Jump to content
  • Sign Up

Disponibile Pro Cycling Manager 2021

Pro Cycling Manager 2021 e Tour de France 2021sono finalmente disponibili
Leggi di più

Hai già scoperto i nostri tutorial?

Come sottoscrivo una mod su Steam? Come modifico un database? Come posso creare una maglia personalizzata? Per queste ed altre domande visita la nostra sezione tutorial!
Tutorial

Seguici su Discord

Unisciti al server Discord di PCM Italia per rimanere sempre in contatto con noi, parlare di ciclismo e vivere un'esperienza multiplayer ottimale
Unisciti al server

PCM Italia è su Tapatalk

Scarica Tapatalk gratuitamente sul tuo smartphone per consultare in maniera facile e veloce PCM Italia anche da mobile!
Leggi di più

La nostra RECENSIONE di Pro Cycling Manager 2020

Leggi e guarda la nostra recensione di Pro Cycling Manager 2020, a cura di BubbaDJ
Leggi di più

[PCMPlanet modificato] Il solito insolito Giro 2010


Recommended Posts

Io ho letto solo alcuni di queste storie (bellissime) e penso che nel corso di quest'anno di PCM 09 avrete sentito raccontarvi decine e decine di Giri d'Italia. Spero abbiate la pazienza e la voglia di leggere anche il mio Giro d'Italia che correrò con la mia carriera alla Lampre, si tratta sì del Giro d'Italia 2010, ma in versione modificata, infatti ho fatto un mix tra questo Giro reale e quello delle ultime due stagioni, ho aggiunto tre tappe create da me (la storica Firenze - Modena, una vivacissima Ponte di Legno - Lecco con San Pellegrino in mezzo e il "Blockhous" del Giro 2010, la tappa a salita secca verso il Colle Nivolet), rallegrato qualche tappa aggiungendo qualche elemento con gli Stage. Il risultato (spero perchè in 3d nn l'ho ancora testato) è un buon compromesso tra salite, tante volate e soprattutto molta, molta cronometro.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 253
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Prima però di parlarvi del Giro d'Italia, un rapido riassunto di ciò che è successo in questi primi 5 mesi.

La stagione si apre con l'assoluzione di Danilo Di Luca (altrimenti come facevo ad ingaggiarlo? :D ) con il suo ingaggio alla Lampre, l'età e i sei mesi di inattività si fanno sentire, però si ritaglia spazi importanti, si mette a disposizione di Damiano Cunego sulle Ardenne e si candida ad un luogo di leader al Giro, forse l'unico modo per dare tranquillità al piccolo panettiere che non avrà così tutto il peso della squadra alle sue spalle. Si toglie anche qualche soddisfazione come il secondo posto alla Tirreno - Adriatico e il terzo alla Milano - Sanremo.

Ma andiamo con ordine, la stagione Pro Tour si apre con il Tour Down Under vinto da Arvesen su Cadel Evans che nella veste di capitano di una squadra Continental ha avuto l'incredibile merito di essere sempre stato competitivo in questi primi 5 mesi dell'anno. A marzo si corrono la Parigi - Nizza vinta da Valverde su Lovkvist e Ballan e la Tirreno - Adriatico in cui il mio Di Luca è stato beffato proprio alla penultima tappa da Frank Schleck. Con sei vittorie sparse intanto è Petacchi il favorito numero uno alla Milano - Sanremo tuttavia però, forse complice una corsa tirata, la Lampre riesce a tenere chiusa la corsa fino ai - 2 dal traguardo, quando Freire (primo) e Boasson Hagen (secondo) anticipano la volata trionfalmente e Di Luca è lesto solo a metà e chiude terzo. Le classiche del pavè portano gioie ai colori italiani, Alessandro Ballan riesce nell'incredibile doppietta Fiandre - Liegi, sottotono i favoriti, Cancellara è appena terzo al Fiandre, Boonen naufragato e solo quinto alla Roubaix. Positivo anche il riscontro sulle Ardenne, Valverde vince la Liegi su Gilbert e Cunego, ma l'italiano si rifà il giorno seguente conquistando la sua seconda Amstel Gold Race battendo in una volata a due Cadel Evans. L'Australiano domina anche il [/b]Giro del Trentino[/b] che da ha anche i primi segnali in vista del Giro d'Italia, infatti Pellizotti è ottimamente secondo. Cadel si riconferma anche al Giro di Romandia che presumibilmente chiude la sua prima parte di stagione visto che la sua squadra non ha voluto partecipare al Giro; la concorrenza non era tuttavia irresistibile, sul podio si sono infatti piazzati in ordine Carrara e lo stupefacente portoghese della Radioshack, Machado.

