Jump to content
  • Sign Up

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2021 e Tour de France 2021sono finalmente disponibili
Leggi di più

Hai già scoperto i nostri tutorial?

Come sottoscrivo una mod su Steam? Come modifico un database? Come posso creare una maglia personalizzata? Per queste ed altre domande visita la nostra sezione tutorial!
Tutorial

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

La nostra RECENSIONE di Pro Cycling Manager 2020

Leggi e guarda la nostra recensione di Pro Cycling Manager 2020, a cura di BubbaDJ
Leggi di più

[Pcm21] - Back to the future


Recommended Posts

COMUNICATO UFFICIALE - In seguito alle importanti novità che verranno introdotte nella stagione 2021, l'Unione Ciclistica Internazionale ha deciso di organizzare nei prossimi giorni una conferenza stampa per condividere con stampa e tifosi quanto già discusso con società e corridori. 

Screenshot_20210621_192422.jpg

 

Stay tuned... 

Edited by Camenzind
Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)

AIGLE – Ha scelto una giornata dal cielo plumbeo e minaccioso l’UCI per comunicare alla stampa quali saranno le importanti novità anticipate pochi giorni fa tramite un freddo comunicato social. La sede di Aigle pullula di giornalisti, fotografi, l’attesa è molta e l’intervento di David Lappartient è previsto, o meglio, era previsto per le 12, visto che l’ora è già scoccata e della sagoma del presidente neppure l’ombra in Conte style. Finalmente dopo una mezz’ora abbondante di ritardo, il comitato direttivo UCI entra nella sala generando un brusìo di spasmodica attesa mista a insofferenza. In testa c’è proprio lui, David Lappartient, abito elegante, camminata da bullo, come una star del cinema appena nata che sente gli occhio addosso a sé. Il francese prende subito possesso del pulpito dal quale enuncerà il verbo, un sorriso di circostanza per attirare i flash, occhiolino alla giornalista spagnola presente in prima fila, grande sospiro e si parte.
David-Lappartient-uci.jpg

“Innanzi tutto, vi ringrazio per essere qui presenti numerosi, mi scuso per il ritardo ma dovevamo discutere di alcuni dettagli. Cercherò di essere breve e conciso. Come tutti voi ben sapete, il ciclismo negli ultimi anni è diventato globale, l’Europa resta il centro del World Tour, ma la presenza di corse importanti in Australia, negli Emirati, in Canada, in Cina, senza dimenticare i paesi africani che stanno sempre più provando ad organizzare corse di livello. Tutto questo dimostra quanto è importante al giorno d’oggi promuovere questo sport ovunque, nel mondo e noi vogliamo sempre più proseguire su questa linea. Guardare al futuro però, non vuol dire dimenticare il passato, anzi, se alcune idee o formule intelligenti sono state abbandonate, è importante valutare una re-introduzione di esse, adattandole al ciclismo moderno e rendendole sempre più avvincenti e proficue, anche dal punto di vista economico”

Altra pausa, altro sorriso di circostanza cercando di fissare tutti i possibili obiettivi di fotografi e giornalisti free-lance, altro cenno di intesa con la giornalista in prima fila che sembra però non dare troppo peso alle velate avances del presidente.


…continua….

Edited by Camenzind
Link to comment
Share on other sites

….i minuti passano, ma Lappartient non è ancora arrivato al sodo, la sua promessa di essere sintetico e chiaro è già svanita nel nulla e iniziano ad arrivare i primi sbadigli in platea. Gli occhi del presidente però sono sempre lì, fissi sulla signorina della prima fila e poco importa se qualcun altro si sta annoiando, il suo sguardo non si cura di loro. Un colpo di tosse di un suo collaboratore, fa tornare alla realtà il buon David che all’improvviso taglia corto tornando sui suoi passi e concretizzando il fiume di parole rilasciato fino a quel momento.

