Jump to content
  • Sign Up

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2021 e Tour de France 2021sono finalmente disponibili
Leggi di più

Hai già scoperto i nostri tutorial?

Come sottoscrivo una mod su Steam? Come modifico un database? Come posso creare una maglia personalizzata? Per queste ed altre domande visita la nostra sezione tutorial!
Tutorial

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

La nostra RECENSIONE di Pro Cycling Manager 2020

Leggi e guarda la nostra recensione di Pro Cycling Manager 2020, a cura di BubbaDJ
Leggi di più

Recommended Posts

e allora vai con l'Amstel!

01EArib.jpg

JcWEEey.png

CLASSIFICA DI COPPA DEL MONDO

eEmHfmR.png

@Stylus@.::Cancellara91::.@deddi@Caschettointesta@Lory94ITA@Big white@superalex@pantanibali3@vivailciclismopulito@fedegram@losqualo90@Cune2000@Noris85@MattH

Bella corsa, quanto meno un po' diversa dal solito! Con il Cauberg allontanato dall'arrivo e gente come Sagan in corsa, abbiamo fatto corsa dura da lontano per mettere subito fuori gioco i velocisti, poi quando Izagirre è riuscito a rientrare sulla fuga insieme a Froome e Barguil, dietro per Rui si era messa bene e ho pensato di non rispondere allo scatto di Gallopin e i due italiani perché cmq davanti c'era ancora Jon e Rui poteva risparmiarsi per il finale. Però 'sto Mollema ne ha avuta di più! e sì che sono anzianotti tutti e due, leva '86 quindi anno dei 33...

 

Link to comment
Share on other sites

9 minutes ago, Simone Buonocore said:

Dai non è andata male, peccato per il finale, mancavano un po' le energie?

bah, purtroppo - come sempre, per quel che mi riguarda - a Pcm o riesco ad arrivare da solo, oppure in volata mi sorpassa pure un'Ape Piaggio in avaria... e in più quando Mollema è partito, come al solito, nessuno ha dato un cambio a Rui per cercare di ricucire.

Link to comment
Share on other sites

Moser nel 2019 ad Aprile è al massimo a fare aperitivi a Tenerife con Pozzato! Su Mollema che vince la versione più facile dell'Amstel :o...azione alla Sckleck Liegi 2011.

Amoruso salva la baracca tra i giovani italiani comunque (Moser è una specie di Betancur)

Link to comment
Share on other sites

9 minutes ago, Stylus said:

Moser nel 2019 ad Aprile è al massimo a fare aperitivi a Tenerife con Pozzato! Su Mollema che vince la versione più facile dell'Amstel :o...azione alla Sckleck Liegi 2011.

Amoruso salva la baracca tra i giovani italiani comunque (Moser è una specie di Betancur)

e pensa che in questa story, invece, corre ancora pure Pozzato che l'anno scorso (2018) se ti ricordi ha fatto secondo al Fiandre grazie a una fuga bidone :P 

Edited by smec-easyjet
Link to comment
Share on other sites

Ed eccoci al Giro d'Italia 2019! Subito un numero speciale di Radiocorsa, la presentazione delle tappe, la startlist completa e il palmarés di alcuni dei favoriti: diciamo dei più esperti, ma attenzione perché nelle pieghe degli iscritti si nascondono molti altri potenziali uomini d'alta classifica:

8dVobcS.png

uZDaaPe.png

GvqJfxs.png

uZ8DHbg.png

Per maggiori dettagli sul percorso, vi rimando alla presentazione fatta lo scorso autunno: parte 1, parte 2, parte 3.

Nello spoiler, invece, il riepilogo delle tappe e la classifica generale dell'anno scorso:

Spoiler

NmrcFvd.png

P4DfHW3.png

CLASSIFICA GENERALE 101º GIRO D'ITALIA
1 Vincenzo Nibali Edison-Trek in 87h40'42 "

