Jump to content
  • Sign Up

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2022 e Tour de France 2022 sono finalmente disponibili
Leggi di più

Froome positivo al salbutamolo


Rio Immagina

Recommended Posts

Come titola la gazzetta (http://www.gazzetta.it/Ciclismo/13-12-2017/ciclismo-froome-shock-positivo-vuelta-240186771007.shtml), Chris Froome è stato trovato positivo al salbutamolo in un test antidoping alla Vuelta.

Benchè il britannico abbia il TUE (soffre di asma(, la concentrazione trovata è superiore ai 1000 ng/ml. Froome verrà squalificato? E come ne uscirà il ciclismo da questa impasse?

Ma sopratutto, come avrà preso la situazione @emmea90  ?

 

 

Link to comment
Share on other sites

  • Admininistrators

"cos'è questa roba bianca?"

Su Froome semplicemente non è mai stata questione di SE ma di QUANDO. E prima o poi un errore lo avrebbe fatto (guarda caso ora che non c'è più paparino Cookson a salvargli il culo)

L'uso terapeutico non è credibile.

E' ben oltre la soglia. E' il doppio della soglia legale. E soprattutto siamo in Agosto. 

Spero in una squalifica esemplare. La Sky l'ha fatta franca troppe volte (vedasi jiffy bag di Wiggo) ma anche i migliori prima o poi sbagliano qualcosa. 

Proporzionalmente a 2 anni per 50 picogrammi in più qua ci sarebbe da dare la squalifica a vita.

Se poi qualcuno crede che si possa passare da staccarsi dai velocisti a vincere quello che si è vinto contento lui...

Link to comment
Share on other sites

38 minuti fa, Rio Immagina dice:

E come ne uscirà il ciclismo da questa impasse?

Togliendo qualsiasi eccezione ad uso terapeutico, che tanto crea solo casino, squalificando Froome subito o in ogni caso evitando assolutamente che possa correre e fare risultato anche solo in una Vuelta San Juan sub-judice.

38 minuti fa, Rio Immagina dice:

Ma sopratutto, come avrà preso la situazione @emmea90  ?

E' una situazione più complicata del previsto: in caso di squalifica Nibali metterebbe nel carniere la sua seconda Vuelta.:corb:

 

Comunque il Giro ha una bella sfiga: si sono svenati per il keniano che finalmente ha deciso di fare la corsa rosa, almeno si spera ci sia una possibilità di rimborso parziale :giur: Adesso manca un po' di casino a Gerusalemme e un grand depart di fortuna da Abbiategrasso e siamo a posto

Edited by ian
Link to comment
Share on other sites

Intanto faccio un po' di ragionamenti da teoria del complotto spinta (è che sto guardando x-files)

a) Cade la testa di Cookson

b) Froome è il primo bersaglio a restare scoperto, oltretutto la sua serie di successi in Francia comincia a stufare

c) Froome riceve la notizia della positività

d) Froome decide contro ogni logica (il record di vittorie al Tour è là e aspetta solo di essere eguagliato) di andare in Italia, sperando di essere graziato per l'intenzione (indiretta) di interrompere il suo regno in Francia, data l'improbabilità della doppietta.

 

Niente, invece magari l'hanno solo coperto (a lui e alla squadra) di euri e perso per perso sperava di sfangarla comunque. Resta il fatto che il futuro della Sky nel ciclismo a questo punto si fa molto dubbio e dovesse anche solo ridurre il suo impegno sarebbe una bella mazzata (al di là delle preferenze personali per cui anche io non apprezzo al massimo quella squadra). Mi spiace per Moscon

Link to comment
Share on other sites

per coerenza, però, ricordiamo che il parere comune in Italia rispetto alla positività di Petacchi al salbutamolo era che fosse stata un'ingiustizia; però è vero che un conto è maggio e un conto è agosto-settembre.

Ad ogni modo, come detto anche da Ian, l'importante è che non ci siano squalifiche postume: se Froome va squalificato, che gli tolgano la Vuelta e gli appioppino il resto del ban dal momento in cui ci sarà la sentenza, senza cancellare i risultati che dovesse fare nel frattempo (perché, al momento, può correre). Perché più ancora del doping, alla credibilità del ciclismo fanno male situazioni come quella del Contador dominatore del 2011 salvo poi riscritture postume.