Il ciclismo vuole guardare avanti, vuole che i campioni diano spettacolo, il pubblico vuole che ogni corsa venga onorata. Ci sono tante corse che purtroppo sono messe in secondo piano e noi vogliamo ridare vita a loro, vogliamo renderle più visibile e più ambite da tutti. Ovviamente non parlo del Tour de France o del Giro d’Italia, mi riferisco alle corse di un giorno, sono queste le gare dove c’è maggiore imprevedibilità, dove ci sono sorprese e colpi di scena. Non bastano la Parigi-Roubaix, la Liegi o la Sanremo, queste corse sono iconiche per tutti, è evidente, ma senza le altre corse, non sarebbero quel che sono ora, vorremmo rivoluzionare il calendario delle corse di un giorno, vorremmo alzare il livello reintroducendo la Coppa del Mondo che oramai manca da troppo tempo.”

CDM.jpg.7a552ba3d104d2451347a1d3e9bffaee.jpg

 

Piccola pausa di qualche secondo, scrutando le facce dei giornalisti per capire quale sia la reazione. Un forte chiacchiericcio si alza nella sala, qualche faccia soddisfatta, altre invece un po' sorprese e spaesate pensando a come la Coppa del Mondo possa integrarsi con il WT attuale. Lappartient però continua “Atleti come Bettini, Museeuw, Zabel, Kelly, hanno fatto la storia del ciclismo e hanno vinto la Coppa del Mondo in passato, questo fa capire quanto era importante e avvincente. Noi vorremmo rinverdire i fasti di questa competizione, ma lo faremo a modo nostro. Il calendario sarà più ampio e vorremmo dare la possibilità a tutti di vincerla. Scalatori, passisti, sprinter, attaccanti, ogni atleta con il numero appiccicato sulla schiena deve poter ambire a vincerla, nessuno deve sentirsi escluso e per questo sarà un calendario equilibrato mescolando tradizione e innovazione, come fanno i grandi chef. Tra pochi giorni saprete tutto, il calendario e le regole, ma sono sicuro che ci divertiremo. Un’anticipazione ve la posso dare però. Io amo sciare e mi piace molto la coppa del mondo di Sci, beh, diciamo che prenderemo spunto dal circo bianco e che vinca il migliore”

Molti giornalisti alzano la mano, vogliono capire di più, chiedere al presidente UCI maggiori dettagli ma lui, senza scomporsi troppo, saluta e lascia il palco. Un sorriso in prima fila e poi via dietro le quinte.

Link to comment
Share on other sites

CALENDARIO – COPPA DEL MONDO 2021

A pochi giorni di distanza dalla reintroduzione della coppa del mondo, l’UCI rende noto il calendario della prossima stagione. Si riparte naturalmente dalle classiche monumento e dalle principali corse World Tour ma non solo. Sono diverse le corse continental promosse di rango, scelta fatta in base alla storia, al blasone e al percorso con un forte orientamento allo spettacolo e all’imprevedibilità.

 

Con una nota, il presidente Lappartient conferma quanto anticipato in precedenza “Ogni classica assegnerà punti ai primi 30 classificati, chi farà più punti durante la stagione, vincerà la coppa del mondo, ma non sarà l’unico a gioire. Saranno assegnate anche coppe di specialità. Credo sia giusto premiare anche chi è specializzato su determinati percorsi, penso che possa dare ancor più spettacolo e un maggior stimolo a tutti”

 

 

Cobble

Omloop Het Nieuwsblad
E3 Saxo Bank
Gent Wevelgem
Dwaars door Vlaanderen
Ronde Van Vlaanderen
Paris – Roubaix
Tro Bro Leon

 

Flat

Milano – Sanremo
Oxyclean Classic Brugge – De Panne
EuroEyes Cyclassics Hambourg
Bretagne Classic – Ouest Plouay
Paris – Tours
Brussels Cycling Classic
Rund um Koln

 

Hill

Strade Bianche
Amstel Gold Race
Flèche Wallonne
GP Montreal
Brabantse Pijl
Paris - Camembert
Klasika Primavera Amorebieta

 

KOM

Liège – Bastogne – Liège
Donostia San Sebastian Klasikoa
Il Lombardia
Giro dell’Emilia
Milano – Torino
Mont Ventoux Dénilevé Challenge
Ötztal Pro Classic

 

La mia story sarà quindi incentrata sulla CdM con qualche possibile intermezzo di Giri per staccare un pò...

  • Upvote 1
Link to comment
Share on other sites

Bellissima idea! Secondo voi in questi anni che non c'è stata la coppa del mondo.. chi l'avrebbe vinta?

