Jump to content
  • Sign Up

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2021 e Tour de France 2021sono finalmente disponibili
Leggi di più

Hai già scoperto i nostri tutorial?

Come sottoscrivo una mod su Steam? Come modifico un database? Come posso creare una maglia personalizzata? Per queste ed altre domande visita la nostra sezione tutorial!
Tutorial

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

La nostra RECENSIONE di Pro Cycling Manager 2020

Leggi e guarda la nostra recensione di Pro Cycling Manager 2020, a cura di BubbaDJ
Leggi di più

I Contest di Semifinale: le Tour d'Italie - Recensioni


emmea90

Recommended Posts

  • Admininistrators

Ecco i percorsi che avete presentato

FrancescoPalma: PDF - Presentazione nel Topic
Nasdon33: PDF - Presentazione nel Topic
Papaloukass: PDF - Presentazione nel Topic

In questo topic potete postare
A) Recensione di uno o più percorsi proprio o altrui
B) Segnalazione di uno o più errori nel proprio percorso (se siete cretini o masochisti) o in percorsi altrui
 
Non è necessario essere iscritti al contest per recensire un percorso. Le recensioni non hanno valore di voto ma possono ovviamente influenzare l'esito della scelta della giuria
 
Per scaricare i PDF dovete fare clic su scarica
21kgk89.png

Link to comment
Share on other sites

Palma: come già detto, le cose che non mi piacciono sono l'assenza di tappe verdi nella seconda settimana e le sole sei tappe per velocisti (ne avrei messa una settima). Le tappe intermedie sono per me troppe, quando mai un Tour ne metterà sette? Inoltre mi pare sbilanciato verso gli scalatori, le prime due cronometro sono mosse e l'ultima farà limitare i danni agli scalatori per via del loro buon recupero.

 

Nasdon: per me si comincia male, vista la partenza da La Valletta (a mio parere insignificante) e due tappe con circuiti che non si vedono mai in un GT (l'errore che facevo io). La distribuzione delle tappe mi piace (sette per velocisti, suddivise molto bene, e c'è una cronometro dove gli scalatori possono soffrire), ed anche la tappa finale in linea, più tipica per un Tour rispetto alla cronometro di Palma.

 

Papaloukasss: la prima cosa che noto dalla tabella riassuntiva è la cattiva distribuzione delle tappe (nessuna rossa nella prima settimana, una la avrei messa). Avrei pure inserito una cronometro gialla oppure una cronosquadre iniziale, ci sono tre cronometro piatte e individuali, troppe (anche se qualche strappetto è presente, ne avrei fatta una più selettiva). Inoltre non apprezzo il finale a cronometro. Il punto a favore di questo percorso è, invece, il tappone finale, che permette un attacco da lontano.

Link to comment
Share on other sites

Nasdon: per me si comincia male, vista la partenza da La Valletta (a mio parere insignificante) e due tappe con circuiti che non si vedono mai in un GT (l'errore che facevo io). La distribuzione delle tappe mi piace (sette per velocisti, suddivise molto bene, e c'è una cronometro dove gli scalatori possono soffrire), ed anche la tappa finale in linea, più tipica per un Tour rispetto alla cronometro di Palma.

Volevo piegare la scelta della riga sottolineata. La partenza da Malta deriva dal fatto che volevo evitare giorni di riposo dopo 3 tappe e contemporaneamente avere un percorso abbastanza lineare, per quanto riguarda i circuiti me ne rendo conto che due siano tanti, ma non c'era altro modo di sviluppare 3 tappe lì, inizialmente la seconda tappa era di un giro, ma 100km alla seconda tappa(in linea) sarebbe stato ridicolo.

