Jump to content
  • Sign Up

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2022 e Tour de France 2022 sono finalmente disponibili
Leggi di più

Strano che non se ne sia ancora parlato....


BubbaDJ

Recommended Posts

Sfondi una porta aperta...

È molto più produttivo parlare dell'umidità di questi giorni piuttosto che di quello che dice Celentano. Parlando di politica influenza il paese ma fino a qua si può anche capire... ma l'anno scorso o 2 anni fa quando disse che non si doveva dare l'assenso al trapianto degli organi si andò oltre il lecito.

Per me è un deficiente totale e basta.

Anche ieri sera solo parlando delle case ha detto tante di quelle vaccate che è uno scandalo che un'idiota del genere prenda soldi dai contribuenti. Il governo faccia qualcosa cazzo :(

Link to comment
Share on other sites

Non è per fare o non fare politica...non è per dire sono di sinistra o di destra......ma nel suo monologo qualcuno lo ha mai sentito dire frasi tipo:

"...lo stipendio di un operaio è ROCK, i miliardi che prendo io è lento..."?????????

Link to comment
Share on other sites

Sarà pure un deficiente...

sarà pure una merda...

piglierà soldi che un operaio si sogna per tutta la vita...

ma...

E' L'UNICO CHE HA IL CORAGGIO DI DIRE LA VERITA'!!!

W LA LIBERTA'!!!

Link to comment
Share on other sites

Sarà pure un deficiente...  

sarà pure una merda...  

piglierà soldi che un operaio si sogna per tutta la vita...  

ma...  

E' L'UNICO CHE HA IL CORAGGIO DI DIRE LA VERITA'!!!  

W LA LIBERTA'!!!

la dico anche io la verità anche se non mi pagano

Link to comment
Share on other sites

Sarà pure un deficiente...

sarà pure una merda...

piglierà soldi che un operaio si sogna per tutta la vita...

ma...

E' L'UNICO CHE HA IL CORAGGIO DI DIRE LA VERITA'!!!

W LA LIBERTA'!!!

Quale verità? Che non bisogna donare i propri organi dopo la morte?

Link to comment
Share on other sites

Celentano ha il grande pregio di invitare nella sua trasmissione COMICI e GIORNALISTI che questo regime ha fatto esiliare. Lui invece credo che faccia del qualuncuismo assoluto che non fa paura ne a destra, ne a sinistra.

Link to comment
Share on other sites

Celentano è fatto così, di boiate ne dice tante ma ogni tanto dice qualcosa di vero, però non toccatemi Benigni che giovedì mi ha fatto davvero rotolare :(

E poi vogliamo parlare di Crozza????? Un genio :(

Nel suo complesso il programma piace, e quelli a cui non piace lo guardano lo stesso.

Link to comment
Share on other sites

Celentano ha il grande pregio di invitare nella sua trasmissione COMICI e GIORNALISTI che questo regime ha fatto esiliare. Lui invece credo che faccia del qualuncuismo assoluto che non fa paura ne a destra, ne a sinistra.

Regime? MA MAGARI CI FOSSE UN REGIME!

Io non sono soddisfatto di questo governo perchè un governo serio avrebbe fatto chiudere Raitre e non permetterebbe a quell'idiota di Celentano di andare in onda.

Link to comment
Share on other sites

Celentano ha il grande pregio di invitare nella sua trasmissione COMICI e GIORNALISTI che questo regime ha fatto esiliare. Lui invece credo che faccia del qualuncuismo assoluto che non fa paura ne a destra, ne a sinistra.

Regime? MA MAGARI CI FOSSE UN REGIME!

Io non sono soddisfatto di questo governo perchè un governo serio avrebbe fatto chiudere Raitre e non permetterebbe a quell'idiota di Celentano di andare in onda.

Ma chi te le suggerisce certe cose (Meneguzzi?)???; Meglio se fossero tutte televisioni libere senza padroni con tutti i protagonisti al loro posto (a quel punto non ci sarebbe nemmeno + bisogno di un Celentano) e non censurati come avviene ancora oggi (in Italia)... manco in USA stanno a sti livelli, ma, si sa, li se hai le televisioni non puoi fare politica...

Link to comment
Share on other sites

quoto Chaos!!!

per favore andate a vedere i video di Travaglio ed altri su

http://www.viralvideo.it /

é allucinante.

