Jump to content
  • Sign Up

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2021 e Tour de France 2021sono finalmente disponibili
Leggi di più

Hai già scoperto i nostri tutorial?

Come sottoscrivo una mod su Steam? Come modifico un database? Come posso creare una maglia personalizzata? Per queste ed altre domande visita la nostra sezione tutorial!
Tutorial

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

La nostra RECENSIONE di Pro Cycling Manager 2020

Leggi e guarda la nostra recensione di Pro Cycling Manager 2020, a cura di BubbaDJ
Leggi di più

51a Tirreno Adriatico


Recommended Posts

Startlist:

 

1     SAGAN Peter     SVK
2     BENNATI Daniele     ITA
3     BLYTHE Adam     GBR
4     BOARO Manuele     ITA
5     BODNAR Maciej     POL
6     GATTO Oscar     ITA
7     KREUZIGER Roman     CZE
8     PETROV Evgeny     RUS
            
ALM     AG2R LA MONDIALE     FRA
11     POZZOVIVO Domenico     ITA
12     BAKELANTS Jan     BEL
13     HOULE Hugo     CAN
14     MONTAGUTI Matteo     ITA
15     PERAUD Jean Christophe     FRA
16     RIBLON Christophe     FRA
17     SERGENT Jesse     NZL
18     TURGOT Sébastien     FRA
            
AND     ANDRONI GIOCATTOLI - SIDERMEC     ITA
21     PELLIZOTTI Franco     ITA
22     CECCHINEL Giorgio     ITA
23     FRAPPORTI Marco     ITA
24     GAVAZZI Francesco     ITA
25     BANDIERA Marco     ITA
26     SELVAGGI Mirko     ITA
27     TORRES AGUDELO Rodolfo A.     COL
28     VIGANO' Davide     ITA
            
AST     ASTANA PRO TEAM     KAZ
31     NIBALI Vincenzo     ITA
32     AGNOLI Valerio     ITA
33     CAPECCHI Eros     ITA
34     FUGLSANG Jakob     DEN
35     GRIVKO Andriy     UKR
36     KOZHATAYEV Bakhtiyar     KAZ
37     SCARPONI Michele     ITA
38     SMUKULIS Gatis     LAT
            
BAR     BARDIANI CSF     ITA
41     COLBRELLI Sonny     ITA
42     ANDREETTA Simone     ITA
43     BARBIN Enrico     ITA
44     BOEM Nicola     ITA
45     BONGIORNO Francesco Manuel     ITA
46     PIRAZZI Stefano     ITA
47     ROTA Lorenzo     ITA
48     TONELLI Alessandro     ITA
            
BMC     BMC RACING TEAM     USA
51     VAN GARDEREN Tejay     USA
52     CARUSO Damiano     ITA
53     DE MARCHI Alessandro     ITA
54     DRUCKER Jean Pierre     LUX
55     OSS Daniel     ITA
56     PHINNEY Taylor     USA
57     QUINZIATO Manuel     ITA
58     VAN AVERMAET Greg     BEL
            
BOA     BORA - ARGON 18     GER
61     BARTA Jan     CZE
62     BENEDETTI Cesare     ITA
63     BENNETT Sam     IRL
64     BUCHMANN Emanuel     GER
65     KONRAD Patrick     AUT
66     NERZ Dominik     GER
67     SELIG Rudiger     GER
68     VOSS Paul     GER
            
CJR     CAJA RURAL - SEGUROS RGA     ESP
71     MADRAZO Angel     ESP
72     BILBAO LOPEZ Pello     ESP
73     GONCALVES Domingos     POR
74     GONCALVES José     POR
75     MAS Lluis     ESP
76     PARDILLA BELLON Sergio     ESP
77     ROSON Jaime     ESP
78     VILELA Ricardo     POR
            
CPT     CANNONDALE PRO CYCLING TEAM     USA
81     URAN URAN Rigoberto     COL
82     BAUER Jack     NZL
83     CLARKE Simon     AUS
84     FORMOLO Davide     ITA
85     KOREN Kristjan     SLO
86     LANGEVELD Sebastian     NED
87     NAVARDAUSKAS Ramunas     LTU
88     VILLELLA Davide     ITA
            
CCC     CCC SPRANDI POLKOWICE     POL
91     REBELLIN Davide     ITA
92     DE LA PARTE Victor     ESP
93     HONKISZ Adrian     POL
94     MARYCZ Jaroslaw     POL
95     MIHAYLOV Nikolay     BUL
96     OWSIAN Lukasz     POL
97     PLUCINSKI Lescek     POL
98     PONZI Simone     ITA
            