Si arriva dunque all'8 Maggio, alla partenza da Amsterdam: Grandi assenti sicuri sono la Androni Giocattoli, stranamente non invitata, e la Ceramica Flaminia di Riccò. Assente anche la BMC del campione del Mondo Cadel Evans e, visto i pochi risultati, molto probabilmente non ci sarà neanche Ivan Basso. Curiosità invece per la presenza della Radioshack, chissà mai che Armstrong non abbia voglia di rifarsi un giretto per la penisola...

Link to comment
Share on other sites

LE SQUADRE

LIQUIGAS

1. F.Pellizotti

2. V.Agnoli

3. M.Finetto

4. J.Guarnieri

5. R.Kiserlovski

6. D.Oss

7. M.Paterski

8. S.Szmyd

9. F.Willems

LAMPRE

11. D.Di Luca

12. D.Cunego

13. D.Hondo

14. M.Lorenzetto

15. A.Malori

16. M.Marzano

17. A.Petacchi

18. G.Simoni

19. A.Spezialetti

GARMIN

21. D.Zabriskie

22. J.Bobridge

23. T.Duggan

24. M.Kreder

25. M.Maaskant

26. D.Pate

27. T.Peterson

28. R.Van der Velde

29. M.Wilson

C.EPARGNE

31. M.Bruseghin

32. A.Coyot

33. V.Kiryienka

34. A.Losada Alguacil

35. D.López García

36. C.Moreau

37. L.Pasamontes Rodriguez

38. F.Pérez Sánchez

39. X.Zandio Echaide

HTC - COLUMBIA

41. M.Pinotti

42. L.Bak

43. M.Goss

44. B.Grabsch

45. C.Lewis

46. T.Martin

47. V.Reynès

48. P.Velits

49. M.Velits

ACQUA SAPONE

51. S.Garzelli

52. M.Codol

53. F.Failli

54. R.Honig

55. F.Masciarelli

56. G.Palumbo

57. L.Paolini

58. L.Pierfelici

59. C.Sarmiento Tunarrosa

MICHE

61. M.Rasmussen

62. S.Campagnaro

63. D.Giancecchi

64. L.Gitto

65. A.Moletta

66. P.Muto

67. P.Niemiec

68. K.Szczawinski

69. L.Zafferani

ISD

71. J.Rujano

72. S.Clarke

73. A.Colò

74. O.Gatto

75. D.Kostyuk

76. S.Mancuso

77. R.Pidgornyy

78. C.Scognamiglio

79. G.Visconti

EUSKALTEL

81. I.Anton H.

82. J.Aramendia

83. A.Galdós Alonso

84. I.Isasi Flores

85. M.Nieve Iturralde

86. J.Oroz Ugalde

87. R.Pérez Moreno

88. D.Sesma

89. I.Velasco Murillo

RADIOSHACK

91. Y.Popovych

92. F.Beppu

93. M.Busche

94. B.Hermans

95. D.Impey

96. G.Lequatre

97. J.McCartney

98. S.Paulinho

99. J.Rubiera

BBOX

101. Y.Trofimov

102. Y.Arashiro

103. F.Bichot

104. F.Bouyer

105. S.Chainel

106. D.Gaudin

107. S.Haddou

108. V.Jérôme

109. G.Le Floch

SAXO BANK

111. R.Porte

112. M.Breschel

113. L.Haedo

114. F.Hoj

115. J.Jörgensen

116. D.Klemme

117. K.Klostergaard

118. A.Rasmussen

119. C.Sørensen

OMEGA PHARMA

121. F.De Greef

122. M.Aerts

123. C.Brandt

124. M.Delage

125. P.Gilbert

126. M.Lloyd

127. J.Peraud

128. S.Scheirlinckx

129. J.Vanendert

QUICK STEP

131. C.Barredo L.

132. D.Cataldo

133. D.Devenyns

134. S.Devolder

135. I.Keisse

136. D.Malacarne

137. F.Reda

138. B.Samoilau

139. M.Tosatto

RABOBANK

141. L.Ten Dam

142. L.Boom

143. S.Kruijswijk

144. T.Leezer

145. P.Martens

146. K.Moerenhout

147. N.Nuyens

148. B.Tankink

149. M.Tjallingii