Travaglio ha documentato che in 115 minuti di sproloquio al processo Sme il "BUGIARDO" (perché non lo chiamiamo cosi ? poveri nani essere accomunati ad un tale soggetto....)

ha mentito per ben 85 volte ... al ritmo record di una bugia ogni 81 secondi , record mondiale , proponiamolo per il Guinnes ......

IL PORTATORE NANO DI BUGIE EH EH EH

Link to comment
Share on other sites

per finire mando questa breve riflessione che fa anche ridere

"Il presidente Silvio non voleva la guerra in Iraq ma Bush non gli ha dato retta.

Il presidente Silvio voleva sollevare l'economia ma gli imprenditori non hanno avuto fiducia in lui.

Il presidente Silvio non voleva leggi ad personam ma qualcuno le ha fatte di nascosto.

Il presidente Silvio non voleva toccare l'unità d'Italia ma la Lega lo ha fregato.

Il presidente Silvio voleva un posto nel consiglio di sicurezza all'Onu ma il Giappone gli è passato davanti.

Il presidente Silvio voleva un'informazione democratica e invece la stampa e la televisione sono finite in mano ai comunisti.

Il presidente Silvio voleva eliminare la mafia ma la mafia è risorta.

Il presidente Silvio voleva creare un dialogo ma l'opposizione non ha voluto.

Il presidente Silvio non voleva più Tremonti ma Tremonti è tornato.

Il presidente Silvio voleva risollevare l'immagine dell'Italia nel mondo ma il mondo è cattivo e ci sputtana.

Il presidente Silvio non voleva evitare i processi ma i processi hanno evitato lui.

Il presidente Silvio voleva tagliare le rendite parassitarie ma a sua insaputa hanno tolto l'Ici al Vaticano.

Il presidente Silvio non voleva più comprare nessuna società ma il fratello e la figlia lo hanno fatto senza dirglielo.

Il presidente Silvio non voleva che Previti andasse a offrire soldi agli avvocati ma Previti c'è andato lo stesso.

Il presidente Silvio non voleva la guerra in Iraq ma i suoi agenti hanno inventato il Nigergate.

Il presidente Silvio non voleva la guerra in Iraq ma il suo benzinaio lo ha minacciato.

Il presidente Silvio non voleva ricandidarsi ma lo hanno obbligato.

Il presidente Silvio non voleva toccare le tasche degli italiani ma qualcuno di nascosto ha fatto tre finanziarie in un mese.

Il presidente del consiglio o è un ipocrita, o non conta un c…o."

Di Stefano Benni (il lupo) .

Link to comment
Share on other sites

quoto Chaos!!!

per favore andate a vedere i video di Travaglio ed altri su

http://www.viralvideo.it /

é allucinante.

Travaglio ha documentato che in 115 minuti di sproloquio al processo Sme il "BUGIARDO" (perché non lo chiamiamo cosi ? poveri nani essere accomunati ad un tale soggetto....)

ha mentito per ben 85 volte ... al ritmo record di una bugia ogni 81 secondi , record mondiale , proponiamolo per il Guinnes ......

IL PORTATORE NANO DI BUGIE EH EH EH

Invece di metterti in bocca parole di qualcun'altro, hai una minima idea di cosa si riferisca il processo SME?

Tanto per sapere eh... :wink:

Link to comment
Share on other sites

per finire mando questa breve riflessione che fa anche ridere

"Il presidente Silvio non voleva la guerra in Iraq ma Bush non gli ha dato retta.

Il presidente Silvio voleva sollevare l'economia ma gli imprenditori non hanno avuto fiducia in lui.

Il presidente Silvio non voleva leggi ad personam ma qualcuno le ha fatte di nascosto.

Il presidente Silvio non voleva toccare l'unità d'Italia ma la Lega lo ha fregato.

Il presidente Silvio voleva un posto nel consiglio di sicurezza all'Onu ma il Giappone gli è passato davanti.

Il presidente Silvio voleva un'informazione democratica e invece la stampa e la televisione sono finite in mano ai comunisti.

Il presidente Silvio voleva eliminare la mafia ma la mafia è risorta.

Il presidente Silvio voleva creare un dialogo ma l'opposizione non ha voluto.

Il presidente Silvio non voleva più Tremonti ma Tremonti è tornato.

Il presidente Silvio voleva risollevare l'immagine dell'Italia nel mondo ma il mondo è cattivo e ci sputtana.

