Jump to content
  • Sign Up

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2021 e Tour de France 2021sono finalmente disponibili
Leggi di più

Hai già scoperto i nostri tutorial?

Come sottoscrivo una mod su Steam? Come modifico un database? Come posso creare una maglia personalizzata? Per queste ed altre domande visita la nostra sezione tutorial!
Tutorial

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

La nostra RECENSIONE di Pro Cycling Manager 2020

Leggi e guarda la nostra recensione di Pro Cycling Manager 2020, a cura di BubbaDJ
Leggi di più

Kramer contro Kramer


Recommended Posts

Posted (edited)

Team Wiggins, dal ciclocross ecco Iserbyt!

UTf0jvH.png

Nell'era dei Van Aert, dei Van der Poel e dei Pidcock, anche la Molteni-Wiggins pesca il suo talento grezzo dal ciclocross, nella speranza di avere trovato un corridore vincente anche su strada: è Eli Iserbyt, campione europeo in carica della specialità, di cui è stato anche per due volte iridato della categoria under 23. Con la bicicletta da corsa, finora, solo qualche scorribanda estiva, di cui ha lasciato traccia principalmente la maglia bianca di miglior giovane alla Boucles de la Mayenne del 2018. Ma a 23 anni, il futuro per è ancora tutto da scrivere: strappato alla Pauwels-Bingoal, dal 1 gennaio 2021 Iserbyt vestirà dunque la maglia camoscio-nera anche nel cross. Insieme a lui, il team Wiggins annuncia l'acquisto di altri due giovani britannici: il 20enne Ryan Watkins (foto) e il 18enne Greg Pardew, entrambi passisti-veloci.

9XNDNcb.png

Edited by smec-easyjet
Link to comment
Share on other sites

Ahi, brutta bega 😓, ti capisco, il mio vecchio portatile è sempre fulminato in attesa di recuperare i dati che avevo dentro. Neanche mi ricordo più che roba c'era dentro 🥴😂.... peccato per la tua storia, sembrava interessante, spero riuscirai a recuperare

Link to comment
Share on other sites

20 hours ago, AleCyclinGo said:

Ahi, brutta bega 😓, ti capisco, il mio vecchio portatile è sempre fulminato in attesa di recuperare i dati che avevo dentro. Neanche mi ricordo più che roba c'era dentro 🥴😂.... peccato per la tua storia, sembrava interessante, spero riuscirai a recuperare

Ma sì sì, tanto non avevo ancora iniziato nulla, alla peggio inizierò su un nuovo computer se quello vecchio non me lo salvano. La story è l'ultimo dei problemi! (è solo che le slide di presentazione dei corridori ce le avevo sul vecchio, quindi tarderanno anche quelle) 

Link to comment
Share on other sites

Altri tre colpi sul mercato per il Sir: Plapp, Hellemose e Filosi!

JFOLZuH.png

Dopo alcuni giorni di stasi, coincidenti con le vacanze di Natale, il team Molteni-Wiggins annuncia in un colpo solo altri tre nuovi innesti, per un roster che inizia ad assumere una sua fisionomia proprio in tempo per le prime corse stagionali: Luke Plapp (foto sopra), 20 anni appena compiuti, è accreditato di grandi qualità nelle prove contro il tempo e anche di un'ottima tenuta in salita, caratteristiche che ne fanno un corridore da tenere in alta considerazione anche come futuribile uomo da gare a tappe.

haR6hFw.png

Stesso discorso, anche se con caratteristische diverse, per il danese Asbjørn Hellemose (foto in alto), classe 1999 pescato dal Vélo Club Mendrisio: decisamente meno avvezzo di Plapp al cronometro, ma buon feeling con le salite.

CKggW5B.png

Infine, Iuri Filosi (foto sopra) che, a 29 anni, è un corridore già fatto e finito, rimasto senza contratto dopo aver concluso - con poca fortuna - la sua ultima esperienza in Bardiani. Il bresciano è dotato di una buona tenuta sugli strappi brevi e di un discreto spunto veloce, qualità che proverà a mettere a frutto nell'immediato, essendo uno dei corridori chiamati a portare i primi risultati del team.