DDD     DIMENSION DATA     RSA
101     BOASSON HAGEN Edvald     NOR
102     BERHANE Natnael     ERI
103     CAVENDISH Mark     GBR
104     CUMMINGS Stephen     GBR
105     JANSE VAN RENSBURG Reinardt     RSA
106     RENSHAW Mark     AUS
107     SBARAGLI Kristian     ITA
108     SIUTSOU Kanstantsin     BLR
            
EQS     ETIXX - QUICK-STEP     BEL
111     MARTIN Tony     GER
112     BRAMBILLA Gianluca     ITA
113     GAVIRIA RENDON Fernando     COL
114     JUNGELS Bob     LUX
115     LAMPAERT Yves     BEL
116     STYBAR Zdenek     CZE
117     TRENTIN Matteo     ITA
118     VERMOTE Julien     BEL
            
FDJ     FDJ     FRA
121     PINOT Thibaut     FRA
122     BONNET William     FRA
123     GENIEZ Alexandre     FRA
124     LADAGNOUS Mathieu     FRA
125     LE BON Johan     FRA
126     MORABITO Steve     SUI
127     REICHENBACH Sébastien     SUI
128     ROUX Anthony     FRA
            
IAM     IAM CYCLING     SUI
131     HAUSSLER Heinrich     AUS
132     CLEMENT Stef     NED
133     FRANK Mathias     SUI
134     HOLLENSTEIN Reto     SUI
135     HOWARD Leigh     AUS
136     KLUGE Roger     GER
137     PANTANO GOMEZ Jarlinson     COL
138     SARAMOTINS Aleksejs     LAT
            
LAM     LAMPRE - MERIDA     ITA
141     ULISSI Diego     ITA
142     CONTI Valerio     ITA
143     CATTANEO Mattia     ITA
144     FERRARI Roberto     ITA
145     MODOLO Sacha     ITA
146     MORI Manuele     ITA
147     NIEMIEC Przemyslaw     POL
148     ZURLO Federico     ITA
            
LTS     LOTTO SOUDAL     BEL
151     DEBUSSCHERE Jens     BEL
152     BENOOT Tiesj     BEL
153     DE CLERCQ Bart     BEL
154     LIGTHART Pim     NED
155     MARCZYNSKI Tomasz     POL
156     MONFORT Maxime     BEL
157     ROELANDTS Jurgen     BEL
158     VALLS FERRI Rafael     ESP
            
MOV     MOVISTAR TEAM     ESP
161     VALVERDE BELMONTE Alejandro     ESP
162     AMADOR BAKKAZAKOVA Andrey     CRC
163     DOWSETT Ales     GBR
164     MORENO FERNANDEZ Daniel     ESP
165     OLIVEIRA Nelson     POR
166     SUTHERLAND Rory     AUS
167     SÜTTERLIN Jasha     GER
168     VISCONTI Giovanni     ITA
            
OGE     ORICA GREENEDGE     AUS
171     CHAVES RUBIO Johan Esteban     COL
172     DURBRIDGE Luke     AUS
173     EWAN Caleb     AUS
174     JUUL JENSEN Christopher     DEN
175     KEUKELEIRE Jens     BEL
176     MEZGEC Luka     SLO
177     TUFT Svein     CAN
178     YATES Adam     GBR
            
TGA     TEAM GIANT - ALPECIN     GER
181     ANDERSEN Soeren Kragh     DEN
182     ARNDT Nikias     GER
183     DE BACKER Bert     BEL
184      JONES Carter     USA
185     SINKELDAM Ramon     NED
186     STAMSNIJDER Tom     NED
187     TIMMER Albert     NED
188     WAEYTENS Zico     BEL
            
KAT     TEAM KATUSHA     RUS
191     RODRIGUEZ OLIVER Joaquin     ESP
192     BELKOV Maxim     RUS
193     CHERNETSKI Sergey     RUS
194     HALLER Marco     AUT
195     LOSADA ALGUACIL Alberto     ESP
196     MACHADO Tiago     POR
197     VAN DEN BROECK Jurgen     BEL
198     VICIOSO ARCOS Angel     ESP
            