Il presidente Silvio non voleva evitare i processi ma i processi hanno evitato lui.

Il presidente Silvio voleva tagliare le rendite parassitarie ma a sua insaputa hanno tolto l'Ici al Vaticano.

Il presidente Silvio non voleva più comprare nessuna società ma il fratello e la figlia lo hanno fatto senza dirglielo.

Il presidente Silvio non voleva che Previti andasse a offrire soldi agli avvocati ma Previti c'è andato lo stesso.

Il presidente Silvio non voleva la guerra in Iraq ma i suoi agenti hanno inventato il Nigergate.

Il presidente Silvio non voleva la guerra in Iraq ma il suo benzinaio lo ha minacciato.

Il presidente Silvio non voleva ricandidarsi ma lo hanno obbligato.

Il presidente Silvio non voleva toccare le tasche degli italiani ma qualcuno di nascosto ha fatto tre finanziarie in un mese.

Il presidente del consiglio o è un ipocrita, o non conta un c…o."

Di Stefano Benni (il lupo) .

A parte che la metà delle cose scritte non stanno in piedi, noto che anche tu come Chaos ti metti in bocca parole di altri.

Il giochetto lo si può fare anche per la precedente legislatura che potrebbe essere anche la prossima: Governo Prodi con Fassino nell'esecutivo e vari personaggi di sinistra.

Ricordiamo alcuni FATTI:

La prima richiesta che il falso in bilancio rimanesse reato soltanto quando venisse «falsata in modo rilevante la rappresentazione delle condizioni economiche della società» venne da tale Marianna Li Calzi, ex-magistrato, deputato di Rinnovamento Italiano.

E questa dichiarazione, fatta ad un pubblico convegno e confermata l’indomani dai resoconti dell’Unità, poi all’Ansa e poi a “Porta a Porta” credete sia di Dell’Utri?

“Depenializziamo i reati finanziari, compresa la bancarotta.

Dobbiamo concentrare il ricorso al carcere per i reati che presentano reale pericolosità sociale, riservando agli altri forme alternative di sanzione.”

No, a parlare è Fassino. Se poi la stessa cosa la fanno gli altri, si grida allo scandalo. Questo si chiama essere intellettualmente disonesti.

E direttamente su Romano Prodi? Ex Presidente del Consiglio, Ex Presidente del IRI (IL VERO SCANDALO SME) Ex Presidente della Comunità Europea. Quello che ha creato la tassa una Tantum sui conti correnti di tutti, ricchi e poveri(8x1000), quello che ha creato la tassa di lusso una tantum sulle moto dei poveri dei ricchi(700.000 lire), quello che ci ha spremuti per entrare nell'Euro (da 60.000 lire a testa), quello che ha fatto una voragine nei conti dell'IRI e che ha permesso alla Cina di invadere i mercati europei di aterie prime a basso costo senza controllo....."

Un'altra perla sul governo Prodi? Insieme a Fassino e Dini (esteri e tesoro) diedero l'ok e seguirono l'operazione dell'allora azienda statale TELECOM dell'acquisto di Telekom Serbia in mano ad un certo Milosevic. Durante la trattativa molti paesi europei e soprattutto gli Stati Uniti sconsigliarono fortemente la trattativa a causa di una politica quantomeno dubbia di Milosevic. Furono ben 14 richiami statunitensi direttamente all'ufficio di Fassino. Ma niente, l'affare andò in porto, l'ITALIA E QUINDI NOI PAGAMMO L'ACQUISTO di Telekom Serbia ed I SOLDI VENNERO UTILIZZATI DA MILOSEVIC PER PAGARE GLI STATALI, PAGARE LA CAMPAGNA ELETTORALE A SENSO UNICO, PAGARE ARMI DI VARIO GENERE, RADDOPPIARE LE ARMATE ED INIZIARE IL GENOCIDIO IN KOSOVO. IL GOVERNO PRODI CON LA COLLABORAZIONE DI DINI E FASSINO HANNO USATO I NOSTRI SOLDI PER FINANZIARE L'AMICO MILOSEVIC A MASSACRARE I KOSOVARI.

Questi sono fatti signori miei. Basta informarvi.

