Jump to content
  • Sign Up

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2021 e Tour de France 2021sono finalmente disponibili
Leggi di più

Hai già scoperto i nostri tutorial?

Come sottoscrivo una mod su Steam? Come modifico un database? Come posso creare una maglia personalizzata? Per queste ed altre domande visita la nostra sezione tutorial!
Tutorial

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

La nostra RECENSIONE di Pro Cycling Manager 2020

Leggi e guarda la nostra recensione di Pro Cycling Manager 2020, a cura di BubbaDJ
Leggi di più

Tasti "Testa Gruppo" e "Puntino"


Turk75

Recommended Posts

Hola Amigos

In attesta della patch di oggi (aspetto la previsione di aitor sull'ora eheheheh) e dell'inizio quindi delle nostre sfide pongo agli user un paio di domandine tanto per esser anche d'aiuto cvisto che son argomenti che girano:

1) Il comando in testa al gruppo lo usate? e se si come e quando...

Io personalmente solo ed esclusivamente quando sono in pianura e dentro il plotone con sforzo 50-60 a seconda di come tiran davanti.

Ho notato che nelle fughette in pianura/vallonato non serve molto mentre in salita anche se sei nel plotonono e in gruppi grossini ti permette di star nella pancia ma ti costa come sforzo (barrette rosse intendo) molto ma davvero molto come se il ciclista per mantenere quella posizione si distruggesse

2) Il beneamato puntino lo utilizzate? pianura o salita? insieme all'attacco o no?

Qui devo dire che a differenza delle volate dove sto primeggiando devo ancora allenarmi molto sulle salite :wink:

Ho notato però che a differenza dei vallonati dove il comando attacca ha una sua certa utilità in montagna i veri attacchi andrebbero fatti usando il pallino e dosando lo sforzo dagli 80 in su sempre con attenzione alle barrette rosse... direi di esserci neh :P

Vediam un anche voi e i nuovi che ne pensate :wink:

Link to comment
Share on other sites

Riguardo agli attacchi sono d'accordo con te, non sono più tanto efficaci come in cym4...riguardo il pallino io lo uso nelle salite ma in pianura uso il comando stai in testa al gruppo perchè come hai detto te se uso quel comando in salita il corridore mi si distrugge

Link to comment
Share on other sites

Qui devo dire che a differenza delle volate dove sto primeggiando devo ancora allenarmi molto sulle salite :wink:  

Uffa!!! io ancora non ho vinto una volata e non ho preso manco un podio.... (anzi un secondo posto con o'grady battuto da uno che non so neanche come si chiama, mi ha preso la ruota e mi ha sverniciato, uno scarso in un giretto di febbraio in cui mi sono fatto invitare in mod carriera :wink: )

Invece in salita vado decisamente meglio, ho vinto la semana catalana con moncoutie e la mia tattica è questa: anche se quelli davanti a me scattano io resto in gruppo e metto il pallino aumentando gradualemte lo sforzo. Quando a quelli che erano scattati finisce lo sprint io continuo a salire regolare e li passo... do sempre un occhio alla barretta rossa perchè sale troppo velocemente sto cavolo di DS tant'è che nell'ultimo km son costretto ad abbassare un pò il ritmo per evitare di piantarmi... cmq, io solitamente vinco le tappe con lunghe salite finali... quando invece ci sono parecchi scollinamenti mi capita che il mio ciclista al momento di passare dalla strada in salita a quella in discesa perde contatto con quelli davanti, (ma anche con quelli accanto) così prende 12-20 secondi fatali che non riesce più a recuperare e addio alla gara... :P

Capita anche a voi?

Link to comment
Share on other sites

io come tattica di solito neglio ultimi 10 km mando in fuga 3 o 4 dei miei poi con gli altri mi metto in testa al gruppo per rallenatere e faccio vincere i miei fuggitivi, cmq gli arrivi in salita per me so più facili , dato che cè meno gente , in quelli in pianura devi prendere la ruota giusta.

Link to comment
Share on other sites

Uffa!!! io ancora non ho vinto una volata e non ho preso manco un podio....  

Invece in salita vado decisamente meglio, ho vinto la semana catalana con moncoutie e la mia tattica è questa: anche se quelli davanti a me scattano io resto in gruppo e metto il pallino aumentando gradualemte lo sforzo. Quando a quelli che erano scattati finisce lo sprint io continuo a salire regolare e li passo... do sempre un occhio alla barretta rossa perchè sale troppo velocemente sto cavolo di DS tant'è che nell'ultimo km son costretto ad abbassare un pò il ritmo per evitare di piantarmi... cmq, io solitamente vinco le tappe con lunghe salite finali... quando invece ci sono parecchi scollinamenti mi capita che il mio ciclista al momento di passare dalla strada in salita a quella in discesa perde contatto con quelli davanti, (ma anche con quelli accanto) così prende 12-20 secondi fatali che non riesce più a recuperare e addio alla gara...  :cry:  

Capita anche a voi?

in un gruppetto ristretto sono arrivato secondo con Voigt dietro bettini, ma quel nano maledetto aveva fatto 300 attacchi e dovevo inseguire sempre io (ogni tanto il realismo è impressionante).

capita anche a me il "difetto" dello scollinamento ma poi in discesa rientrano sempre i miei. secondo me è più un problema di gestione dell'aumento di velocità da parte del motore del gioco (in discesa le distanze in metri aumentano). se cali lo sforzo in discesa per recuperare prova a farlo un po' dopo lo scollinamento, con me funziona e i miei rientrano.