Quella sarebbe una cagata, togliere la Vuelta a Froome e appioppargli qualche mese (e sottolineo MESE, perché cmq di salbutamolo stiamo parlando, e i precedenti di Petacchi e Ulissi dicono 9-12 mesi di stop) di squalifica sarebbe invece la cosa da fare.

In tutto questo, godo per quei sionisti di merda di Vegni & co., che dopo la porcata di partire da Gerusalemme se non altro stanno ricevendo qualche bel boomerang di ritorno, dallo scoppio di una nuova Intifada alla positività di Froome.

Link to comment
Share on other sites

4 minuti fa, smec-easyjet dice:

per coerenza, però, ricordiamo che il parere comune in Italia rispetto alla positività di Petacchi al salbutamolo era che fosse stata un'ingiustizia; però è vero che un conto è maggio e un conto è agosto-settembre.

Diciamo anche che ingiustizia o meno Petacchi perdette, fra vittorie di cui fu privato in maniera postuma e corse a cui fu impossibilitato a partecipare perché non si sapeva / non si era ancora deciso, 2 belle stagioni (2007 e 2008). Perciò i mesi siano 9 o 12 e non 6 ad esempio, perché dato il periodo la cosa diventerebbe seria come le squalifiche calcistiche.

4 minuti fa, smec-easyjet dice:

In tutto questo, godo per quei sionisti di merda di Vegni & co., che dopo la porcata di partire da Gerusalemme se non altro stanno ricevendo qualche bel boomerang di ritorno, dallo scoppio di una nuova Intifada alla positività di Froome.

Al di là delle considerazioni su questi soggetti e sulla questione (che seriamente mi interessano quanto l'aumento della benzina avendo io il diesel :hihi:), mi chiedo ricollegandomi alle considerazioni complottare di prima. Ma questi lo sapevano di questo incidente di percorso? Se no vuol dire proprio che non contano una mazza:giur:

Link to comment
Share on other sites

3 minutes ago, ian said:

Al di là delle considerazioni su questi soggetti e sulla questione (che seriamente mi interessano quanto l'aumento della benzina avendo io il diesel :hihi:), mi chiedo ricollegandomi alle considerazioni complottare di prima. Ma questi lo sapevano di questo incidente di percorso? Se no vuol dire proprio che non contano una mazza:giur:

Beh, Froome lo sa dal 20 settembre, ma immagino si sia guardato bene dal dirlo ad Rcs. Detto questo, mi pare assurdo che la stessa Sky si sia fatta trascinare nel Giro se aveva anche solo il minimo sospetto che la positività al salbutamolo potesse portare ad una squalifica più lunga di 3-4 mesi... e dico così perché in effetti anche una squalifica di soli 6 mesi, che impedirebbe a Froome di correre anche la Tirreno-Adriatico, ne pregiudicherebbe la preparazione al Giro.

Ma soprattutto, per una questione di immagine: ok, Giro o non Giro il merdone è scoppiato, ma la cosa peggiore del merdone di per sé è un tira e molla giudiziario trascinato per mesi e capace di offuscare anche un eventuale Giro vinto sul campo. Meglio sarebbe stato per loro, sapendo della positività già da settembre, tenere un profilo basso per tutta la prima parte di stagione sperando di arrivare al Tour con un quadro definitivo (con o senza Froome, a quel punto, ma sapendolo prima). E siccome alla Sky non sono degli sprovveduti, per lo meno sul piano della comunicazione e delle tutele legali, tutto questo mi induce a pensare che al massimo Froome rischia la revoca della Vuelta 2017 (e dici niente) e 6 mesi di stop, ma non di più. Se così non fosse, alla Sky prima ancora che stupidità denuncerebbero una strafottenza degna dei peggiori mafiosi che si ritengono intoccabili e ammazzano la gente alla luce del solo pensando di farla franca.