2 Leonardo Iznata Clube de Ciclismo os Tugas-Pingo Doce a 2'45 "
3 Fabio Aru Team Saeco a 3'10 "
4 Nairo Quintana Banesto-Santander a 4'10 "
5 Rafal Majka Mapei-Latexco a 5'19 "
6 Rigoberto Urán Cannondale-Sharp a 6'07 "
7 Mattia Cattaneo Ag2r La Mondiale a 6'56 "
8 Daniel Martin Beijing Cycling Project a 7'15 "
9 Diego Rosa Balocco-Merida a 7'57 "
10 Ruben Fernández Oakley-FACT a 8'41 "
11 Bauke Mollema Team LottoNL-Jumbo a 9'04 "
12 Davide Formolo Diadora-Geox a 15'02 "
13 Thibaut Pinot Edison-Trek a 17'47 "
14 Mikel Landa Oakley-FACT a 18'37 "
15 Jan Polanc Balocco-Merida a 18'41 "
16 Julian Arredondo Mapei-Latexco a 22'43 "
17 Julian Alaphilippe PMU.fr a 22'55 "
18 Roman Kreuziger Mapei-Latexco a 24'23 "
19 Tiago Machado Clube de Ciclismo os Tugas-Pingo Doce a 24'52 "
20 Peter Kennaugh Team Dimension Data a 27'26 "
21 Hugo Houle Beijing Cycling Project a 31'28 "
22 Matteo Rabottini Vini Fantini-Nippo a 35'00 "
23 Davide Villella Diadora-Geox a 36'05 "
24 Luis Henriques Clube de Ciclismo os Tugas-Pingo Doce a 36'06 "
25 Giovanni Visconti Team Saeco a 36'10 "
26 Darwin Atapuma Oakley-FACT a 39'10 "
27 Gianluca Brambilla Edison-Trek a 39'29 "
28 Carlos Verona Banesto-Santander a 39'47 "
29 Charly Dana Cannondale-Sharp a 41'24 "
30 Diego Ulissi Banesto-Santander a 43'05 "
31 António Carvalho Clube de Ciclismo os Tugas-Pingo Doce a 43'30 "
32 Leopold König Edison-Trek a 45'22 "
33 Michal Kwiatkowski Team Dimension Data a 45'33 "
34 Jérôme Coppel Team LottoNL-Jumbo a 46'18 "
35 Beñat Intxausti Orica-Sky GreenEdge a 46'56 "
36 Yonathan Monsalve Oakley-FACT a 47'23 "
37 Tanel Kangert Balocco-Merida a 47'30 "
38 Ildus Saburov Tinkoff-Velux a 51'59 "
39 Gianfranco Zilioli Team Saeco a 53'15 "
40 Adam Yates Orica-Sky GreenEdge a 54'34 "
41 Ryder Hesjedal Beijing Cycling Project a 56'02 "
42 Dmitri Poliukov Tinkoff-Velux a 57'42 "
43 Clarke Hawthorn One Pro Cycling Team a 1h01'43 "
44 Dominik Nerz Team LottoNL-Jumbo a 1h02'49 "
45 Fabrizio Amoruso Balocco-Merida a 1h05'53 "
46 Fabio Felline Diadora-Geox a 1h07'50 "
47 Jarlinson Pantano Beijing Cycling Project a 1h10'07 "
48 Edoardo Zardini Panaria-Bardiani a 1h10'47 "
49 Miguel Ángel López Oakley-FACT a 1h11'07 "
50 Matias Nieminen Cipollini Warriors a 1h14'16 "
51 Jesus Herrada Clube de Ciclismo os Tugas-Pingo Doce a 1h17'25 "
52 Winner Andrew Anacona Oakley-FACT a 1h17'58 "
53 Stefano Pirazzi Panaria-Bardiani a 1h19'16 "
54 Janez Brajkovic Orica-Sky GreenEdge a 1h20'14 "
55 Andrew Talansky Cannondale-Sharp a 1h20'39 "
56 Sergey Chernetskiy Beijing Cycling Project a 1h23'07 "
57 Manoel Conceição Banesto-Santander a 1h27'18 "
58 Dario Cataldo Diadora-Geox a 1h28'11 "
59 Janhua Guo Beijing Cycling Project a 1h30'22 "
60 Cyril Gautier Banesto-Santander a 1h31'35 "
61 José Nogueira Clube de Ciclismo os Tugas-Pingo Doce a 1h39'58 "
62 George Bennett Cannondale-Sharp a 1h41'58 "