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...
  • Admininistrators

I Contest: le Tour d’Italie
Considerazioni Generali
Partiamo dai vincoli: avevo messo la tappa finale a Roma per vedere come avreste affrontato un problema pari a quello di Parigi al Tour – ovvero ultima tappa lontano dalle montagne di riferimento. FrancescoPalma è riuscito a fare un trittico di montagna senza trasferimento eccessivo, scelta migliore: apprezzabile anche la scelta di Nasdon33 anche se con trasferimento mentre sicuramente fare una Rovereto > Crema per velocisti salvo poi trasferirsi a Roma è una scelta che non mi piace anche se comprensibile visto l’aver messo l’ultima tappa a cronometro mentre la scelta di Palma penalizza i velocisti che si trovano UNA sola tappa – la 17esima – a loro disposizione.
Ho messo 6 tappe rosse e 4 arrivi in salita come limite massimo. Francamente, devo dire, speravo faceste 5 e 3 data la natura del contest. Da questo punto di vista, deluso. La partenza dall’estero era per vedere se qualcuno osava rischiare con un trasferimento ma qualcosa che valesse la pena vedere (tipo che so, belgio) – nessuno ha osato.
Con le cronometro ci siamo tutti. Anche qua ho dato un limite minimo. Per 6 tappe con 4 arrivi in salita avrei preferito vedere in un tour del genere sui 100 km a crono. Devo dire che vi siete avvicinati tutti più o meno alla quantità desiderata. Quello dei 2000 metri era per puro divertimento e per vedervi alle prese con salite meno note di quelle a cui siamo abituati.

 

FrancescoPalma
Intanto manca la planimetria generale. E una cronometro di 9 km non è considerabile come “prologo” a differenza di quanto scritto in traccia. Mancano pure le descrizioni delle tappe in cui sarebbe stata gradita una spiegazione delle scelte.
Le tappe per velocisti sono un po’ poche e disposte male. Considerato che la 2 e la 3 non lo sono per niente, ne restano solamente quattro a disposizione. A mio parere veramente poche, specie per come era impostata la traccia. Lunghezza delle tappe di montagna: la più corta è 178, la più lunga 227. Sono mediamente lunghe ma, di fatto, sono tutte la stessa cosa – avrei visto bene una tappa sprint e una sfida sul fondo in una over 240.
Arrivi in salita: troppi. Addirittura tre nelle tappe gialle – di cui due come Cerro Veronese e Massa e Cozzile dicono poco o nulla.
Analizziamo le singole tappe:
• Cronometro. Così, piatta, non ha senso. O più corta (4-5) o più lunga (15-20). Non è né carne, né pesce.
• 2a tappa. Con una salita di 8 km al 7% di certo la tappa non si può classificare come verde. Specie se messa lì.
• 3a tappa. Qua avrei messo uno sprint.
• 4a tappa. Non capisco il senso di una salita in una TTT. Non lo capisco
• 5a e 6a sono standard, c’è poco da commentare
• 7a tappa. Fermo restando che siamo andati al limite del rosso è una tappa che non dice niente. Una salita, anonima, alla fine. Solo 142, tutto piattume. Si poteva rivedere la prima settimana magari mettendo qua la ITT e cominciando con la TTT. Oppure sfruttare meglio le salite dietro verona.
• 8a tappa. Perfetta approccio graduale e con salite che volevo vedere
• 9a tappa. Questa invece è proprio quella che NON volevo vedere. Queste salite stanno alle salite francesi come Cecchi Paone alla figa.
• 10a tappa. Serve a confermare una sgradevole sensazione: si sta girando intorno nello stesso posto.
• 11a tappa. Finale carino ma non originale. E’ il Lombardia con l’arrivo a Como col muro al posto della Colma. Avrei modificato con l’arrivo dopo il Civiglio preso dal lato più duro.
• 12a tappa. Non ho capito il senso di prendere Superga e arrivare a Chieri. Specie dato il fatto che dalla parte di Torino la discesa è più tecnica.
• 13a tappa. Molto, molto, molto bella. Paradossalmente trovo che l’arrivo in salita la rovini e che si possa arrivare a Genova.
• 14a tappa. Fauniera e Sampeyre erano le prime salite che pensavo quando ho scritto la traccia. Sono contento di vedere che qualcuno le ha messe anche se le avrei prese nel senso opposto.
• 15a tappa. Ora, abbiam messo la (inutile) salita nella TTT. Secondo me Pramartino snatura la crono (oltre al fatto che siamo andati giù e ora torniamo su). 15 tappe e il punto più a Sud, finora, è Madonna della Guardia
• 16a tappa. Ecco l’altra tappa che non mi dice assolutamente niente di niente. Zero. Sarebbe bastato scendere e arrivare a Montecatini. Soprattutto non mi si può spacciare per gialla una tappa con due salite da 12 chilometri.
• 17a tappa. Ok, poi i velocisti se ne vanno per quanto già detto sopra
• 18-19-20a tappa. La scelta di fare il trittico al sud risulta forse eccessivamente penalizzante per il percorso. Bene la prima tappa, anche se troppo blanda a questo punto della gara. La seconda invece mi stupisce in positivo, nel senso che non è facile tirare fuori qualcosa di decente in sta zona mentre il Blockhaus è un classico, prevedibile ma che è forse l’unica cosa da fare.
• 21a tappa. Ma che **** di senso ha la partenza in discesa in una crono?
Considerazioni finali sul percorso: insufficiente, seppur di poco. Salva forse la baracca il trittico finale e la scelta. Si concentra troppo al Nord. Gialle da rivedere, tutte. Cronometro maldistribuita e francamente troppe 4 tappe a crono in un grande giro. Avevo detto di fare un giro stile ASO, ma manca la classica tappa da fughe.