Link to comment
Share on other sites

Che la Sky non l'abbia fatto trapelare ok, che non ci fossero vie alternative per saperlo ne dubito, salvo per chi appunto non conta una mazza.

Comunque se si fa 6 mesi (cosa che non escludo, come non si può escludere l'opzione zero mesi e palmares intatto) mi pare il classico buffetto calcistico. Che mi può star bene, a patto che la regola diventi generale almeno da qui in avanti, pu con buona pace dei nessuno del gruppo (Ulissi in testa). La Vuelta 2017 non è niente poi, è la corsa in cui è stata rilevata l'irregolarità; se anche questo è troppo, al diavolo, richiamate Riccardo, Danilo e tutti i più puzzoni che ci sono in giro, e facciamola finita con sto antidoping (ma PER TUTTI).

Link to comment
Share on other sites

  • Admininistrators

Allora. 

Da regolamento.

Froome se squalificato perde la vuelta in ogni caso, anche se non viene provata la voglia di imbrogliare come fu per Ulissi

Froome attualmente non è sospeso, quindi la squalifica parte dal giorno della prima sentenza. I risultati che fa in questo frangente sono però validi a differenza di quelli di Contador (condannato in primo grado, la cui sentenza ha di fatto annullato la sentenza di assoluzione ripristinando la prima)

Se Froome venisse sentenziato a nove mesi oggi (come Ulissi) rientra quindi il 13 settembre. Perde Giro, Tour, Vuelta e Mondiale.

Link to comment
Share on other sites

Chi ci perde alla grande in questa situazione è l'UCI:

  • Se Froome viene (giustamente) squalificato allora ci sarà una gran perdita di credibiltà per il keniano e per i suoi risultati
  • Se Froome viene bellamente graziato, allora l'Uci perde totalmente di credibilità e le prossime squalifiche saranno motivo di polemiche

In tutto questo bisogna vedere cosa farà la Sjy, che ha sempre parlato di "ciclismo pulito": licenzierà Froome? Lo difenderà a spada tratta? Si farà da parte per evitare rischi?

Gran brutta storia per il ciclismo

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, emmea90 dice:

Allora. 

Da regolamento.

Froome se squalificato perde la vuelta in ogni caso, anche se non viene provata la voglia di imbrogliare come fu per Ulissi

Mi pare chiaro infatti. Come dire che se violi il codice della strada intanto becchi una multa legata all'infrazione commessa, poi vediamo se e per quanto ti verrà sospesa la patente, se è il caso di fermare il mezzo su cui viaggi ecc ecc.

1 ora fa, Rio Immagina dice:

Chi ci perde alla grande in questa situazione è l'UCI:

  • Se Froome viene (giustamente) squalificato allora ci sarà una gran perdita di credibiltà per il keniano e per i suoi risultati
  • Se Froome viene bellamente graziato, allora l'Uci perde totalmente di credibilità e le prossime squalifiche saranno motivo di polemiche

In tutto questo bisogna vedere cosa farà la Sjy, che ha sempre parlato di "ciclismo pulito": licenzierà Froome? Lo difenderà a spada tratta? Si farà da parte per evitare rischi?

Gran brutta storia per il ciclismo

Direi che al pari dell'UCI e nella stessa misura ci perde Froome, a cui forse conviene una squalifica di questo tipo. Se lo salva qualcuno a sto giro fra 5 anni (numero buttato a caso con tolleranza di + o - 100%) lo cancellano come Armstrong.

Per la Sky (team ciclistico) mi pare che la tattica per ora sia quella di dire che le regole sono state rispettate, che pare la chiara premessa per una difesa improntata sul "qualcosa è fisiologicamente andato storto (in quello che ha mangiato, bevuto, faceva troppo caldo o troppo freddo), oppure il risultato non è affidabile o va a sapere". Non possono scaricarlo non tanto perché sono puliti (forse non hanno mai nemmeno tanto calcato la mano su questo in modo diretto), ma perché il vero cambio di passo dato dalla cultura Sky pareva essere il fatto che il ciclista è seguito meticolosamente e non vengono ammesse soluzioni fai da te. Quindi da lì non possono muoversi di un centimetro, e certamente non potranno trattarlo come un Di Luca (in teoria almeno, poi le vie del volta e gabbana sono infinite).