Secondo me ci sarebbe potuta essere una bella sfida tra Gilbert, Valverde e Sagan negli anni scorsi, mentre negli ultimi direi Alaphilippe! 

Link to comment
Share on other sites

Sto riflettendo ancora su quale squadra utilizzare e per ora ho queste ipotesi

Woods Martin Vanmarcke
Benoot Bol Bardet
Bettiol Cort Higuita
Pidcock Kwiatowski Carapaz
Pedersen Stuyven Mollema

La mia prima scelta sarebbe il Team DSM avendo buoni atleti in tutte le categorie, ma senza big assoluti

Voi cosa scegliereste?

Inviato dal mio ANE-LX1 utilizzando Tapatalk

Link to comment
Share on other sites

Bella l'idea di dividere le classiche per specialità: ai leader delle singole classifiche darai il pettorale rosso come nella CdM di sci? 
Devo capire bene come farlo nel db. Magari sfruttando anche il campione europeo oltre al WC che indosserebbe la maglia di leader generale. Così però peccato togliere à Nizzolo e Alaph le rispettive maglie, ma l'idea di massima è quella

Inviato dal mio ANE-LX1 utilizzando Tapatalk

Link to comment
Share on other sites

In attesa di altri eventuali voti riguardo la squadra, ecco il calendario ufficiale della stagione. Per evitare di terminare le corse sul pavè dopo metà stagione, è stato rivisto il posizionamento di diverse corse per avere la possibilità di determinare il vincitore di coppa di specialità a fine stagione

 

Omloop Het Nieuwsblad
Paris - Camembert
Strade Bianche
Milano – Sanremo
Giro dell’Emilia
E3 Saxo Bank
Oxyclean Classic Brugge – De Panne
Dwaars door Vlaanderen
Brabantse Pijl
Ötztal Pro Classic
Gent Wevelgem
Rund um Koln
Ronde Van Vlaanderen
Klasika Primavera Amorebieta
Paris – Roubaix
Amstel Gold Race
Flèche Wallonne
Liège – Bastogne – Liège
Brussels Cycling Classic
Mont Ventoux Dénilevé Challenge
Donostia San Sebastian Klasikoa
EuroEyes Cyclassics Hambourg
Bretagne Classic – Ouest Plouay
Milano – Torino
GP Montreal
Tro Bro Leon
Paris – Tours
Il Lombardia
Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)

Visto il voto EF e visto che è una squadra che a me piace molto, andiamo di EF!!

Il borsino dei favoriti

Diamo uno sguardo intanto a quelli che sono i grandi favoriti per la classifica generale di coppa del Mondo e anche di specialità. 

Generale

*** Wout Van Aert - Julian Alaphilippe
** Mathieu Van der Poel - Primoz Roglic - Tadej Pogacar - Thomas Pidcock
* Tjesj Benoot - Michael Matthews - Greg Van Avermaet - Peter Sagan - Maximilian Schachmann - Michal Kwiatkowski


Cobble

*** Wout Van Aert - Kasper Asgreen
** Mathieu Van der Poel - Thomas Pidcock - Greg Van Avermaet - Peter Sagan
* Zdenek Stybar - Florian Senechal - Mads Pedersen - Oliver Naesen - Alberto Bettiol - Jasper Stuyven
 

Flat

*** Sam Bennett - Caleb Ewan
** Wout Van Aert - Arnaud Demare - Michael Matthews - Peter Sagan
* Tim Merlier - Giacomo Nizzolo - Mathieu Van der Poel - Jasper Stuyven - Sonny Colbrelli - Greg Van Avermaet
 

Hill

*** Julian Alaphilippe - Maximilian Schachmann
** Wout Van Aert - Primoz Roglic - Tadej Pogacar  - Thomas Pidcock 
* Benoit Consefroy - Mathieu Van der Poel - Michael Woods - David Gaudu - Jakub Fuglsang - Remco Evenepoel

KOM

*** Primoz Roglic - Tadej Pogacar
** Richard Carapaz - Egan Bernal - Simon Yates - Geraint Thomas
* Miguel Angel Lopez - Joao Almeida - Mikel Landa - David Gaudu - Jakub Fuglsang - Adam Yates

 

Tra poco la prima classica di stagione, la Omloop

 

Edited by Camenzind
Link to comment
Share on other sites

Omloop.jpg.a1724d3c69a6f4d90b9301fbd8156f3d.jpg
C’è molta attesa al via della Omloop Het Nieuwsblad, la sfida Van Der Poel – Van Aert è già al primo atto con il britannico Pidcock sullo sfondo. Vincere oggi significa indossare la maglia di leader 17 anni dopo quella indossata da Paolo Bettini, trionfatore nel 2004 davanti a Rebellin e Freire. Noi siamo pronti a dire la nostra con Bettiol capitano supportato da Valgren e Langeveld oltre al giovane Bissegger.