Si fà tanto parlare di Berlusconi che manda truppe in Irak? Faccio notare che Saddam Hussein ha massacrato oltre 1 milione e mezzo di Sciiti ed ora in Irak vi è una republica democratica con elezioni DEMOCRATICHE mentre prima dell'arrivo delle truppe Statunitensi, Inglesi, spagnole ed italiane vi era una DITTATURA. Il governo Prodi ha invece finanziato il massacratore. Un po' come se Berlusconi fosse andato da Saddam e gli avesse dato soldi per armarsi e massacrare altri sciiti.

Vogliamo parlare dei pacifisti? Delle bandiere della pace e quant'altro il cui ricavato è servito a finanziare la campagna elettorale di Cofferati? Perchè spero che non pensiate che i soldi delle bandiere della pace sono finite in aiuti umanitari o beneficienza... :lol:

Come col governo D'Alema quando ci fu l'operazione arcobaleno. Campagne per raccolta fondi e alimenti, vestiti, medicine ecc. tutto finanziato dal governo e dai versamenti e donazioni delle famiglie italiane. Una gran cosa di sinistra: Aiutare i paesi in difficoltà, dare da mangiare, da vestirsi e medicinali. Peccato che metà è stato lasciato marcire nei pressi del porto di Bari, e l'altra metà invece a marcire nei pressi del porto di... Tirana. Quelle poche cose che si sono salvate sono quelle... rubate dai sciacalli e RIVENDUTE AL DOPPIO/TRIPLO/QUADRUPLO DEL PREZZO AL MERCATO NERO. Quindi, la famiglia Rossi va al supermercato e compra 1kg di pasta ad 1 euro e lo regala al progetto arcobaleno di D'alema. La pasta se ha avuto fortuna e non l'hanno lasciata marcire a Bari, è arrivata a Tirana. E se ha avuto ulteriore fortuna di non essere stata lasciata marcire lì, è stata semplicemente rubata e VENDUTA al mercato nero per 2/3/4 euro alla povera gente che muore di fame. EVVIVA LA SINISTRA!

D'Alema ed esecutivo però si è affrettato di minimizzare. È stata aperta inchiesta e poi ovviamente tutti insabbiato :?:

CHISSà COME MAI SI PARLA DEI PROCESSI DEL CAVALIERE MA NON DI QUELLI DI D'ALEMA, PRODI (strano che nessuno lo tiri mai in ballo per il processo SME, eppure era lui presidente dell'IRI e chiude lui la SVENDITA della SME a De Benedetti in TRATTATIVA PRIVATA QUANDO PER LE AZIENDE STATALI, FORNITURE, ACQUISTI, VENDITE ECC DOVREBBE ESSERCI GARA D'APPALTO, OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA O RICHIETSTA PREVENTIVI PUBBLICHE) BERTINOTTI (Tangenti sotto forma di finanziamento al partito 8) ), Fassino e quant'altro.

E lo scandalo affitti? Quando saltò fuori che D'Alema ed altri personaggi avevano affitti bassissimi su proprietà statali? D'Alema pagava 800.000 lire di affitto per un super attico nel centro storico di Roma da 220 metri quadrati. Lui si giustificò dicendo che pensava che quella fosse la tariffa normale :?:lol::lol:

E poi sono questi gli uomini politici vicini al popolo che devono aiutare l'operaio a chiudere il mese :lol::lol::lol::wink:

Comunque tutto bene: Cofferati ha vinto le elezioni quindi almeno chi ha speso soldi li ha spesi bene. Se perdeva le elezioni invece... :wink:

Ovviamente mentre si vendevano le bandiere Cofferati disse più volte che la politica non gli interessava :lol:

Chissà come mai i pacifisti non sono intervenuti quando il governo D'Alema ha mandato in Kosovo le truppe italiane a combattere E MORIRE CONTRO QUELLI FINANZIATI DAL PRECEDENTE GOVERNO PRODI (18 MESI PRIMA). A ma qua non si parla di un governo che manda alla morte i propri figli...

I pacifisti... Bono è il leader degli U2 (il gruppo rock che vende più dischi al mondo.... partecipano a tutte le manifestazioni pacifiste del mondo.......), unanimemente considerato in GB e USA il "re dei pacifisti senza se e senza ma" nel campo dello spettacolo.

Dopo il bombardamento "occidentale" nella ex-Yugoslavia, ha fatto un viaggetto in loco per manifestare il suo dissenso per tale intervento "colonialista".