Per Sky (sponsor) la situazione è molto diversa, e se la sanzione sarà pesante ed eventualmente non isolata (tipo altri 2-3 casi), si faranno da parte, togliendo subito il proprio nome senza neanche attendere l'esito della storia. Almeno, tutto ciò guardando la storia recente di questo sport: d'altra parte gli sponsor di Armstrong (non quelli che mettevano il nome sulle casacche che ha vestito, gli altri) quando è venuto fuori il casino Usada si sono sfilati in mezz'ora, e avevano pure chiesto i danni. E parliamo di sponsor alcuni dei quali, a differenza della sventurata Cofidis, non avevano messo in dubbio il proprio sostegno all'atleta nemmeno quando era malato di cancro.

 

Link to comment
Share on other sites

Anche i migliori alla lunga sbagliano (Sky), non è per ignoranza, è per statistica.
Premetto di non averlo mai accusato, chi risulta pulito, merita la vittoria, ma devo confessarvi che al Mont Ventoux 2013 io saltai in piedi sul divano, mai vista una cosa come quella, mai.
A Los Machucos si prese una bella botta da Nibali, rischiava la Vuelta ed era stanco, io propendo più per una sacca di sangue fatta nel pomeriggio, che gli consente il pieno recupero il giorno dopo staccando Nibali.
Bisogna capire però come in una sacca ci possano essere 2000ng/ml di salbu. forse il sangue se l'è tirato via in un periodo in cui aveva realmente bisogno per l'asma... sarebbe un errore madornale.
Froome esce comunque sconfitto da questa storia, con la doppietta Giro-Tour doveva diventare il personaggio simbolo del ciclismo (anche per chi non lo amava come corridore) e invece...
Pensate a come se la stia ridendo LA.

Link to comment
Share on other sites

4 minuti fa, Mr.Polso dice:

A Los Machucos si prese una bella botta da Nibali, rischiava la Vuelta ed era stanco, io propendo più per una sacca di sangue fatta nel pomeriggio, che gli consente il pieno recupero il giorno dopo staccando Nibali.
Bisogna capire però come in una sacca ci possano essere 2000ng/ml di salbu. forse il sangue se l'è tirato via in un periodo in cui aveva realmente bisogno per l'asma... sarebbe un errore madornale.

è vero, la vecchia cara positività di ritorno, non ci avevo pensato! Chissà...

Non è da escludere, in fondo le reazioni del dopo tappa erano state davvero strane quel giorno (l'avevo anche scritto qua)

1 ora fa, emmea90 dice:

Per me il ciclismo non perde credibilità quando beccano i bari. Semmai il ciclismo ha perso credibilità con cose come il Ventoux di Froome nel 2013.

Ma dai... Certo che il ciclismo perde di credibilità se beccano il corridore più vincente dell'ultimo periodo e la notizia viene fuori quando c'è un avvicendamento ai vertici federali. Anche quello che segue per caso da 5 minuti, la prima cosa che pensa è che per anni hanno coperto situazioni analoghe per questo corridori ed oggi sono altri a beneficiarne. Non è una perdita di credibilità, è la certificazione che non c'è alcuna credibilità passata, presente o futura.

Poi i bari... ahahahah va be'

Link to comment
Share on other sites

Non scrivo da un pò sul forum ma questa proprio non potevo perdermela :mrgreen:.

Partiamo dal presupposto che già molto prima del 21 settembre, giorno dell'elezione di Lappartient, si sapeva che Cookson le avrebbe prese e che quindi una eventuale sua copertura per gli "intrallazzi" Sky sarebbe saltata. Ora, un corridore come Froome (che sapeva benissimo di essere "vittima" di controlli giornalieri vista la sua leadership alla Vuelta) poteva secondo voi mettere a repentaglio la sua carriera pur di non perdere la corsa spagnola? Boh.