Papaloukass
Anche qua planimetria generale optional. Devo dire che mi piace come è stata approcciata la partenza, molto stile ASO. C’è forse un eccessivo sbilanciamento nel finale – apprezzo una tappa di montagna da 232 (ma anche qua ricadiamo nel problema di Palma di prima). In compenso la distribuzione delle tappe, come numero, mi pare migliore.
Analizziamo le singole tappe.
• Prologo: ok
• 1° tappa: carina, non banale ma comunque per sprinter
• 2° tappa: mi piace
• 3-4-5: più o meno sulla stessa linea. Avrei forse fatto un altro sprint prima e messo uno strappo alla terza
• 6: per me questa è rossa e 10 km al 6% sono un 1° categoria
• 7: ok
• 8: anche questa per me è rossa – una salita di 25 km al 5% è almeno 1° categoria.
• 9: poco da dire, per me è ok
• 10: mi piace come approccio alle salite e l’Amiata si rifà alle salite francesi
• 11: anche qua poco da dire ma mi piace il fatto che il finale può dare spazio a ventagli
• 12: questa secondo me è rossa e ci sono almeno 2 gpm classificati al ribasso
• 13: questa mi piace, mi ricorda proprio le tappe francesi alpine
• 14: idem come sopra, però nel complesso una dopo l’altra è forse troppo duro
• 15: mi piace ma avrei messo forse più salite dopo colle brianza
• 16: ok, anche se non avrei sconfinato
• 17: l’arrivo sull’Alpe di Siusi non è proprio tipico da Tour, anche se con un paragone con l’Alpe d’Huez ci può stare. Non è comunque necessariamente duro come Pampeago.
• 18: a questo punto avrei messo questa tappa ed una salita più facile prima della 17.
• 19: ok lo sprint – come ho già detto prima, però, anche vista la lunghezza della crono avrei fatto qua il maxitrasferimento
• 20: un po’ troppo lunga per essere una crono finale
Considerazioni: secondo me è troppo duro. Ha alcune buone cose, forse nel complesso migliori di quello di Palma ma c’è da considerare l’aver mascherato due rosse da gialle. Ci sono tante tappe dure ma non si vede un vero e proprio tappone – forse quello di Pieve ma è troppo presto. In generale avrei voluto vedere un tour molto, molto meno duro di questo.

