Jump to content
  • Sign Up

Biaceso

Utenti
  • Content Count

    61
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutral

About Biaceso

  • Rank
    Giovanissimo

Recent Profile Visitors

1,132 profile views
  1. 1. CONTADOR, Alberto 2. DEVENYNS, Dries 3. FELLINE, Fabio 4. FERNÁNDEZ, Rubén 5. HERMANS, Ben 6. SERRY, Pieter 7. DE CLERCQ, Bart 8. VAN GENECHTEN, Jonas 9. BEPPU, Fumiyuki
  2. Posso spendere due parole per la corsa in linea femminile? Gran prova della Longo Borghini. E' vero che probabilmente ha tirato la volata alle altre due, ma senza il suo lavoro non avrebbero mai ripreso la Abbott. Forse ha ragione Martinello a dire che, sapendosi battuta comunque in volata, ha dato tutto per prendere almeno medaglia. Bronzo meritatissimo
  3. 1. CONTADOR, Alberto 2. FELLINE, Fabio 3. IMPEY, Daryl 4. RODRÍGUEZ, Joaquim 5. DEVENYNS, Dries 6. SERRY, Pieter 7. URAN, Rigoberto 8. HERMANS, Ben
  4. Forse già la conoscete, ma vi segnalo comunque questa pagina FB su De Luca LeBattuteDiAndreaDeLuca Purtroppo dopo il Giro d'Italia non hanno più aggiornato...
  5. Cerco di argomentare meglio. Non è che la sky sia inattaccabile in senso assoluto, ma nella tappa di ieri nessuno aveva modo di farlo. La Movistar ha messo a tirare Anacona e Valverde, e ha scalfito il giusto. L'Astana ha fatto meglio, ma le tirate di Nibali e Rosa hanno fatto più danni ai propri che agli Sky. La mia sensazione è stata: Rosa finisce di tirare, forse Aru si aspettava una tirata più lunga, si gira vede ancora "troppi" uomini sky e non se la sente di sparare un colpo. Gli sky si mettono a fare un buon ritmo, e per attaccare bisogna dare una botta fatta bene, che forse nessuno ha nelle gambe. Cosa si potrebbe fare? Forse provare a fare maggiore selezione prima, in modo da sfoltire il gruppo magari nella penultima salita. Ma non credo che nessuno se la sia sentita. Oppure tirare tutto il giorno per provare a mettere alla corda il più forte, sempre che ci si riesca. Il bello di questo sport è che ogni giorno è diverso, e magari domani fanno 140km a tutta Astana e Movistar (non cito volutamente BMC) e sull'HC sono in 20. O magari no.
  6. A me è sembrato un tiro per isolare Froome ma non ci riesco, e poi gli altri alla fine son più forti. Non so quanto fosse davvero attaccabile questa sky, Poels è arrivato coi migliori. Capitolo Quintana: Martinello parlava in telecronaca della strana preparazione del Movistar, cioè fare il Romandia e poi 2 mesi in altura in Colombia. Ci sono conferme di questa cosa? Perché mi sembra una preparazione abbastanza atipica.
  7. La gara comunque si svolgerà nelle ore più calde della giornata, che anche se "inverno" non penso saranno 20 gradi alle 2-3 del pomeriggio. Posto che una gara ad agosto fredda non è così facile trovarla.
  8. https://smsprio2016-a.akamaihd.net/sport/CCbTnG/rio2016_spectator_guide_og_cycling_road_en.pdf Secondo la guida si comincia alle 9.30 locali, quindi le 14.30 italiane...
  9. Nota polemica: Froome, intervistato in merito alla conversazione in corsa avuta con Aru, ha dichiarato una cosa tipo (non ricordo le parole testuali): "ho chiesto informazioni sulla loro tattica, non capivo perché tirassero così forte. Comunque ognuno fa la sua gara". Niente di personale verso Froome, ma che senso ha questa dichiarazione? Bisogna rendere conto a lui delle tattiche di gara?
  10. 1. URAN, Rigoberto 2. HERMANS, Ben 3. SERRY, Pieter 4. ŠPILAK, Simon 5. FERRARI, Roberto 6. FERNÁNDEZ, Rubén 7. BEPPU, Fumiyuki 8. FELLINE, Fabio
  11. Nibali per il momento caldo, Aru alternativa, Ulissi se si arriva in gruppetto, Visconti regista, Caruso che tira? Alternativa De Marchi che entra nelle fughe? L'olimpiade dev'essere davvero dura da preparare, non puoi assolutamente controllare la corsa da solo, con un circuito come questo è anche più dura. Potrebbe essere una gara davvero divertente.
  12. E' l'anno di Van Avermaet! Adesso cancellano tutti gli arrivi in salita per rischio neve...e la vittoria è sua!
  13. E' tornato Cannonball forse quest'anno punta ancora al mondiale e si è tirato a lucido...
  14. In effetti è più probabilmente una sensazione mia vedere in queste squadre qualcosa di diverso. Forse perché le proprietà sono di nazioni meno storiche per il ciclismo. E forse è proprio quel ricordo di quell'Astana, con Bruyneel che voleva far vincere Armstrong e Contador che scattava per far vedere che era più forte, o di quella che non si presenta al Tour perché ha "finito" i corridori, che mi ha sempre deviato la percezione verso la gestione. Oleg Tinkov non si è mai reso simpatico, ma bisogna ammettere che aveva idee innovative. Ed il fatto che le sue idee non abbiano trovato risposta positiva è il motivo per cui lascia. Magari limando alcuni aspetti si poteva accogliere qualche innovazione gestionale. Probabilmente certe sue uscite http://www.ilnuovociclismo.com/forum/Thread-Tinkov-%C2%ABO-il-Tour-ci-d%C3%A0-i-soldi-o-nel-2016-lo-boicottiamo%C2%BB gli hanno fatto terra bruciata intorno
  15. Una sensazione che mi porto dietro dall'arrivo di Astana e Tinkoff nel ciclismo: non è sempre mancato a queste squadre una sorta di cultura ciclistica di fondo? La mia sensazione è che le alte sfere abbiano messo soldi convinti che bastasse per vincere. Hanno costruito squadroni e, ovviamente, vinto, ma senza avere delle fondamenta solide nell'approccio a questo sport. In pratica hanno provato a fare come nel calcio (riuscendo in parte) o come Prochorov nell'NBA (non riuscendo per niente). Ciò che mi chiedo è: quanto mancherà Tinkoff al ciclismo?
×
×
  • Create New...