La sua credibilità, che sia stata assunzione volontaria o meno, è di certo volata via nel momento in cui la notizia è stata divulgata. Ha ragione secondo me @emmea90 a dire "bene, se li prendono è perché i controlli funzionano" ma ha altrettanto ragione @ian a dire che è il ciclismo tutto a perdere di credibilità soprattutto per lo strano "allineamento di pianeti" :mrgreen: che c'è dietro tutta questa storia. Le teorie "complottistiche" ora la fanno da padrone ed è obiettivamente difficile andargli contro. Ora, però, se è vero che i britannici proteggevano Froome, può essere altrettanto vero che Lappartient protegga i francesi (o quanto meno provi ad agevolare le loro vittorie)? Un macello praticamente.

Per quanto riguarda la pena...beh...deve esserci! Froome dovrà saltare tutta la stagione prossima, non penso che l'UCI (attuale) gliela faccia passare liscia.

Domandona, l'eventuale squalifica del britannico, influirà sui programmi degli altri corridori da corse a tappe?

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Noris85 dice:

Non scrivo da un pò sul forum ma questa proprio non potevo perdermela :mrgreen:.

Partiamo dal presupposto che già molto prima del 21 settembre, giorno dell'elezione di Lappartient, si sapeva che Cookson le avrebbe prese e che quindi una eventuale sua copertura per gli "intrallazzi" Sky sarebbe saltata. Ora, un corridore come Froome (che sapeva benissimo di essere "vittima" di controlli giornalieri vista la sua leadership alla Vuelta) poteva secondo voi mettere a repentaglio la sua carriera pur di non perdere la corsa spagnola? Boh.

La sua credibilità, che sia stata assunzione volontaria o meno, è di certo volata via nel momento in cui la notizia è stata divulgata. Ha ragione secondo me @emmea90 a dire "bene, se li prendono è perché i controlli funzionano" ma ha altrettanto ragione @ian a dire che è il ciclismo tutto a perdere di credibilità soprattutto per lo strano "allineamento di pianeti" :mrgreen: che c'è dietro tutta questa storia. Le teorie "complottistiche" ora la fanno da padrone ed è obiettivamente difficile andargli contro. Ora, però, se è vero che i britannici proteggevano Froome, può essere altrettanto vero che Lappartient protegga i francesi (o quanto meno provi ad agevolare le loro vittorie)? Un macello praticamente.

Per quanto riguarda la pena...beh...deve esserci! Froome dovrà saltare tutta la stagione prossima, non penso che l'UCI (attuale) gliela faccia passare liscia.

Domandona, l'eventuale squalifica del britannico, influirà sui programmi degli altri corridori da corse a tappe?

Ecco, hai centrato l'origine del mio mal di pancia, e il motivo per cui io non credo tanto che con oggi "va bene che i controlli funzionano". Mica hanno beccato il giorno dopo uno che ha fatto una corsa da leone arrivando dal nulla, e nemmeno l'hanno trovato positivo alla kryptonite o a chissà quale strano ritrovato della scienza medica.

Secondo me dietro a questo tipo di situazioni di solito ci sono insabbiamenti, silent ban o gentili raccomandazioni per cui comunque ti fai una stagione senza acuti e nessuno ti rompe le balle. Probabilmente data la consuetudine Froome mica credeva che l'avvicendamento ai vertici lo lasciasse così in mutande (se così sarà effettivamente! però lo sputtanamento in corso non è già di per sé piacevole evidentemente).

 

Alla domandona finale io credo di no, o comunque non significativamente. Per essere molto espliciti e limitarci alla mossa più influente sullo scacchiere, Quintana non farà certamente il Giro dopo l'esperienza dell'anno scorso, e comunque mai con un percorso del genere. Per ragioni opposte per ora non ha ancora sciolto le riserve Dumoulin, che però secondo me sceglierà indipendentemente. Per gli altri ci sono scelte obbligate, incastri con compagni di team o con altri obiettivi da valutare. Certamente un elemento per il prossimo Giro, in caso di assenza del suo capitano, potrebbe essere Moscon.

Edited by ian
Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...
Il 13/12/2017 at 6:08 PM, ian dice:

Ecco, hai centrato l'origine del mio mal di pancia, e il motivo per cui io non credo tanto che con oggi "va bene che i controlli funzionano". Mica hanno beccato il giorno dopo uno che ha fatto una corsa da leone arrivando dal nulla, e nemmeno l'hanno trovato positivo alla kryptonite o a chissà quale strano ritrovato della scienza medica.