Alla luce di questi tre ultimi acquisti, allo stato attuale, il roster della Molteni-Wiggins si compone dei seguenti undici corridori: Simon Carr (Gbr), Jonathan Dibben (Gbr), Iuri Filosi (Ita), Thomas Gloag (Gbr), Asbjørn Hellemose (Dan), Eli Iserbyt (Bel), Adam Lewis (Gbr), Greg Pardew (Gbr), Luke Plapp (Aus), Ben Turner (Gbr), Ryan Watkins (Gbr).

Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)

Wiggins-Molteni, arrivano i sudamericani!

Infornata di corridori sudamericani per il team Molteni-Wiggins, sempre più vicino all'inizio della propria avventura: si tratta dei colombiani Adrián Bustamante, Benjamin Quinteros e Jesús David Peña e degli ecuadoriani Santiago Montenegro e Wilson Haro. Iniziamo la presentazione proprio da questi ultimi.

4q6wbKA.png

Santiago Montenegro, 23 anni da compiere a maggio, si è imposto all'attenzione degli addetti ai lavori alla Vuelta a Ecuador dello scorso novembre (foto in alto), nella quale ha vinto la classifica generale per appena 4" di vantaggio su Joel Burbano ma dopo avere raccolto ben quattro secondi posti di tappa su un totale di sei frazioni. Si tratta di uno scalatore i cui margini di crescita, a dispetto di un'età già abbastanza matura, potrebbero essere però ignoti, non avendo mai corso in europa.

sZch0sX.png

Il suo connazionale Wilson Haro (foto sopra), invece, i 23 anni li ha appena compiuti, essendo nato il 5 gennaio, e all'ultima Vuelta a Ecuador era stato nono. Nel 2019 si era invece imposto alla Vuelta a Miranda - corsa nella quale lo stesso Montenegro era stato quinto - ed era stato sesto alla Vuelta a Venezuela, ventesimo al Tour de l'Avenir.

9W4cIXR.png

Passiamo ora ai corridori colombiani, iniziando da quello probabilmente più interessante dell'intero lotto: Jesús David Peña (foto sopra), 21 anni da compiere e un grande potenziale in salita. Vanta già due partecipazioni al Giro d'Italia Under 23, dove è stato settimo nel 2019, e una al Tour de l'Avenir. Nel 2020 ha chiuso al 25º posto il Tour Colombia 2.1 al quale avevano partecipato tutti i grossi calibri del proprio paese. E poi è di Zipaquirá, stessa patria di un certo Egan Bernal.

67pCD7x.png

Anche Adrián Bustamante (foto sopra), 23 anni a giugno, ha già una discreta esperienza in Europa dove ha iniziato a correre, saltuariamente, già nel 2018. Lo scorso anno si è laureato campione nazionale a cronometro nella categoria under 23.

ogey0nz.png

Infine, ecco Benjamin Quinteros (foto sopra), 23 anni compiuti ad ottobre e quindi da considerarsi il "vecchietto" del gruppo, attivo internazionalmente già dal 2017, anche se senza grossi risultati da esibire: il migliore è forse il 12º posto finale alla Vuelta a Venezuela del 2019.

Edited by smec-easyjet
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Wiggins-Molteni, la squadra è fatta: un fratello d'arte e due cugini per chiudere il roster

zTZBLq8.png

Per completare il roster con il quale affronterà la sua prima, storica stagione, la Molteni-Wiggins si affida agli affetti familiari, ingaggiando un fratello d'arte e due cugini: il primo è il britannico Leo Hayter (foto sopra), fratello minore di quell'Ethan in forza alla Ineos già in evidenza tra i professionisti con il successo al Giro dell'Appennino dello scorso anno.

I cugini sono i ruandesi Mugisha: Samuel (foto sotto), 23 anni, ha vinto il Tour of Rwanda nel 2018 e militato due stagioni nella formazione Development del Team Qhubeka; Emanuel è il suo minutissimo cugino: appena 48 kg di peso a 161 cm di altezza, fisico da scalatore, per non dire da fantino.