Link to comment
Share on other sites

Premetto che nelle volate non ho mai vinto :cry:

Nelle salite vado molto ma moolto meglio, sarà perchè le adoro!

Veniamo al dunque:

- DI solito il mio corridore di punta lo tengo coperto nelle salite ed uso il pulsante rimani in testa al gruppo con una percentuale che varia dal 67% al 75%. Se debbo fare un'attacco metto il moi gregario di turno a tirare al massimo e poi provo a salutare tutti scattando in contemporanea con la dimunuzione dello sforzo del gregario che sta tirando, in questo modo si crea un pò di confusione in testa al gurppo. Logico che devi avere un buon gregario io ho testato questa tattica con Figueras e Cunego al giro dove per ora sto vincendo 4 tappe di montagna.

- Il pallino non lo uso mai perchè non ho capito il suo corretto funzionamento e quindi finchè non ci saranno delucidazioni chiare su come usarlo e a cosa serve... bè ne farò a meno :cry:

Link to comment
Share on other sites

Qui devo dire che a differenza delle volate dove sto primeggiando devo ancora allenarmi molto sulle salite :cry:  

Uffa!!! io ancora non ho vinto una volata e non ho preso manco un podio.... (anzi un secondo posto con o'grady battuto da uno che non so neanche come si chiama, mi ha preso la ruota e mi ha sverniciato, uno scarso in un giretto di febbraio in cui mi sono fatto invitare in mod carriera :cry: )

Invece in salita vado decisamente meglio, ho vinto la semana catalana con moncoutie e la mia tattica è questa: anche se quelli davanti a me scattano io resto in gruppo e metto il pallino aumentando gradualemte lo sforzo. Quando a quelli che erano scattati finisce lo sprint io continuo a salire regolare e li passo... do sempre un occhio alla barretta rossa perchè sale troppo velocemente sto cavolo di DS tant'è che nell'ultimo km son costretto ad abbassare un pò il ritmo per evitare di piantarmi... cmq, io solitamente vinco le tappe con lunghe salite finali... quando invece ci sono parecchi scollinamenti mi capita che il mio ciclista al momento di passare dalla strada in salita a quella in discesa perde contatto con quelli davanti, (ma anche con quelli accanto) così prende 12-20 secondi fatali che non riesce più a recuperare e addio alla gara... :cry:

Capita anche a voi?

Sullo scollinamento

Quando mancano 2 o 3cento metri allo scollinamento prova ad abbassare lo sforzo del capitano sui 50 e dirgli di tirare.

Spreca molto poco e manitene la velocità del gruppo.

Se lo lasci col punto devi sbatterlo a 99 e molte volte non rimani agganciato comunque

Link to comment
Share on other sites

Qui devo dire che a differenza delle volate dove sto primeggiando devo ancora allenarmi molto sulle salite :cry:  

Uffa!!! io ancora non ho vinto una volata e non ho preso manco un podio.... (anzi un secondo posto con o'grady battuto da uno che non so neanche come si chiama, mi ha preso la ruota e mi ha sverniciato, uno scarso in un giretto di febbraio in cui mi sono fatto invitare in mod carriera :cry: )

Invece in salita vado decisamente meglio, ho vinto la semana catalana con moncoutie e la mia tattica è questa: anche se quelli davanti a me scattano io resto in gruppo e metto il pallino aumentando gradualemte lo sforzo. Quando a quelli che erano scattati finisce lo sprint io continuo a salire regolare e li passo... do sempre un occhio alla barretta rossa perchè sale troppo velocemente sto cavolo di DS tant'è che nell'ultimo km son costretto ad abbassare un pò il ritmo per evitare di piantarmi... cmq, io solitamente vinco le tappe con lunghe salite finali... quando invece ci sono parecchi scollinamenti mi capita che il mio ciclista al momento di passare dalla strada in salita a quella in discesa perde contatto con quelli davanti, (ma anche con quelli accanto) così prende 12-20 secondi fatali che non riesce più a recuperare e addio alla gara... :cry:

Capita anche a voi?

Sullo scollinamento

Quando mancano 2 o 3cento metri allo scollinamento prova ad abbassare lo sforzo del capitano sui 50 e dirgli di tirare.

Spreca molto poco e manitene la velocità del gruppo.

Se lo lasci col punto devi sbatterlo a 99 e molte volte non rimani agganciato comunque

Bene stasera ci proverò....

Link to comment
Share on other sites

Premetto che nelle volate non ho mai vinto  :o  

Nelle salite vado molto ma moolto meglio, sarà perchè le adoro!

