Jump to content

Recommended Posts

Posted (edited)

 

TAYLOR E BJARNE

 

Provate a indovinare chi sono i nostri protagonisti.

Chi segue batta un colpo.

Edited by tommasofonty

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bjarne riis e taylor hamilton.

Share this post


Link to post
Share on other sites
25 minuti fa, casa ha scritto:

Bjarne riis e taylor hamilton.

Uno lo hai preso, l'altro no. 

Guarda la mia foto profilo, ci troverai un indizio! 😉

Share this post


Link to post
Share on other sites

taylor phinnei, corre ancora?

Share this post


Link to post
Share on other sites
29 minuti fa, casa ha scritto:

taylor phinnei, corre ancora?

Esatto, non corre più, presto scoprirete

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

UNA CHIAMATA INASPETTATA

 

 

15/12/2019

15:00

Casa Phinney

 

 

 

DRIIIIIIIN!  DRIIIIIIIN! DRIIIIIIIN!

 

 

T: Ponto chi parla?

B: Ciao Taylor, come va?

T: Non ho capito con chi sto parlando.

B: Sono Bjarne Riis, ti voglio proporre una cosa.

T: Mi dispiace Bjarne ma io ho rotto col ciclismo, non voglio mai più attaccarmi il numero sulla schiena.

B: Infatti non dovrai correre, ma scoprire nuovi talenti

T: La cosa inizia farsi interessante, ma tu non hai una squadra.

B: Giuridicamente no, ma dal 2020 salirò sulla ammiraglia della NTT.

T: La NT…. che?

B: La NTT, la ex Dimension Data, stiamo lavorando per portare un recordman dell’ora in squadra.

T: Intendi Victor?

B: Esattamente

T: Io, però, non ho ancora capito che dovrei fare.

B: Ti mandiamo in Africa.

T: A fare che?

B: Come sai uno dei main sponsor della Dimension Data è Qhubeka, ora oltre a donare bici nei paesi in via di sviluppo vuole anche trovare talenti in Africa, per poi farli crescere con noi della NTT e farli diventare i nuovi Teklehaimanot.

T: Ah, i nuovi Teklehaimanot.

B: Suona meglio i nuovi Froome.

T: Quindi io dovrei andare in giro per l’Africa in cerca di ciclisti promettenti?

B: Proprio così.

.

T: Dove devo firmare?

B: Prendi il primo volo per Cape Town, che facciamo tutte le pratiche.

T: Ci vediamo lì.

B: Ti vengo a prendere all’aereoporto.

Edited by tommasofonty

Share this post


Link to post
Share on other sites

Voglio Ghirmay hailu.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

PHINNEY IN PRIMA PAGINA

 

931058964_Schermata2020-03-19alle12_49_36.thumb.png.41befe8a32dd2899722059bad716368f.png

 

 

1145736836_Schermata2020-03-19alle12_49_48.thumb.png.7180994b72160b394d4d57d7e0fc91fc.png

 

 

36703947_Schermata2020-03-19alle12_50_50.thumb.png.5a3a7f8f23aa3017cd9dddc7fbaa3ac6.png

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

  • Similar Content

    • By Lory94ITA
      "Oggi parliamo di uno dei personaggi più controversi del ciclismo italiano: Roberto Amadio.
      Roberto nasce a Portogruaro il 10 luglio del 1963, e fin da bambino dimostra un grande interesse per le biciclette, quando ruba quelle degli amici parcheggiate nell'oratorio cittadino.
      Questa sua propensione al furto lo accompagna anche nell'adolescenza e oltre, fino al 1985, quando, mentre scappa dalla volante della polizia in sella ad una delle biciclette appena rubate, viene notato da Bruno Reverberi, che lo mette subito sotto contratto con la sua Santini.
      Discreto pistard, la carriera su strada del giovane Roberto si prospetta rosea quando, ad una delle prime corse da professionista, vince la 4a tappa del Cinturón Ciclista Internacional a Mallorca. Resterà il suo unico successo su strada, e si ritirerà dall'atività agonistica quattro anni dopo.
      Passa i tre anni successivi tra carceri e tribunali per via della sua attività di ricettazione di biciclette rubate, finchè nel 1992 inizia la carriera di direttore sportivo nella Jolly Componibili-Club 88, squadra che, arrivata a chiamarsi Vini Caldirola-Sidermec, ha annoverato nelle sue fila campioni del calibro di Dmitrij Konyšev, Serhij Hončar e Francesco Casagrande.