CQmFldD.png

E così, con questi ulteriori tre innesti, la rosa definitiva a disposizione di Bradley Wiggins conta i seguenti 19 corridori in rappresentanza di 8 diverse nazionalità:

Adrián Bustamante (Col), Simon Carr (Gbr), Jonathan Dibben (Gbr), Iuri Filosi (Ita), Thomas Gloag (Gbr), Wilson Haro (Ecu), Leo Hayter (Gbr), Asbjørn Hellemose (Dan), Eli Iserbyt (Bel), Adam Lewis (Gbr), Santiago Montenegro (Ecu), Emanuel Mugisha (Rua), Samuel Mugisha (Rua), Greg Pardew (Gbr), Jesús David Peña (Col), Luke Plapp (Aus), Benjamin Quinteros (Col), Ben Turner (Gbr), Ryan Watkins (Gbr).

«Saremo una squadra globetrotter, con un calendario corse che, compatibilmente con le limitazioni agli spostamenti imposte dalla pandemia, si articolerà nei cinque continenti. Per questo - rivela Bradley Wiggins - abbiamo deciso di aprire anche a ragazzi sudamericani ed africani, il che permetterà a loro di maturare un'importante esperienza internazionale e, a noi, di allargare la nostra fanbase».

Corsa d'esordio per la Molteni-Wiggins sarà la Vuelta al Táchira, in Venezuela, in programma dal 17 al 24 gennaio.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...
Posted (edited)

Wiggins-Molteni, tre corridori rinunciano in extremis: al loro posto Vaughan e Gahemba

British rider Jacob Vaughan joins Lotto-Soudal under-23 team | Cycling  Weekly

Cambi dell'ultim'ora nel roster con cui la Molteni-Wiggins affronterà la sua prima stagione a livello Continental: rispetto alla rosa di 19 corridori annunciata nei giorni scorsi, infatti, non faranno parte del team Greg Pardew, Alexis Quinteros ed Emanuel Mugisha. «Per Quinteros e Mugisha si è trattato di un problema burocratico, non essendo arrivati per tempo i documenti necessari a registrarli nel Regno Unito come lavoratori extracomunitari. Pardew, invece, ha preferito fare un passo indietro e completare gli studi, prima di dedicarsi anima e corpo al professionismo: le nostre porte, comunque, restano aperte per tutti e tre questi ragazzi, che continueremo nelle categorie giovanili in cui saranno impegnati», la spiegazione di Bradley Wiggins, che si è anche detto molto dispiaciuto.

Per colmare il vuoto lasciato in squadra da queste tre defezioni, il team ha così annunciato due nuovi innesti: in sostituzione di Pardew, un altro giovane britannico dotato di spunto veloce, il 21enne Jacob Vaughan (foto in alto), già campione nazionale Juniores nel 2016, categoria per la quale, due anni più tardi, ha militato nella formazione giovanile della Lotto Soudal; mentre il ruandese Mugisha sarà sostituito dal connazionale Bernabe Gahemba. Nessun sostituto, invece, per il colombiano Quinteros.

Ed ecco dunque la rosa definitiva del team Molteni-Wiggins, che affronterà la stagione 2021 forte di 18 corridori:

BSw1kfc.png

p.s.: il motivo della sostituzione è in realtà un altro: quando avevo costruito la rosa l'avevo fatto spulciando un database diverso da quello su cui ho lanciato ora la carriera vera e propria, e soprattutto ad essere diverso è il savegame: in sostanza Pardew e il minore dei Mugisha erano dei regen che quindi non potevano essere replicati in una nuova partita, mentre Quinteros nel frattempo deve essere stato eliminato dal db

Edited by smec-easyjet
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...
Posted (edited)

FPurwEA.png

La stagione si mette finalmente in moto con la Vuelta al Táchira, sentitissima corsa venezuelana che da qualche anno richiama ormai anche squadre e corridoi dalla Vecchia Europa. E in particolare dall'Italia, che schiera la Androni Giocattoli, la Bardiani e la stessa Molteni, team britannico ma con sponsor proveniente dal Bel Paese.

