Vai al contenuto

MrSelfDistruct

Utenti
  • Numero contenuti

    269
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni Vinti

    4
9

Reputazione Comunità

9 Neutral

Su MrSelfDistruct

  • Rango
    Giovanissimo

Visite recenti

1004 visite nel profilo
  1. MrSelfDistruct

    Gianni e Pinotti - una storia a bivi

    ...già, siamo solo in due...ci facciamo sostegno a vicenda! come livello gioco a difficile: mi ci è voluto poco per regolarmi coi leggeri cambiamenti del gameplay, e i risultati sono arrivati presto a mio modo di vedere, è stata ridata grande importanza alla barra rossa dell'accelerazione rispetto al 2016...in soldoni, in questa edizione più scatti/controscatti e meno pallino. Ad esempio, mentre in PCM 16 i passisti, anche senza barra rossa, filavano a meraviglia col pallino, adesso si piantano non appena la finiscono... Proseguiamo con le tappe del Giro...entriamo nell'ultima settimana: riuscirà Moscon a rimanere nella top 10 e a vincere la maglia di miglior giovane???
  2. MrSelfDistruct

    Gianni e Pinotti - una storia a bivi

    Esatto, lo spirito e l'obiettivo sarà proprio questo: narrazione affidata a questi "quadretti", sintetici ma esplicativi, che mi consentiranno di procedere spedito con la storia. Poi, ovviamente, ci saranno momenti in cui ci fermeremo per fare il quadro della situazione...e sottoporre i nostri "bivi". E poi devo approfittare del mio nuovo pc: tempi di caricamento delle tappe = fra i 3 ed i 5 secondi (non sto esagerando). Devo stare al passo! e tanto per procedere spediti....eccovi, fresche fresche, le prime 5 tappe del Giro d'Italia! La Bianchi parte con questo roster: Moscon - Pasqualon - Masnada - Moschetti - Salvador - Covili - Boem - Rastelli Cercheremo di figurare bene, vincere qualche tappa e...resistere il più possibile in montagna col nostro Gianni...che intanto, al termine di queste prime 5 tappe, zitto zitto ha indosso la maglia rosa 😎
  3. MrSelfDistruct

    Gianni e Pinotti - una storia a bivi

    ...e siamo ormai giunti alle soglie del Giro... in questa prima parte di stagione, abbiamo avuto modo di vedere come Moscon sia stato inarrestabile: ben 12 le vittorie, di cui due nel circuito WT. La crescita nelle classiche collinari - che voi avete deciso - ha dato i suoi frutti: i miglioramenti più evidenti di Gianni sono stati in ACC (ben +4, ora è a quota 79), in COLL (+2, è a quota 80), e in MON (+1, ora è a 75). Siamo molto curiosi di vedere quello che riuscirà a combinare al Giro...se oltre a tentare di vincere qualche tappa, cercherà di dire la sua anche nella classifica generale e - chissà - magari ambire alla top 10... Non ci sono stati grossi miglioramenti fra gli altri ciclisti in questa prima parte di stagione: segnaliamo giusto FELLINE = +1 in MON-COLL-ACC....ora è 74-77 in MON-COLL, idem dicasi in VOL-ACC MASNADA = +2 in MON, +1 in COLL...ora è 76-74 COVILI = ha raggiunto il 72-70 in MON-COLL MOSCHETTI = dopo le belle vittorie in Malesia è aumentato di un punto in VOL-ACC, ora è 74-74 gli altri sono praticamente rimasti al palo
  4. MrSelfDistruct

