tranne due: la prima, più allenamenti collegiali con la squadra, compresi quelli facoltativi; la seconda, eliminare i miei tre bicchieri di vino al giorno. Risultato: più chilometri e meno due chili. E la differenza la sento". Adesso lo aspetta la Parigi-Nizza: "La federazione internazionale minaccia di infliggere sei mesi di squalifica a chi parteciperà. Ma io faccio quello che mi ordina la squadra. La verità è che non ci si capisce più niente".

Gazzetta.it

Link to comment
Share on other sites

Gp Lugano: Nocentini supera Rebellin

Ancora una fuga, ancora un testa a testa fra Rinaldo Nocentini e Davide Rebellin: se una settimana fa sul traguardo del Tour du Haut Var aveva vinto il vento, oggi nel Gp Lugano il successo è andato al toscano della Ag2r che ha colto il suo primo successo stagionale superando proprio Rebellin. Al terzo posto un altro italiano, Enrico Gasparotto della Barloworld.

Tuttobiciweb.it

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...