63 Davide Malacarne Diadora-Geox a 1h43'44 "
64 Werner Marchesan Panaria-Bardiani a 1h43'45 "
65 Crescenzo Scurto BMC Racing Team a 1h46'21 "
66 Enrico Barbin Panaria-Bardiani a 1h49'46 "
67 Jonathan Castroviejo Oakley-FACT a 1h50'44 "
68 Ben Swift Cipollini Warriors a 1h51'00 "
69 Fausto Masnada Team Saeco a 1h51'34 "
70 Sonny Colbrelli Tinkoff-Velux a 1h53'13 "
71 Alexey Lutsenko Ag2r La Mondiale a 2h01'28 "
72 Tom Jelte Slagter Cannondale-Sharp a 2h04'05 "
73 Emil Marcello Panaria-Bardiani a 2h08'00 "
74 Gianni Moscon Orica-Sky GreenEdge a 2h10'12 "
75 Andrea Manfredi Team Saeco a 2h10'47 "
76 Julien Morice Ag2r La Mondiale a 2h11'24 "
77 Igor Pashinin Tinkoff-Velux a 2h11'25 "
78 Kun Jiang Beijing Cycling Project a 2h11'30 "
79 Lars Petter Nordhaug Banesto-Santander a 2h14'22 "
80 Michael Matthews Orica-Sky GreenEdge a 2h14'46 "
81 Enrico Ruffini Panaria-Bardiani a 2h15'57 "
82 Ben Gastauer Team Dimension Data a 2h16'38 "
83 Onni Hämäläinen Orica-Sky GreenEdge a 2h19'34 "
84 Steve Bekaert BMC Racing Team a 2h20'04 "
85 Nicolas Roche Lotto-Australia Post a 2h20'08 "
86 Josue Moyano Vini Fantini-Nippo a 2h20'42 "
87 Simone Ponzi Vini Fantini-Nippo a 2h23'07 "
88 Morgan Bewley Cannondale-Sharp a 2h23'41 "
89 Simone Stortoni Ag2r La Mondiale a 2h24'52 "
90 Andrey Balayan Tinkoff-Velux a 2h25'50 "
91 Alexsandr Dyachenko Ag2r La Mondiale a 2h28'12 "
92 Petr Vakoc Mapei-Latexco a 2h31'27 "
93 Andrea Francescon Vini Fantini-Nippo a 2h33'14 "
94 Calvin Watson Edison-Trek a 2h33'24 "
95 Wang Yip Tang Beijing Cycling Project a 2h33'46 "
96 Andrea Zordan Diadora-Geox a 2h36'55 "
97 José Joaquin Rojas Gil Banesto-Santander a 2h40'06 "
98 Jacques Janse Van Rensburg Oakley-FACT a 2h44'16 "
99 Sergio Pardilla Oakley-FACT a 2h46'34 "
100 Thijs Raymaeckers Lotto-Australia Post a 2h48'07 "
101 Lachlan Morton One Pro Cycling Team a 2h51'13 "
102 Stefano Agostini Vini Fantini-Nippo a 2h51'52 "
103 Patrick Lamberg Lotto-Australia Post a 2h52'15 "
104 Clément Koretzky PMU.fr a 2h53'00 "
105 Ian Stannard Cipollini Warriors a 2h53'22 "
106 José Luis Miraglia Team Dimension Data a 2h55'54 "
107 Marco Marcato Edison-Trek a 2h56'59 "
108 Kirill Pozdnyakov Tinkoff-Velux a 2h57'48 "
109 Anthony Delaplace Team LottoNL-Jumbo a 2h59'00 "
110 John Devine BMC Racing Team a 2h59'04 "
111 Bryan Baverstock One Pro Cycling Team a 2h59'52 "
112 Timofey Kritskiy Tinkoff-Velux a 3h01'06 "
113 Giacomo Nizzolo BMC Racing Team a 3h02'18 "
114 Bjarne Allum Team LottoNL-Jumbo a 3h03'51 "
115 Pieter Serry Edison-Trek a 3h03'53 "
116 Richard Misiti Cipollini Warriors a 3h05'28 "
117 Caleb Ewan Orica-Sky GreenEdge a 3h05'49 "
118 Andrey Sayun Ag2r La Mondiale a 3h07'43 "
119 Laurent Pichon PMU.fr a 3h10'23 "
120 Dylan Groenewegen Team LottoNL-Jumbo a 3h12'38 "
121 Mikhail Ignatiev Tinkoff-Velux a 3h13'07 "
122 Elia Favilli Vini Fantini-Nippo a 3h14'58 "