TLJ     TEAM LOTTO NL - JUMBO     NED
201     BATTAGLIN Enrico     ITA
202     HOFLAND Moreno     NED
203     LEEZER Thomas     NED
204     ROGLIC Primoz     SLO
205     ROOSEN Timo     NED
206     TEUNISSEN Mike     NED
207     TJALLINGII Maarten     NED
208     VAN ASBROECK Tom     BEL
            
SKY     TEAM SKY     GBR
211     GOLAS Michal     POL
212     KENNAUGH Peter     GBR
213     KIRYIENKA Vasil     BLR
214     NORDHAUG Lars Petter     NOR
215     KWIATKOWSKI Michal     POL
216     POELS Wouter     NED
217     PUCCIO Salvatore     ITA
218     VIVIANI Elia     ITA
            
TFS     TREK - SEGAFREDO     USA
221     MOLLEMA Bauke     NED
222     DEVOLDER Stijn     BEL
223     CANCELLARA Fabian     SUI
224     COLEDAN Marco     ITA
225     IRIZAR ARANBURU Markel     ESP
226     NIZZOLO Giacomo     ITA
227     POPOVYCH Yaroslav     UKR
228     STUYVEN Jasper     BEL

Edited by Cristiano Ronaldo
Link to comment
Share on other sites

Fondi tutta la tirreno su una tappa e non hai un percorso alternativo. 

Vegni si deve dimettere. Ora. Incompetenti.

Adesso non esageriamo...sono d'accordissimo che basare una corsa su una tappa e senza alternative sia un errore mostruoso, ma Vegni ha fatto anche bei percorsi (vedi Giro 2015).

Link to comment
Share on other sites

Comunque ricapitolando Vegni ha tracciato una tappa rischiosa (ma cmq a quanto sembra fattibile tra l'altro) però l'annullamento preventivo è una mancanza di rispetto verso la corsa e verso gli atleti che impostano programmi e strategie sulla base dei percorsi presentati.

Ricordo che alla vigilia della tappa di Val martello 2014 dissi che sarebbe stato meglio virare preventivamente sul percorso B e qualche saggio (forse lasega) disse che sarebbe stato un grave abuso mettere in discussione un percorso senza constatarne la fattibilità effettiva.

In sostanza Vegni avrebbe anche potuto mettere l'unico Gpm della corsa sul gavia, ma nemmeno una idiozia di queste dimensioni giustifica un annullamento alla vigilia (che viceversa viene accolto da Uci e squadre come qualcosa di quasi normale)

Edited by ian
Link to comment
Share on other sites

Nibali constata che purtroppo è saltata una sfida che lui si sentiva di affrontare. Poi si sa che il gruppo è formato da 200 corridori e per almeno il 70% una tappa di montagna è sofferenza anonima.

Quindi non so cosa abbia fatto fuori dal vaso ma se anche ci fosse una maggioranza che lo insulta questo al limite qualificherebbe tale maggioranza.

Questo mi pare proprio un commento ad minchiam nonché ad personam.

Link to comment
Share on other sites

Ma va non è la prima volta che leggo uscite del genere.. La più plateale è stata "Avrei vinto molto di più se tutti fossero puliti" :wink: pensasse a correre al posto di parlare, come la minaccia uscita sempre oggi "stiamo pensando con la squadra ad un percorso alternativo al Giro" per mettere pressione agli organizzatore del giro.. Per favore ian, un po di obiettività

Link to comment
Share on other sites

In pratica sei d'accordo che sia stata fatta una minchiata, ma se lo dice Nibali che ti sta antipatico allora piuttosto preferisci ritwittare un clone americano scarso di Pozzato. E mi parli di obiettività? Che poi Nibali abbia il tweet facile ok, ma se nello specifico si schiera con il ciclismo pedalato sono del tutto d'accordo.

Sbagli proprio nello specifico a chiamare in ballo l'obiettività

Link to comment
Share on other sites

Grazie al piffero: c'è un conflitto di interessi. Guarda caso si sono esposti contro Nibali i corridori che hanno capitani che vanno a cronometro, mentre uno come Pinot si è schierato dalla parte di Nibali. 

Ritengo comunque indegno che si decida il giorno prima in base a delle previsioni. 

Link to comment
Share on other sites

Grazie al piffero: c'è un conflitto di interessi. Guarda caso si sono esposti contro Nibali i corridori che hanno capitani che vanno a cronometro, mentre uno come Pinot si è schierato dalla parte di Nibali. 