CERVELO

151. X.Tondo Volpini

152. P.Deignan

153. S.Denifl

154. I.Konovalovas

155. D.Lloyd

156. J.Novoa Mendez

157. O.Pujol Munoz

158. G.Rasch

159. M.Wyss

ASTANA

161. P.Tiralongo

162. S.Davis

163. V.Dmitriyev

164. A.Dyachenko

165. E.Gasparotto

166. A.Grivko

167. M.Iglinskiy

168. R.Kireyev

169. B.Noval Gonzalez

KATUSHA

171. G.Caruso

172. P.Brutt

173. S.Ivanov

174. M.Khalilov

175. S.Klimov

176. L.Mazzanti

177. F.Pozzato

178. N.Trussov

179. E.Vorganov

MILRAM

181. C.Knees

182. M.Eichler

183. T.Fothen

184. R.Kluge

185. T.Rohregger

186. M.Russ

187. R.Sentjens

188. P.Voss

189. F.Wegmann

SKY

191. S.Calzati

192. J.Augustyn

193. K.Carlström

194. S.Cummings

195. R.Downing

196. J.Flecha

197. C.Froome

198. N.Portal

199. G.Thomas

COLNAGO CSF

201. F.Savini

202. M.Belletti

203. G.Brambilla

204. A.Contoli

205. M.Frapporti

206. M.Gavazzi

207. S.Modolo

208. M.Pavarin

209. E.Zen

Link to comment
Share on other sites

Chi si aspettava un Giro dai grandi nomi, probabilmente rimarrà deluso, e come spesso accade, almeno per i primi giorni, si parlerà degli assenti, più che dei presenti. Delusione per le assenze di Ivan Basso, Nibali, dei fratelli Schleck, di Menchov, Pozzovivo, di un giovane interessante come Seeldrayers, di Sastre, e di quelli già citati in precedenza. La verità è che degli assenti forse solo quella di Sastre era inaspettata, tutti gli altri infatti avevano fatto intravedere ben poco in questo inizio stagione. Lo spagnolo stava crescendo di condizione, avendo vinto due corse in Spagna a fine Aprile ma, c'est la viè, parleremo dei favoriti:

*** 3 stelle

Franco Pellizotti

franco_pellizotti_wideweb__470x341,0.jpg

Favorito d'obbligo è il delfino di Bibione: il risultato dello scorso anno, le dichiarazioni dell'inverno, le prestazioni al Giro del Trentino hanno avuto per lui l'effetto sperato, è infatti finalmente capitano unico della Liquigas, e avrà un'intera squadra a sua disposizione avendo persino rinunciato al canonico velocista (specie se il "canonico velocista" in questione era un pezzo da novanta come Daniele Bennati). Al suo fianco avrà degli ottimi gregari come Szmyd, Kiserlovsky, Agnoli e treni per la pianura come Oss e Willems, stavolta non ha alibi. Le tante cronometro potrebbero sfavorirlo, ma non si vede nei confronti di chi, dato che in questo giro pare non ci siano corridori completi anche a cronometro.

** 2 stelle

Danilo Di Luca

giro-cycx.jpg

Fosse lo stesso Danilo Di Luca di un anno fà, probabilmente non avrebbe avuto rivali, ma vi sono diverse incognite, come l'età, la resistenza in un giro così lungo (considerato che è a tutta da fine marzo) e anche per lui, le cronometro. Avrà però due gregari d'eccezione in passato rivali di grandi battaglie: Gilberto Simoni e Damiano Cunego.