Come da tradizione si annuncia un percorso particolarmente duro e all'insegna degli scalatori, senza cronometro: superato il circuito pianeggiante di Barinas, la Vuelta proporrà una serie di tappe di difficoltà crescente, con un trittico finale particolarmente impegnativo tra Mérida, La Grita e Cristo Rey.

wKux02o.png

Quanto ai favoriti, sono proprio le formazioni italiane a schierare i principali pretendenti al successo: la Androni di Gianni Savio ci proverà con il colombiano Daniel Muñoz e l'ecuadoriano Jefferson Cepeda, ma c'è molta curiosità anche per il giovanissimo Santiago Umba, che qualcuno ha già etichettato come il nuovo Bernal. La Bardiani dei Reverberi risponde con il costaricano Kevin Rivera e l'azzurro Giovanni Carboni, mentre la Molteni di Sir Wiggins, pur partendo un gradino sotto, confida comunque in una bella prestazione da parte di Santiago Montenegro, con Jesús David Peña e Samuel Mugisha a supporto. Mai da sottovalture è anche l'ultraquarantenne Óscar Sevilla, leader di un Team Medellin molto bene assortito e che ha in Christian Montoya e Bernardo Suaza due possibili alternative al veterano spagnolo.

6Kfg2rC.png

La prima tappa, il Circuito de Barinas, vede la Androni prendere subito la ribalta grazie al suo velocista-principe, Davide Malucelli, che si impone (foto sotto) sul connazionale Giovanni Lonardi, della Bardiani, e su Mauro Richeze, dell'argentina San Luis.

RlTqkpy.png

La seconda frazione, da Santa Bárbara de Barinas a Santa Ana de Táchira, propone le prime difficoltà ed infatti a giocarsi il successo è un gruppetto di nemmeno quaranta unità: il più veloce, al fotofinish, è il colombiano Heiner Parra in maglia blu della Canel's Zerouno (al centro nella foto sotto), che precede il nostro Samuel Mugisha e Jefferson Cepeda della Androni, e veste anche la maglia amarillo.

34i6XLq.png

Maglia che, in maniera del tutto inattesa, il giorno dopo passa proprio sulle spalle di Samuel Mugisha, secondo anche sul traguardo di San Cristóbal alle spalle di Cléver Martínez (Gios) nello sprint a tre che relega in ultima posizione Óscar Galvis (Colnago Cm Team), mentre a 38" giungono Bernardo Suaza (Medellin) e il leader designato della Molteni, Santiago Montenegro.

A 53" ben tre uomini della Androni - Muñoz, Pellaud e Cepeda - e con loro Efren Santos (Canel's Zerouno), Franklin Castillo (Panama es Cultura y Valores),José Luis Aguilar (Start Cycling Team) e per la Bardiani-CSF il solo Davide Gabburo, mentre il capitano Kevin Rivera perde 1 minuto netto e Giovanni Carboni addirittura 1'12".

La nuova classifica vede dunque Mugisha al comando (foto sotto) con 10" su Cléver Martínez, 14" su Galvis, 51" sul compagno Montenegro e 54" su Suaza.

bCYcUym.png

La quarta tappa, da Rubio a Bramon Concafé, vede ancora una volta i pretendenti al successo darsi battaglia sulla comunque non irresistibile rampa finale: sono 23 gli uomini che compongono il gruppo di testa, e la vittoria va a Daniel Muñoz (Androni Giocattoli-Sidermec, foto sotto) francobollato dalla maglia amarillo Samuel Mugisha (Molteni-Wiggins), al posto d'onore per il terzo giorno di fila; terzo Jhonatan Restrepo, pure lui della Androni, che precede Carboni e altri due Molteni, il britannico Jacob Vaughan e Santiago Montenegro. In classifica allunga Mugisha, che ora guida con 48" su Galvis, 59" su Suaza e Montenegro e 1'04" sul vincitore di tappa Muñoz, con Cepeda sesto a 1'10", Restrepo nono a 1'17" e Rivera decimo a 1'21".

xDCSoip.png

Nella quinta frazione, da San Josecito a San Juan de Colón, Daniel Muñoz serve il bis del giorno precedente (foto sotto) e questa volta passa anche al comando della generale. Il colombiano della Androni regola il compagno di squadra Jefferson Cepeda, Franklin Castillo (Panama es Cultura y Valores), Christian Montoya (Medellin) e Kevin Rivera (Bardiani), mentre ad 1'01" arriva un quartetto con Gabburo, Carboni, Parra e Montenegro. Molto più distanti, e probabilmente ormai fuori dai giochi per il successo finale, tutti gli altri.