123 Pengda Jiao Beijing Cycling Project a 3h17'43 "
124 Theo Verbraken Mapei-Latexco a 3h19'06 "
125 Alfons Tevreden Team LottoNL-Jumbo a 3h19'45 "
126 Frederico Figueiredo Clube de Ciclismo os Tugas-Pingo Doce a 3h21'45 "
127 Michele Merlo Balocco-Merida a 3h22'34 "
128 Andranik Lapshin Tinkoff-Velux a 3h23'28 "
129 Mark Cavendish Cipollini Warriors a 3h25'47 "
130 Klaus Kohlvelter Mapei-Latexco a 3h26'34 "
131 Dan Megson One Pro Cycling Team a 3h29'47 "
132 Banga Mwaruwari Team Dimension Data a 3h32'06 "
133 Jens Keukeleire Lotto-Australia Post a 3h35'06 "
134 Nick Van der Lijke Team Saeco a 3h37'25 "
135 Daryl Impey Team Dimension Data a 3h37'33 "
136 Elia Viviani Balocco-Merida a 3h38'02 "
137 Moreno Hofland Lotto-Australia Post a 3h42'20 "
138 Daniele Ratto Diadora-Geox a 3h43'46 "
139 Andrea Fedi Panaria-Bardiani a 3h47'33 "
140 Guillaume Van Keirsbulck Mapei-Latexco a 3h49'14 "
141 Leonardo Pinizzotto Cipollini Warriors a 3h49'20 "
142 Richard Handley One Pro Cycling Team a 3h50'12 "
143 Emilien Viennet PMU.fr a 3h52'29 "
144 Andrea Guardini Vini Fantini-Nippo a 3h54'36 "
145 Dylan Van Bronckhorst Team Dimension Data a 3h55'00 "
146 Rick Zabel BMC Racing Team a 3h55'05 "
147 Tom Van Asbroeck Team LottoNL-Jumbo a 3h56'12 "
148 Yves Lampaert Mapei-Latexco a 3h58'43 "
149 Luca Dodi Balocco-Merida a 3h59'41 "
150 Grega Bole Vini Fantini-Nippo a 4h01'54 "
151 Yannick Martinez PMU.fr a 4h04'47 "
152 Pavel Potocki Balocco-Merida a 4h05'29 "
153 Brian Rugg Orica-Sky GreenEdge a 4h06'21 "
154 José Antonio Domingues Clube de Ciclismo os Tugas-Pingo Doce a 4h10'18 "
155 Matteo Pelucchi Diadora-Geox a 4h11'33 "
156 Martin Kohler BMC Racing Team a 4h11'51 "
157 Marco Haller Team Saeco a 4h14'55 "
158 Guillaume Boivin Cannondale-Sharp a 4h17'40 "
159 Pierfilippo Marguerettaz BMC Racing Team a 4h19'44 "
160 Alex Dowsett BMC Racing Team a 4h20'10 "
161 Leigh Howard Lotto-Australia Post a 4h20'58 "
162 Dirk-Jan Schindeler Cannondale-Sharp a 4h22'12 "
163 Jan Tratnik Team Dimension Data a 4h22'52 "
164 Sébastien Turgot Banesto-Santander a 4h26'50 "
165 Danny Van Poppel Edison-Trek a 4h34'05 "
166 Takao Shimizu Vini Fantini-Nippo a 4h34'55 "
167 Maxime Daniel Ag2r La Mondiale a 4h36'57 "
168 Tony Hurel PMU.fr a 4h40'41 "
169 Jan Ghyselinck Lotto-Australia Post a 4h40'56 "
170 Jannes Derraz Lotto-Australia Post a 4h46'32 "
171 Eugenio Alafaci Balocco-Merida a 4h51'35 "
172 Lorenzo Orsini Team Saeco a 4h52'24 "
173 Andreas Hofer Banesto-Santander a 4h53'58 "
174 Edvin Wilson One Pro Cycling Team a 4h56'21 "
175 Erik Mohs Team Dimension Data a 4h59'20 "
176 Benjamin Giraud Ag2r La Mondiale a 5h00'36 "
177 Alberto Cecchin Cipollini Warriors a 5h01'12 "
178 Stijn Steels Lotto-Australia Post a 5h03'41 "
179 Jacopo Guarnieri Diadora-Geox a 5h06'06 "
180 Angelo Tulik PMU.fr a 5h07'29 "
181 Elie Mallet PMU.fr a 5h15'18 "