* 1 stella

Marzio Bruseghin, Igon Anton, Yaroslav Popovych, Stefano Garzelli, Michael Rasmussen, David Zabriskie

Tutti sullo stesso piano a mio avviso, tutti potrebbero giocarsi il podio per motivi diversi e tutti avrebbero bisogno di un Giro versione "Mai più nella vita" per poter lottare per la vittoria. Bruseghin è un ciclista completo e può essere quello che ha la possibilità di rimanere in lotta fino all'ultimo data la presenza di molte cronometro, Popovych è ciclista completo e un podio l'ha già raggiunto, ma ha l'incognita dell'aver pochi km nelle gambe visto che è appena uscito da un infortunio. Garzelli è un corridore esperto e ha dalla sua il sapersi gestire, Zabriskie è molto forte a cronometro e ciò lo avvantaggia, ma dovrà difendersi tenacemente nelle salite per ottenere un risultato di rilievo, desta curiosità invece Michael Rasmussen, la sua squadra è stata invitata apposta per il corridore danese che si dice competitivo come un tempo, tuttavia per ora i risultati raccolti sono stati veramente modesti...

Link to comment
Share on other sites

CACCIATORI DI TAPPE

veneto.JPG

Se la presenza di big per la classifica generale può deludere, più nutrita è la rappresentanza dei cosìdetti cacciatori di tappe, forse stimolati dalla presenza di moltissime tappe mosse che può far gola a qualsiasi avventuriero di giornata o finisseur dell'ultimo chilometro.

In primis Filippo Pozzato, il campione Italiano appare il più completo e il più atteso dalla folla, se la cava nelle tappe di media montagna e sarà anche il velocista della sua squadra.

006.jpg

Philippe Gilbert arriva alla ricerca del primo acuto stagionale, per un 2010 che fin'ora gli ha portato tanti piazzamenti di prestigio (2° alla Liegi, 3° alla Freccia, 8° alla Milano - Sanremo) ma 0 vittorie.

Debutta al Giro Juan Antonio Flecha altro grande deluso delle corse del Nord che non l'hanno mai visto competitivo per una vittoria.

giro09st05ed-visconti.jpg

Giovanni Visconti sarà il capitano della ISD che promette battaglia, l'alter ego spompo di Bettini ha già strizzato l'occhio ad un paio di tappe ad hoc.

Peter Velits lo slovacco della HTC in cerca del salto di qualità

media_xl_919828.jpg

Michel Kreder è la nota più sorprendente e lieta di questo inizio stagione, appena vent'enne l'hanno già paragonato a Boasson Hagen, rispetto al norvegese pare meno forte in volata ma più abile in salita, qualità che gli hanno permesso numerosi piazzamenti e la vittoria alla Coppi & Bartali.

Luca Paolini l'ex spalla di Bettini non ha bisogno di presentazioni, passano gli anni ma le qualità rimangono intatte.

Per quanto riguarda gli arrivi in volata, molti nel 2010, punto di riferimento sarà il veterano del Giro Alessandro Petacchi assistito da un discreto treno e vincitore già di otto corse in questo inizio stagione. Proveranno a contrastarlo il già citato Pozzato, Matti Breschel danese della CSC già in evidenza al Mondiale di Varese, capace di disimpegnarsi anche nelle volate meno convenzionali, Matthew Goss dell'Htc, il giovane Oscar Gatto, l'olandese Leezer, l'ex campione italiano Enrico Gasparotto, il giovane Sacha Modolo

1_14389_volata_HC7B3836.jpg

Link to comment
Share on other sites

Deludente la Starting List, ok pensavo che se ci fossero stati Contador, i Basso, gli Schleck i Menchov o tutti assieme sarebbe stato irrealistico, ma non vedere nemmeno Pozzovivo :( , persino un Simoni che ho indebolito ulteriormente rispetto al db originale (ha 76 in salita ma 68 in recupero e pochissima grinta) riuscirebbe ad arrivare a podio. L'unica variante che mi rende allegro è la presenza di Anton e Rasmussen che è fortino...