      Ma è nel 2005, con il suo passaggio alla Liquigas, che Roberto ottiene i più grandi successi della sua carriera: 2 Giri d'Italia, 1 Vuelta a Espana ed 1 Liegi-Bastogne-Liegi.
      Tutto sembra filare per il meglio quando nel 2014 lo sponsor principale del team, nel frattempo divenuto Cannondale, decide di abbandonare il progetto, lasciando Amadio con un pugno di mosche.
      Per Roberto è un duro colpo: 4 mogli, 26 figli, il sussidio di disoccupazione non basta, e presto si ritrova a sprofondare nel baratro della cleptomania.
      Di Amadio si perdono le tracce per due anni, fino al giugno 2016 quando, di ritorno da un rave party, si ritrova inspiegabilmente a Medjugorje, dove un padre spirituale del luogo lo nota e lo prende sotto la sua ala protettrice: quell'uomo è Paolo Brosio, e sottopone sin da subito Roberto Amadio a sessioni spirituali massacranti.

      La cura di Brosio però sembra avere effetto, Roberto cambia addirittura il suo cognome: sì perchè all'anagrafe il nostro protagonista alla nascita è registrato come Roberto Ama, aggiungerà Dio al suo cognome proprio dopo l'esperienza di Medjugorje.
      Amadio torna in Italia, deciso a mettere la testa a posto e a trovare un lavoro che possa permettergli di mantenere mogli e fogli. Il curriculum non è male, ma la risposta che riceve ad ogni colloquio è sempre negativa. La fedina penale è troppo lunga per essere trascurata.
      Ma Roberto non demorde, la fede è salda, e nell'ottobre del 2016, mentre entra in un edificio di San Salvo, in Abruzzo, viene notato e riconosciuto da un uomo d'affari: si tratta del presidente di Metamer, azienda energetica locale, che nutre una grande passione per il ciclismo e coltiva il sogno di lanciare nel mondo del ciclismo professionistico una squadra tutta sua.
      Tra i due c'è subito intesa, Roberto si mette alla guida del progetto con molta fiducia.

      I tempi sono stringati, ma il budget è buono, se riuscirà Roberto Amadio a sfruttare questa seconda occasione solo il tempo può dirlo, ma questa, beh, questa è un'altra storia."
    • By Lucatb99
      Era un giorno di fine agosto dell'anno domini 2014. Luca Martinelli si trovava a La Zubia, dove si doveva concludere una tappa della Vuelta a Espana. Vide vincere Alejandro Valverde, davanti a Contador e Bauke Mollema. Quel giorno l'Astana non fece una grande prestazione:malgrado il grandissimo lavoro di Jakob Fugslang, Vincenzo Nibali si piazzò solo ottavo. E dire che nelle interviste prima della gara aveva detto di sentirsi in forma...E sarebbe stata ora dato che una serie infinita di infortuni, capitati tutti dopo la splendida vittoria al Giro dei Paesi Baschi.Ma Di sicuro la situazione societaria non aiutava:Vinokurov sembrava ormai stanco di un giocattolino che sembrava essersi rotto. Luca si trovava lì per osservare da più vicino questa situazione. Pensava di potere portare un progetto serio all'Astana. Inizialmente aveva contatto un amico per mettere a punto questo progetto:i due amici non potevano essere più diversi;uno era interista, l'altro milanista, uno placido l'altro un vulcano, uno taciturno l'altro estroverso. Sfortunatamente l'amico aveva declinato, a lui non interessava il ciclismo. Ma nonostante ciò Luca voleva comunque vedere se si poteva fare qualcosa. Finita la tappa, andò all'aeroporto e tornò in Italia. Pensava, sognava. Gli piaceva sognare, ma purtroppo tutti i suoi sogni andavano in fumo per una piccola ma letale mancanza di senso pratico. E dopo ogni sogno, la depressione.La cocaina era sempre, lì pronta nel caso che il progetto fallisse. Ma arrivato a Bormio, a casa, disse semplicemente, a nessuno in particolare dato che viveva solo"Forse è la volta buona"
      To be contined ad stay tuned
       
    • By giusberto
      Benvenuti a tutti in questa mia story per PCM 14, da come si intuisce nel titolo dovrete scegliere tra essere Direttori Sportivi di una squadra o essere ciclisti.
       