 

Alberto Bettiol

Stefan Bissegger

Magnus Cort Nielsen

Jens Keukeleire

Sebastian Langeveld

Jonas Rutsch

Michael Valgren

PCM0001.thumb.png.808587cd4074a88b4e04b81638a6bf55.png

 

 

Link to comment
Share on other sites

Dopo 50km iniziano i primi tratti di pavè. Sfortunato Cort con una foratura subito atteso da Valgren, ma pochi metri dopo arriva la prima vera notizia di giornata, la caduta di Campenaert che trascina a terra anche uno dei capitani Deceuninck, Zdenek Stybar

PCM0002.thumb.png.cc11395fcb3335f818134c3ec8308ce8.png

Il ceco riesce però a rientrare, pericolo scampato per il team Wolfpack! Davanti intanto iniziano i primi movimenti degni di nota. Dopo continui attacchi e contrattacchi, si forma finalmente un gruppetto di 7 unità con Hirschi, Colbrelli e Wellens su tutti.

PCM0003.thumb.png.594bf7c7136dc91db4753be1ab0c7372.png

Il vantaggio supera i 2’ e questo mette in allerta Deceuninck e Ineos che provano ad alzare il ritmo. Il nervosismo sale e aumenta il numero di cadute di prestigio. A 95km dal traguardo, tocca a Tjesj Benoot finire a terra, atteso da tutto il team DSM che si ferma in massa per far rientrare il capitano belga

PCM0004.thumb.png.7dbf649598aeeab7c5925468cc509be8.png

La DSM riporta sotto Tjesj, si torna con gruppo compatto e per qualche km sembra che il ritmo cali. Il vantaggio dei fuggitivi si aggira sempre intorno ai 2’ e nessuno sembra prendere in mano la corsa. Tutto cambia ai -50km, quando tratti in pavè e strappi si susseguono a breve distanza, la Deceuninck con Jumbo e Alpecin in testa, il gruppo di testa si spezza e restano avanti una 50 di unità, nel secondo troncone c’è clamorosamente Thomas Pidcock. Il capitano Ineos dovrà provare a rientrare subito, altrimenti sarà troppo tardi.

PCM0005.thumb.png.e464ab5872d2397f852dac9f9e372722.png
 

…continua…

Link to comment
Share on other sites

Pidcock sembra sempre più fuori dai giochi. Si stacca ma poi rientra invece Mads Pedersen, ma ai 30km dal traguardo prova Oliver Naesen ad attaccare tallonato dal connazionale Vanmarcke. L’uomo Ag2r si muove in funzione di Greg Van Avermaet o si è messo in proprio?

PCM0006.thumb.png.9a35cc62bdd8647d634395b845d69665.png

Naesen però viene ripreso sotto l’impulso dei lupi supportati anche dal nostro Bissegger. Alberto sta bene e con lui ci sono ancora Cort Nielsen e Langeveld. Mancano pochi km al Kappelmuur e sarà molto importante lì prendere il muro in testa. Il gruppo sta per rientrare sui fuggitivi che tengono ancora botta e a sorpresa prova ad anticipare Greg Van Avermaet

PCM0007.thumb.png.7da3c6f13b4076e07b0f17c8ee8e8f72.png

Van Avermaet però viene riacciuffato mentre si sale al Grammont con la Deceuninck scatenata. Prima Asgreen e poi Stybar danno una sgasata ed è il ceco ad scollinare con qualche metro di vantaggio subito seguito proprio da GVA, Van Aert e Asgreen in controllo.

PCM0008.thumb.png.a17e55b35568f57ab86c00b53e78a76f.png

Il forcing e il ritmo elevatissimo mietono diverse vittime illustre. Si staccano Senechal, Naesen, Degenkolb ma soprattutto, davanti non c’è più la maglia di campione slovacco. Fuori dai giochi dopo Pidcock, anche Peter Sagan.


