Jump to content
  • Sign Up

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2021 e Tour de France 2021sono finalmente disponibili
Leggi di più

Hai già scoperto i nostri tutorial?

Come sottoscrivo una mod su Steam? Come modifico un database? Come posso creare una maglia personalizzata? Per queste ed altre domande visita la nostra sezione tutorial!
Tutorial

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

La nostra RECENSIONE di Pro Cycling Manager 2020

Leggi e guarda la nostra recensione di Pro Cycling Manager 2020, a cura di BubbaDJ
Leggi di più

Recommended Posts

Era un giorno di fine agosto dell'anno domini 2014. Luca Martinelli si trovava a La Zubia, dove si doveva concludere una tappa della Vuelta a Espana. Vide vincere Alejandro Valverde, davanti a Contador e Bauke Mollema. Quel giorno l'Astana non fece una grande prestazione:malgrado il grandissimo lavoro di Jakob Fugslang, Vincenzo Nibali si piazzò solo ottavo. E dire che nelle interviste prima della gara aveva detto di sentirsi in forma...E sarebbe stata ora dato che una serie infinita di infortuni, capitati tutti dopo la splendida vittoria al Giro dei Paesi Baschi.Ma Di sicuro la situazione societaria non aiutava:Vinokurov sembrava ormai stanco di un giocattolino che sembrava essersi rotto. Luca si trovava lì per osservare da più vicino questa situazione. Pensava di potere portare un progetto serio all'Astana. Inizialmente aveva contatto un amico per mettere a punto questo progetto:i due amici non potevano essere più diversi;uno era interista, l'altro milanista, uno placido l'altro un vulcano, uno taciturno l'altro estroverso. Sfortunatamente l'amico aveva declinato, a lui non interessava il ciclismo. Ma nonostante ciò Luca voleva comunque vedere se si poteva fare qualcosa. Finita la tappa, andò all'aeroporto e tornò in Italia. Pensava, sognava. Gli piaceva sognare, ma purtroppo tutti i suoi sogni andavano in fumo per una piccola ma letale mancanza di senso pratico. E dopo ogni sogno, la depressione.La cocaina era sempre, lì pronta nel caso che il progetto fallisse. Ma arrivato a Bormio, a casa, disse semplicemente, a nessuno in particolare dato che viveva solo"Forse è la volta buona"

To be contined ad stay tuned

 

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 63
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Allora: sto facendo una carriera con l'Astana ed ho fatto una stagione. Dopo mi è venuta l'idea di una story ed inizio dunque dal 2015:sarà incentrato su questo personaggio che è vagamente autobiografico(il nome, il fatto che è autolesionistico, la mancanza di senso pratico..) e narrerà le vicende dell'Astana(che avrà alcuni nuovi acquisti) attraverso i suoi occhi. Sarà un vero e proprio racconto. Spero(anche se dubito) che vi piaccia.

Link to comment
Share on other sites

La vigilia

Era il 24 ottobre.Il giorno dopo sarebbe stato ufficiale, malgrado le voci lo confarmassero:Alexandre Vinokurov si sarebbe dimesso da Team Manager dell'Astana pro cycling ed al suo posto sarebbe arrivato Luca Martinelli, detto anche tibi, soprannome ironico dato che è l'abbreviazione della parola latina  tibicinum, "l'arte di suonare il flauto". In realtà era un'emerita pippa nel suonare, malgrado fosse un amante della musica. Ma non badiamo a queste sottigliezze:il nostro personaggio aveva già contattato numerosi corridori, ma come vedremo poi ne arrivarono 6:due dilettanti, un campione, due buoni velocisti e un gregario. I due dilettanti erano delle vere e proprie pippe: se ne rendeva conto, avevano dei buoni valori di partenza ma nel futuro non potevano fare assolutamente niente. Il gregario non correva più da oramai due anni, però si poteva presumere che aveva ancora molto da dare al ciclismo. Ci sarebbe stato un altro ex corridore a tornare in gruppo:era un velocista puro, ma non aveva ottenuto alcun successo, tranne uno, in quel di Haro, in Spagna. L'altro invece era uno che lottava, nel vero senso del termine:faceva anche della boxe, e non aveva paura di niente e di nessuno. Ma soprattutto, c'era il campione:se lo sognava di notte, quel campione. Era da dieci anni che appena lo vedeva, con la sua potenza e con la sua classe, lo faceva emozionare. Certo, forse gli anni migliori erano andati: ma non è forse vero che gallina vecchia fa buon brodo, o che il vino migliora invecchiando?

 

Ora potete tirare ad indovinare chi sono i fantastici 4(i dilettanti li ha inventati il gioco) 

Link to comment
Share on other sites

Bell'inizio, seguo :thumbup: 

 

Uhm... per quanto riguarda i velocisti ho cercato su Google per la curiosità, ho trovato ma non dico niente per non rovinare il gioco a qualcun altro (uno non lo sapevo proprio e quello della boxe mi aveva fatto venire in mente il Belgio), sul gregario boh, la stella... Valverde? Cancellara? ( in quel caso... :shock2: )

 

Allora: sto facendo una carriera con l'Astana ed ho fatto una stagione. Dopo mi è venuta l'idea di una story ed inizio dunque dal 2015:sarà incentrato su questo personaggio che è vagamente autobiografico(il nome, il fatto che è autolesionistico, la mancanza di senso pratico..) e narrerà le vicende dell'Astana(che avrà alcuni nuovi acquisti) attraverso i suoi occhi. Sarà un vero e proprio racconto. Spero(anche se dubito) che vi piaccia.