Link to comment
Share on other sites

LE TAPPE

Ah, ovviamente le tappe :biggrin: . Le altimetrie dovreste conoscerle quasi tutte visto che son quasi tutte tappe vere e realmente fatte

8 Maggio - ITT Amsterdam / 8 Km

9 Maggio - Amsterdam - Utrecht / 209 Km

10 Maggio - Amsterdam - Middelburg / 209 Km

12 Maggio - Avellino - Vesuvio / 164 km

13 Maggio - Napoli Anagni / 203 km

14 Maggio - Lucera - L'Aquila / 256 km

15 Maggio - Porto Recanati - Cesenatico / 223 Km

16 Maggio - Fidenza - Carrara / 172 Km

17 Maggio - TTT Sestri Levante - Riomaggiore / 61 km

18 Maggio - Lido di Camaiore - Firenze / 150 Km

19 Maggio - Firenze - Modena / 183 Km

20 Maggio - Modena - Cittadella / 192 Km

21 Maggio - Mestre - Monte Zoncolan / 222 Km

22 Maggio - ITT San Virgilio di Marebbe - Plan de Korones / 13 Km

24 Maggio - Innsbruck - Chiavenna / 244 Km

25 Maggio - Bormio - Passo del Tonale / 178 Km

26 Maggio - Ponte di Legno - Lecco / 214 Km

27 Maggio - Milano Show / 163 km

28 Maggio - ITT Savigliano - Cuneo / 33 Km

29 Maggio - Rivarolo Canavese - Colle del Nivolet / 66 Km

30 Maggio - ITT Verona - Verona / 15 km

Mi rendo conto che il mio Giro è ben poco realistico, per svariati motivi:

A Troppe tappe sopra i 200 km

B Alcuni trasferimenti assurdi e disposizione delle tappe grottesco (tappa a Milano di giovedì)

C Due cronometro in tre giorni alla fine, neanche fosse il Tour.

Ma:

era la soluzione più logica e veloce per iniziare una nuova carriera, un mio Giro l'avevo fatto, penso fosse anche ben tracciato, ma il tempo di realizzare i 3d di tutte le tappe non l'ho avuto e farlo a pochi giorni dall'uscita del nuovo Cym penso fosse una perdita di tempo, ritengo comunque per esempio la tappa del Nivolet una perla, ho aggiunto più di 400 elementi, metterò molte immagini, è un giro verosimile, prendetelo per quello che è, e buon divertimento a scovare da quale giro ho preso quali tappe :P

Link to comment
Share on other sites

Se la Lampre fa bene la cronosquadre può farcela...il primo è un prologo e i distacchi sono minimi, a Plan de Corones può fare molto bene e a Verona può difendersi...preoccupa solo la Savigliano-Cuneo...

Link to comment
Share on other sites

Se la Lampre fa bene la cronosquadre può farcela...il primo è un prologo e i distacchi sono minimi, a Plan de Corones può fare molto bene e a Verona può difendersi...preoccupa solo la Savigliano-Cuneo...

nella cronosquadre chi ha di forte la lampre???

nel prologo si becca almeno 20 sec

plan de corones adatta...

nell'ultima perde ancora....

questo è un giro adattissimo a leipheimer...

Link to comment
Share on other sites

nella cronosquadre chi ha di forte la lampre???

nel prologo si becca almeno 20 sec

plan de corones adatta...

nell'ultima perde ancora....

questo è un giro adattissimo a leipheimer...

a sprecato l occasione della sua vita...... non ce :shock2: credo si possa ancora fare pero nn lo deve spompare prima delle crono se no rischi di beccare 1 min nell ultima

Link to comment
Share on other sites

a sprecato l occasione della sua vita...... non ce :shock2: credo si possa ancora fare pero nn lo deve spompare prima delle crono se no rischi di beccare 1 min nell ultima

:stelle:

Io tifo Pinotti...1000 volte meglio di danilo si buca :thumbup:

Link to comment
Share on other sites

Eccomi eccomi. Fra poco la prima tappa!

Questo si era un giro adattissimo ai Kloden, ai Leipheimer ma neanche loro ci sono :( , dunque anche se Pelli e Di Luca sono delle pippe a cronometro restano loro i favoriti. Tra i ben messi anche a cronometro c'è il Bruse e Garzelli, se fosse in lotta Pinotti allora non sottovaluterei neanche Zabriskie e non ho citato Tod Martin speriamo in loro, altrimenti veramente credo che Pelli e Di Luca (me permettendo eh, è il primo giro che gioco a Pcm 09!) faranno corsa a sè

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.



×
×
  • Create New...