    Gianni e Pinotti - una storia a bivi

    E' arrivato l'appuntamento con la TIRRENO-ADRIATICO ...e stavolta raccontiamo questa corsa un po' più nel dettaglio, perché lo merita. Dumoulin, Roglic, Aru, Lopez, Zakarin, Thomas, Pozzovivo...e ancora tanti altri +78/79 in MON. Per le volate, basterebbe citare la presenza di Sagan, Kittel, Groenewegen. Difficilissimo riuscire a centrare l'obiettivo dello sponsor, che prevede una vittoria di tappa...impossibile lottare per la classifica generale. Noi ci presentiamo così, con il nostro trio al completo Moscon-Felline-Pasqualon, e confidiamo in particolare in una tappa: la quinta, la frazione Castelraimondo-Filottrano, con arrivo movimentato ma perfettamente nelle corde dei nostri due leader Moscon e Felline. Nelle altre sappiamo già che non ci sarà storia, e infatti... 1_ nel cronoprologo a squadre galleggiamo intorno alla 90° posizione, come ampiamente preventivabile 2_nella seconda tappa, adatta ai velocisti, Pasqualon si difende ma non può nulla contro Peter Sagan, che va a prendersi la vittoria su Kittel. Il nostro velocista chiude 9° 3_nella terza tappa, lunga e assai impegnativa, un Felline in buona forma, supportato da Moscon nelle vesti di gregario di lusso, va a prendersi una bella 7° piazza in una frazione vinta da Fabio Aru 4_nella quarta tappa, altro tappone con una dura salita finale di 11-12 km, mandiamo in fuga Masnada, che si comporta bene sia nelle vesti di attaccante che in quelle di gregario, aspettando, una volta raggiunto dal gruppo, Fabio Felline e trascinandolo ad un decoroso 13° posto...e prendendosi anche il lusso di finire 11°. La tappa è vinta da Dumoulin, che rafforza il primato in classifica ed ipoteca, in vista anche della crono finale, la vittoria generale ....ed arriviamo alla quinta tappa. Come detto, si tratta di una frazione non particolarmente impegnativa, lunga 150km circa e con finale vallonato che si confà bene alle caratteristiche di Felline e Moscon. Tuttavia, il pericolo maggiore viene dalle fughe: dopo le due lunghe e faticose tappe precedenti, e con una classifica ormai piuttosto delineata, è altamente probabile che una fuga con uomini giusti vada in porto....e così sembrerebbe, visto che il drappello di fuggitivi, tra cui lo scalatore francese Gaudu, ha un considerevole vantaggio di oltre 2' a meno di 10km dal termine... Il gruppo non tira più di tanto, ed il finale sembra già scritto: tuttavia la Bianchi non ci sta, e Felline, trainato da un Moscon versione locomotiva, tira a più non posso per ridurre lo svantaggio dagli uomini di testa... il ritmo imposto dal nostro Gianni è spaventoso, ed il distacco miracolosamente si riduce in un lampo. Mancano meno di 3km, e i fuggitivi sono distanti non più di 40-50 secondi...quand'ecco che parte Fabio Aru, che ha approfittato sornione del nostro lavoro ed ora vuole andare a prendersi la vittoria... Felline contrattacca immediatamente: non vuole lasciarla vinta al ciclista sardo, che ha lanciato un attacco importante... Siamo in prossimità dell'ultimo km, i fuggitivi sono ormai stati praticamente raggiunti e Felline ne ha ancora per lanciare la volata...va a superare Aru, che improvvisamente arranca a poche centinaia di metri dal traguardo! ...e va infine a prendersi una dolce e meritata vittoria... E' quasi commovente quando realtà e finzione si incrociano, attraverso strani ed originali intrecci... Filottrano, il comune di arrivo di questa tappa, è un paesino delle Marche in provincia di Ancona. E' su queste strade che tragicamente è morto Michele Scarponi, investito da un furgone un anno e mezzo fa. All'epoca, quando Fabio Felline - quello "vero" - vinse il prologo del Tour di Romandia, fece una dedica speciale in memoria del collega-rivale appena scomparso... ....ed è romantico immaginare che anche in questa realtà virtuale, dopo aver centrato la sua prima vittoria della stagione proprio su quelle strade, le sue strade, Fabio abbia voluto rivolgere un pensiero a Michele.
  5. MrSelfDistruct

    Ammiraglie da Incubo: Katusha-Alpecin 2019

    Debusschere complessivamente malino finora sul pavè. Sono curioso di sapere cosa intenderai farne in futuro...è un ciclista da sicuro piazzamento nelle classiche e in volata, ma non sta al passo dei migliori di specialità. Visto anche l'ingaggio che sarà considerevole, la Katusha continuerà a puntare su di lui, magari nelle vesti di gregario di lusso con libertà di azione in determinate corse, o lo lascerà andare?
  6. MrSelfDistruct

    Gianni e Pinotti - una storia a bivi

    aggiornamenti su aggiornamenti.... con i tentativi infruttuosi di Felline, e soprattutto le prime corse (e vittorie) nel circuito WT!
  7. MrSelfDistruct