PCM0010.thumb.png.c290b3ca41d9d91a4f4221b0b89b9c7a.png

Link to comment
Share on other sites

Quante cadute, sembra il tour di quest'anno 
cosa usi solitamente come frequenza cadute?
Forza Pasta di mamma Bettiol!!! 
Ho alzato un po per dare un po di imprevedibilita ma non al massimo

Inviato dal mio ANE-LX1 utilizzando Tapatalk

Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)

Un blocco in cima al Grammont costringe Bettiol e Cort a perdere qualche metro. Il danese da tutto e si sacrifica per l’italiano riportando sotto Alberto al gruppo dei primi. Sul Bosberg scollinano in 12. Asgreen, WVA, Benoot, GVA, Stybar, Bettiol ci sono tutti e nel tratto di discesa, parte in contropiede Jasper Stuyven

PCM0009.thumb.png.1873a4130f780a9484619f070a6bac79.png

 

L’attacco dell’uomo Trek rialza l’andatura, i Deceunicnk provano a ricucire, tutti si accodano anche all’improvviso si spegne la luce in uno degli uomini di riferimento, Mathieu Van der Poel. Il capitano Alpecin ha già una quindicina di secondi di ritardo dal gruppo Van Aert, quasi 30” invece da Stuyven.

PCM0011.thumb.png.786499dfc3f42dd80041b4604db68602.png

L’attacco di Stuyven in solitaria sembra poco incisivo. 10 km circa di pianura potrebbero permettere al gruppo inseguitore di rientrare, ma non è così. Le energie sembrano al lumicino, Asgreen e Van Aert sono quelli più attivi ma non sembrano così brillanti. Siamo a 3.000 mt dal traguardo di Ninove e Stuvyen ha ancora 20” da gestire

PCM0012.thumb.png.286a5785c020bd6f2d8e67314e02f7b8.png

 

Van Aert non vuole fare il lavoro per tutti gli altri che restano passivi alla sua ruota, il belga si ferma e nessuno prende il suo posto. Così Stuyven ne può approfittare conquistando la Omloop e la prima maglia di leader di coppa del Mondo. Jasper Stuyven trionfa alla Omloop

PCM0014.thumb.png.66e3794bb9e2bd693020b67f05abbd06.png

Alle sue spalle parte la volata dei battuti, Van Baarle prova ad anticipare ma non ce n’è per nessuno, vince Van Aert davanti al nostro Cort Nielsen, Garcia Cortina e Bettiol che chiude la top5

PCM0013.thumb.png.931160b90a1a85d282fe7fc02daea885.png

 

1    Jasper Stuyven    Trek - Segafredo    4h32'40
2    Wout Van Aert    Team Jumbo - Visma    + 21
3    Magnus Cort Nielsen    EF Education - NIPPO    s.t.
4    Iván García Cortina    Movistar Team    s.t.
5    Alberto Bettiol    EF Education - NIPPO    s.t.
6    Dylan Van Baarle    INEOS Grenadiers    s.t.
7    Greg Van Avermaet    AG2R Citroën Team    s.t.
8    Sep Vanmarcke    Israel Start-Up Nation    s.t.
9    Tiesj Benoot    Team DSM    s.t.
10    Zdenek Štybar    Deceuninck - Quick-Step    s.t.
11    Kasper Asgreen    Deceuninck - Quick-Step    s.t.
12    Christophe Laporte    Cofidis    + 55
13    Mathieu Van Der Poel    Alpecin-Fenix    s.t.
14    Peter Sagan    BORA - hansgrohe    + 1'16
15    Stefan Küng    Groupama - FDJ    s.t.
16    Dylan Teuns    Bahrain Victorious    + 1'33
17    Oliver Naesen    AG2R Citroën Team    s.t.
18    Florian Sénéchal    Deceuninck - Quick-Step    s.t.
19    Michael Matthews    Team BikeExchange    s.t.
20    Anthony Turgis    TotalEnergies    s.t.
21    Matteo Trentin    UAE Team Emirates    + 2'06
22    Jasper De Buyst    Lotto Soudal    s.t.
23    Loïc Vliegen    Intermarché - Wanty - Gobert Matériaux    s.t.
24    Gianni Vermeersch    Alpecin-Fenix    s.t.
25    Tim Wellens    Lotto Soudal    s.t.
26    Nils Politt    BORA - hansgrohe    s.t.
27    Hugo Hofstetter    Israel Start-Up Nation    s.t.
28    Dimitri Claeys    Team Qhubeka NextHash    s.t.
29    John Degenkolb    Lotto Soudal    s.t.
30    Marco Haller    Bahrain Victorious    + 2'34