Che ottimismo :mrgreen: 

Link to comment
Share on other sites

La prima corsa

L'emozione era alle stelle:in quel di Nurioopta partiva l'edizione 2015 del Santos Tour of Down Under. Partecipavano già grandissimi corridori a questa corsa, basta pensare a Gilbert o al "Pistolero"Alberto Contador. L'Astana schierava Aru, Nizzolo,Guardini,Gavazzi,Dyacenko,Huffman e Lutsenko. Una formazione che puntava ad una vittoria di tappa. Lo stato d'animo di Luca era teso: voleva assicurarsi che nessuno avesse alcun tipo di problema. Ma vediamo come andarono le prime 2 tappe:

Tappa 1-L'acuto di Kwiatowski

Subito spettacolo alla prima tappa del Down Under Tour: non accade nulla sino all'inizio del gpm posto ai - 15 km dall'arrivo, dove parte Gavazzi.L'Omega chiude, furbescamente Aru fa il buco e rimangono in 5 davanti:Van Summeren, Gilbert, Contador, Paolini e Kwiatowski. Proprio quest ultimo contrattacca e, malgrado Paolini(Bmc) prova a chiudere per Gilbert, il polacco va a vincere. Nel frattempo il gruppetto dietro è stato ripreso ed nella volata del gruppo si piazza a sedici secondi dal polacco Degengolb, poi Kristoff, Cavendish ed uno straordinario Gavazzi.

Tappa 2-Sorpresa Visconti, ma la notizia è la caduta di Contador e Gilbert!

Giovanni Visconti vince in volata la seconda tappa del Down Under Tour. Non abbiamo purtroppo immagini della rovinosa caduta di Contador, Gilbert,Bardet, Te Brake e Guardini ai -10 km: i primi 4 perdono quattro minuti e dodici secondi e dicono addio alle speranze di podio della corsa, per Andrea attimi di grande paura, si parla di una frattura al cranio.Vediamo ora le immagini degli ultimi 5 km:

Francesco Gavazzi lavora intensamente per Giacomo Nizzolo

CYjABiw.jpg

Giacomo Nizzolo alla ruota di Arnaud Demare:il milanese purtroppo finisce lontano dalle prime posizioni

JQrKecZ.jpg

Ultimo km:tutti i velocisti sono lì.

kAcVSO3.jpg

Ma incredibile, spuntano da destra Boasson Hagen e Visconti, è lotta a 3 Degengolb-Boasson Hagen-Visconti!

RCajgQL.jpg?1

I tre sembrano sulla stessa linea in prossimità del traguardo, Boasson Hagen però potercela fare...

DprBxUu.jpg

...Ma è Giovanni Vi-sco-nti!Vittoria a sorpresa per lui! Un grandissimo colpo di reni, nulla cambia in generale!

3b0cVq2.jpg

Link to comment
Share on other sites

Guardini si è ritirato...Ora andiamo al resoconto scritto della terza e quarta tappa(nessun immagini causa dimenticanza del sottoscritto,nel pomeriggio poi le ultime due tappe)

Tappa 3- Colpo Hoogerland, tappa e maglia

Johnny Hoogerland vince la terza tappa del Tour Down Under. L'olandese parte in fuga solitaria appena partita la gara, resiste sul colle finale, viene raggiunto in discesa da un ottimo Alberto Contador, ma nella volata a 2 non c'è storia. Dietro in terza posizione arriva Diego Ulissi, che vince una volata a 4 per il podio. Miglior Astana ancora un grandissimo Francesco Gavazzi, sesto, che ora punta a fare una buona prestazione sulla Willunga Hill.

Tappa 4-Tappa a Mori, Contador cade ancora

E' Mori a vincere andando in fuga la quarta tappa del Tour Down Under. Il corridore della Lampre vince una volata di 7 corridori davanti a Ladagnous.Primo del gruppo un John Degengolb che non nasconde le ambizioni di Sanremo" E' la mia corsa, ci credo".Da notare un'altra caduta di Alberto Contador, senza conseguenze:l'iberico, vincitore dello scorso Tour, davanti alle telecamere nasconde la paura"Non mi sono fatto assolutamente niente, peccato però per essere uscito di classifica.