Nella vecchia europa menefreghista è normale fare i pacifisti sulla poltrona di casa propria mentre scorrono le immagini dei massacri in casa degli altri (soprattutto se guadagni un centinaio di miliardi all'anno come Bono).

A Sarajevo, invece, la gente le bombe le aveva sulla testa e sulle case, e non ha ovviamente capito perchè sono dovuti morire in 20.000 prima che qualcuno decidesse di asfaltare i macellai.

Così, quando il pacifista da poltrona è arrivato a Sarajevo a condannare l'intervento che aveva salvato mezza città (ma troppo tardivo per l'altra mezza), ha dovuto iniziare a correre forte, perchè chi aveva appena perduto familiari, parenti e amici per la stupidità di quattro pacitossici, non ha gradito la tesi "la NATO non doveva intervenire=dovevate morire anche voi dell'altra metà Sarajevo".

Una volta sfuggito al linciaggio, per fare il suo filmato in loco (altri 100 miliardini), il re dei pacifisti ha dovuto circondarsi di un manipolo di mercenari armati fino a i denti..... che pare non avessero bandiere arcobaleno sui loro mitra...................

E la cancellazione del debito dei paesi poveri? I pacifisti amici dei governi di sinistra Prodi/D'alema/Amato (tra l'altro... Amato... il bracio destro di Craxi, il suo delfino. Craxi, quello scappato in Tunisia perchè con vari processi per corruzione, tangenti ecc. Ah ma Amato è un santarellino, era il suo bracio destro ma Craxi le tangenti le prendeva col bracio sinistro. Il destro lo usava solo per pettinarsi :lol: ) hanno tanto pubblicizzato la cancellazione del debito verso paesi poveri. Ma chi è il governo che ha attuato maggiori cancellazioni di debiti mettendo nero su bianco la CANCELLAZIONE TOTALE in varie tranche? Ebbene sì: il governo Berlusconi.

E potrei andare avanti per ore ma ora mi sono pure scocciato quindi chiudo qui. Continuate pure a guardare Celentano e quant'altro, pendete dalle loro labbra e soprattutto NON FATEVI DOMANDE E NON PRENDETEVI LA BRIGA DI VERIFICARE CIò CHE DICONO. Hanno ragione in tutto, sono bravi, belli, puliti e onesti. Come Celentano che vive in una tenuta, prende MILIONI DI EURO per fare le sue trasmissioni e poi dice che sa come vive un'operaio che ha problemi a chiudere il mese.

Mio unico rimpianto: che non ci sia qui Jacopo a leggere quanto appena scritto. Ci saremmo fatte un sacco di risate come l'anno scorso quando qualche altro benpensante venne a pontificare sui vantaggi dall'avere una politica di sinistra parlando di correttezza, libertà e trasparenza.

Ora tornate a scuola e lasciate stare la politica fino a quando non vi prenderete la briga di essere informati.

Link to comment
Share on other sites

Il premier Silvio Berlusconi ha detto: "Ho voluto dare l'intervista a La7 su questi temi - ha detto nel colloquio con Libero - perchè fosse amplificata da Al Jazeera e io potessi apparire per quel che sono: leader di un Paese che in ogni maniera ha cercato di tenere lontana la guerra. Che non ha attaccato nessuno e non è in guerra. Le nostre truppe in Iraq non sono di occupazione, sono forze di pace, sotto l'egida di una risoluzione dell'Onu. Siamo intervenuti soltanto allora". MA COSA DOVREBBERO PENSARE LE FAMIGLIE DEI MORTI ITALIANI IN IRAQ?!!!

Link to comment
Share on other sites

Caro Olly, non ti ho offeso, non vado a scuola, mi metto in bocca parole di altri perchè sono più documentati di me e non credo a quello che dice la tv, perciò cerco su intenet e copio e incollo quello che secondo me è giusto.

Lascia stare Jacopo, non mi sembra il caso di tirarlo in ballo, è di cattivo gusto (in questo contesto mi sembra una forzatura).

Io continuerò a dire che il Berluska è una mer@# e credo che sarà difficile togliermelo dalla testa.

Con simpatia ti dico...Torna tra le letteronze!!!!!