 

Edited by Camenzind
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Coppa del mondo

Classifica generale

 

1    Jasper Stuyven    Trek - Segafredo    100
2    Wout Van Aert    Team Jumbo - Visma    80
3    Magnus Cort Nielsen    EF Education - NIPPO    60
4    Iván García Cortina    Movistar Team    50
5    Alberto Bettiol    EF Education - NIPPO    45
6    Dylan Van Baarle    INEOS Grenadiers    40
7    Greg Van Avermaet    AG2R Citroën Team    36
8    Sep Vanmarcke    Israel Start-Up Nation    32
9    Tiesj Benoot    Team DSM    28
10    Zdenek Štybar    Deceuninck - Quick-Step    26

 

Cobble 

1    Jasper Stuyven    Trek - Segafredo    100
2    Wout Van Aert    Team Jumbo - Visma    80
3    Magnus Cort Nielsen    EF Education - NIPPO    60
4    Iván García Cortina    Movistar Team    50
5    Alberto Bettiol    EF Education - NIPPO    45
6    Dylan Van Baarle    INEOS Grenadiers    40
7    Greg Van Avermaet    AG2R Citroën Team    36
8    Sep Vanmarcke    Israel Start-Up Nation    32
9    Tiesj Benoot    Team DSM    28
10    Zdenek Štybar    Deceuninck - Quick-Step    26

 

Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)

download.jpg.c3c69af75e4f3a6fade2fa4a65420a36.jpg

Secondo appuntamento di Coppa del Mondo, ci si sposta in Francia per la Paris-Camembert, promossa quest’anno a corsa di prestigio e di valore. Classica di apertura per la categoria “Hill”, percorso adatto ad Alaphilippe, Van Aert ma anche Pidcock e Valverde potrebbero farsi vedere nei muri finali con pendenze a doppia cifra. Presente al via per onor di firma, il leader di coppa Stuyven che mostra con orgoglio la maglia di leader della generale sotto una pioggia insidiosa

PCM0001.png

 

Alberto Bettiol

William Barta

Simon Carr

Magnus Cort Nielsen

Ruben Guerreiro

Sergio Higuita

Michael Valgren

 

Edited by Camenzind
Link to comment
Share on other sites

Non siamo certamente i favoriti oggi, Bettiol e Higuita sono gli uomini di punta con Simon Carr in appoggio. La corsa dev’essere gestita dal Wolfpack, dalla Jumbo e Ineos, noi allora proviamo a buttare nella fuga del mattina Will Barta che scappa via insieme ad altri 4 compagni dove non ci sono nomi di spicco.

PCM0002.thumb.png.d83c6300cf47403402602b759d667509.png

Dopo un’ottantina di km il primo colpo di scena. In un tratto di discesa dopo la prima cote, una caduta in centro gruppo coinvolge i nostri Guerreiro e Higuita, ma con loro ci sono anche Van Aert e Kwiatkowski. La presenza del campione belga è una buona notizia per noi visto che la Jumbo si fermerà in massa per far rientrare il capitano

PCM0003.thumb.png.4a8e16d23c52db27301d76f09e954ccb.png

Van Aert, Higuita e Kwiato rientrano, ma devono spendere molto per farlo. Sergio fatica molto, ha bisogno di recuperare, mentre Bettiol resta tranquillo nelle primissime posizioni, che sia lui il nostro capitano oggi? Intanto finisce a terra anche Gaudu, il francese lo fa per ben due volte e così è costretto al ritiro. A 36km dal traguardo, tocca anche al leader di coppa Stuyven finire a terra, la maglia è a rischio