Veniamo al dunque:

- DI solito il mio corridore di punta lo tengo coperto nelle salite ed uso il pulsante rimani in testa al gruppo con una percentuale che varia dal 67% al 75%. Se debbo fare un'attacco metto il moi gregario di turno a tirare al massimo e poi provo a salutare tutti scattando in contemporanea con la dimunuzione dello sforzo del gregario che sta tirando, in questo modo si crea un pò di confusione in testa al gurppo. Logico che devi avere un buon gregario io ho testato questa tattica con Figueras e Cunego al giro dove per ora sto vincendo 4 tappe di montagna.

- Il pallino non lo uso mai perchè non ho capito il suo corretto funzionamento e quindi finchè non ci saranno delucidazioni chiare su come usarlo e a cosa serve... bè ne farò a meno  :oops:

se io provo testa gruppo con 75 addio il rosso sale alle stelle :?

Link to comment
Share on other sites

Ok, ma a 75 ci metto ovviamente qui gregari che posso bruciare e che evitabilmente in una tappa di montagna saltano.

Poi il pezzo forte lo fa il gregario esperto che tengo a copertura del capitano una volta saltati i pivellini (x intenderci quelli che avranno un valore da 68 a 72 in montagna).

Tale gregario tirerà a tuta anche a 99% con tira a lungo se ho in mente di far scattare il mio capitano, senno lo metto a tirare per monitorare la situazione.

Ovvio che questa tattica è x chi ha in mente un'attacco o x chi vuol tenere sotto controllo la corsa....

Link to comment
Share on other sites

Ok, ma a 75 ci metto ovviamente qui gregari che posso bruciare e che evitabilmente in una tappa di montagna saltano.

Poi il pezzo forte lo fa il gregario esperto che tengo a copertura del capitano una volta saltati i pivellini (x intenderci quelli che avranno un valore da 68 a 72 in montagna).

Tale gregario tirerà a tuta anche a 99% con tira a lungo se ho in mente di far scattare il mio capitano, senno lo metto a tirare per monitorare la situazione.

Ovvio che questa tattica è x chi ha in mente un'attacco o x chi vuol tenere sotto controllo la corsa....

Il problema è riuscir a tener in testa il capitano

Link to comment
Share on other sites

semplice.... sufficiente giostrare con lo sforzo utilizzando il pulsante del rimani in testa al gruppo, da non confondere con tira brevemente.

Con la tattica sopra descritta ci sto vincendo il giro d'italia ma so già che questo con un certo Damiano Cunego non è unìimpresa.

Proverò a testare questa tattica al tour con Simoni e vi farò sapere!

Link to comment
Share on other sites

con il puntino il ciclista fa lo sforzo che tu imposti fregandosene di tutto quello che gli accade intorno, con tira brevemente il ciclista... beh... tira brevemente.... si mette davanti, tira un po', stando attento al ciclista che dovrebbe coprire, ai cambi... insomma.... tira brevemente... :oops:

"tira brevemente" è comodo quando fai tirare la squadra, metti tutti a tira brevemente e si mettono davanti dandosi i cambi regolari (molto bello da vedere anche). Fra l'altro funziona anche quando tirano più squadre e i tuoi uomini si danno i cambi con quelli delle altre squadre..

Link to comment
Share on other sites

SimonRussi molto interessante il tuo punto di vista.

Da quel che mi dici "il punto" potrebbe essere utilissimo se voglio far partire un corridore all'attacco senza utlizzare lo scatto ma farlo andar via piano piano....

Link to comment
Share on other sites

io come tattica di solito neglio ultimi 10 km mando in fuga 3 o 4 dei miei poi con gli altri mi metto in testa al gruppo per rallenatere e faccio vincere i miei fuggitivi, cmq gli arrivi in salita per me so più facili , dato che cè meno gente , in quelli in pianura devi prendere la ruota giusta.

è quasi impossibile avere 3-4 gragari all'ultima salita trannne se prendi la discovery o la t-mobile ma con una squadra medio-scarsa quali gragari mandi che si staccano subito?

a quanto ho capito il puntino serve per andare su del proprio passo ossia lo metti in maniera tale da non sponpare troppo il ciclista ora se il passo è buono tiene, altrimenti si stacca. se aumenti lo sforzo esageratamente va inevitabilmente in crisi. in testa al gruppo ci resta "se ha la gambe", se metti al 99% ma il tuo ciclista non ha quel passo non riesce a starci comunque quindi è preferibile controllarne lo sforzo con il "puntino"

volevo poi domandare: chi dei grandi avete visto in crisi?

io a una parigi-nizza ho visto più di una volta un ullrich piegato sulla sella con l'andamento ciondolante chiaramente in crisi, dei "grandi" è l'unico che spesso non tiene (troppo grasso??? :oops: )... -ecco una cosa interessante per una versione futura sarebbe pure controllare il peso di un ciclista e fare in modo che le sue prestazioni vengano modificate in base a questo-chi vedo molto forte invece è Mancebo scatta continuamente.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...