Scherzo (e sono convinto che è bello avere idee diverse, ma sempre se rimaniamo nel rispetto degli ideali e delle persone)

Link to comment
Share on other sites

Il premier Silvio Berlusconi ha detto: "Ho voluto dare l'intervista a La7 su questi temi - ha detto nel colloquio con Libero - perchè fosse amplificata da Al Jazeera e io potessi apparire per quel che sono: leader di un Paese che in ogni maniera ha cercato di tenere lontana la guerra. Che non ha attaccato nessuno e non è in guerra. Le nostre truppe in Iraq non sono di occupazione, sono forze di pace, sotto l'egida di una risoluzione dell'Onu. Siamo intervenuti soltanto allora". MA COSA DOVREBBERO PENSARE LE FAMIGLIE DEI MORTI ITALIANI IN IRAQ?!!!

Che in Irak c'era un dittatore che ha massacrato con camere a gas, armi chimiche di vario genere, esecuzioni di massa ecc il tutto senza processo oltre 1 milione e mezzo di sciiti. Che anche grazie alle forze italiane ora il paese è un paese libero, democratico, che ha un governo eletto dal popolo. O forse tanto per fare demagogia ci chiediamo cosa devono pensare le famiglie dei morti americani quando sono sbarcati in Francia nella seconda guerra mondiale PER UNA GUERRA CHE NON ERA LA LORO? Si fa presto a dimenticare.

Link to comment
Share on other sites

ROMA - Il processo Sme va avanti da quattro anni e nove mesi, tra schermaglie procedurali e 'stop and go':

- 9 marzo 2000 - comincia davanti alla prima sezione penale del tribunale di Milano (presidente Luisa Ponti) il primo processo sulle presunte corruzioni dei giudici romani, riguardante il filone Sme. In aula sono presenti tre imputati: l' on. Cesare Previti, l' avv. Attilio Pacifico e l'ex giudice Francesco Misiani (quest'ultimo accusato solo di favoreggiamento). Assente Silvio Berlusconi, accusato, come gran parte degli imputati, di concorso in corruzione.

- 3 aprile 2000 - respinta la richiesta di riunire i processi Sme e Imi-Sir.

- 17 novembre 2000 - la Procura di Milano riformula il capo di imputazione in corruzione in atti giudiziari.

- 17 novembre 2001 - la prima sezione penale respinge le richieste delle difese di azzerare il processo e di rifare tutto dall' udienza preliminare, alla luce della sentenza di luglio della Corte Costituzionale.

- 27 dicembre 2001 - i giudici rigettano le richieste di proscioglimento per Berlusconi, Previti e Pacifico, con un'ordinanza nella quale si sostiene che 'allo stato non e' possibile alcuna valutazione nel merito' perche' il dibattimento e' in fase istruttoria. Per protesta contro tale decisione Previti revoca i suoi difensori affermando che i giudici vogliono 'giungere a una condanna ingiusta'.

- 28 dicembre 2001 - testimoniano il presidente della commissione Ue Romano Prodi e l' ex presidente del Consiglio Giuliano Amato.

- 3 gennaio 2002 - respinta la richiesta di interruzione del processo in seguito alla decisione del Guardasigilli di accettare il trasferimento del giudice Guido Brambilla al tribunale di sorveglianza.

- 7 gennaio 2002 - l'on. Previti presenta una richiesta di ricusazione nei confronti del giudice Guido Brambilla. L' istanza sara' respinta il 15.

- 9 gennaio 2002 - il giudice Brambilla s'insedia formalmente nel nuovo incarico presso il Tribunale di Sorveglianza. Il giorno dopo il presidente della Corte d' Appello di Milano, Giuseppe Grechi, accoglie la richiesta del presidente del tribunale Cardaci e dispone l'immediata applicazione a tempo pieno del giudice Brambilla fino al 31 ottobre per ''continuare a far parte del collegio'' che tratta il processo Sme.

- 1 marzo 2002 - Previti e Berlusconi presentano alla cancelleria della prima sezione penale del tribunale di Milano istanze di rimessione ad altra sede.

- 8 luglio 2002 - i giudici respingono tutte le eccezioni sollevate delle difese, compresa la questione di legittimita' costituzionale perche' ''infondata''.

- 18 ottobre 2002 - cinque ore di deposizione per Stefania Ariosto, la superteste 'Omega'.

- 6 novembre 2002 - la quinta sezione della Corte d' Appello dichiara inammissibile la ricusazione proposta da Berlusconi nei confronti della prima sezione del Tribunale Penale.