 
PCM0004.thumb.png.0972512b7d7818c4b1b05bfba884d260.png

Cort Nielsen si sacrifica totalmente per Bettiol, il danese compie un lavoro eccellente tenendo davanti i compagni e facendo selezione. Si stacca Stybar, e poco dopo, sotto l’impulso di Magnus, tocca anche a Fuglsang e Mollema restare attardati nel secondo gruppo, ma nulla è perso per loro

PCM0006.thumb.png.35216319301c9f3ed1223c9bb7b8ba5b.png

Sulla Cote de Angleterre ai -20km arrivano i primi attacchi di valore con Cosnefroy che si muove sulla sinistra della strada dopo un forcing di Sbaragli. Sulla sua ruota Van der Poel, Schachmann e Aranburu

PCM0007.thumb.png.16f27f16d79d208df440ac57936c44b3.png

Il francese si pianta un po’ in cima allo strappo mentre da dietro rinviene forte il gruppo, sembra esserci un ricongiungimento proprio in vetta, ma in contropiede parte Van der Poel. Prova a reagire Schachmann mentre Cosnefroy e Aranburu si arrendono facendosi riprendere dal gruppo trainato da Garcia Cortina in favore di Alejandro Valverde

 

PCM0005.thumb.png.559237ebf254e3d1b6bb3eb993be06d9.png

Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)

La pioggia sembra non cessare e le discese tortuose con strada bagnata possono creare dei problemi e così è. In una curva a 90° gradi, Thomas Pidcock finisce a terra e con lui anche proprio Aranburu e Woods. Corsa finita per loro 3?

PCM0008.thumb.png.fe78e93708fc517172f4edc2956ec9db.png

Al comando restano 19 unità, Garcia con l’aiuto di Formolo ricuciono prima sul campione tedesco della Bora e poi su Van der Poel. Il penultimo strappo è la Cote de Lisores, una rampa di 1.2km con punte di oltre il 12%. Non appena VDP viene riacciuffato, ci si aspetta di un contropiede, magari da parte di Van Aert che è lì davanti, ma così non è! Alaphilippe, Van Aert, Van der Poel, sono tutti superiori a Bettiol che con cuore e coraggio prova a partire in contropiede.

PCM0009.thumb.png.5075acd65d825dd7317d87a86d131757.png

Sulla scia di Bettiol ci sono Van der Poel, Alaphilippe, Van Aert, Valverde, Schachmann, Colbrelli, Hirschi, Matthews, Cosnefroy. Scollinano in 12 e ora manca solo la Butte de Fondits, altra rampa con pendenze molto dure, in doppia cifra. Alaphilippe alza il ritmo, Van Aert con Bettiol in scia, ma è la coppia Bahrain Colbrelli-Mohoric a sorprendere tutti

PCM0010.thumb.png.c8cfb4737a929b39fc223fa394335449.png

Mossa bizzarra per Matej che segue la ruota del compagno Colbrelli scappato via come un fulmine. In cima però Van Aert e Hirschi riportano sotto il gruppo dei favoriti che resta ancora numeroso. Bettiol prova a prendere la ruota proprio di Colbrelli, il più veloce con Wout. Mohoric prova a lanciare la volata lunga con Schachmann e Alaphilippe a ruota, in fondo al gruppo Van Aert

PCM0011.thumb.png.eca13fe415b4c8c3020df9b8bc05134a.png

Matej si sposta e prova Hirschi ad allungare, Sonny segue lo svizzero e così in contropiede prova ad anticipare Bettiol. Alberto non può battere in volata i rivali e così prova l’anticipo, ma è durissima visto che sono tutti lì con lui. Mossa azzardata? Forse sì, ma Alberto vuole provare a vincere

PCM0012.thumb.png.6482a4c45cea05ad4f7f5b0b6fa5af79.png

Ma non c’è nulla da fare. Nonostante Colbrelli si pianta un po’ e Van Aert non sembra in grado di recuperare, sulla destra di Bettiol esce come un fulmine Van der Poel che leva tutti di ruota e vendica la non brillante prestazione alla Omloop. Mostra i muscoli sulla linea di arrivo Mathieu, la Paris-Camembert è sua e alle Strade Bianche, sarà il leader di specialità. Secondo Hirschi, terzo Bettiol, solo quarto invece Van Aert che si consola con la maglia di leader della generale.