    Gianni e Pinotti - una storia a bivi

    un plebiscito per la scelta di allenamento! E così sia: Moscon si butta a capofitto ad allenarsi in collina...e l'allenamento dà subito i suoi frutti: tempo pochi giorni ed arrivano dei graditissimi scatti, ora è 75-80 in MON-COLL e 70-77 in VOL-ACC! 😍 nel frattempo la nostra carriera procede...e ci prendiamo una piccola pausa dai bivi. I prossimi riguarderanno sicuramente - le corse di preparazione al Giro d'Italia - le scelte di comportamento tra le varie tappe del Giro - il mercato Ma per il momento godiamoci l'evoluzione della nostra Bianchi Campagnolo...
  8. MrSelfDistruct

    Gianni e Pinotti - una storia a bivi

    esordio stratosferico del nostro Gianni! Al di là delle più rosee aspettative, visto anche un pre-stagione col freno a mano un po' tirato nel frattempo, il popolo invoca l'allenamento nelle classiche...e Marco Pinotti sta iniziando a farsene una ragione! Vedremo chi la spunterà
  9. MrSelfDistruct

    Gianni e Pinotti - una storia a bivi

    ho mancato l'edizione del 17, ma mi sembra che in questo PCM 18 i potenziali siano in linea generale più tarati verso il basso, il che è un bene perchè lo rende più realistico....per cui mi piace il lavoro che hai fatto Comincia la stagione in casa Bianchi e... si vince la prima corsa della stagione ad essere sinceri avremmo potuto fare anche qualcosa in più, ma stiamo pian piano prendendo confidenza con il gameplay di questa edizione...mi sembra che qualcosina sia cambiato, in particolar modo l'efficacia del "pallino" nelle salitelle: per me è sempre stato imprescindibile e ho tendenzialmente sempre trovato più efficace salire in questo modo che scattando/controscattando....viceversa in questa edizione mi pare abbiano ridato vigore a scatti e controscatti. Confermate?
  10. MrSelfDistruct

    Gianni e Pinotti - una storia a bivi

    Ciao Noris! ti ringrazio, ma volendo potrei sapere in ogni momento i margini precisi di crescita (ho l'excel di Lachis)...è che in realtà non li voglio sapere con precisione , quello che ho fatto è stato cercare di capire orientativamente come crescono i giovani italiani: da bravo nerd - come detto - ho fatto delle "prove" , iniziando diverse carriere e andando subito poi a controllare i limit nell'excel...ed è vero che i margini possono variare da carriera a carriera, ma dopo tutte le prove fatte mi sento di essere arrivato ad alcune verità inconfutabili 😎 Moscon (col suo potenziale base di 7 e col fatto di essere impostato come vallonaro) diventerà sempre una bestia in collina. Sul pavè, in montagna e a crono potrà essere >80 o <80, a seconda delle carriere. Sicuramente non sarà mai uno dei migliori scalatori del lotto (mai >83, per intenderci), ma i suoi 3-4 scatti in montagna li fa quasi sempre. Viceversa potrà essere uno dei migliori paveari (il 30/40% delle volte l'ho visto >82, il 70-80% >80). In volata non l'ho mai visto superare il 75, così come in accelerazione è sempre stato <83. Resistenza e Grinta sempre >80, of course, recupero intorno al 74-75. Ripeto, potranno esserci delle piccole sorprese, ma tendenzialmente i valori che ho riportato nel post precedente sono dei buoni punti di riferimento per la sua crescita media nella modalità carriera. Per quanto riguarda gli altri ciclisti italiani, le altre due bestiole del db sono Bonifazio e Formolo, da prendere ad occhi chiusi se volete iniziare una carriera "italiana": il primo diventa quasi sempre >75 in COLL e >82 in VOL, Formolo l'ho sempre visto >82 in MON. Tra i più giovani, invece, nessuno offre certezze: i potenziali del PackITa sono decisamente orientati verso il basso (se non sbaglio solo i 3 citati sopra superano il 6 tra i ciclisti italiani), per cui difficilmente tra gli under 23 avremo dei futuri campioni: Ciccone diventerà sempre un ottimo scalatore ma si attesta tendenzialmente intorno all'80 in MON; Covili, Senni, Battistella, Raggio, Faresin, Fabbro sono altri scalatori che si attestano tra il 77 e l'81, ma raramente diventano davvero competitivi per la vittoria dei grandi giri. Idem dicasi per i velocisti: Moschetti, Consonni, Vendrame, Lonardi sono nomi che si aggirano sempre intorno all'80 in VOL, ma non li ho mai visti superare l'82 (e se lo fanno, hanno di solito qualche altro valore importante bassino, tipo ACC o GRI o PIA...)...
  11. MrSelfDistruct