- 15 novembre 2002 - il processo e' sospeso e rinviato a data da destinarsi, finche' l'autorita' giudiziaria inglese comunichera' il giorno in cui sara' possibile l'esame, per rogatoria, di David Mills, il legale ritenuto dall'accusa l' inventore del sistema off-shore Fininvest.

- 28 gennaio 2003 - la Cassazione decide che il processo deve restare a Milano e rigetta le richieste di rimessione tra le quali quelle del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e delll' on. Cesare Previti.

- 5 febbraio - la Cassazione rigetta il ricorso di Previti e stabilisce che il giudice Guido Brambilla, gia' trasferito al Tribunale di sorveglianza di Milano, deve comunque rimanere al suo posto nel collegio giudicante fino al termine del processo.

- 6 febbraio - viene depositata la perizia fonica disposta dal gip di Perugia sulla registrazione del colloquio avvenuto il 2 marzo 1996 al bar Mandara di Roma tra l'ex capo dei gip Renato Squillante e il pm Francesco Misiani. La perizia indica la data in cui potrebbe essere avvenuta la presunta manipolazione del nastro (tra il 2 e il 22 marzo), ma non le apparecchiature che sarebbero servite a realizzarla.

- 3 marzo - dopo l'incidente probatorio il gip di Perugia Giancarlo Massei decide di non sottoporre a una nuova perizia il nastro dell' intercettazione eseguita al bar Mandara di Roma e relativa a un colloquio tra Renato Squillante e Francesco Misiani.

- 11 marzo - a Londra si svolge l'udienza dell' avvocato britannico David Mills. Durante la deposizione Mills dice di aver incontrato Silvio Berlusconi una sola volta, ad Arcore, nel 1995, per parlare non di societa' della Fininvest, ma ''di aspetti legali di un altro progetto che non si e' mai concretizzato''.

- 17 marzo - dopo l'interrogatorio dell'avvocato Mills i giudici decidono di ascoltare solo il manager Fininvest Livio Gironi, tra i testi residui citati dalla difesa.

- 28 marzo - il Tribunale respinge la richiesta di Silvio Berlusconi, avanzata tramite i suoi legali, di ''rendere dichiarazioni al tribunale nella sede istituzionale''.

- 19 aprile - il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi si presenta in aula per rendere dichiarazioni spontanee ma a causa dell'assenza di due avvocati difensori lascia l'aula cinque minuti dopo l'inizio dell'udienza senza parlare ai giudici.

- 5 maggio - il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi si presenta in aula per fare alcune dichiarazioni spontanee e racconta la sua versione della mancata vendita della Sme alla Cir di Carlo De Benedetti. Berlusconi dice che Bettino Craxi, in quegli anni presidente del Consiglio, lo prego' ''in maniera molto affettuosa, ma pressante'' di intervenire.

- 16 maggio - il tribunale dispone lo stralcio della posizione di Silvio Berlusconi. Per gli altri otto imputati i giudici dichiarano chiuso il dibattimento.

- 23 maggio - il Procuratore reggente di Milano Ferdinando Vitiello rigetta la richiesta di sostituzione del pm d'udienza Ilda Boccassini, presentata da Cesare Previti. Il Pm Boccassini comincia quindi la requisitoria ricostruendo i conti e i movimenti finanziari degli imputati.

- 26 maggio - Cesare Previti presenta un' istanza di ricusazione dell' intero collegio giudicante. Tra le motivazioni a supporto dell' iniziativa, le separazioni delle posizioni processuali degli imputati.

- 29 maggio - la Corte d'appello dichiara inammissibile la nuova istanza di ricusazione.

- 30 maggio - la pm Ilda Boccassini chiede la condanna a 11 anni per Cesare Previti e Attilio Pacifico, 11 anni e quattro mesi per Renato Squillante, quattro anni e otto mesi per Filippo Verde. Tutti sono accusati di corruzione in atti giudiziari.

- 6 giugno - uno dei legali di Cesare Previti chiede un rinvio dell' udienza in attesa di una risposta formale della Procura sull' istanza dell'ex ministro della Difesa di accedere agli atti del fascicolo 9520. L'istanza viene respinta. Il legale di parte civile Cir-De Benedetti, Giuliano Pisapia, chiede un risarcimento di 4 miliardi e mezzo di euro. Il legale di parte civile che rappresenta la presidenza del Consiglio, Domenico Salvemini, preannuncia che chiedera' un milione di euro di risarcimento.