      Se volete essere ciclisti allora mi mandate in un messaggio privato con: Dati personali (Nome, Cognome, Data di nascita, Provenienza, Altezza, Peso), preferenze (Corse preferite e nazionalità del Team che volete scegliere). Dovete inviarmi anche i valori per un totale di 850 e potenziale 5, ogni 10 punti in meno consumati per i valori farà aumentare di 1 il potenziale.
       
      Se volete essere DS invece mandatemi sempre un messaggio privato questa volta con il nome, il cognome, la nazionalità e vi arriveranno le offerte. 
       
      Per il primo anno tutti i DS saranno in squadre Continental poi i migliori potrebbero essere chiamati da squadre maggiori per esserne il DS, stesso discorso per i ciclisti.
       
      Ultima cosa io sarò il Team Idea e userò il database PackITA v1.2
    • By morderick
      Ciao, vi presento la mia prima storia. Giocando le carriere viene automatico voler raccontare quello che succede, gli aneddoti, le strategie usate etcetc... Quindi vorrei cominciare anche io a raccontare un po' di cose
      Innanzitutto a me piace sempre giocare crescendo i talenti in casa, mi piace vedere l evolversi dei ciclisti e il miglioramento dei risultati piano piano, quindi partirò dall ultima Categoria, la continental e proverò a salire fino ad entrare nel gotha del ciclismo.
      Per la scelta della squadra volevo una squadra fortemente radicata nel territorio, e con tendenze nazionaliste, quindi la scelta è ricaduta sulla POLONIA, il che mi obbligherà a poter dialogare e assumere solo ed esclusivamente ciclisti polacchi, staff polacco, sponsor polacco etc etc etc... Quindi sarò obbligato anche a fare bene per mantenere lo sponsor, dato che difficilmente arriverà un altra proposta da un altro sponsor polacco.. Senza uno sponsor polacco la CARRIERA SI CHIUDE, quindi sarà fondamentale convincere il nostro sponsor.
      La scelta quindi ricade sulla ACTIVEJET, squadra con pochi e scarsi corridori.
      Per facilitare le cose e poter andare avanti in carriera aumento a tutti i ciclisti della activejet il potenziale a 7, e creerò un corridore (che sarebbe il mio alter ego) con potenziale 8 con caratteristiche da passista (stile wiggins). Utilizzerò il pack ita, livello difficoltà difficile. Un altra piccola modifica al db è il pompare andy schleck in salita, per potersi giocare un gt. Perchè? Perchè dopo anni bui, andy ha deciso di doparsi per poter competere coi migliori
      In più creerò un paio di corridori polacchi senza contratto futuri campioni, con l obbiettivo di accaparrarmeli...
      Gli obiettivi della carriera:
      - sopravvivere il primo anno e rinnovare con lo sponsor.
      - togliere lo scettro della miglior squadra polacca alla ccc.. Cercherò inoltre di ingaggiare ciclisti da loro per migliorare.
      - Più in avanti, nel giro di due o tre anni si spera di avere corridori degni del WT, e inutile dire che l obiettivo primario è ingaggiare loro due:
      http://headlinesport.com/wp-content/uploads/2014/07/s14-Rafal-Majka.jpg
      http://www.feltet.dk/octo_cms/files/Feltet.dk/Billeder/2013/Lob/Tour_de_France_2013/14_etape/TdF2013_14_etape_Michal_Kwiatkowski_podiet_i_hvidt.jpg
      Con loro due spero di vincere un GT e qualche classica.
      A tra poco con la presentazione del rooster
    • By Lucatb99
      Era un giorno di freddo ad Oslo. 10 giovani appassionati di ciclismo si riunirono in un bar assieme ad un giovane ma intraprendente D.S venuto dall'talia.Non sapevano che quel giorno sarebbe stato per loro l'inizio di una nuova vita.Ma chi c'era in quel bar?
      CONTINUA..
       














×
×
  • Create New...