Link to comment
Share on other sites

Le ultime 2 tappe del Tour Down Under

Tappa 5

Vediamo la diretta dell'ultima salita

Inizia la salita:Gilbert,da solo al comando con 100 metri dietro Contador ed "il gordito"Betancur

h9UsEsF.jpg

Circa 1 minuto dietro un gruppetto di 10 corridori e c'è anche Fabio Aru!

cR2d3WK.jpg

Escono dal gruppo Aru questi 3 corridori: Ulissi,Visconti e Kwiatowski

SRRSCbZ.jpg

Si può vedere in questa spettacolare immagine la situazione:Gilbert in testa, Contador e Betancur ad inseguire, ancor più indietro Kwiatowski e Visconti, infine Ulissi

8e5SSGn.jpg

Philippe Gilbert!E' lui il dominatore di Willunga!

DORukiZ.jpg

Passano Contador, Betancur,Kwiatowski, Visconti ed un emozionante Fabio Aru!Il corridore sardo, completamente fuori forma, chiude settimo!

n9Ls92p.jpg

E vediamo sul podio Kwiatowski,è lui il nuovo leader!

G4GUltW.png

Tappa 6-A Kwiatowski il Down Under Tour!

Nulla cambia in generale, a Degengolb la tappa

GekJR6D.jpg

Link to comment
Share on other sites

In effetti...Comunque:

La prima corsa era finita: c'era stato subito un buon risultato. Nonostante ciò, Martinelli era inquieto: appena tornò a casa accese il televisore, ma non riusciva a concentrarsi su ciò che vedeva sul tubo catodico. Pensava:"Si poteva fare di meglio, di sicuro...Ed è tutto colpa mia!". Esagerava, indubbiamente. Non si poteva ottenere subito un risultato eccellente:eppure, nonostante ciò, se la prendeva sempre con se stesso. Ma gli tornò subito il buon umore quando vide sul suo Samsung modello apri e chiudi un Sms. Era di Francesco Gavazzi. Diceva"Grazie per la fiducia che mi hai dato, ne avevo bisogno". E dal vedere tutto nero, il mondo tornò bianco e l'autostima aumentò: dopo di che andò a Malpensa,prese un aereo:destinazione Dubai.

Link to comment
Share on other sites

Vediamo come è andato il Dubai Tour

Tappa 1

Tappa di cui non abbiamo immagini(perchè ho simulato), vince un po' a sorpresa la Movistar.Javier Moreno primo leader della generale, male gli Astana a circa un minuto.

kO3Xn2b.png

Tappa 2-Volata Kittel, tappa e maglia

E' il teutonico Marcel Kittel a vincere agilmente la seconda tappa del Dubai Tour, stando furbescamente alle ruote di Mark Cavendish, che concluderà secondo. Terzo finisce un buon Nacer Bouhamni.

E37AdWe.jpg

Tappa 3-Cavendish, addirittura per distacco!

La tappa altimetricamente più rilevante era la terza:prova lAstana a fare un gran forcing nel finale, poi ai - 8km parte Cancellara con Bob Jungels e Lemoine: sembrano potercela fare, ma vengono ripresi a 1000 metri dal traguardo, dove parte Cavendish e non c'è ne per nessuno.Sempre Kittel il leader

WtlnPSS.jpg

Tappa 4-Ancora Cavendish!Kittel vince il Dubai Tour

Grandissima doppietta per Mark Cavendish, che fa partire una volata lunga e vince nettamente su Taylor Phiney. Marcel Kittel finisce fuori dai 10, amministra e non perde mai il controllo:è lui a vincere il Dubai Tour.

WtlnPSS.jpg

Casa Astana

In questa rubrica parleremo dopo ogni gara delle prestazioni Astana. In questo caso non brillanti, malgrado un Bouhamni terzo alla seconda tappa e settimo nell'ultima tappa. Discreto Fabian Cancellara, che prova nel finale della terza tappa, ma non ha comunque la gamba dei giorni migliori.Tutta la squadra ora si trasferirà in Qatar dove affronterà il Tour del Qatar.

 

Ho già in mente una specie di concorso scommesse, riguarderà le 5 classiche monumento, il Mondiale e i 3 GT.

Link to comment
Share on other sites

Allora, ecco il regolamento del concorso, che ho copiato praticamente da una story per Pcm 2009.Praticamente io posterò la startlist per ogni gara e suddividerò in corridori in 5 fasce: questi verranno scelti dai partecipanti.L'ordine di scelta sarà secondo il famoso detto chi prima arriva meglio alloggia. I partecipanti sceglieranno poi 2 corridori non presenti nelle fasce. I punteggi,a seconda della gara, varieranno. Si parte subito con il Tour of Oman, di cui posterò la startlist o in serata o molto più probabilmente  domani.

Ecco i punteggi del Tour of Oman:

Classifica generale:i primi 5(25-20-15-10-5)

Tappa: i primi 3(5-3-1)

Maglia Punti:il primo(3)

Maglia gpm: il primo(3)

Maglia bianca:il primo (3)

 

Facoltativamente potete anche puntare sulla miglior squadra seconda la classifica a squadra(5)

Spero di essere stato chiaro. Per la cronaca il Tour of Qatar l'ha vinto Markus della Belkin. Miglior Astana Cancellara undicesimo.

P.S:Per le corse importanti potrete vedere le immagini con la cronaca scritta di KAZ Sport, per veri Kazzari.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now



×
×
  • Create New...