Secondo me dietro a questo tipo di situazioni di solito ci sono insabbiamenti, silent ban o gentili raccomandazioni per cui comunque ti fai una stagione senza acuti e nessuno ti rompe le balle. Probabilmente data la consuetudine Froome mica credeva che l'avvicendamento ai vertici lo lasciasse così in mutande (se così sarà effettivamente! però lo sputtanamento in corso non è già di per sé piacevole evidentemente).

 

Alla domandona finale io credo di no, o comunque non significativamente. Per essere molto espliciti e limitarci alla mossa più influente sullo scacchiere, Quintana non farà certamente il Giro dopo l'esperienza dell'anno scorso, e comunque mai con un percorso del genere. Per ragioni opposte per ora non ha ancora sciolto le riserve Dumoulin, che però secondo me sceglierà indipendentemente. Per gli altri ci sono scelte obbligate, incastri con compagni di team o con altri obiettivi da valutare. Certamente un elemento per il prossimo Giro, in caso di assenza del suo capitano, potrebbe essere Moscon.

Credo che se veramente Froome verrà sospeso (e la cosa non mi pare certa, visto che la notizia è già stata abbastanza insabbiata), ci sarà un orgione al tour.

Link to comment
Share on other sites

24 minuti fa, Rio Immagina dice:

Credo che se veramente Froome verrà sospeso (e la cosa non mi pare certa, visto che la notizia è già stata abbastanza insabbiata), ci sarà un orgione al tour.

In che senso?

Comunque Dumoulin mi pare che abbia detto che sarà al Giro, il che salverebbe la situazione in caso di defezione forzata del keniano.

Link to comment
Share on other sites

47 minuti fa, ian dice:

In che senso?

Comunque Dumoulin mi pare che abbia detto che sarà al Giro, il che salverebbe la situazione in caso di defezione forzata del keniano.

Riuscire a correre il Tour senza il dominatore degli ultimi 3 anni sarebbe una gran cosa per molti, sopratutto per i non cronoman. Credo che Aru, Nibali, il nano, Pinot e Bardet punteranno tutto sul tour, magari seguiti da qualcun altro che cercherà il colpo della vita.

 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Rio Immagina dice:

Riuscire a correre il Tour senza il dominatore degli ultimi 3 anni sarebbe una gran cosa per molti, sopratutto per i non cronoman. Credo che Aru, Nibali, il nano, Pinot e Bardet punteranno tutto sul tour, magari seguiti da qualcun altro che cercherà il colpo della vita.

E' un ragionamento affascinante, ma secondo me totalmente infondato, perché parte dal presupposto che l'eventuale squalifica superi i 9 mesi (realisticamente, chi ci crede?). Nel probabile caso contrario Froome rientrerebbe sicuramente per la Grande Boucle, e non solo, se la squalifica durasse proprio 9 mesi, lo farebbe addirittura senza il Giro nelle gambe. Quindi come puoi ben intuire programmare la stagione sperando in una squalifica costituirebbe un rischio altissimo, e forse comunque converrebbe piuttosto ammucchiarsi al Giro.

D'altra parte i programmi sono stati definiti, e appunto, l'ultimo a decidere è stato Dumoulin, che ha addirittura optato per la corsa rosa. Per quanto riguarda Bardet non ha mai pensato di fare il Giro negli ultimi anni, quindi non è una novità, Quintana aveva già programmato di fare solo il Tour, Nibali lo ha annunciato un po' dopo ma era nell'aria visti i percorsi (credo che l'unico argomento pro Giro, messo in campo credo appositamente da Vegni, fossero per lui le tappe in Sicilia). Pinot e Aru restano più orientati al Giro per ora, e credo che se dovessero cambiare idea l'argomento principale sarebbe la combo percorso-Dumoulin, più che l'incerto destino di Froome.