SyCmdnG.png

Per Samuel Mugisha è il giorno della resa (foto sotto): il ruandese si stacca già sulla prima salita di giornata e arriverà al traguardo con un ritardo di 19'56". D'ora in avanti, quindi, la Molteni sarà tutta per Montenegro.

37G7EuG.png

La corsa entra sempre più nel vivo con la sesta tappa, da La Fría a Mérida. Protagonisti di giornata (foto sotto) sono l'americano Griffin Easter (Start) e il nostro Adrián Bustamante (Molteni), ultimi superstiti della fuga del mattino, ripresi solo nei chilometri finali.

H7NzW8R.png

A quel punto entrano in scena i big e Jefferson Cepeda (Androni Giocattoli), in maglia verde di leader dei gpm (foto sotto), fa il vuoto, andando a vincere con 21" su Kevin Rivera (Bardiani-CSF-Faizanè)!

4zx8YgJ.png

Terza posizione a 44" per un ottimo Jesús David Peña (Molteni), stesso ritardo per Giovanni Carboni (Bardiani-CSF-Faizanè). Appena più staccato, a 57", Santiago Montenegro (Molteni, in primo piano nella foto sotto) che ha molto sofferto ma ha limitato i danni proprio grazie a Peña, poi avvantaggiatosi solo nei metri finali.

4CknjzX.png

Seguono poi gli arrivi di due uomini della Medellin: Robigzon Oyiola a 1'46" e Christian Montoya a 1'56", quest'ultimo a precedere un Mugisha in ripresa ed Heiner Parra, mentre l'ormai ex maglia amarillo Daniel Muñoz (foto sotto) è il grande sconfitto di giornata: solo undicesimo e con un ritardo di 2'28", che significa caduta al quinto posto di una classifica che ora è guidata proprio dal suo compagno Jefferson Cepeda, con 42" su Rivera, 2'03" su Montenegro, che nonostante la grande fatica fatta nel finale sale in terza posizione, e 2'24" su Carboni; Muñoz, come detto, è quinto, a 2'28".

nquUgxB.png

E veniamo alla settima tappa, la penultima: già in fuga ieri, Griffin Easter è già involato verso un successo di tappa in parata con il compagno di squadra Reiner Honig e un altro corridore della Start Cycling Team, José Rodrígez Aguilar, terzo a 40" a completare una clamorosa tripletta della formazione statunitense. Ma quello che a noi interessa è la lotta fra i big, quando siamo ormai in vista dell'ultimo chilometro (foto sotto) il leader Jefferson Cepeda ha già allungato e passa proprio ora sotto il triangolo rosso, mentre alle sue spalle quel che resta del gruppo dei migliori è messo in fila da Samuel Mugisha (Molteni, in maglia rossa di leader della classifica a punti) che sta provando a lanciare Santiago Montenegro (a sua volta in maglia lilla di miglior giovane: per entrambi, però, si tratta di maglie prese a prestito), mentre sulla sinistra vediamo Kevin Rivera (Bardiani-CSF), che veste la maglia verde di leader dei gpm, anche se di una sfumatura molto simile al giallo del primo in classifica, e Daniel Muñoz (Androni).

RD6ZtjG.png

Al traguardo Cepeda è quinto a 1'04" dal vincitore, ma precede di 58" i rivali diretti, che vediamo ora sulla linea d'arrivo: Samuel Mugisha e Santiago Montenegro (foto sotto) sono i primi due del gruppetto a 2'02" da Easter, con loro Kevin Rivera e Giovanni Carboni (Bardiani), Óscar Galvis (Colnago) e José Manuel Gutiérrez (Gios) mentre Muñoz, andato nuovamente in difficoltà nel finale, paga 24" dai corridori inquadrati e 1'22" da Cepeda.