Infine, ecco l'albo d'oro recente del Giro

hAX5N0H.png

@Stylus@.::Cancellara91::.@deddi@Caschettointesta@Lory94ITA@Big white@superalex@pantanibali3@vivailciclismopulito@fedegram@losqualo90@Cune2000@Noris85@MattH

Edited by smec-easyjet
Link to comment
Share on other sites

Grazie del refresh sul percorso e per la start list completa. Indecenti a mio avviso le continental italiane come la Sidi Pinarello e la Vini Fantini (Guardini lo vedo male), a meno che la story abbia preso una piega così imprevedibile che siano diventati tutti buoni ciclisti, per esempio il capitano della Sidi chi é? Zardini è cresciuto cosi bene? E nella Wilier vedo quasi tutti nomi che già da un paio d'anni nella realtà hanno lasciato il professionismo, non posso pensare che possano fare faville (o Favilli, lol) Discutibile anche la scelta di tante squadre di puntare su così tanti velocisti quando il percorso gli arrivi semplici li presenta sulle dita di una mano.

 

Per concludere, non so a che livello sia arrivato Pinot però, salvo sorprese Tugas vedo Zakarin favorito!

Edited by Stylus
Link to comment
Share on other sites

1 minute ago, Stylus said:

Grazie del refresh sul percorso e per la start list completa. Indecenti a mio avviso le continental italiane come la Sidi Pinarello e la Vini Fantini (Guardini lo vedo male), a meno che la story abbia preso una piega così imprevedibile che siano diventati tutti buoni ciclisti, per esempio il capitano della Sidi chi é? Zardini è cresciuto cosi bene? E nella Wilier vedo quasi tutti nomi che già da un paio d'anni nella realtà hanno lasciato il professionismo, non posso pensare che possano fare faville (o Favilli, lol) Discutibile anche la scelta di tante squadre di puntare su così tanti velocisti quando il percorso gli arrivi semplici li presenta sulle dita di una mano.

però ci sono cmq anche molti uomini di classifica, tanto che per quantità (e forse anche qualità) la paragonerei alla startlist del vero Giro di quest'anno. Froome e Nibali probabilmente troppo in là con gli anni (idem Rui), ma Aru, Pinot, Majka, Landa ed Henao sono nel pieno della loro maturità, Miguel Angel Lopez potrebbe/dovrebbe esplodere e idem gli Yates... tra gli italiani, Cattaneo e Formolo in salita valgono i migliori del lotto. Quanto alle Professional, beh, in effetti Wilier molto scarsa, ma Merlo ha cmq un valore discreto in volata e Monguzzi mi pare un 77 in collina che lo rende un interessante corridore da fughe. La Sidi (che poi sarebbe la vecchia Bardiani) ha uno Zardini da possibile top 15-20, e soprattutto ha un Wackermann che è venuto fuori come velocista abbastanza forte e Albanese per le tappe vallonate, direi che non è più scarsa della Bardiani vera: anzi! Poi c'è la Fantini-Nippo: Guardini per qualche piazzamento in volata, e Rabottini altro nome da tenere d'occhio per le tappe, è in gran forma avendo rivinto recentemente una corsa (una tappa al Turchia, e mi pare che prima avesse vinto anche qualche altra corsa minore) quindi mai dire mai.

Quanto a noi: la mia idea era fare classifica con Joaquim Silva, ma temo che con i valori bassi di pianura e crono pagherà tantissimo e si presenterà alle montagne già stanco anche se la mia speranza, da questo punto di vista, è che arrivando le Alpi abbastanza presto, si possa ancora salvare. E poi c'è Rui, che già l'anno scorso alla Vuelta non è riuscito a fare una gran classifica, ha 33 anni e dovrebbe puntare solo alle tappe. Però in partenza proverà anche a fare classifica, sperando di mettere fieno in cascina nella cronometro di Rodi Garganico.

Link to comment
Share on other sites

9 minutes ago, Stylus said:

Quali sono i nomi pesanti di classifica rimasti fuori? Spilak, Quintana, Bardet, Chaves, Van Garderen, chi altri?

beh, Dumoulin pure nella mia story ha un doppio 79 tra montagna e crono che lo rendono uno dei corridori da GT potenzialmente più forti, anche se fin qui non lo ha dimostrato; quindi pure lui è un big tra quelli rimasti fuori. Oltre a lui e ai nomi che ha fatto tu, citerei pure una caterva di olandesi (Kruijswijk, Kelderman e Poels), Wellens (che è venuto su da gare a tappe), Jungels, Vuillermoz (pure lui venuto su molto bene), Bartrés (il "nuovo Indurain" della Banesto, molto forte a crono ma meno in salita, fin qui non ha mai combinato granché sulle tre settimane ma a inizio stagione si era messo in mostra alla Setmana Catalana) e... il nostro Leo Iznata, che quest'anno punta tutto sul Tour dopo aver fatto secondo al Giro l'anno scorso e, due anni fa, terzo al a Giro e quarto alla Vuelta.