Nasdon33
Finalmente una planimetria. Allora non era difficile, dai! Mi piace la partenza (avevo fatto un giro con partenza a Malta). Distribuzione delle tappe rosse, tutto sommato, giusta.
Planimetria lineare e bilanciata, tutto sommato. Partenza un po’ troppo mossa ma nel complesso prima settimana giusta. Mi piace la quantità e la distribuzione di cronometro. Vediamo le tappe nel dettaglio.
• Prologo: poco da dire
• 1: Mancano pendenze medie dei gpm ma mi sembra la sprinter
• 2: Ok, anche se non mi convince il circuito
• 3: Due salite di 11 e 15 km, seppur al 5 la portano molto al limite della rossa
• 4: direi che più o meno ci sta
• 5: idem
• 6: bene la tappa per ventagli. Da capire come può essere interpretato lo strappo ma non la butterei via.
• 7: interessante, ben collocata e non eccessivamente dura.
• 8: mi piace, anche se avrei preferito vedere una gialla a muretti
• 9: non mi piace l’idea di una crono lunga in riva al mare visto che i cambi di direzione del vento possono alla lunga falsare la prova.
• 10: ok
• 11: sono in dubbio sull’agibilità del San Pellegrino in alpe – non mi sembra, comunque, un arrivo adatto alla descrizione della traccia
• 12: ok (un po’ troppe tappe sul mare?)
• 13: non mi ispira del tutto, forse troppo facile
• 14: mi piace, salite perfette
• 15: poco da dire – è uno sprint
• 16: mi piace, vedi 14, salite giuste
• 17: molto bella, specie all’inizio del trittico finale
• 18: finalmente qualcuno che ha messo LO stelvio che in italia è LA salita da tour de France, specie se preceduta dal Gavia. Una tappa quasi perfetta.
• 19: tappa che anche qua mi sembra adatta alle caratteristiche del contest.
• 20: passerella che se non è forse la soluzione per tenere la corsa attiva fino all’ultimo giorno ci sta dopo quel trittico e non rovina il percorso. Peccato per il maxitrasferimento, avrei preferito vedere la sfida di provare a fare un trittico appenninico accolta com1\0e ha fatto Palma.
Considerazioni: credo sia il percorso che meglio ha centrato i vincoli e lo spirito della traccia – e lo ha fatto per distacco pressoché netto. In particolare credo che la differenza la facciano le due tappe di Stelvio e Monte Giovo. Manca secondo me una gialla “dura” a muretti mentre avrei allungato di un 10-15 km la tappa dello Stelvio.

Considerazioni Finali
Escludo immediatamente il percorso di Papaloukass – troppo duro. Ci sono tappe apprezzabili, forse dei “picchi” migliori di quelli di Palma ma ci sono troppi errori concettuali nel complesso. Rimangono Palma e Nasdon – da un lato apprezzo la scelta di Palma di proporre le tappe di montagna finali vicino a Roma, che era quello che volevo vedere, dall’altro il percorso di Nasdon è forse più completo anche e soprattutto come distribuzione delle tappe. E’ proprio questa la scelta, insieme alla qualità, che mi fa propendere per assegnare la vittoria del primo contest a Nasdon33: imperdonabile ed errata la distribuzione delle tappe per velocisti nel percorso di Palma. Nasdon33, FrancescoPalma, Papaloukass quindi la mia classifica per questo contest.

 

Nasdon33 è quindi il primo finalista.

Link to comment
Share on other sites

  • Admininistrators

Sì, effettivamente ho calcato troppo...

Ma era il mio quello di Bastianich?

 

No, quello di Palma, il primo che ho corretto. 

 

Il tuo nell'idea non è male, come ho scritto. Però sei andato troppo duro e questo lo ha fatto finire terzo. 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


×
×
  • Create New...