PCM0013.thumb.png.5e7d2c28e3117c4e69e6db1a564185cc.png

 

1    Mathieu Van Der Poel    Alpecin-Fenix    4h31'37
2    Marc Hirschi    UAE Team Emirates    s.t.
3    Alberto Bettiol    EF Education - NIPPO    s.t.
4    Wout Van Aert    Team Jumbo - Visma    s.t.
5    Sonny Colbrelli    Bahrain Victorious    s.t.
6    Julian Alaphilippe    Deceuninck - Quick-Step    s.t.
7    Alejandro Valverde    Movistar Team    s.t.
8    Matej Mohoric    Bahrain Victorious    s.t.
9    Warren Barguil    Team Arkéa - Samsic    s.t.
10    Maximilian Schachmann    BORA - hansgrohe    s.t.
11    Michael Matthews    Team BikeExchange    s.t.
12    Thomas Pidcock    INEOS Grenadiers    + 2'19
13    Michael Woods    Israel Start-Up Nation    s.t.
14    Quinten Hermans    Intermarché - Wanty - Gobert Matériaux    s.t.
15    Tim Wellens    Lotto Soudal    + 3'00
16    Romain Bardet    Team DSM    s.t.
17    Iván García Cortina    Movistar Team    s.t.
18    Dylan Teuns    Bahrain Victorious    s.t.
19    Michael Gogl    Team Qhubeka NextHash    s.t.
20    Davide Formolo    UAE Team Emirates    s.t.
21    Pierre Latour    TotalEnergies    s.t.
22    Benoît Cosnefroy    AG2R Citroën Team    s.t.
23    Thomas De Gendt    Lotto Soudal    s.t.
24    Andrea Vendrame    AG2R Citroën Team    s.t.
25    Alessandro De Marchi    Israel Start-Up Nation    s.t.
26    Sergio Higuita    EF Education - NIPPO    s.t.
27    Alexey Lutsenko    Astana - Premier Tech    s.t.
28    Kristian Sbaragli    Alpecin-Fenix    s.t.
29    Alex Aranburu    Astana - Premier Tech    s.t.
30    Simon Clarke    Team Qhubeka NextHash    s.t.


TUTTI MUTI!!
 

Edited by Camenzind
  • Sad 1
Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)

Coppa del mondo

Classifica generale

1    Wout Van Aert    Team Jumbo - Visma    130
2    Mathieu Van Der Poel    Alpecin-Fenix    120
3    Alberto Bettiol    EF Education - NIPPO    105
4    Jasper Stuyven    Trek - Segafredo    100
5    Marc Hirschi    UAE Team Emirates    80
6    Iván García Cortina    Movistar Team    64
7    Magnus Cort Nielsen    EF Education - NIPPO    60
8    Sonny Colbrelli    Bahrain Victorious    45
9    Julian Alaphilippe    Deceuninck - Quick-Step    40
10    Dylan Van Baarle    INEOS Grenadiers    40

 

Cobble 

1    Jasper Stuyven    Trek - Segafredo    100
2    Wout Van Aert    Team Jumbo - Visma    80
3    Magnus Cort Nielsen    EF Education - NIPPO    60
4    Iván García Cortina    Movistar Team    50
5    Alberto Bettiol    EF Education - NIPPO    45
6    Dylan Van Baarle    INEOS Grenadiers    40
7    Greg Van Avermaet    AG2R Citroën Team    36
8    Sep Vanmarcke    Israel Start-Up Nation    32
9    Tiesj Benoot    Team DSM    28
10    Zdenek Štybar    Deceuninck - Quick-Step    26

 

Hill

1    Mathieu Van Der Poel    Alpecin-Fenix    100
2    Marc Hirschi    UAE Team Emirates    80
3    Alberto Bettiol    EF Education - NIPPO    60
4    Wout Van Aert    Team Jumbo - Visma    50
5    Sonny Colbrelli    Bahrain Victorious    45
6    Julian Alaphilippe    Deceuninck - Quick-Step    40
7    Alejandro Valverde    Movistar Team    36
8    Matej Mohoric    Bahrain Victorious    32
9    Warren Barguil    Team Arkéa - Samsic    28
10    Maximilian Schachmann    BORA - hansgrohe    26
 

Edited by Camenzind
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.



×
×
  • Create New...