- 11 giugno - i legali di Silvio Berlusconi chiedono un rinvio a tempo indeterminato dello stralcio del processo Sme per legittimo impedimento. La richiesta viene respinta dai giudici.

- 17 giugno - nuove dichiarazioni spontanee di Silvio Berlusconi: afferma che ''tonnellate di fango per sette anni gli vengono scaricate addosso'', definisce quella di Stefania Ariosto una ''tecnica da mitomane'' e parla di una ''robusta dazione di denaro data da Carlo De Benedetti alla Dc in occasione delle elezioni del 1983''.

- 18 giugno - la Camera approva definitivamente la legge sull' immunita' che prevede la sospensione dei processi alle cinque piu' alte cariche dello Stato per tutta la durata dell'incarico.

- 20 giugno - i giudici respingono la richiesta della difesa di Cesare Previti di interrogare Silvio Berlusconi a Palazzo Chigi.

- 25 giugno - il pm Ilda Boccassini annuncia che il giorno prima e' stata depositata in cancelleria una memoria rispetto alla questione di legittimita' costituzionale della nuova norma sulla sospensione dei procedimenti nei confronti delle piu' alte cariche dello Stato.

- 11 settembre - viene pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale l' atto di promovimento del giudizio della Corte Costituzionale in seguito all' ordinanza con la quale il Tribunale di Milano ha sollevato alcune questioni di legittimita' costituzionale della norma che sospende i processi per le cinque piu' alte cariche dello Stato.

- 1 ottobre - la Procura generale di Milano dichiara inammissibile l' istanza di avocazione del fascicolo 9520 presentata a settembre dalla difesa Previti.

- 3 ottobre - il procuratore della Repubblica reggente di Milano, Ferdinando Vitiello, respinge la richiesta di sostituzione immediata dei pm d' udienza Ilda Boccassini e Gherardo Colombo presentata dai difensori di Cesare Previti. - 11 ottobre - il procuratore generale Mario Blandini respinge, dichiarandola inammissibile, una nuova istanza di sostituzione dei due Pm Boccassini Colombo presentata dai difensori di Cesare Previti il 4 ottobre.

- 18 ottobre - i giudici respingono le richieste di nuove prove presentate dai difensori di Renato Squillante e Cesare Previti.

- 20 ottobre - una nuova istanza di rimessione del processo viene presentata da Cesare Previti. Viene sottoposto alla Cassazione il problema del turbamento di una delle parti del processo, cioe' il pm, che, secondo Previti, e' condizionato dalla pendenza del procedimento a Brescia e dal procedimento disciplinare aperto. Il tribunale respinge la richiesta di sospensione del processo e predispone la trasmissione immediata dell' istanza di rimessione alla Cassazione.

- 27 ottobre - il processo viene sospeso dopo che la sesta sezione della Cassazione dichiara ammissibile una nuova istanza di rimessione presentata da Previti.

- 17 novembre - la Cassazione boccia l' istanza di rimessione di Previti per trasferire il processo da Milano a Brescia per legittimo sospetto

- 21 novembre - dopo le dichiarazioni spontanee di Cesare Previti i giudici entrano in camera di consiglio.

- 22 novembre - Cesare Previti e l'avvocato Attilio Pacifico vengono condannati per corruzione rispettivamente a 5 e 4 anni di carcere. Otto anni all'ex capo dei gip di Roma, Renato Squillante, per corruzione in atti giudiziari. Si tratta di una condanna a meta': secondo i giudici, infatti, ''il fatto non sussiste'' per la vicenda Sme, ma la corruzione resta, seppure non legata alla mancata vendita del colosso agro-alimentare dell'Iri a Carlo De Benedetti

- 13 gennaio 2004 - La Corte Costituzionale dichiara illegittimo il cosiddetto 'Lodo Schifani', vale a dire la legge che prevede la sospensione dei processi nei confronti delle cinque piu' alte cariche dello Stato in base alla quale si era fermato il processo Berlusconi.

- 16 aprile - Riprende il processo Sme dinanzi a un altro collegio, presieduto da Francesco Castellano. - 12 novembre - La pubblica accusa chiede una condanna di 8 anni per Berlusconi

- 19 novembre - L'avvocato dello Stato, Domenico Salvemini, chiede che il premier sia condannato al risarcimento di un milione e 100 mila euro

- 9 dicembre - Il collegio si ritira in camera di consiglio.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...