    Gianni e Pinotti - una storia a bivi

    ...oltre ai tre leader, abbiamo allestito il roster come meglio potevamo con il budget che ci siamo auto-imposti, ma non ci sono tantissime altre frecce nel nostro arco. Per il presente, a Marini, Masnada e Moschetti il compito di racimolare qualche altro punticino nelle corse minori. Per il futuro, speriamo nella crescita di questi ultimi due, e magari anche in quella di Covili e di Rastelli...il resto è gregariato sparso ...e questi gli obiettivi più importanti della stagione. Tra questi, quello più a portata di mano è sicuramente la top 10 nel campionato italiano; il più ostico...difficile dirlo, in particolare per quanto riguarda le classiche che possono avere esiti imprevedibili. Più facile, a mio modo di vedere, centrare una vittoria di tappa al Giro che alla Tirreno Adriatico ...e questa la programmazione per i nostri leader, abbastanza "obbligata": Pasqualon e Moscon correranno comunque la Tirreno ma avranno come primo obiettivo la Sanremo; il nostro Gianni sarà leader designato al Giro d'Italia, mentre a Felline il compito di essere in forma per il campionato italiano; entrambi poi punteranno al Lombardia, soprattutto perchè tra i vari obiettivi minori ci sono tutte le classiche italiane di fine settembre-inizio ottobre; a Pasqualon invece il compito di ben figurare nel Tour of Britain, corsa a tappe HC con 6 o 7 arrivi in volata, una buona opportunità per conquistare vittorie e punti ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- "Milano-Sanremo, Giro d'Italia e Lombardia. Mi piacciono questi obiettivi, Marco...sono felice soprattutto di esordire al Giro d'Italia, e in più come leader della squadra! Sono convinto di poter ottenere un buon piazzamento finale" "...difficile a dirsi, Gianni. Devi sicuramente migliorare come scalatore, se vuoi ambire ad una top 10 al Giro...io fossi in te non mi presenterei lì per fare classifica, ma piuttosto come cacciatore di tappe" "Te lo ripeto, Marco: posso fare bene in termini di classifica generale. Dovrò semplicemente allenarmi con questo obiettivo, d'ora in avanti" "..ed io invece vorrei che tu migliorassi in quelli che già sono i tuoi punti di forza: le classiche vallonate e il pavè. Gianni, lo sappiamo già che tu sei in grado di difenderti su tutti i terreni...ma è arrivato il momento di eccellere, di specializzarti!" "avrò tutto il tempo di farlo, Marco. Ma in questa stagione, dammi la possibilità di crescere come scalatore: fallo, e io ti garantisco la top 10 al Giro" BIVIO - appoggia Gianni: Moscon nella stagione 2018 si allenerà in funzione dei Grandi Giri: corse a tappe fino al Giro d'Italia, scalatore dal Giro a fine stagione - appoggia Pinotti: Moscon nella stagione 2018 si allenerà in funzione delle classiche WT della prossima stagione: classiche collinari fino al Giro d'Italia, classiche del nord dal Giro a fine stagione votate! avete tempo fino a sabato 10/11, ore 11:30! PS: prima di iniziare questa stagione, ho fatto qualche "test" per vedere quali sono i margini di crescita di Moscon nella modalità carriera...bene, questi sono i valori di riferimento (massimi e minimi) riscontrati in una decina di inizi di carriera: li scrivo in modo tale da sapere più o meno cosa aspettarci da lui, visto che non ho intenzione di mettere mano al db nel corso della carriera e di rovinarmi la sorpresa PIA: crescita media di 2-3 skill. valore atteso: 79-81 MON: crescita media di 3-4 skill. valore atteso: 77-80 COLL: crescita esponenziale, risulta sempre tra i migliori del db. valore atteso: 83-85 VOL: crescita media di 2-3 skill. valore atteso: 72-75 ACC: crescita media di 5-6 skill. valore atteso: 79-82 PAVE: è la specialità più imprevedibile. In alcune carriere l'ho visto piantato al valore di 78, in altre l'ho visto arrivare a 85. difficile prevedere come evolverà... valore atteso: 79-82
×