Edited by smec-easyjet
Link to comment
Share on other sites

Si inzia con la prima tappa, una cronometro in linea breve ma che sicuramente segnerà già i primi distacchi in classifica: per i Tugas, la prima carta da giocare nella speranza di vincere almeno una tappa è quella dello specialista Jesús Herrada. Vediamo com'è andata:

UrB2ler.png

CLASSIFICA GENERALE COMPLETA DOPO LA 1ª TAPPA

Spoiler

JjU45hi.png

@Stylus@.::Cancellara91::.@deddi@Caschettointesta@Lory94ITA@Big white@superalex@pantanibali3@vivailciclismopulito@fedegram@losqualo90@Cune2000@Noris85@MattH

Edited by smec-easyjet
Link to comment
Share on other sites

Tempi grami per la Rai nel 2019, neanche più le trasferte per la diretta in Sardegna fa :(

Comunque Durbridge è letteralmente volato! :o :shock: Che distacchi ha fatto in nove chilometri?

Ma la regola del prologo è dei 7? Io pensavo dei 10...

e visto la tanta crono, mi gioco Dennis come sorpresa 8)

Link to comment
Share on other sites

47 minutes ago, Stylus said:

Tempi grami per la Rai nel 2019, neanche più le trasferte per la diretta in Sardegna fa :(

Comunque Durbridge è letteralmente volato! :o :shock: Che distacchi ha fatto in nove chilometri?

Ma la regola del prologo è dei 7? Io pensavo dei 10...

e visto la tanta crono, mi gioco Dennis come sorpresa 8)

è che, visto il grande successo, ormai La Grande Corsa si è presa tutto il pomeriggio :P

(abbi fede, già per la tappa di Nuoro arriva il primo live)

40 minutes ago, Stylus said:

Ah altra curiosità! Chi sono i nomi per la maglia bianca?

i nomi per la maglia bianca sono tanti e interessanti, anche se lo stra-favorito è Miguel Ángel López della Milka-BMC. Ma dietro di lui ci sono Enric Mas della Banesto-Santander, Hugh Carthy della Sky-BikeExchange, c'è Manuel Carneiro (portoghese ora alla Bahrain-Merida ma che, se ti ricordi, aveva già fatto delle ottime Volta a Portugal in passato e aveva capitanato la nazionale under 23 al mondiale di Lisbona 2017), Kilian Frankiny sempre in casa Milka, l'argentino Alejandro De Maria (OmegaPharma-Q8) campione del mondo under 23 in carica (e bronzo a crono) sul durissimo percorso di Innsbruck, e ancora Jhonatan Restrepo (OmegaPharma pure lui), Mark Padun (Mapei-Trek) che è un ucraino che esiste veramente e ho creato dopo il Val d'Aosta dello scorso anno. Tra gli italiani, Vincenzo Albanese (Sidi-Pinarello), Gianni Moscon (Sky-BikeExchange) e soprattutto Edward Ravasi, che dei tre è il più scalatore anche se correndo nella Mapei di Nibali rischia di dover fare il gregario. Come Tugas, ce ne restano solo due in età da under 25: Éder Treves e José Nogueira.

Ecco, vista la tanta crono di questo Giro, e considerato che non ha in squadra un leader da proteggere, direi che il nome a sorpresa potrebbe essere De Maria. Ma se battesse López sarebbe comunque una gran sorpresa, dato che il colombiano è tra i papabili a vincere il Giro e in assoluto (mi pare) il più forte in salita.

(e fra poco, il live di Monte Ortobene)

Link to comment
Share on other sites

r9igRaS.png

B4jAL7K.png

Buongiorno a tutti e ben trovati, anche quest'anno, dalle strade del Giro d'Italia! Il primo dei live che vi proponiamo per questa edizione numero 102 della corsa rosa coincide con la prima tappa in linea che è anche il primo arrivo in salita, in vetta al Monte Ortobene che domina la città di Nuoro. In maglia rosa dopo la cronometro di ieri c'è l'australiano Luke Durbridge (Cannondale-Oakley) davanti ai connazionali Meyer e Dennis ma quello di oggi è già un ostacolo molto duro da superare per il due volte iridato nelle prove contro il tempo.