WxIOt0M.png

L'ultima tappa è quella dello show conclusivo di Jefferson Cepeda (Androni Giocattoli-Sidermec) che al Cristo Rey vince ancora, precedendo Kevin Rivera (Bardiani-CSF), Bernardo Suaza (Medellin) e il compagno di squadra Jhonatan Restrepo, tutti accreditati dello stesso tempo (foto sotto).

sI7cT8K.png

A 22" Daniel Muñoz (Androni) tallonato da Jesús David Peña e Santiago Montenegro (Molteni-Wiggins) che, in questo modo, riesce nell'impresa di difendere il terzo posto e salire dunque sul podio finale (foto sotto).

tuuv42m.png

Dunque Jefferson Alexander Cepeda (Androni Giocattoli-Sidermerc) vince la Vuelta al Táchira 2021, precedendo Kevin Rivera e Santiago Montenegro.

OfGyN2b.png

Confermati i pronostici della vigilia che vedevano Androni e Bardiani giocarsi il successo finale, con la Molteni possibile outsider: il terzo posto ottenuto da Montenegro al cospetto di corridori più esperti e più forti in salita ci soddisfa, così come le due giornte in maglia amarillo di Samuel Mugisha. Peccato solo per la vittoria di tappa che non è arrivata, ma che abbiamo soltanto sfiorato per tre giorni di seguito, con lo stesso Mugisha.

7An1awT.png

 

Edited by smec-easyjet
update
Link to comment
Share on other sites

vtDdE4z.png

PPmMbJb.png

Parallelamente alla Vuelta al Tachira si sono assegnati anche i titoli nazionali australiani: per noi era in gara il solo Luke Plapp: il nostro giovanissimo portacolori si è piazzato sesto nella prova a cronometro a 1'15" da Rohan Dennis, e 15º nella gara in linea, nella quale ha incassato praticamente lo stesso distacco, 1'14", ma da un altro corridore Ineos: Richie Porte.

 

M530p7N.png

wqzERP8.png

Ineos sugli scudi anche in Colombia, dove Daniel Martínez si è confermato campione nazionale a cronometro beffando per appena un secondo il suo compagno di squadra (e capitano) Egan Bernal. Terzo a 13" Miguel Ángel López alla prima uscita in maglia Movistar, mentre la Molteni è stata rappresentata da Adrián Bustamante, 17º a 2'34".

NNIAJi3.png

Lo stesso Bustamante è stato tra coloro che si sono lanciati all'attacco da lontano nella prova in linea, nella quale risalta però soprattutto la grande prestazione dell'unico nostro altro corridore in gara: Jesús David Peña, che aveva perso contatto a circa 75 km dall'arrivo, ha avuto infatti la forza di rientrare e resistere nel ridottissimo gruppo dei migliori fino a 5 km dalla conclusione, quando davanti era rimasta appena una dozzina di corridori. Eccolo Peña inquadrato (foto sopra) proprio nel tratto di salita sterrata che rappresentava il punto cruciale del percorso, nel momento in cui hanno perso definitivamente il largo i quattro che sarebbero andati a giocarsi la vittoria: ancora la coppia Ineos Martínez-Bernal e, insieme a loro, Quintana e Higuita.

HSPVfrc.png

La vittoria, per la prima volta in carriera, è andata proprio al veterano Nairo Quintana (Arkéa-Samsic), andato a rimontare all'ultimo chilometro il campione uscente Sérgio Andrés Higuita (EF Education-Nippo) che ha così dovuto accontentarsi del secondo posto a 11". Battuti i due Ineos, con Bernal terzo a 20" e Martínez quarto a 28".

Ig0Aa5z.png

Stremato, Jesús David Peña (Molteni) ha concluso in 12ª posizione a 2'03" (foto sopra), ultimo dei corridori arrivatisi a giocare il titolo nazionale. Il 13º, Bernardo Suaza, ha invece concluso a 5'16" da Quintana, quindi a più di tre minuti dal nostro Peña.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.



×
×
  • Create New...