Gente che sogna il colpo della vita dietro a questo affollamento non ne vedo, anche perché pure in assenza di Froome, se Quintana dovesse finalmente tornare sui livelli del Tour 2015, non ci sarebbe significativa differenza con le migliori versioni del keniano.

 

EDIT: così per curiosità ho controllato un po' i tempi, e Bardet ha annunciato i suoi programmi per il 2018 a novembre, Quintana addirittura ad agosto. Quindi sulle scelte di entrambi direi che non ha influito né l'annuncio di Froome di fare il Giro né tantomeno la sua positività. Per quanto riguarda Nibali l'annuncio è arrivato solo un paio di settimane fa, seppur già dopo la presentazione del percorso del Giro avesse messo in dubbio la sua partecipazione. Poi davvero, al di là di tutto, con i tempi e le incertezze legate all'antidoping ciclistico, ci andrebbe un pazzo per programmare una stagione basandosi su questo.

Edited by ian
Link to comment
Share on other sites

  • Admininistrators

Ragazzi, Froome NON è sospeso ora. Occhio, la squalifica di Froome parte dal primo giorno di sospensione o dalla sentenza. Più eventualmente la Vuelta tolta. Ma i risultati in mezzo rimangono validi. E' differente dal caso Contador.

Link to comment
Share on other sites

10 ore fa, emmea90 dice:

Ragazzi, Froome NON è sospeso ora. Occhio, la squalifica di Froome parte dal primo giorno di sospensione o dalla sentenza. Più eventualmente la Vuelta tolta. Ma i risultati in mezzo rimangono validi. E' differente dal caso Contador.

Questo non lo sapevo e cambia un po il discorso che ho fatto. Resta però il fatto che in caso di squalifica la gara più a rischio per Froome resti il Giro, salvo il fatto che il verdetto venga emesso a giugno. Dico bene?

Quindi se proprio qualcuno si frega le mani perché forse manca froome (poi ci sono tutti gli altri ma va be) conviene secondo me che punti sulla sua assenza a Gerusalemme.

Link to comment
Share on other sites

12 ore fa, emmea90 dice:

Ragazzi, Froome NON è sospeso ora. Occhio, la squalifica di Froome parte dal primo giorno di sospensione o dalla sentenza. Più eventualmente la Vuelta tolta. Ma i risultati in mezzo rimangono validi. E' differente dal caso Contador.

Ma se la squalifica cominciasse da agosto 2018, i titoli vinti da oggi fino a quel giorno sarebbero validi? In soldoni: se vincesse il tour, gli sarebbe attribuito?

E poi (ti prego, cerca di essere obiettivo) ti chiedo perchè tempi di questa storia siano molto più lunghi rispetto a quelli del processo Contador: lo spagnolo è stato trovato positivo il 21 luglio ed è stato sospeso il 24 agosto, mentre le notizie sul keniota sono dispensate col contagocce.

Link to comment
Share on other sites

25 minuti fa, Rio Immagina dice:

Ma se la squalifica cominciasse da agosto 2018, i titoli vinti da oggi fino a quel giorno sarebbero validi? In soldoni: se vincesse il tour, gli sarebbe attribuito?

E poi (ti prego, cerca di essere obiettivo) ti chiedo perchè tempi di questa storia siano molto più lunghi rispetto a quelli del processo Contador: lo spagnolo è stato trovato positivo il 21 luglio ed è stato sospeso il 24 agosto, mentre le notizie sul keniota sono dispensate col contagocce.

Poi magari emmea sarà più specifico, ma volgarmente per il salbutamolo la sospensione non è automatica (specified substance), per il clenbuterolo sì

https://www.wada-ama.org/en/questions-answers/prohibited-list#item-387

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

  • Admininistrators

I tempi di giudizio dipendono dalle federazioni nazionali ma la grossa differenza è quanto dice Ian.

In caso di squalifica per AAF è prevista l'invalidità delle corse coinvolte ma non di quelle "in mezzo" per intenderci. Contador invece si trovò a poter correre tra secondo e terzo grado, che è diverso visto che il terzo grado annullò il secondo. Froome non ha una squalifica alle spalle al momento

Inviato dal mio Nexus 6 utilizzando Tapatalk

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.