Ritengo comunque indegno che si decida il giorno prima in base a delle previsioni. 

Ma non è così difficile da capire, basta appunto un pochino di obiettività. Tra l'altro è normale che siano in maggioranza quelli che sarebbero stati tagliati fuori con una tappa di montagna.

Poi se parla Stybar alla fine è come chiedere all'oste se il vino è buono :P

 

Però il meglio è vedere gente che va contro le proprie idee (esposte anche qui dentro) pur di dare addosso a un corridore, al di là di ciò che dicono corridori che in qualsiasi altra circostanza sarebbero stati considerati riempitivi (Brammeier chi?)

Link to comment
Share on other sites

  • Admininistrators

Il problema è che Nibali fu il primo a rompere i coglioni per due granelli di sabbia e un po' di caldo in Oman quando conveniva a lui. E qua torniamo al punto della stronzata di un organismo composto da squadre e corridori (l'EWP) che decida sulle corse.

 

E se alla Roubaix piove cosa facciamo? Annulliamo tutto? Mi sembra un bel modo di darsi la zappa sui piedi. A questo punto non è tanto insensato il tentativo di ASO di crearsi un suo circuito, magari fuori dall'UCI, dove fa quel che gli pare, incluse queste situazioni

Link to comment
Share on other sites

Proprio perché condivido il concetto espresso metto in primo piano il fatto che sia condivisibile la posizione assunta (per quanto interessata), non chi la esprime. E sicuramente non sto con chi invece difende la decisione di non correre, per quanto comprenda l'interesse dietro alla posizione.

 

Poi per me Nibali avrebbe anche potuto schierarsi in passato a favore dell'uxoricidio, ma se dice una cosa sensata non posso contravvenire al buonsenso (e alla famosa obiettività) constatando favorevolmente che tanti gli danno addosso* (usando un paradosso sarebbe come dire ad una ragazza violentata che si mostra contraria a questo reato che assume quella posizione solo perché in questo caso si trova nei panni della vittima).

 

*Anche perché sono certo che non gli danno addosso per quanto disse in Oman alle idi di marzo del 44 a.C.

Link to comment
Share on other sites

Mi sembra un bel modo di darsi la zappa sui piedi. A questo punto non è tanto insensato il tentativo di ASO di crearsi un suo circuito, magari fuori dall'UCI, dove fa quel che gli pare, incluse queste situazioni

 

Non ho capito: ogni gara ha un DIRETTORE che organizza e decide in caso di problematiche. Qui non c'entrano ASO, RCS, UCI, WADA, CIA, FBI, o chissà cos'altro, qui è colpa del direttore di corsa che ha deciso l'annullamento senza neanche provare a correre la tappa. Quindi, il direttore si prenda le sue responsabilità di fronte a squadre, tv e sponsor, e vediamo quel che succederà. 

 

Proprio perché condivido il concetto espresso metto in primo piano il fatto che sia condivisibile la posizione assunta (per quanto interessata), non chi la esprime. E sicuramente non sto con chi invece difende la decisione di non correre, per quanto comprenda l'interesse dietro alla posizione.

 

Premetto che non sto nè da una parte nè dall'altra. Il gruppo è un organismo eterogeneo, formato da persone diverse con diverse mentalità (basta pensare a Paolini), e c'è ovviamente chi è più avvezzo a correre e a rischiare e chi no.

Obiettivamente non biasimo chi, potendo, non corre una tappa difficile (per lui) per vincere la corsa: certo è che se in futuro quelli che oggi hanno deciso di non correre faranno il contrario, non rompano il razzo accampando complotti

Link to comment
Share on other sites

Premetto che non sto nè da una parte nè dall'altra. Il gruppo è un organismo eterogeneo, formato da persone diverse con diverse mentalità (basta pensare a Paolini), e c'è ovviamente chi è più avvezzo a correre e a rischiare e chi no.

Obiettivamente non biasimo chi, potendo, non corre una tappa difficile (per lui) per vincere la corsa: certo è che se in futuro quelli che oggi hanno deciso di non correre faranno il contrario, non rompano il razzo accampando complotti

Trovo fuorviante il concetto di stare da una parte o dall'altra

Ieri c'erano le condizioni per correre sì o no?

Se la tappa non era adatta a te e l'hai scampata incassa la decisione favorevole, ma evita repliche offensive se uno fa presente che c'erano le condizioni per disputare la gara.