Entriamo dunque nel vivo della cronaca dandovi conto della situazione quando ci troviamo a 18 km dall'arrivo e la strada inizia a salire verso Nuoro città, dove sarà posto il penultimo gpm di giornata in coincidenza col termine del primo tratto della lunga, ma non certo impossibile, salita finale. Già ripresi i quattro attaccanti del mattino - vale a dire l'ucraino Padun, il russo Sadykov, l'italiano Misiti ed il brasiliano dei Tugas, Treves - hanno contrattaccato altri quattro corridori che vedete qui inquadrati, e si tratta già di nomi piuttosto importanti: Jarlinson Pantano (Bahrain-Merida), Andrey Zeits (Milka-BMC), Gang Zhu (Beijing-Lenovo) e Fabio Felline (Geox-Segafredo). Il gruppo, comunque, li tiene sotto controllo non concedendo loro più di mezzo minuto, grazie soprattutto al gran forcing dei Tugas interessati a fare la tappa con uno tra Rui Costa e Joaquim Silva nel finale.

TQ8S6Cy.jpg

Ripresi anche questi quattro a 12 km dall'arrivo, ai meno 9 km parte Simon Yates (Team Sky-BikeExchange) quando ci troviamo ormai a 1.200 metri dal gpm di Nuoro dove il britannico transiterà per primo, seguito a una manciata di secondi dal gruppo con tutti i big ed Henao in prima posizione.

dfDdynv.jpg

Ed ecco ancora Simon Yates a rilanciare l'andatura sulla salita finale, di fatto una prosecuzione della precedente interrotta solo da un breve tratto in falsopiano. Vediamo che alle sue spalle ci sono Sergio Luis Henao (Tinkoff-Velux), Rafal Majka (Bora-Hansgrohe) e, seminascosto, il vincitore dell'Amstel Bauke Mollema (Sunweb-Giant). Questo terzetto ha 16" di ritardo da Yates e 13" di vantaggio sul gruppo quando mancano 4 km al traguardo.

knk6EXP.jpg

E attenzione perché il ritmo elevato sta già facendo le prime vittime illustri! A perdere contatto sono infatti sia la maglia rosa Luke Durbrdige, come nelle previsioni, sia soprattutto il terzo della generale Rohan Dennis (Lotto-Australia Post) che, invece, era tra i principali indiziati a sfruttare questa tappa per passare in testa alla classifica, avendo vinto di recente anche sul muro di Trapagaran ai Paesi Baschi. Tra gli altri corridori che riconosciamo in difficoltà, anche il campione spagnolo Crescencio Otero Álvarez, della Banesto.

mn2hZvi.jpg

Intanto il terzetto all'inseguimento di Simon Yates è stato ripreso dal gruppo dei big, e allo stesso corridore inglese restano solo 15" a 1,6 km dall'arrivo.

vEHwmM0.jpg

E guardate chi è il primo a piombare su Yates ai 1.200 metri: è Joaquim Silva, lo scalatore portoghese che i Tugas sono finalmente riusciti ad ingaggiare dopo essercisi confrontati per anni alla Volta a Portugal!

7NguGb7.jpg

Siamo ormai in vista del traguardo, mancano 300 metri e Joaquim Silva resiste in testa davanti a Simon Yates e al gruppo segnalato a una dozzina di secondi...

x9grYuh.jpg

continua...

@Stylus@.::Cancellara91::.@deddi@Caschettointesta@Lory94ITA@Big white@superalex@pantanibali3@vivailciclismopulito@fedegram@losqualo90@Cune2000@Noris85 @MattHorse

Link to comment
Share on other sites

eAFlQgZ.png

Eccoci all'arrivo della seconda tappa del Giro d'Italia 2019, ultime pedalate per Joaquim Silva e Simon Yates che hanno ancora un piccolo margine di vantaggio sul gruppo con tutti (o quasi) gli annunciati uomini di classifica. E diciamo "quasi" perché nel frattempo vengono segnalati in difficoltà anche Ilnur Zakarin e Roman Kreuziger oltre ai già citati Durbridge e Dennis che nel frattempo hanno definitivamente perso contatto.