Da ultimo non so chi tra i corridori ha deciso di non correre (al limite ci sarà chi se ne è rallegrato) né chi ha accampato complotti.

 

ps: comunque i corridori hanno tutti la stessa mentalità, ovvero quella di vincere e nessuno è particolarmente avvezzo a rischiare (soprattutto di perdere le corse). Lo stesso Paolini si scopriva prudente in certi casi, ma Het Volk, Gand e altre corse al Nord mica le ha vinte con il sole, 25°C e i tratti di pavé neutralizzati. Stai sicuro che al contrario di ieri, se a un corridore da GT proponi di neutralizzare tappe con passaggi inutilmente pericolosi non si schiera tra quelli che vogliono correre a tutti i costi.

Link to comment
Share on other sites

belin, uno staccca due-tre giorni e quando torna si accorge che nel frattempo è successo il finimondo...

 

dico la mia, a partire da Nibali: se uno di lavoro fa il ciclista professionista e pianifica come primo appuntamento stagionale la Tirreno-Adriatico, e se poi, guardacaso, fa della salita il suo punto di forza; se poi l'unica tappa di salita viene annullata preventivamente (e non di fronte all'incontrovertibile impossibilità di portarla a compimento, cosa che si sarebbe potuta constatare soltanto il giorno stesso della corsa); se dopo tutto questo, quel ciclista si incazza con l'organizzazione, ne ha tutto il diritto a prescindere che si chiami Nibali o Tizio Caio. E se Pinot gli da ragione non è perché gli sta simpatico Nibali, ma perché anche lui ha fatto le proprie valutazioni, e del tutto legittimamente giudica falsata una corsa per la quale si era preperato da mesi. A maggior ragione nel suo caso, essendo Pinot francese e quindi avendo rinunciato più a malincuore alla contemporanea Parigi-Nizza

 

Poi non capisco come gli stessi utenti che (giustamente, dal mio punto di vista) attaccano Vegni (indifendibile sia l'annullamento con 24 ore di anticipo, sia soprattutto la mancanza di un piano B), poi attacchino anche Nibali che dice le stesse cose loro :D

 

In generale, invece: vero che la decisione finale sull'annullamento di una gara la prende la giuria e non l'organizzazione, ma 1) immagino che l'organizzazione il suo peso, cmq, ce l'abbia; 2) la giuria prende la decisione sulla base di quel che si trova davanti, e se davanti non c'è un piano B la colpa non è dei canuti giudici di Aigle, ma degli organizzatori che un piano B non hanno saputo (o voluto) predisporlo. Inoltre, nel momento in cui Vegni stesso si prende la briga lui di comunicare l'annullamento e di giustificarne le ragioni (anziché demandare il tutto ad un comunicato della giuria), è chiaro che si assume lui la responsabilità della scelta, sia nel bene (per chi la condivide e lo applaude) che nel male

Edited by smec-easyjet
Link to comment
Share on other sites

Cancellara va! Spero in un ultima stagione di fuoco e fiamme, a partire da domenica.

Sagan è il solito perdente di successo, ennesimo secondo posto. Ma, come ogni anno "si rifarà nelle classiche"

 

a fregare Sagan è la sua completezza, che gli permette di competere per quasi tutte le corse del calendario, pur senza essere quasi mai il più forte del lotto. E peggio ancora, anche se non è mai il più forte in assoluto, Sagan è quasi sempre il faro delle gare a cui partecipa, e tutti corrono su di lui: il che certo non gli facilita il compito.

 

Anche se ovviamente non è dio in terra e può migliorare nella situazione di certi frangenti di gara, non facciamo di Sagan uno zimbello: non se lo merita lui così come assoltamente non se lo merita l'altro bersaglio grosso del forum... Valverde

Link to comment
Share on other sites

Purtroppo Sagan si è fatto la nomea del fuoriclasse che forse non sarà mai.

Al contrario di un Bettini che è arrivato al ciclismo che conta senza pretese ed è stato osannato ad ogni gradino che inaspettatamente saliva lui sconta più degli altri ogni obiettivo mancato.

Se scambiassimo i suoi risultati di inizio anno con quelli di Van Avermaet, sua attuale bestia nera, diremmo che ha vinto molto ma deve vincere le classiche, altrimenti la sua stagione non è nulla di che. Invece sul belga l'aspettativa è certamente inferiore e anche se il suo bottino di inizio anno dovesse restare questo nessuno troverebbe nulla da dire.

Link to comment
Share on other sites