x9grYuh.jpg

Ma torniamo a concentrarci sulla testa della corsa, perché siamo veramente in dirittura d'arrivo:
JOAQUIM SILVA (TUGAS-PINGO DOCE) VINCE A MONTE ORTOBENE!
Il corridore portoghese precede Simon Yates (Sky-BikeExchange) accreditato dello stesso tempo

nfo7757.jpg

A 13" l'arrivo del gruppo messo in fila da Mikel Landa (Banesto-Santander) che conquista così gli ultimi 4" di abbuono in palio per il terzo posto; alle spalle del basco vediamo un ottimo Davide Formolo (Geox-Segafredo) quindi Sergio Luis Henao (Tinkoff-Velux), Warren Barguil (PMU.fr), Rafal Majka (Bora-Hansgrohe), Miguel Ángel López (Milka-BMC), Jan Polanc (Cannondale-Oakley) e Diego Rosa (Dimension Data) a chiudere la top ten. Fanno parte di questo gruppo, tra gli altri, anche Vincenzo Nibali (Mapei-Trek), Chris Froome (Dimension Data), Thibaut Pinot (PMU.fr), Fabio Aru (Saeco-Philips), Rui Costa (Tugas-Pingo Doce) e soprattutto Moreno Moser (Mapei-Trek) che, a questo punto, dovrebbe conquistare la maglia rosa. Vanno infatti verificati i piazzamenti di Durbridge, Meyer e Dennis.

0aFHmIS.jpg

Tra i ritardatari da segnalare Dayer Quintana a 1'25", Pantano, Kangert e Felline a 1'33". Rohan Dennis perde 1'53" al pari, tra gli altri, di Ilnur Zakarin, Rabottini, Carneiro, Ravasi, Kreuziger e Zilioli. A 3' netti arrivano i Tugas Machado ed Henriques. Mentre qui inquadrata ecco l'ex maglia rosa Luke Durbridge (Cannondale-Oakley) che chiude a 3'33" in un gruppo del quale fanno parte anche il secondo della generale Meyer, e poi Talansky, Frank, Treves, Nerz, Tony Martin, la maglia bianca Restrepo e un altro giovane interessante come De Maria: tutti respinti dal primo arrivo in salita del Giro.

dqXzslW.jpg

Dunque ecco l'ordine d'arrivo che certifica la vittoria di Joaquim Silva: subito missione riuscita per i Tugas che lo scorso anno, invece, a dispetto del secondo posto finale di Iznata conclusero il Giro senza successi di tappa.

j0iWZnN.jpg

E questa invece è la nuova classifica generale che certifica il ritorno in maglia rosa di Moreno Moser (Mapei-Trek): l'aveva già vestita per due giorni al Giro del 2017 e, curiosamente, anche in quel caso a partire dalla seconda tappa e su un'isola - la Sicilia: la tappa era la Milazzo-Caltagirone - e portandola via proprio a Durbridge che quindi, contrariamente a quanto scritto ieri, un prologo di un grande giro l'aveva già vinto eccome! Quanto ai big, Nibali e Froome sono già davanti a tutti nonostante oggi siano rimasti entrambi ben coperti. D'altra parte il Giro è appena iniziato e non era certo questa la salita che doveva chiamare allo scoperto i big. Tutt'al più, dispiace non avere visto nemmeno l'idolo di casa Fabio Aru, arrivato comunque con i primi.

ZPGeqKR.jpg

Da Nuoro è tutto, appuntamento a domani per la terza tappa del Giro 2019!

Link to comment
Share on other sites

Nei prossimi giorni e quindi in concomitanza col Giro, i Tugas saranno impegnati anche al rinato Tour of Ireland disegnato sempre da @Stylus: a questo link trovate la presentazione dettagliata del percorso, che potrebbe anche rivelarsi particolarmente adatto al nostro Ruben Guerreiro, per esempio!

TourofBritain.jpg

 

Link to comment
Share on other sites

Alla terza tappa, il Giro perde già un suo potenziale protagonista (e forse addirittura vincitore). Peccato!

C80tuu4.png

CLASSIFICA GENERALE DOPO LA 3ª TAPPA

Spoiler

OTTxy2r.png

@Stylus@.::Cancellara91::.@deddi@Caschettointesta@Lory94ITA@Big white@superalex@pantanibali3@vivailciclismopulito@fedegram@losqualo90@Cune2000@Noris

Edited by smec-easyjet
Link to comment
Share on other sites

33 minutes ago, Stylus said:

Peggio della realtà! Peccato, c'è tanta crono, avrebbe movimentaot la corsa :(

 

P.s. lo spoiler anziché la classifica contiene radiocorsa della tappa precedente :P

grazie, correggo... intanto dimenticavo di dirti che Dennis ha perso altri 6'08" nella tappa di Villasimius. E a proposito, di spoiler, non perdetevi la prossima tappa perché... perché!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.



×
×
  • Create New...